Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Verbali di accertamento di rispetto del domicilio coatto

1338 ottobre 6 e 1338 ottobre 10, Pinerolo

1. Avendo il podestà e il capitano di Chieri ordinato a Bartolomeo Mangiapane de Balbis di Chieri che si dovesse presentare nel presente giorno di martedì in Pinerolo e risiedervi e non allontanarsene e presentarsi poi tre volte alla settimana al castellano del luogo o al suo luogotenente, il detto Bartolomeo, obbedendo all’ordine, si presenta in Pinerolo a Guglielmino della Torre del Canavese luogotenente del castellano di Pinerolo dichiarando di volere osservare in tutto e per tutto, per quanto potrà e dovrà, l’ordine fattogli.
2. Bartolomeo Mangiapane de Balbis di Chieri, obbedendo all’ordine impartitogli dal podestà e dal capitano di Chieri, si presenta in Pinerolo a Bonifacio de Castronovo dei conti di San Martino castellano di Pinerolo.
Simili presentazioni vengono documentate, tutte in Pinerolo, in ottobre l’11 in castro, il 13 sub porticu domus ubi tenetur casana Hugonis Provane, il 14 apud domum in qua ius reddi consueverit, il 16 in platea et loco ubi debet fieri macellum prope domum Laurencii et Alexandri de Zara de Pinarolio, il 19 ante domum ubi ius reddi consueverat, il 22 in domo ubi ius reddi consuevit, il 24 in castro, il 26 in burgo ante apothecam quam tenet magister Iohannes dorerius, il 28 in castro, il 30 erga domum in qua ius reddi consuevit, in novembre il 2 in castro e il 3 sub porticu domus ubi ius reddi consuevit, in dicembre il 21 in castro, il 23 in domo Bertholini Beletbon quam tenet clavarius, il 27 apud domum ubi ius redditur e il 30 apud domum ubi ius redditur.

Diciotto imbreviature (i’, i’’, ecc.) in Archivio arcivescovile di Torino, Protocolli notarili, sezione VI, n. 6, cc. 18v-20v, 22v.

Il protocollo, cartaceo, restaurato mediante inserti in carta, è composto da 4 fascicoli di cc. di numerazione moderna a penna 95 (corrispondenti alla numerazione originale a numeri romani, almeno sino a un certo punto) e 94 recente a matita. Sul foglio di guardia iniziale un indice apparentemente seicentesco; precede un fascicoletto cartaceo con indice eseguito nel 1867.

Testo

1.

[c. 18v]
Carta presentacionis domini Bertholomei Manducapanis.
Facta.
In nomine Domini. Amen. Anno domini millesimo CCC°XXXVIII°, indicione VI, die martis sexto mensis octubris, presentibus testibus et me notario infrascriptis. Noverint universi et singuli presens instrumentum publicum inspecturi quod cum preceptum fuisset domino Bertholomeo Manducapani de Balbis de Cherio per dominos ·· potestatem et capitaneum Cherii ut usque ad diem martis presentem per totam diem se presentare debeat in loco Pinarolii et ibi residenciam facere et non recedere de dicto loco et finibus et se presentare omni septimana ter coram castellano dicti loci vel eius locumtenente etcetera prout in precepto predicto contineri lacius dicebatur, ecce quod dictus dominus Bertolomeus volens dictum preceptum sibi factum favorabiliter observare hac die martis comparuit et se personaliter presentavit in loco Pinarolii coram Villelmino de la Turre de Canapicio vicecastellano et locumtenente ·· castellani dicti loci Pinarolii, ipso vicecastellano et locumtenente predictam presentationem acceptante et recipiente, protestans idem dominus Bertholomeus quod in aliis dictum preceptum observare intendit in quantum poterit et debebit et de predictis idem dominus Bertholomeus precepit fieri publicum instrumentum per me notarium infrascriptum.
Actum in castro Pinarolii, presentibus Iohanne Raveta et Iacobino de Marchadilio de Cherio ac magistro Turino de Secusia habitanti Ferucasci, Francisco de Garnagio de Pinarolio camerario illustris domini Thome de Sabaudia et bastardo domini Bonifacii de Castronovo ex comitibus Sancti Martini castellano dicti loci Pinarolii testibus ad predicta vocatis et rogatis. /

2.

