Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Procedure comunali di rifacimento di instrumentum perduto

1273 marzo 28, Asti, in domo Calcaneorum

Il notaio Enrico Scutino di Chieri, su praeceptum di Bonaventura de Vegiis podestà di Asti, produce - ricavandolo dal proprio registro di imbreviature e da un exemplum rivenuto in un liber iurium astigiano - un istrumento contenente il testo del patto del 18 giugno 1260 fra i comuni di Asti e di Chieri, documento che doveva essere restituito a Chieri secondo quanto pattuito in occasione della stipula del nuovo patto intercittadino del 22 marzo 1273, ma il cui primo originale non era stato rintracciato, malgrado le molte ricerche in archivio.

Copia autentica in registro (B), Archivio storico del comune di Chieri, art. 5, par. 1; il testo inserto si trova anche come copia semplice (b), Archivio storico del comune di Asti, Sala antichi manoscritti, Codex Astensis, f. 191v.

Ed.: . Il Libro Rosso del Comune di Chieri, a cura di F. GABOTTO, F. GUASCO DI BISIO, Pinerolo 1918 (BSSS, LXXV), pp. 21-26, n. 15, da B. Per il testo inserto, Codex Astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur, a cura di Q. SELLA [e P. VAYRA], vol. II, Roma 1880, pp. 319-323, n. 264, da b.

Testo

Instrumentum vetus pactorum comunis Astensis et comunis Carii.

Anno dominice nativitatis millessimo ducentesimo LXXIII°, indicione prima, die martis XXVIII mensis marcii. In Ast in domo Calcaneorum, coram domino Oberto de Platea et domino Francisco Gareto et Iohanne de Castelerio et Matheo Rascherio testibus advocatis et rogatis.
Cum comune et homines Astenses ex una parte et comune et homines Carii ex altera nuper pacta et conventiones contraxissent, in quibus pactis et conventionibus comune Ast seu Thomas Bovetus sindicus dicti comunis promixit restituere comuni Carii quoddam instrumentum mey Henrici Scutini notarii in anno Domini millesimo CCLX°, indicione tercia, die martis XVIII mensis iunii, si reperiri posset; et dictum instrumentum semel et pluries cercatum fuerit ac eciam requisitum per sapientes et notarios comunis Astensis et reperiri non potuerit nullo modo nisi per exemplum dicti instrumenti scripti in libro in quo reperiunt<ur> scripta exempla instrumentorum pertinencia ad comune Astense; idcirco dominus Bonaventura de Vegiis potestas Astensis precepit mihi Henrico notario ut dictum instrumentum refficerem secundum tenorem abreveamenti eiusdem et secundum tenorem exempli dicti instrumenti scripti in libro superius nominato, cum uterque tenor tam mei protocolli quam dicti libri idem sit et voluit (a) eciam quod dictum instrumentum restitueretur dicto comuni Carii seu sindicis eiusdem comuni; tenor cuius abreveamenti et exempli talis est:

