Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Copia autentica di verbale di testimonianza

1269 novembre 25 Asti, in canonica causarum ubi reditur ius

(ST) Anno Domini MCCLXVIIII, indicione XII, die lune XXV mensis novembris. Presentia infrascriptorum testium, dominus Ferarius de Sancta Mustiola iudex iusticie comunis Astensis precepit mihi Gandulfo de Bozolasco notario quatenus, ad postulacionem omnium quorum interest seu intererit, facerem cartam de omnibus scripturis scriptis per me notarium in libro cartarum comunis Astensis et in formam publicam redigerem ut vim et robur publici obtineant instrumenti.
Tenor unius quarum scripturarum talis est.

"Die iovis XVII mensis octubris.
Interrogatus in iure Girardus Graseverdus si ipse Girardus tenet petiam unam sediminis que est in posse Quarti, ubi dicitur in valle Gosana et est canetum, cui coherent rivus vallis Gosane et Bayamondus et via; item interrogatus si tenet aliam peciam sediminis que est in posse Quarti iusta pontem castri, cui coherent ecclesia Astensis et via et Criculli, et hoc ad postulacionem Guillelmi Specialis sindaci ecclesie maioris Astensis nomine ipsius, respondit quod eas tenet pro Baldicione de Quarto et nominat ipsum in iudicio tanquam dominum".

Actum fuit mihi notario hoc preceptum Ast, in canonica causarumubi reditur ius. Testes interfuerunt Paganus de Bozolasco et Rollandus Rastellus.
Et ego Gandulfus de Bozolasco notarius palatinus interfui et iussu dicti iudicis sic scripsi.

(Segno del notaio) Nell'anno del Signore 1269, indizione 12, lunedì 25 del mese di novembre. Alla presenza dei testimoni infrascritti, dominus Ferrario de Sancta Mustiola, giudice di giustizia del comune di Asti, ha ordinato a me Gandulfo da Bossolasco notaio di redigere in mundum, su richiesta di tutti gli interessati presenti e futuri, tutti gli atti da me scritti in un registro di documenti del comune di Asti, in modo che essi ottengano la forza di prova di un pubblico istrumento.
Il tenore di uno di questi atti è il seguente:

"Giovedì 17 del mese di ottobre, su richiesta di Guglielmo Speciale sindaco della cattedrale di Asti a nome della stessa, Girardo Grasaverdus, interrogato in sede giudiziaria se egli detenga in possesso un appezzamento di sedime a canneto sito nel posse di Quarto d'Asti, località in valle Gosana, cui sono coerenti il rio di valle Gosana, Bayamondo e la via; e ancora interrogato se detenga un altro appezzamento di sedime sito nel posse di Quarto presso il ponte del castello, cui sono coerenti la cattedrale di Asti, la via e la famiglia Criculli, risponde che egli li detiene per conto di Baldizzone da Quarto, che indica come il proprietario."

ACTUM. Questo ordine di redazione fu impartito a me notaio in Asti, nel chiostro in cui si rende giustizia.
Furono presenti come testimoni Pagano da Bossolasco e Rolando Rastello.
E io Gandulfo da Bossolasco notaio palatino fui presente e, per ordine del giudice sopraddetto, così ho scritto.