[19r]
Carta comparitionis dicti domini Bertholomei Manducapanis.
F(acta).
In nomine Domini. Amen. Anno Domini millesimo CCC°XXXVIII°, indicione VIa, die sabati (a) X° mensis octubris, presentibus testibus et me notario infrascriptis. Noverint universi presens instrumentum publicum inspecturi quod dominus Bertholomeus Manducapanis de Balbis de Cherio, secundum formam precepti sibi facti per dominos potestatem et capitaneum Cherii de presentando se omni septimana ter coram castellano Pinarolii vel eius locumtenente, comparuit et se personaliter presentavit in loco Pinarolii coram nobili viro domino Bonifacio de Castronovo ex comitibus Sancti Martini castellano dicti loci Pinarolii, ipso domino castellano presentacionem et comparicionem ipsam recipiendo et acceptando, de quibus dictus dominus Bertholomeus precepit fieri publicum instrumentum per me notarium infrascriptum.
Actum Pinarolii prope portam dorerii. Interfuerunt testes ad hoc vocati et rogati discretus vir dominus Iohannes Paçella iurisperitus iudex dicti loci Pinarolii et Folchetus de Megloretis de dicto loco Pinarolii.

(a) in sopralinea

F(acta).
Anno et indicione quibus supra, die dominico XI° mensis octubris, presentibus testibus et me notario infrascriptis. Predictus dominus Bertholomeus Manducapanis simili modo quo supra se comparuit et personaliter presentavit in loco Pinarolii secundum formam dicti precepti sibi facti coram dicto domino castellano. Et inde iuxit per me notarium infrascriptum fieri publicum instrumentum.
Actum in castro Pinarolii, presentibus Anthonio Croto de Cobaviana notario, Anthonio Peto dicto Trichot et Vieto de Megloretis de Pinariolo testibus ad predicta vocatis et rogatis.

F(acta).
Anno et indicione quibus supra, die martis XIII° mensis octubris, presentibus testibus et me notario infrascriptis. Supradictus dominus Bertholomeus Manducapanis simili modo quo supra comparuit et se personaliter presentavit in loco Pinarolii secundum formam dicti precepti sibi facti coram domino castellano predicto. Et inde iuxit per me notarium infrascriptum fieri publicum instrumentum.
Actum Pinarolii sub porticu domus ubi tenetur casana Hugonis Provane, presentibus Villielmo de la Ture de Canepicio vicecastellano Pinarolii et Iohanne Gilio de Pinarolio ac Oddono de Nono eiusdem loci et Iohanne Provana de Cargnano cassanerio dicti Hugonis Provana testibus ad predicta vocatis et rogatis. /

[19v]
F(acta).
Anno et indicione quibus supra, die mercurii XIIII° mensis octubris, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum Pinarolii apud domum in qua ius reddi consueverit, presentibus domino Iohanne Paçella iurisperito iudice Pinarolii, Bonifacio Fantino et Franc(isco) Gilio de Pynairolio ac Villielmo de Canalibus testibus ad predicta etcetera.

F(acta).
Anno et indicione quibus supra, die veneris XVI° mensis octubris, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum Pinarolii in platea et loco ubi debet (a) fieri macellum prope domum Laurencii et Alexandri de Zara de Pinarolio, presentibus Ugoneto Fantino, Coleto Capone et Vieto de Megloretis omnibus de Pinarolio testibus ad predicta vocatis et rogatis.