"Anno Domini millesimo ducentesimo LX°, indicione tercia, die martis XVIII mensis iunii. In nomine sancte et individue Trinitatis. Amen. Hec est forma compositionis et reformationis, pacis et concordie ordinate et tractate inferius inter comune Astense ex una parte et comune Carii ex altera. In primis ordinatum et tractatum <est> quod Comune et homines Carii teneantur et debeant iuvare et salva re et manutenere et defendere Comune Ast et homines civitatis Astensis et districtus Astensis et terram quam comune Ast nunc tenet et possidet et de cetero tenebit et possidebit et facere pacem et guerram tam de loco <et> a loco Carii et eius posse quam aliunde et exercitus et cavalcatas per comune Astense contra omnes personas universitates et loco<s> et facere munitionem pro comuni Astensi quandocumque comune Ast guerram habuerit, salvis habitatoribus et vasallis infrascriptis comunis Carii in eorum feudis que ab eis tenent, videlicet illis de Trofarello et dominis de // [f. 10v] Polmoncello et illis de Ruvillasco et de Baudisseto, Vergnano et Montecucho, de Alegnano et omnibus hominibus de Andexello, dominis de Castronovo, dominis de Tondonico, salvis etiam civibus et vasallis comunis Astensis. Et comune Ast teneatur et debeat tenere et manutenere, iuvare et defendere locum et comune Carii et terram quam ad presens possidet et tenet et de cetero tenebit et posside<bi>t contra omnes personas universitates et loco[s], salvis civibus et vassallis et iuratis comunis Astensis. Hoc acto expressim quod si aliquis civis vasallus vel iuratus comunis Astensis dampnum vel offensionem vel iniuriam comuni et hominibus Carii fecerit vel si comune vel homines Carii aliquod dampnum vel offensionem seu iniuriam alicui civi Astensi vel vasallo aut iurato comunis Astensis fecerit de civibus intelligatur habitantibus extra Aste, quod tunc comune Astense cognoscat de dampno offensa et iniuria sumarie et sine forma cause infra mensem postquam ei denunciatum fuerit; et facta cognitione, comune Astense compellat cives vasallos et iuratos predictos, qui dampnum dedissent aut iniuriam vel offensionem fecisse<n>t, dampnum vel offensionem vel iniuriam dictam et factam ipsis Cariensibus restitui facere infra mensem a die cognitionis facte, ipsis Cariensibus restituentibus dampnum et offensionem civibus vasallis et iuratis predictis, quod si non facerent, comune Ast non compellere teneatur cives vasallos vel iuratos predictos. Et hoc locum habeat in da[m]pnis iniuriis et offensionibus que fuerint ab hodie in antea. Et Si predicti vasalli cives uel iurati nollent dictum dampnum iniuriam vel offensionem restituere secundum cognitionem predictam et infra dictum terminum ipsis Cariensibus restituentibus ut supra, tunc comune Ast teneatur et debeat iuvare Carienses contra predictos quousque satisfecissent secundum quod pronunciatum est per comune Astense. Item si contingeret quod comune universitas vel alia persona hostiliter intraret vel intrare attemptaret in terram et fines Cariensium, comune Ast teneatur et debeat comune et homines Carii et eorum terram ad domum suam et in suis finibus adiuvare pro posse. Item quod medietas ville et hominum de Stellono cum pertinentiis et iurisdictione et contili ipsius ville sit comunis Astensis et alia medietas comunis Carii pro indivisso. Item quod medietas iurium que comune Ast habet in Bulgaro et pertinenciis Bulgarii sit et esse debeat comunis Carii et medietas iurium que comune Carii habet in Bulgaro et finibus Bulgari sit et esse debeat comunis Astensis et hoc pro indivisso. Item statutum est et ordinatum inter utrum comune quod quam cito suprascripta et infrascripta iurata fuerint et securitas ordinata prestita fuerit comuni Astensi, quod compromissum et arbitr<i>um factum per utrumque comune in dominum (b) [f. 11r ] Ruffum de Ploçasco et sentenciam, si quam tulit, sit cassa et irrita et cassum et irritum et quod aliquo tempore super isto arbitratu possit nec debeat nullam proferre sententiam dictus dominus Ruffus. Quod ordinamentum comune Astense observatis predictis (c) teneatur in omnibus observare et attendere in perpetuum. Item quod comune Carii pro predictis attendendis et observandis, comuni Astensi faciat securitatem hanc videlicet quod universi homines Carii iurabunt attendere et observare omnia et singula suprascripta et infrascripta et quod melius attendant, dabunt et ponent in forcia comunis Astensis locum et castrum Marentini et bastitam Serre cum pertinentiis. Et quod unus civis habitans in Aste constituatur et ordinetur per cormune Astense cum consensu comunis Carii qui ipsum castrum et bastitam Serre pro utroque comuni teneat et custodiat vel custodiri faciat usque ad duos annos, expensis tamen comunis Carii prout inferius continetur. Item quod si comune vel homines Carii observaverint omnia et singula suprascripta et infrascripta, quod dictus castellanus restituat et restituere debeat dicta castra comuni et hominibus Carii ut inferius continetur; et si ipsi Carienses non observaverint omnia et singula suprascripta et infrascripta, tunc castellanus iamdictus restituat et restituere debeat et restituere possit comuni Astensi dicta castra sine reprehensione. Hoc acto quod homines dicti loci Marentini de mandato comunis Carii et de voluntate ipsius comunis debea<n>t iurare in manibus dicti castellani dare forciam, conscilium, auxilium et iuvamen ipsi castellano ad manutenendum et tenendum dictum locum et castrum iamdictum usque ad dictum terminum duorum annorum et quod comune Carii absolvet (d) dictos homines (e) Marentini ab omni vinculo iuramenti quo tenentur versus comune Carii usque ad dictum terminum ita quod ipsi homines in tantum teneantur (f) iamdicto castellano in quantum tenentur comuni Carii usque ad dictos duos annos. Hoc addito quod si infra duos annos comune Astense venerit ad pacem et concordiam cum comitibus Sabaudie et domino Karulo comite Provincie de questionibus et controversiis que sunt inter iamdictos comites et cormune Astense, quod tunc comune Astense teneatur et debeat restituere et restitui facere dicta castra comuni Carii integraliter, soIvendo prius comune Carii expensas que facte essent in custodia ipsorum pro rata temporis quo custodirentur ad rationem salarii inferius ordinati. Et quod homines Marentini de omnibus questionibus apparentibus inter eos, quocumque modo sint et quacumque de causa, debeant iuri <esse> sub consulibus, qui consules eligantur de hominibus dicte ville dum dictum castrum tenuerit dictus castellanus ut est dictum, salvo eo quod (g) [f. 11v] omnia bona et omnes alie condiciones que descendent a regimine dicti loci aliquibus occasionibus et omnia alia que comune Carii consuetum est ibi habere et habet, in ipsum comune Carii perveniant et sint ipsius comunis et pro ipso comuni capiantur. Tamen omnia et singula que pervenerint occasionibus iamdictis versentur in solucione custodie iamdictorum castrorum et quod castellanus possit ea habere et capere in solucione iamdicta omnes fictus reditus et diri<c>tus et omnes godias et proventus quas homines Carii habent in dicto loco; et hominibus dicti loci tam in castro quam in viIla et pertinentiis homines Carii ibi possint capere et habere sine contradicione comunis Astensis et dicti castellani; et quod comune Astense et dictus castellanus possint dicta castra munire et facere muniri ad suam voluntatem dando tantummodo comune Carii pro custodia ipsorum per annum libras .CI. Astensium et sicut superius et inferius legitur. Et omnia et singula capitula huius compositionis et reformationis pacis et concordie dominus Bertholomeus Thomas et dominus Guillelmus Scarampus cives Astenses sindici actores et procuratores comunis Astensis ad hoc specialiter constituti ut patet per instrumentum sindicatus factum per Melanum Grillum notarium <anno> MCCIX, indicione tercia, die martis XV mensis iunii, voluntate et consensu domini Rogerii Georgii potestatis Astensis et voluntate et consensu omnium credendariorum et rectorum <et> societatum comunis Astensis tam prime quam secunde credencie qui erant ad conscilium prescripta die veneris XVIII mensis iunii ad sonum campane et voce preconia more solito congregatum; et ipsi potestas et credendarii et rectores de ore ad os interrogati et scripti ut mox est nomine et vice comunis Astensis et pro ipso omuni promisserunt et iuraverunt in manibus dominorum Nicolai Balbi et Uberti Porcelli sindicorum actorum et procuratorum comunis Carii ac (h) consti<tu>torum pro comuni Carii, ut patet per instrumentum factum ab Henrico Scutino notario <anno> M°CCLX°, indicione tercia, die lune XIIII iunii, recipientibus (i) et stipulantibus (i) nomine et vice comunis et hominum Carii attendere et observare in omnibus et per omnia in perpetuum cum effectu et nullo tempore contra venire et facere et curare quod dominus Ruffus de Ploçasco (j) restituet comuni et hominibus Carii Pecetum et Serram, solvendo prius et satisfaciendo comune Carii ipsi domino Ruffo recipienti expensas quas fecit et faciet in custodia ipsorum, et quas eis dare et solvere promisserunt iuxta formam pactorum habitorum inter comune Carii et dictum dominum Ruffum de Ploçasco. Et insuper dictus Bertholomeus Thoma et Guillelmus Scarampus sindici actores et procuratores [f. 12r] dicti comunis et iamdictus potestas et credendarii et rectores ut supra nomine et vice comunis Astensis fecerunt pacem et finem et remissionem et omnimodam absolucionem in manibus predictorum sindicorum actorum et procuratorum comunis Carii recipientibus et stipulantibus nomine et vice comunis et hominum Carii de omnibus dampnis offensionibus et iniuriis datis et illatis per comune et homines Carii comuni et hominibus de Ast hinc retro et de omnibus penis bannis et fallis quibus hactenus et quas comune et homines Carii fecissent vel incurrissent ex eo vel ea occasione quod fecissent vel venissent versus comune Ast contra formam pactorum veterum habitorum inter comune Ast et comune Carii et de quibus pactis comune Astense dicit se habere publica instrumenta. Et quod de omnibus hiis que comune seu homines Carii fecissent hactenus contra dicta pacta comune Ast non appellabit comune Carii predictum nec alium pro ipso comuni, eo salvo quod suprascripta et infrascripta non faciant preiudicium instrumentis veteribus comunis Astensis in futurum (k), scilicet tantum nichilominus tam comune Astense quam comune Carii tam predicta pacta quam infrascripta teneantur et debeant observare non obstantibus supradictis veteribus iustrumentis. Et versa vice dictus dominus Nicolaus Balbus et Ubertus Porcellus sindici actores et procuratores dicti comunis Carii ut supra, cum consensu et voluntate domini Laydi Teste potestatis Carii et Bonifacii Bertoldi potestatis societatis Sancti Georgii de Cario ibi existencium. Et ipsi potestates simul cum eis nomine et vice comunis et hominum Carii promisserunt et iuraverunt omnia et singula capitula huius compositionis et reformationis, pacis et concordie et omnia ea et singula que in eis continentur in manibus predictorum Bertholomei Thome et Guillelmi Scarampi sindicorum comunis Astensis recipiencium et stipulancium nomine et vice comunis Astensis attendere et observare et compellere in omnibus et per omnia in perpetuum cum effectu et facere et curare sic quod conscilium Carii iuret et promitat omnino attendere predicta et infrascripta et (l) observare per singula cum effectu et non contra venire. Et insuper dicti sindici actores et procuratores comunis Carii ut supra nomine et vice ipsius comunis fecerunt pacem finem remissionem et omnimodam absolutionem in manibus dictorum sindicorum comunis Astensis recipientibus et stipulantibus nomine et vice comunis et hominum de Ast de omnibus dampnis iniuriis et offensionibus datis et illatis per comune et homines de Ast comuni et hominibus de Cario hinc retro et quod ponent et dabunt et consignabunt castrum Marentini, castellano constituendo ut supra usque ad diem dominicam per totam diem et bastitam de Serra [f. 12v] usque ad unum mensem proxime venturum et satisfacere domino Ruffo de expensis factis in Peceto et Serra predicta ita quod bastita Serre possit dari [cum] Astensibus secundum quod est superius ordinatum. Item actum est in predicto contractu espressim quod fiat speciale capitulum per utrum comune quo contine<a>tur quod potestas et rectores existentes per tempora in regimine cuiuslibet comunis teneantur precisse attendere et observare, in omnibus et per omnia, omnia ea et singula que inferius et superius continentur, quod capitulum potestas presens cuiuslibet comunis seu potestates venturi teneantur facere poni in statutis utriusque comunis et ea in perpetuum observare. Et si quod capitulum per aliquod dictorum comunium <fieret> vel esse factum quod veniret contra predicta vel aliquod predictorum vel in aliquibus derogaret, <quod> sit [et esse debeat nullius momenti ipsis capitulis in suo robore perpetuo duraturis et quod non possit de ipsis capilulis tempore aliquo removeri. Et de predictis unum et plura instrumenta eiusdem tenoris predicti potestates et sindici memorati mihi Henrico Scutino] (m) notario et Melano Grillo notario (n) <facere> iusserunt.
Actum Ast super voltas de dom. Testes interfuerunt Guidotus Anselmus et Henricus Gribaldus, Bonifacius Ypolitus et Becchonus nuncius Comunis.
Ego Henricus Scutinus notarius hanc cartam de mandato dictorum potestatum et sindicorum sic scripsi et similem cartam et eodem tenore fecit Melanus Grillus (o) notarius et fuerunt divisse per alphabetum".

Ego Henricus Scutinus notarius hoc instrumentum de mandato potestatis Astensis autenticavi secundum tenorem tam abreviamenti quam exempli dicti libri nil addens ve<l> minuens preter punctum, literam vel sillabam qua sententiam mutet.

(a) B volueit

(b) segue depennato Ruffinum

(c) segue espunto

(d) B absolvent

(e) segue espunto Carii

(f) segue espunto comuni

(g) quod ripetuto

(h) B ad

(i) così nel testo

(j) B Plocasço

(k) B futurorum

(l) segue espunto per

(m) integrazione da b

(n) segue espunto fecerunt

(o) B Grillius

Traduzione

Nell'anno della natività del Signore 1273, indizione prima, martedì 28 del mese di marzo. In Asti, nella casa dei Calcanei, dinnanzi al dominus Oberto de Platea, al dominus Francesco Garretti, a Giovanni de Castelerio e Matteo Rascherio in qualità di testi convocati e rogati.
Avendo il comune e i cittadini di Asti da una parte e il comune e i cittadini di Chieri dall'altra poco tempo fa stabilito <nuovi> patti ed accordi in cui il comune di Asti nella persona di Tommaso Boveto sindaco di detto comune aveva promesso di restituire al comune di Chieri un certo istrumento rogato da me Enrico Scutino notaio nell'anno del signore 1260, indizione terza, martedì 18 del mese di giugno, se fosse stato possibile reperirlo; ed essendo stato il detto istrumento ricercato più e più volte e anche sottoposto ad indagine da parte di sapienti e di notai del comune di Asti e non essendosi potuto rintracciare in alcun modo se non sotto forma di copia di detto istrumento trascritto nel libro in cui si trovano le copie degli istrumenti pertinenti al comune di Asti; di conseguenza il dominus Bonaventura de Vegiis podestà di Asti ha ordinato a me Enrico <Scutino> notaio di rifare detto istrumento secondo il tenore della sua imbreviatura e secondo il tenore della copia del detto istrumento esistente nel libro sopra nominato, essendo entrambi i tenori, tanto del mio protocollo quanto del detto libro, identici; e ha voluto anche che il detto istrumento fosse restituito al comune di Chieri nella persona del suo sindaco. Il tenore dell'imbreviatura e della copia è il seguente:

"Nell'anno del Signore 1260, indizione terza, martedì 18 del mese di giugno, .......

<segue il testo del patto>

Io Enrico Scutino notaio questa carta ho scritto su mandato dei detti podestà e sindaci e una carta simile e dello stesso tenore ha redatto Melano Grillo notaio e furono divise nella forma delle cartae partitae per alphabetum."

Io Enrico Scutino notaio ho autenticato questo istrumento su mandato del podestà di Asti secondo il tenore tanto dell'imbreviatura quanto della copia contenuta nel detto libro senza nulla aggiungere o togliere che muti il senso del contenuto, e che non sia un punto, una lettera o una sillaba.

Commento

Il documento, che fa parte di una complessa procedura documentaria di cui alcune tappe ci sono state conservate nel Libro rosso di Chieri e nel Codex Astensis come testimonianza della particolare delicatezza delle questioni che vi erano coinvolte, ci offre l'occasione di riflettere su almeno quattro punti significativi:

- la rilevanza giuridica e politica della scrittura nella definizione e fissazione dei rapporti fra istituzioni si manifesta condizionando esplicitamente il definitivo perfezionamento dell'accordo alla restituzione, insieme simbolica e giuridicamente funzionale, del documento di prova delle precedenti pattuizioni, cui si riconosce una possibile forza cogente o comunque una fonte di possibili future controversie.

- diventa dunque un momento fondante del legame pattizio la ricerca dell'istrumento originale, del cui reperimento si enunciava già nell'accordo l'aleatorietà ("promixit restituere comuni Carii quoddam instrumentum (...) si reperiri posset"); con una certa enfasi, si descrive una lunga serie di ricerche, a cui partecipano esperti e notai del comune; ma tutto ciò che ne emerge è una copia (probabilmente autentica), un "exemplum (...) in libro in quo reperiuntur scripta exempla instrumentorum pertinencium ad comune Astense": perfetta testimonianza delle difficoltà di un controllo archivistico della documentazione in carte sciolte da parte delle istituzioni cittadine (in perfetto accordo, anche cronologico, con la situazione la problematica gestione archivistica che viene descritta nel preambolo del Libro Rosso per motivarne la redazione, iniziata durante il podestariato di Garibaldo Bergogninus nel 1277: "instrumenta per ordinem de verbo ad verbum cum ipsorum publicationibus in dicto libro posita et scripta, quia ea inquirenti fastidium generabat nec ob hoc eciam eorum vitabatur periculum amitendi in ipsis deferentibus intus foras" - Il Libro Rosso del comune di Chieri, p. 3; si veda, in questo Atlante, la scheda del 1283 maggio 17 relativa al patto stretto fra il comune chierese e Manfredi di Cavaglià)

- si identificano analiticamente le modalità di emissione del documento ricercato, per definirne quelli che sono gli elementi "archivistici" ma anche quelli strutturali su cui si baserà l'operazione di restituzione e riedizione.
I due originali del patto del 1260 erano stati redatti dai due scribi comunali, Enricus Scutino per il comune di Chieri, Melano Grillo per il comune di Asti. L'atto destinato a essere conservato nell'archivio del comune di Asti è rogato dal notaio comunale chierese, e dunque, secondo formalità assai diffuse in ambito comunale, esse prevedevano lo scambio degli impegni reciproci nella forma concreta dello scambio degli instrumenta che dovevano attestare l'approvazione pubblica del contenuto da parte degli organismi del potere cittadino. Uno scambio ancora una volta nato nell'ambito dei formalismi tipici del notariato (si pensi allo scambio delle chartae in contratti biunivoci come le permute), ma che nell'ambito della diplomazia intercittadina assumono forti connotazioni di tipo ideologico-politico. A rafforzare visivamente e con alta efficacia simbolica la specularità della doppia azione, interviene qui un uso poco diffuso in area subalpina, quello della charta partita per alphabetum, in cui l'iniziale unicità del supporto viene a rafforzare, nella successiva materiale divione praticata attraverso le lettere dell'alfabeto, il perfetto combaciare dei reciproci impegni e delle doppie procedure decisionali a cui hanno partecipato i podestà e i procuratori delle due città.

- le procedure di ri-produzione sostitutiva del documento originale confermano il carattere speculare della documentazione di tipo pattizio. Il documento che deve essere restituito a Chieri, proprio come il primo originale, è prodotto dal notaio Scutinus, già autore del precedente, il quale si basa sia sulla propria imbreviatura sia sull'exemplum conservato nel liber iurium astigiano. Ma ora, il documento è prodotto non più - come certamente era stato per l'originale perduto - su mandato e, dunque, per impegno politico del podestà chierese, bensì su esclusivo praeceptum del podestà astigiano, a garantire, in questa ibridazione fra autorità istituzionale del comune astigiano e un redattore che è un officiale del comune chierese, il coinvolgimento diretto del vero responsabile e garante dell'autorità e forza probatoria del documento nello stesso tempo in cui si provvede, per quanto possibile nelle formalità procedurali, alla ricostituzione del documento perduto per renderlo a Chieri come pegno di fedeltà ai nuovi accordi.

Si noti che tale complessità procedurale non è il risultato di un pur significativo stimolo alla rappresentazione ideologica e alla formalizzazione rituale di un evento di rilevanza politica. I patti tra Chieri ed Asti hanno dato origine ad una serie di atti precedenti a quello preso in esame, di cui alcuni sono presenti tanto nel Libro Rosso di Chieri quanto nel Codex Astensis: da questi si evince l'importanza che assumono, nell'ambito dei capitoli dell'accordo, quelli dedicati all'annullamento e alla restituzione dei documenti attestanti i patti precedenti, al fine di evitare ogni possibile rivendicazione rispetto all'applicazione dei nuovi accordi. E a questo proposito, parlando dell'impegno di Asti a "restituere omnia et singula instrumenta hinc retro facta pactionum et conventionum" fra Chieri e Asti, si specifica: "et specialiter unum instrumentum factum mani Henrici Scutini notario in anno Domini millesimo ducentesimo LX°, indicione tercia, die martis XVIII mensis iunii". Proprio il documento introvabile e ricostruito di cui ci siamo occupati. In caso di mancata consegna, si dichiara che i nuovi accordi, stipulati pochi giorni prima, il 22 di marzo, saranno considerati immediatamente decaduti (Il Libro Rosso del comune di Chieri, p, 31, n. 17, 1273 marzo 22 e 27. I due documenti, accorpati nel registro chierese, sono distinti nel liber iurium astigiano: Codex Astensis, pp. 324-329, nn. 267, 268).

Bibliografia

D. CAFFÙ, Il Libro Rosso del comune di Chieri. Documentazione e politica in un comune del Duecento, in "Bollettino storico-bibliografico subalpino", CI (2003), pp. 373-420 [Disponibile anche on line: Reti medievali - Biblioteca, http://centri.univr.it/RM/biblioteca/SCAFFALE/c.htm#Davide%20Caffu; Scrineum - Biblioteca, http://scrineum.unipv.it/biblioteca/biblioteca-caffu.html].

Codex Astensis qui de Malabayla communiter nuncupatur, a cura di Q. SELLA [e P. VAYRA], vol. II, Roma 1880.

G. G. FISSORE, Procedure di autenticazione del secolo XIII in area comunale ad Asti: verso un'organizzazione burocratica della documentazione, in "Bollettino storico-bibliografico subalpino", LXXXI (1983), pp. 763-784.

Il Libro Rosso del Comune di Chieri, a cura di F. GABOTTO, F. GUASCO DI BISIO, Pinerolo 1918 (BSSS, LXXV).

Edizione, traduzione, commento: Gian Giacomo Fissore

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis