Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Procedura di autenticazione

1219 aprile 18 <Arles>

Sciendum est quod anno ab incarnatione Domini MCCXVIIII, mense aprilis, XIIII kalendas maii, Ugo de Sado, canonicus et cellararius ecclesie Sancte (a) Michaelis de Ferigoleto, venit coram consulibus A[relat]ensibus, scilicet coram Petro Aurella, Bisbio et Raimundo Bercelino, coram Bernardo Ferreolo et coram magistro Romeo, iudicibus, ostendens cartam publicam per manum Bertrandi de Novis notarii factam et sigillo cereo consulum munitam et quia sigillum cere vetustate corrodebatur, postulavit a dictis consulibus ut predicta carta sigillo plumbeo consulum muniretur. Et ego Vincencius, consulum Arelatensium notarius, mandato eorumdem predictorum consulum et iudicum consilio, ad perpetuam firmitatem in futurum faciendam predictam cartam huic cartule quam ego manu mea scripsi adiunctam sigillo plumbeo consulum munivi et signum meum eidem cartule presenti apposui (S.T.).

(a) Sancte: così.

Sia noto che nell'anno dell'incarnazione del Signore 1219, il giorno 18 del mese di aprile, Ugo de Sado, canonico e cellerario della chiesa di Saint-Michel di Frigolet, è venuto alla presenza dei consoli di Arles, ovvero Pietro Aurella, Bisbio e Raimondo Bercelino, e alla presenza dei giudici Bernardo Ferreolo e maestro Romeo, mostrando una carta pubblica redatta dal notaio Bertrando de Novis e munita del sigillo cereo dei consoli e poiché il sigillo di cera era stato consumato dal tempo, ha chiesto ai suddetti consoli di munire la predetta carta di un sigillo plumbeo. E io Vincenzo, notaio dei consoli di Arles, su mandato degli stessi predetti consoli e su consiglio dei giudici, affinché in futuro la predetta carta, unita a questa cartula che ho scritto di mia mano, mantenga una perenne validità, l'ho munita del sigillo plumbeo dei consoli e ho apposto alla stessa presente cartula il mio signum (Segno del notaio).