(a) d cui segue segno tachigrafico per et

F(acta).
Anno et indicione quibus supra, die lune XVIIII° mensis octubris, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum Pinarolii ante domum ubi ius reddi consueverat, presentibus domino Iohanne Paçella iurisperito iudice Pinarolii et Matheo de Ferrariis de Pinarolio ac Anthonio Supa de Saviglano habitanti Pinarolii testibus vocatis et rogatis.

F(acta).
Anno et indicione quibus supra, die iovis XXII° mensis octubris, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum Pinarolii in domo ubi ius reddi consuevit, presentibus domino Mauricio Mercucio de Montevico capitaneo Societatis Pinarolii, domino Iohanne Paçella iurisperito iudice Pynarolii et Vieto de Megloretis de Pinarolio testibus ad predicta vocatis et rogatis. /

[20r]
<seguono le presentazioni dei giorni sabato 24, lunedì 26, mercoledì 28, venerdì 30 ottobre, lunedì 2 novembre>.

[20v]
<segue la presentazione del giorno martedì 3 novembre>.

[22v]
<seguono le presentazioni dei giorni lunedì 21, mercoledì 23, domenica 27 (il notaio scrive per errore sabato), mercoledì 30 dicembre>.

Traduzione

[c. 18v]
Carta di presentazione del dominus Bartolomeo Mangiapane.
Fatta (= posta in mundum).
Nel nome del Signore. Amen. Anno del Signore 1338, indizione VI, martedì sei di ottobre, in presenza dei testimoni e di me notaio infrascritti. Sia noto a tutti e a ciascuno di coloro che verranno a conoscenza del presente pubblico istrumento che essendo stato ordinato al dominus Bartolomeo Mangiapane de Balbis di Chieri dai domini podestà e capitano di Chieri che si debba presentare nel giorno presente di martedì per tutto il giorno in Pinerolo e farvi residenza e non partire da Pinerolo e dal suo territorio e presentarsi poi tre volte alla settimana di fronte al castellano del detto luogo o al suo luogotenente ecc. come si diceva fosse contenuto più ampiamente nel predetto precetto, volendo il detto dominus Bartolomeo osservare l’ordine a lui impartito, comparve e si presentò personalmente in questo giorno di martedì in Pinerolo di fronte a Guglielmino della Torre del Canavese vicecastellano e luogotenente del castellano di Pinerolo il quale accettò e ricevette la predetta presentazione. Bartolomeo dichiarò di volere osservare il detto precetto anche per il suo restante contenuto per quanto potrà e dovrà e ordinò che fosse fatto pubblico istrumento delle cose predette da me notaio infrascritto.
Actum. Nel castello di Pinerolo, presenti Giovanni Raveta e Giacomino de Marchadilio da Chieri e il magister Turino da Susa abitante in Frossasco, Francesco de Garnagio di Pinerolo camerario dell’illustre dominus Tommaso di Savoia e bastardo del dominus Bonifacio de Castronovo dei conti di San Martino castellano del detto luogo di Pinerolo testimoni invitati a presenziare a quanto predetto. /

[19r]
Carta di comparizione del detto dominus Bartolomeo Mangiapane.
Fatta (= posta in mundum).
Nel nome del Signore. Amen. Anno del Signore 1338, indizione VI, sabato 10 di ottobre, in presenza dei testimoni e di me notaio infrascritti. Sia noto a tutti coloro che verranno a conoscenza del presente pubblico istrumento che il dominus Bartolomeo Mangiapane de Balbis da Chieri, secondo l’ordine impartitogli dai domini podestà e capitano di Chieri di presentarsi tre volte alla settimana di fronte al castellano di Pinerolo o al suo luogotenente, comparve e si presentò personalmente in Pinerolo di fronte al nobil’uomo dominus Bonifacio de Castronovo dei conti di San Martino castellano di Pinerolo che ricevette e accettò le dette presentazione e comparizione, delle quali il detto dominus Bartolomeo ordinò che fosse fatto un pubblico istrumento da me notaio infrascritto.
Actum. A Pinerolo presso la porta del dorerius. Intervennero come testimoni invitati a presenziare a ciò il discretus vir dominus Giovanni Pazella giurisperito giudice del detto luogo di Pinerolo e Folcheto de Megloretis di Pinerolo.

Fatta (= posta in mundum).
Anno e indizione di cui sopra, domenica 11 ottobre, in presenza dei testimoni e di me notaio infrascritti. Il predetto dominus Bartolomeo Mangiapane in modo simile a quanto sopra detto comparve e si presentò personalmente in Pinerolo secondo quanto a lui prescritto dal detto precetto di fronte al detto dominus castellano. Quindi ordinò che fosse fatto un pubblico istrumento da me notaio infrascritto.
Actum. Nel castello di Pinerolo, presenti Antonio Croto de Cobaviana notaio, Antonio Peto detto Trichot e Vieto de Megloretis di Pinerolo testimoni invitati a presenziare a quanto predetto.

Fatta (= posta in mundum).
Anno e indizione di cui sopra, martedì 13 ottobre, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum. A Pinerolo sotto il portico della casa dove si esercita la casana di Ugo Provana, presenti Guglielmo della Torre del Canavese vicecastellano di Pinerolo e Giovanni Gilio da Pinerolo e Oddone da None dello stesso luogo e Giovanni Provana da Carignano casanerius del detto Ugo Provana testimoni invitati a presenziare a quanto predetto. /

[19v]
Fatta (= posta in mundum).
Anno e indizione di cui sopra, mercoledì 14 ottobre, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum. A Pinerolo presso la casa nella quale abitualmente si rende giustizia, presenti dominus Giovanni Pazella giurisperito giudice di Pinerolo, Bonifacio Fantino e Francesco Gilio da Pinerolo e Guglielmo de Canalibus testimoni ecc.

Fatta (= posta in mundum).
Anno e indizione di cui sopra, venedì 16 ottobre, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum. A Pinerolo nella piazza e luogo dove si deve fare il macello presso la casa di Lorenzo e Alessandro de Zara da Pinerolo, presenti Ugoneto Fantino, Coleto Capone e Vieto de Megloretis, tutti di Pinerolo, testimoni invitati a presenziare a quanto predetto.

Fatta (= posta in mundum).
Anno e indizione di cui sopra, lunedì 19 ottobre, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum. A Pinerolo di fronte alla casa dove si rendeva abitualmente giustizia, presenti dominus Giovanni Pazella giurisperito giudice di Pinerolo e Matteo de Ferrariis da Pinerolo e Antonio Supa da Savigliano abitante a Pinerolo testimoni invitati a presenziare.

Fatta (= posta in mundum).
Anno e indizione di cui sopra, giovedì 22 ottobre, (…)
<Seguono formule identiche ai rogiti precedenti>.
Actum. A Pinerolo nella casa dove si rendeva abitualmente giustizia, presenti dominus Maurizio Mercuzio de Montevico capitano della Società di Pinerolo, dominus Giovanni Pazella giurisperito giudice di Pinerolo e Vieto de Megloretis da Pinerolo testimoni invitati a presenziare a quanto predetto. /

[20r]
<seguono le presentazioni dei giorni sabato 24, lunedì 26, mercoledì 28, venerdì 30 ottobre, lunedì 2 novembre>.

[20v]
<segue la presentazione del giorno martedì 3 novembre>.

[22v]
<seguono le presentazioni dei giorni lunedì 21, mercoledì 23, domenica 27 (il notaio scrive per errore sabato), mercoledì 30 dicembre>

Commento

Nel protocollo di Giacomino Prandus, notaio del vescovo di Torino Guido de Canalibus, si trovano imbreviati dallo stesso Giacomino una serie di verbali di presentazione di fronte all’autorità civile di Pinerolo (il castellano sabaudo o il suo luogotenente) di un chierese, Bartolomeo Mangiapane de Balbis, condannato al domicilio coatto appunto in Pinerolo, che nel periodo documentato dal protocollo in questione – gli anni 1338-1341 – fungeva da residenza del vescovo, che abitava lì in un suo palazzo ("in palacio habitacionis domini episcopi" recitano le date topiche di molti documenti imbreviati da Giacomino). Non sono note le ragioni e la durata della condanna o della misura cautelare: il notaio nel primo rogito della serie si limita a fornire le coordinate essenziali a comprendere le ragioni per le quali Bartolomeo è tenuto a presentarsi tre volte alla settimana di fronte all’autorità civile del luogo; nel secondo, del 10 ottobre, abbrevia già molto il dettato del verbale e, a partire dal terzo, lo riduce drasticamente ricorrendo a formule di rimando ai verbali precedenti, come Anno et indicione quibus supra, predictus, simili modo quo supra, dicti precepti e simili. Questo accade per dodici verbali, dall’11 ottobre al 3 novembre. La verbalizzazione (depositata nelle cc. 18v-20v) si interrompe e riprende poi (c. 22v) con ulteriori 4 verbalizzazioni delle presentazioni dei giorni 21-30 dicembre. Nelle pagine che vanno da 20v (dove, nella parte alta della pagina, si trova l’ultimo del primo gruppo dei verbali) a c. 22r si trovano imbreviature di documenti vescovile (7 per la precisione) che nulla hanno a che fare con l’obbligo di Bertholomeus Manducapanis di comparire di fronte al castellano di Pinerolo. Nella serie, guardando il calendario, mancano quindi 19 verbali di presentazione, forse imbreviati da un altro notaio. È interessante osservare che la serie dei atti di fine dicembre si apre con un verbale ampio (pur meno ampio del primo in assoluto della serie) per proseguire poi con le verbalizzazioni sintetiche già trovate nel gruppo di verbali precedente: la ripresa dei verbali dopo la pausa (dal 3 novembre al 21 dicembre, da c. 20v a c. 22v) richiede una sorte di rimemorazione della ragioni della serialità.
Quest’ultima è una caratteristica ben nota della documentazione su registro, ora più ora meno accentuata a seconda dei contenuti e del grado di specializzazione del registro. Occorre d’altra parte rilevare che, se è vero che la serialità è un carattere specifico della documentazione su registro di carattere amministrativo, fiscale e giudiziario, è anche vero che essa si manifesta anche nella prassi redazionale degli instrumenta. Nel caso specifico che qui si affronta i documenti posti in essere da Giacomino su richiesta di Bartolomeo – "et de predictis idem dominus Bertholomeus precepit fieri publicum instrumentum per me notarium infrascriptum" – sono sì il riflesso di una pratica amministrativa ma la loro funzione è quella di garantire l’individuo soggetto alla misura restrittiva contro future contestazioni: il che inserisce perfettamente questi documenti nel quadro delle funzioni che caratterizzano in generale l’instrumentum publicum.

La stringatezza del formulario che il notaio adotta nel redigere le imbreviature successive alle prime della serie non è un carattere proprio delle registrazioni di carattere amministrativo. Piuttosto, esso corrisponde a prassi notarili che emergono nella redazione di serie di imbreviature di documenti di contenuto ripetitivo. Si pensi, per esempio, alle lunghe serie di cittadinatici rogati dallo stesso notaio e trasposti in certi libri iurium comunali: le imbreviature che stanno a monte dovevano costituire nei protocolli sequenze redatte abbreviando drasticamente gli elementi formulari. La completezza del tenore del documento era immediatamente ricostituibile nel caso in cui si fosse dovuto estrarre un mundum da una di tali imbreviature. Così sarebbe accaduto nel caso di cui ci si è qui occupati.

Edizione, traduzione, commento: Antonio Olivieri

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis