Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Sentenza

1368 agosto 26, <Asti>

Il dominus Paolo de Guastonibus giudice di giustizia del comune di Asti, nella causa promossa dal capitolo cattedrale rappresentato da Ugonino da Gorzano sindicus et procurator del capitolo contro il dominus Franceschino Layolius di Motta d'Asti, figlio del defunto Domenico, preso atto della peticio del querelante e della confessio del convenuto, e della volontà testamentaria del defunto padre Domenico Layolius di lasciare alla cattedrale di Asti un legato di mille lire di moneta astese per la costituzione di una cappella dedicata a san Giovanni Battista, somma da ricavarsi dal credito che egli aveva per il mutuo di millenovecentocinquanta lire, un soldo e otto denari di moneta astese da lui concesso a Guglielmo Layolius, condanna Franceschino, che ha dichiarato di accogliere come giusta la richiesta del capitolo della cattedrale, a pagare tale somma al procuratore del capitolo entro un anno dalla sentenza, sotto pena delle sanzioni previste in statuto.

Originale (A), Archivio Capitolare di Asti, Pergamene, cass. 6, n. 57.

Pergamena di mm 344 x 236, in buono stato di conservazione, rigatura a colore; a tergo, note archivistiche moderne.

Testo

(ST) In nomine Domini. Amen. Anno Domini millessimo trecentessimo sexagessimo octavo, indicione sexta, die vigessimo sexto menssis augusti. Coram vobis sapienti viro domino Paulo de Guasto<n>ibus iudice iusticie comunis Astensis constitutus, Ugoninus de Gorçano sindicus et procurator capituli ecclesie Astensis seu de Dom in iure significat contra et adverssus Franceschinum Layolium de Mota filium domini Dominici Layolii condam ibidem presentem quod Franceschinus Layolius filius domini Dominici Layolii condam, volens agnoscere bonam fidem, facto legiptimo computo et legiptima racione inter ipsum ex una parte et dominum Guillelmum Layolium legum doctorem ex altera de solutis comuni Astensi per ipsum dominum Guillelmum et in utilitatem ipsius Francisci, confessus et contentus fuit dictus Franciscus et in veritate recognovit, plene certifficatus de omni iure suo, se dare debere ex causa veri et puri mutui dicto domino Guillelmo et ab ipso domino Guillelmo gratis et amore habuisse et recepisse ex causa dicti mutui. et in utilitatem ipsius Francisci <denarios> fore conversos ex causis supradictis, libras mille novem centum quinquaginta, solidum unum et denarios octo Astensium, renunciando etcetera; quos denarios dictus Franciscus promixit dicto domino Guillelmo stipulanti restituere usque ad unum annum proximum venturum sub obligacione omnium bonorum suorum etcetera, unde est carta; quodque dictus dominus Guillelmus Layolius veniens ad mortem, suum condidit testamentum scriptum manu Bertholomei Bochoni notarii, in quo testamento inter cetera per ipsum in dicto suo testamento ordinatum voluit statuit et ordinavit et fieri voluit et dotari in ecclesia de Dom ad honorem beati Iohannis Baptiste unam capellam tam pro anima fratris sui Secundini quam ipsius et parentum suorum; in qua capella fienda voluit expendi et dari de suo usque ad libras mille Astensium collocandas in emptionem terrarum et possessionum si ante suum decessum non ordinaret; et quod denarii capiantur de debito quod sibi debet dare Francischus Layolius de Mota etcetera. Et cum predicta vera sint et archipresbiter, archidiaconus et canonici ipsius ecclesie intendant et vellint fieri facere et construere et ordinare dictam capellam iuxta voluntate dicti domini Guillelmi, ideo est quod agit dictus Ugoninus dicto nomine contra dictum Francischum Layolium de Mota a quo petit sibi dicto nomine et per eum dicte ecclesie et dictis archipresbitero, archidiacono et canonicis ipsius ecclesie pro ipsa ecclesia recipientibus dari et solvi dictas libras mille Astensium de debito supradicto iuxta voluntate dicti testatoris et pro construendo et ordinando dictam capellam. Qui Francischinus Layolius, volens agnoscere bonam fidem et veritatem de dicto debito et de dicto legato verssus dictum Ugoninum dicto nomine et usque in quantitatem predictam ut supra et ex causa predicta petitam, dixit et agnovit et confessus fuit dicto Ugonino dicto nomine se teneri et dare deberi dicte ecclesie Astensi et capitulo ipsius ecclesie dictas libras mille Astensium de debito supradicto et causa et occaxione faciendi et construendi et ordinandi dictam capellam iuxta et secundum voluntatem dicti domini Guillelmi et prout in suo testamento ordinavit et disposuit; et hoc prius habita informacione et vera noticia ipsius debiti et dicti testamenti, et hoc presente dicto Ugonino dicto nomine non causam animo litis contestando. Qui dominus iudex, audita dicta peticione et audita dicta confessione, condempnavit dictum Francischum Layolium ibidem presentem et volentem et confitentem ad dandum et solvendum dicto Ugonino dicto nomine et per eum dictis archipresbitero, archidiacono et canonicis seu capitulo dicte ecclesie Astensis dictas libras mille Astensium occaxione dicti legati et de debito antedicto et convertendas in causam et voluntatem in dicto testamento contentam hinc ad festum Omnium Sanctorum proximum venturum voluntate parcium. Et precepit dictus dominus iudex sedens pro tribunali dicto Francischo Layolio ibi presenti et volenti quod ipse hinc ad dictum terminum dictam quantitatem peccunie persolvat dicte ecclesie et capitulo supradicto, alioquin contra ipsum procedetur secundum formam capitulorum civitatis Astensis; et hoc ad postulacionem dicti Ugonini dicto nomine.

Ego Biaxinus de Rastellis publicus imperiali auctoritate notarius predicta omnia et singula suprasscripta transscripssi et extrassi de libro actorum causarum civilium comunis Astensis Rastelli de Rastellis notarii ac precepto et voluntate ipsius sic scripssi et in testimonium premissorum signum meum appossui consuetum et me subscripssi.

(ST) Et ego Rastellus de Rastellis publicus imperiali auctoritate notarius supradictam condempnacionem in actis dicti domini iudicis recepi et ipsam in meo libro actorum causarum civilium comunis Astensis abreviavi et scripssi et dictus Biaxinus de Rastellis notarius predictam condempnacionem et prescripta omnia per me recepta et abreviata de dicto meo libro transcripssit de licencia mei et in testimonium premissorum signum meum appossui consuetum et me subscripssi.

Traduzione

(Segno del notaio) Nel nome del Signore. Amen. Nell'anno del Signore 1368, indizione VI, il 26 del mese di agosto. Costituito in giudizio di fronte a voi, sapiente dominus Paolo de Guastionibus giudice di giustizia del comune di Asti, Ugonino da Gorzano sindaco e procuratore del capitolo della chiesa cattedrale di Asti fa presente contro e avverso al quivi presente Franceschino Layolus di Motta d'Asti, figlio del defunto dominus Domenico Layolus, che Franceschino Layolus, figlio del defunto dominus Domenico Layolus, volendo accertare la validità (delle richiesta della controparte), dopo aver debitamente analizzato i rapporti finanziari intercorrenti fra lui e il dominus Guglielmo Layolus a seguito dei pagamenti fatti al comune di Asti da Guglielmo a favore di Franceschino, il detto Francesco, pienamente consapevole dei propri diritti, dichiara e riconosce come verità di essere debitore per motivo di un effettivo mutuo nei confronti del detto Guglielmo e di avere ricevuto dal detto Guglielmo in forma gratuita per motivo del detto mutuo - e il denaro sarà versato nell'interesse di Francesco per i motivi sopraddetti - millenovecentocinquanta lire, un soldo e otto denari di moneta astese, rinunciando eccetera; questo denaro il detto Francesco aveva promesso di restituire al detto Guglielmo stipulante entro l'anno prossimo venturo, impegnando per ciò tutti i suoi beni eccetera; di ciò testimonia un atto notarile. Inoltre, Ugonino fa presente che il detto dominus Guglielmo Layolus, giunto in punto di morte, aveva fatto testamento per mano del notaio Bartolomeo Bochonus, testamento in cui, tra le altre disposizioni, aveva stabilito che fosse costituita e dotata nella cattedrale una cappella dedicata a san Giovanni Battista in suffragio dell'anima del fratello Secondino, della propria e di quella dei suoi genitori. Per la costituzione della cappella egli volle che fossero spese e consegnate fino a mille lire di moneta astese, somma da collocare nell'acquisto di terreni e possedimenti nel caso che egli non avesse potuto provvedere in merito prima della sua morte; e aveva voluto che il denaro fosse ricavato dal debito che gli doveva essere restituito da Francesco Layolus della Motta eccetera. E dato che i fatti predetti sono veri e l'arciprete, l'arcidiacono e i canonici della cattedrale hanno intenzione di far costituire detta cappella seconda la volontà del detto Guglielmo, ne consegue che il detto Ugonino a nome dellla cattedrale si è costituito in giudizio contro detto Francesco Layolus della Motta a cui richiede che siano date alla detta chiesa e ai detti arciprete, arcidiacono e canonici che li ricevono a nome della chiesa le dette mille lire di moneta astese provenienti dal debito sopraddetto secondo la volontà del detto testatore, per la costituzione di detta cappella. Ora, Franceschino Layolus, volendo avere piena conoscenza della validità e verità riguardo al detto debito e al detto legato nei confronti di detto Ugonino e sulla somma secondo quanto sopra predetto e per la causa per cui essa era richiesta, riconobbe di fronte al detto Ugonino di essere tenuto a dare alla detta chiesa cattedrale e al suo capitolo le dette mille lire di moneta astese traendole dal debito supraddetto e al fine di costituire la detta cappella secondo la volontà del detto Guglielmo così come egli aveva disposto nel suo testamento; e ciò fece dopo aver essersi debitamente informato sul debito e sul testamento predetto, e ciò alla presenza di detto Ugonino non contestando la causa con l'intenzione di promuovere lite. Il giudice, udita sia la petizione sia la confessione, condanna Francesco Layolus ivi presente e accettante a pagare a Ugonino e per suo tramite all'arciprete, all'arcidiacono e ai canonici ovvero al capitolo della cattedrale le dette mille lire di moneta astese, per l'esecuzione del detto legato e relative al predetto debito, denaro da convertire secondo quanto disposto nel testamento, entro la festa di Ognissanti prossima ventura secondo la volontà delle parti. E il giudice, sedente in giudizio, ordina a Francesco Layolus ivi presente e accettante che egli versi la detta somma entro tale termine alla chiesa e al capitolo cattedrale, altrimenti contro di lui si procederà nei termini stabiliti dagli statuti cittadini; e ciò su richiesta di Ugonino nella sua qualità di procuratore.

Io Biagino de Rastellis notaio pubblico per autorità imperiale tutto quanto ed ogni singola cosa sopra riportata ho trascritto ed estratto dal Libro degli atti delle cause civili del comune di Asti del notaio Rastello de Rastellis e su mandato e volontà di lui così ho scritto e a testimonianza dei fatti sopra menzionati ho apposto il mio segno consueto e mi sono sottoscritto.

(Segno del notaio) E io Rastello de Rastellis notaio pubblico per autorità imperiale ho recepito negli atti del detto giudice la soprascritta condanna e l'ho imbreviata nel mio libro degli atti delle cause civili del comune di Asti; e il notaio Biagino de Rastellis ha trascritto su mia autorizzazione dal detto mio libro la predetta condanna e tutto quanto da me imbreviato e a testimonianza dei fatti sopra menzionati ho apposto il mio segno consueto e mi sono sottoscritto.

Commento

Assistiamo qui alla precisa definizione tecnica del registro comunale di cui si evidenzia la specializzazione dei contenuti (gli atti delle cause civili) e insieme il rapporto diretto e unico con il notaio funzionario (il registro è definito dal notaio trascrittore come "liber actorum (...) Rastelli de Rastellis notarii" e come "meus liber" dal funzionario incaricato), il che ci presenta ormai la documentazione comunale in registro come svincolata dalla identificazione/commistione con il protocollo del notaio agente contemporaneamente in qualità di professionista e in funzione di officiale, condizione usualmente testimoniata nel periodo iniziale del comune, fra XII e primo XIII secolo (PUNCUH, Notaio d'ufficio e notaio privato, p. 893 ss.). A ciò, d'altro lato, corrisponde l'evidente persistenza delle modalità produttive di pretto stampo notarile, in cui lo scriptor del documento, in posizione subordinata e meramente strumentale, procede alla trascrizione e all'autenticazione con il signum personale sottomettendola all'autorizzazione e alla definitiva autenticazione da parte del notaio/funzionario.

Altrettanto interessante la costruzione del testo che offre in mundum non solo la vera e propria sentenza, ma anche una parziale sintesi della procedura, nelle tipiche forme della concordia extraprocessuale, che viene risolta e definita di fronte al giudice: la peticio dell'attore, con i rinvii ceterati a documenti notarili presentati in giudizio, e la confessio del convenuto; una struttura documentaria che procede per excerpta, ricavati dalla forma completa che rimane agli atti nel registro giudiziario, come viene sottolineato nella completio, in cui il notaio del giudice autentica insieme "predictam condempnacionem et prescripta omnia per me recepta et abreviata" nel suo Liber actorum causarum civilium: un chiaro esempio dell'elasticità richiesta alla cultura notarile per adeguarsi alle complesse procedure, seriali e discontinue, che costituivano le pratiche giudiziarie (CHIRONI, Tra notariato e cancelleria, testo corrispondente alle note 21-29).

Il documento offre un'immagine chiara della rilevanza, nell'organizzazione delle procedure processuali, di quello che è stato definito da Massimo Vallerani con sintetica finezza come "il peso della mediazione notarile" (VALLERANI, La giustizia pubblica medievale, p. 13).

Bibliografia

G. CHIRONI, Tra notariato e cancelleria. Funzione e diffusione dei "libri episcopalis curie": prime indagini, in La documentazione degli organi giudiziari nell'Italia tardomedievale e moderna, Atti del Convegno di studi (Siena 15-17 settembre 2008), in corso di stampa.

D. PUNCUH, Notaio d'ufficio e notaio privato, in "Hinc publica fides". Il notaio e l'amministrazione della giustizia, Atti del convegno internazionale di studi storici (Genova 8-9 ottobre 2004), a cura di V. Piergiovanni, Milano 2006, pp. 265-290, ora anche in ID., All'ombra della Lanterna. Cinquant'anni tra archivi e biblioteche: 1956-2006, a cura di A. Rovere, M. Calleri, S. Macchiavello, Genova 2006, t. II (Atti della Società Ligure di Storia Patria, n.s., XLVI, fasc. 2), pp. 883-904.

M. VALLERANI, La giustizia pubblica medievale, Bologna 2005.

Edizione, traduzione, commento: Gian Giacomo Fissore

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis