Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Provvisione

1294 agosto 3 e 4, Firenze, nella chiesa di San Pietro Scheraggio

Provvisione approvata dai consigli del Comune di Firenze sull'obbligo da parte dei magnati di dare cauzione finanziaria ("sodamento"), attraverso fideiussori, del proprio comportamento.

Firenze, Archivio di Stato, Provvisioni, Registri, 4.

Membr.; ff. I, 164; bianchi i ff. 4v, 5r, 18v, 19r, 31v, 32r, 36v, 44r, 61, 62, 73v, 74r, 102r, 112v, 113r, 118v, 143v, 148r, 150v, 151r, 154r, 164; numerazione del sec. XIV in cifre arabe (numerazione moderna che si sovrappone); 1-24 (ff. 1-8), 35, 42, 5-68, 77, 82, 910, 108, 119, 127, 135, 147, 158, 165, 174, 186, 193, 20-224, 235 (il fascicolo 3 è un duerno con un foglio aggiunto; il fascicolo 7 è un quaterno con un foglio aggiunto al centro e privo dei due fogli finali; il fascicolo 9 è un quaterno con due fogli aggiunti all'inizio; il fascicolo 10 è un quaterno con due fogli aggiunti all'inizio e privo dei due fogli finali; il fascicolo 11 è un quinterno privo del decimo foglio; il fascicolo 12 è un quaterno privo dell'ottavo foglio; il fascicolo 13 è un ternione privo del sesto foglio; il fascicolo 14 è un quaterno privo del primo foglio; il fascicolo 16 è un quaterno privo degli ultimi tre fogli; il fascicolo 18 è un quaterno privo dei due fogli finali; il fascicolo 19 è un duerno privo del quarto foglio; i ff. 20-22 sono dei quaterni privi degli ultimi quattro fogli; il fascicolo 23 è un duerno con un foglio aggiunto alla fine); inizio fascicolo lato carne (iniziano col lato pelo i fascicoli 1, 12, 15, 20, 23); 400 × 290; rigatura a secco. Legatura in assi, con costola e rinforzi agli angoli in cuoio.
Contiene: le provvisioni approvate dai Consigli del Comune di Firenze per il periodo 1294 aprile 9 - 1295 marzo 18.
Scritto per intero dal notaio ser Bonsignore di Guezzo da Modena, notaio delle riformagioni del Comune.
I fascicoli di cui si compone il registro riportano generalmente in alto a sinistra del recto del primo foglio la data del primo provvedimento contenuto. Nei ff. 27-34 è un fascicolo datato 26 giugno 1290. Alcuni fascicoli riportano, accanto alla datazione, anche un numero romano, di mano della prima metà del sec. XIV. Si riscontrano alcuni casi di inversione nell'ordine dei fascicoli.

Testo

[55r] In Dei nomine amen. Anno Sue salutifere Incarnationis millesimo cc° lxxxxiiii°, indictione septima. Die tertie intrante mense augusti. Nobilis vir dominus Rainaldus domini Manentis de Spoleto, Defensor artificum et artium, Capitaneus Populi et Comunis et Conservator Pacis civitatis Florentie Consilium Centum virorum eiusdem Comuni precona convocatione campaneque sonitu fecit in ecclesia Sancti Petri Scheradii more solito congregari. In quo quidem Consilio ante omnia per me B. notarium subscriptum lecta fuerunt infrascripta capitula constituti domini Defensoris et Capitanei et etiam Comunis Florentie que infrascriptis infra propositis seu in aliquo infrascriptorum contradicere videbantur. Quorum capitulorum constituti domini Defensoris et Capitanei lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De iuramento domini Defensoris" et cetera, et incipit: "Dominus Defensor" et cetera; secundum est sub Rubrica: "Quod teneatur dominus Defensor observare statuta Comunis Florentie et incipit: "Statutum et ordinatum est" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De cognitione domini Defensoris et suorum iudicum" et incipit: " Possit cognoscere" et cetera. Capitulorum vero constituti Comunis Florentie etiam lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: " De iuramento Potestatis" et incipit: " Ego qui sum electus Potestas" et cetera; secundum est sub Rubrica: "De pignoribus non tollendis" et incipit: "Pro aliquo mallificio" et cetera.

Quibus capitulis constitutorum lectis ut dictum est, post debitam provisionem et deliberationem per dominos Priores artium et Vexilliferum iustitie super infrascriptis solempniter factam, predictus dominus Defensor et Capitaneus, presentibus et volentibus iamdictis dominis Prioribus et Vexillifero in dicto presenti Consilio Centum virorum infrascripta proposuit et in hiis et super hiis infrascriptis sibi pro Comuni consilium dari petiit sub hac forma: videlicet si placet et videtur iamdicto presenti Consilio Centum virorum omnia et singula infrascripta que in dicto presenti Consilio infra particulariter et immediate proposita et expressa sunt fore utilia pro Populo et Comuni Florentie et utile fore pro ipso Populo et Comuni de hiis et super hiis omnibus et singulis infrascriptis ac etiam de absolutione et super absolutione et correctione predictorum capitulorum constitutorum lectorum ut dictum est et aliorum quorumlibet statutorum, ordinamentorum et reformationum Consiliorum infrascriptis seu in aliquo infrascriptorum quomodolibet contradicentium teneri et fieri omnia Consilia opportuna, ita et taliter quod ab eisdem et eorum statutis ordinamentis et consiliorum reformationibus (a) et eorum observatione domini Potestas, Defensor et Capitaneus presentes et futuri eorumque familie, Priores artium et Vexillifer iustitie, consiliarii utriusque Consilii, ego B. notarius infrascriptus et omnes alii quos predicta seu infrascripta tangerent vel ad ea quomodolibet tenerentur quo ad ea et eorum occasione et in quantum in hiis contradicerent vel obstarent sint liberaliter et totaliter absoluti. Non obstante eo quod ipsa capitula, statuta et ordinamenta sint precisa, et quod in eis dicatur quod absolvi vel mutari non possint, et quod de eis absolvendis vel mutandis non possit provideri et deliberari seu Consilium fieri vel teneri. Primo videlicet:
(b) super infrascripta provisione et deliberatione super infrascriptis per dominos Priores artium et Velifferum iustitie nunc in offitio residentes edita et facta et per me B. notarium infrascriptum in presenti Consilio seriatim lecta, et super providendo, ordinando, aprobando et firmando omnia et singula que in ipsa infrascripta provisione et deliberatione contenentur et scripta sunt.

Cuius quidem provisionis et deliberationis tenor talis est:
Cum multi ex magnatibus civitatis et comitatus Florentie qui secundum formam statutorum Comunis Florentie et [55v] Ordinamentorum iustitie satisdare tenentur et debent tamquam magnates ab ipsis satisdationibus inveniantur alleviati per offitium dominorum Priorum artium et Vexilliferi iustitie pro tempore existentium et satisdederint pro minima quantitate ita quod propter dictam minimam satisdationem mallificia et excessus committere et facere non formidant, per dominos Priores artium et Vexilliferum iustitie nunc in offitio residentes, super infrascriptis intellecta et cognita voluntate quamplurium popularium civitatis Florentie, et in hiis prehabitis diligenti examinatione, deliberatione et consiliis quamplurium sapientum virorum, nec non inter ipsos Priores et Vexilliferum super hiis secundum formam statutorum solempni scruptinio ad pissides et balloctas celebrato et facto provisum, deliberatum et ordinatum est, ad hoc ut magnates de cetero ab excessibus et mallifitiis attenantur et ut populares in tranquillo et pacifico statu vivere possint et etiam ad fortificationem felitium Ordinamentorum iustitie, quod siquis ex magnatibus civitatis vel comitatus Florentie qui tamquam magnas satisdare tenetur vel pro quo satisdari debet commiserit in futurum aliquod mallifitium, delictum vel excessum in persona alicuius popularis civitatis vel comitatus Florentie et reperiatur satisdedisse vel pro eo satisdatum fuisse non tamen de quantitate et usque in quantitatem librarum duorum milium florenorum parvorum et talis magnas condempnatus fuerit, fideiussores eius solum teneantur et cogantur pro ea quantitate peo qua reperiantur fideiussisse pro tali magnate. Et si condempnatio que fiet de tali magnate excederet summama quantitatis pro qua fideiusserint tales fideiussores in eo casu ad solvendum complementum et summam ipsius condempnationis excedentem summa et quantitatem huiusmodi satisdationis, pater pro filio, et filius pro patre, et frater pro fratre ex eodem patre, et patruus pro nepote et nepos pro patruus, et avus paternus pro nepote et nepos pro avo paterno, secundum ordinem usque in quantitatem librarum trium milium florenorum parvorum, tantum si usque in dictam quantitatem ascenderet condempnatio et si tantum non ascenderet condempnatio usque ad complementum ipsius condempnationis teneantur et effectualiter compellantur.

Item quod nullus ex magnatibus possit portare aliqua arma deffensibilia prohibita per statuta Comunis qui satisderit vel pro quo satisdatum sit pro minori quantitate librarum quingentarum florenorum parvorum, nisi prestiterit idoneam securitatem pro armis deffensibilibus portandis de libris quingentis florenorum parvorum ad minus.

Item quod predicta omnia et singula sunt utilia pro Populo et Comuni Florentie et quod utile est pro ipso Populo et Comuni de hiis et super hiis omnibus et singulis teneri et fieri omnia Consilia opportuna; ac etiam de de absolutione et super absolutione, mutatione et correctione statutorum, ordinamentorum et reformationum Consiliorum in predictis vel aliquo predictorum quomodolibet contradicentium vel obstantium.

[59r] […] Predicta quorum ordinamenta et provisiones et omnia et singula in eis contenta valeant et teneant et plenam obtineant firmitatem et effectualiter et inviolabiliter per quodlibet regimen et per ceteros offitiales dicti Comunis presentes et futuros et per Comune Florentie observentur et executioni mandentur usque ad kallendas mensis ianuarii proxime venturas iuxta ipsorum continentiam et tenorem. Non obstantibus aliquibus statutis vel ordinamentis seu consiliorum reformationibus in predictis vel aliquo predictorum quomodolibet contradicentibus. Salvo tamen, et expresse in prescriptis proviso, quod si predicta in presenti Consilio supra proposita vel aliquod predictorum seu ea que super hiis firmari contingerint essent in aliquo contraria Ordinamentis iustitie in quantum ipsis Ordinamentis iustitie contradicerent vel obstarent non valeant nec teneant et nullam obtineant firmitatem, sed ipso iure pro infectis non propositis et non firmatis habeantur et sint.
(c) Ser Uguccione Rugerocti notarius consiliarius predicti Consilii, surrexit et arengando consuluit suprascripta omnia et singula in dicto presenti Consilio ut prescriptum est supra proposita fore utilia pro Populo et Comuni Florentie et utile fore pro ipso Populo et Comuni de hiis et super hiis omnibus et singulis teneri et fieri omnia Consilia opportuna modo et forma supra proxime et immediate propositis et expressis.
Super quibus omnibus supra proxime propositis in predicto Consilio Centum virorum per predictum dominum Defensorem et Capitaneum, secundum formam Ordinamentorum canonicçatorum scruptatis voluntatibus dictorum consiliariorum in ipso Consilio existentium, et facto partito ad pissides et balloctas in ipsius Consilii reformatione placuit et visum fuit septuaginta ex dictis consiliariis ponentibus balloctas in pisside alba in qua scriptum est sic et per eos provisum obtentum et firmatum fuit suprascripta omnia et singula [59v] in dicto presenti Consilio ut prescriptum est supra proposita fore utilia pro Populo et Comuni Florentie et utile fore pro ipso Populo et Comuni de hiis et super hiis omnibus et singulis teneri et fieri omnia Consilia opportuna modo et forma supra proxime et immediate propositis et expressis. Illi vero quibus predicta displicuerunt ponentes balloctas in contrarium in pisside rubea in qua scriptum est non fuere solummodo novem numero computati.
Extractis de dictis pissidibus visis et numeratis dictis balloctis in ipsius Consilii presentia et conspectu.
Presentibus testibus domino Nicola Francisci de Spoleto milite predicti domini Capitanei et Braccino Braccii precone eiusdem domini Capitanei et aliis.

Item, in eisdem anno, indictione et die. Mandato suprascripti domini Rainaldi Defensoris et Capitanei Populi et Comunis Florentie Consilium Spetiale et Generale eiusdem domini Denfesoris et Capitanei et Capitudinum xiicim maiorum artium civitatis Florentie precona convocatione campaneque sonitu in ecclesia Sancti Petri Scheradii factum fuit et more solito congregatum.
In quo quidem Consilio per me B(onsignorem) notarium subscriptum seriatim exposita et lecta fuerunt omnia et singula que in prescripto Consilio Centum virorum predicto die tertio presentis mensis augusti solempniter celebrato ut supra proxime et immediate scriptum est proposita, provisa, deliberata et reformata fuerunt prout et secundum quod in ipso Consilio Centum virorum plenius exprimuntur.
Quibus omnibus sic expositis et lectus ac etiam ibidem in dicto presenti Consilio lectis capitulis constitutorum domini Capitanei et Comunis Florentie de quibus supra in iamdicto Consilio Centum virorum spetialis et expressa mentio habetur, predictus dominus Defensor et Capitaneus, presentibus et volentibus dominis Prioribus artium et Vexillifero iustitie in predicto solummodo Consilio spetiali et Capitudinum predictarum separatim a dicto generali Consilio secundum formam statutorum ab una parte dicte ecclesie congregato predicta omnia et singula eodem modo proposuit Consilium in hiis et super hiis sibi pro Comuni exiberi et dari petens, videlicet si placet et videtur iamdicto presenti Consilio Spetiali et Capitudinum utile fore pro Comuni predicto teneri et fieri omnia Consilia opportuna de predictis et super predictis omnibus et singulis de quibus ut predicitur supra mentio habetur in predicto Consilio Centum virorum modo et forma ibidem plenius et expressius declaratis.

Migliaccius Salvi pelliparius consiliarius predicti Consilii surrexit et arengano consuluit utile fore pro Comuni predicto teneri et fieri omnia Consilia opportuna de predicti et super predictis omnibus et singulis in dicto presenti Consilio supra propositis modo et forma in ipso presenti Consilio ac etiam in prescripto Consilio Centum virorum de quo supra dicitur notaris plenius et expressis.
Exquisita igitur voluntate predicti Consilii Spetialis et Capitudinum predictarum super predictis omnibus in ipso Consilio ut predicitur supra propositis et primo per predictum dominum Defensorem et Capitaneum facto et revoluto partito ad sedendum et levandum et postmodum ad pissides et balloctas secundum formam statutorum in ipsius Consilii reformatione placuit et visum fuit quinquagintaquatuor ex dictis consiliariis et Capitudinum in dicto Consilio residentibus, ponentes balloctas in pisside alba in qua scriptum est sic et per eos provisum obtentum et firmatum fuit utile fore pro Comuni predicto teneri et fieri omnia Consilia opportuna de predictis et super predictis omnibus et singulis in dicti presenti Consilio supra propositis modo et forma in ipso presenti Consilio ac etiam in prescripto Consilio Centum virorum de quo supra dicitur notatis plenius et expressis.
Illi vero quibus predicta displicuerunt [60r] ponentes balloctas in contrarium in pisside rubea in qua scriptum est non fuere solummodo septem numero computati.
Extractis de dictis pissidibus visis et numeratis dicti balloctis in ipsius Consilii presentia et conspectu.
Presentibus testibus domino Nicola Francisci de Spoleto milite predicti domini Capitanei et Leone Poggi precone eiusdem domini Capitanei et aliis.

Item incontinenti et immediate, predicto die tertio mensis augusti, et presentibus testibus supra proxime scriptis. In predicto Consilio Generali et Spetiali domini Defensoris et Capitanei et Capitudinum predictarum ut scriptum est in dicta ecclesia congregato, presentibus et volentibus predictis dominis Prioribus et Vexillifero, prefatus dominus Defensor et Capitaneus omnia et etiam infrascripta proponens in hiis et super hiis sibi pro Comuni consilium exiberi petiit sub hac forma: videlicet quid et quomodo videtur et placet dicto presenti Consilio providere ordinare et firmare in predictis et super predictis omnibus et singulis supra expressis in prescripto Consilio Centum virorum dicto die tertio presentis mensis augusti ut predicitur celebrato et facto.
Super quibus per ipsum Consilium Centum virorum ac etiam per predictum Consilium Spetiale et Capitudinum iam provisum et deliberatum et obtentum est secundum quod supra proxime et immediate in ipsis Consiliis plenius est expressum.

Ser Matheus Billiocti notarius consiliarius predicti Consilii surrexit et arengando consuluit quod suprascripta omnia et singula que in dicti presenti Consilio supra proposita et in dicto Consilio Centum virorum de quo supra dicitur plenius expressa sunt et super quibus per ipsum Consilium Centum virorum et etiam per predictum Consilium Spetiale et Capitudinum et predicte iam provisum deliberatum et obtentum est presentis Consilii auctoritate et vigore plenam obtineant firmitatem. Et in hiis omnibus et singulis procedatur observetur et fiat in omnibus et per omnia absolutis correctis et sublatis capitulis constitutorum ordinamentis et Consiliorum reformationibus et ab eisdem absolutis hiis omnibus de quibus in spetie vel genere supra dicitur prout et secundum quod supra plenius et expressius in ipsis Consiliis est notatum.
In reformatione cuius Consilii peraudito consilio in predictis exibito et demum per predictum dominum Defensorem et Capitaneum secundum formam statutorum facto et revoluto partito ad sedendum et levandum super predictis omnibus supra propositis placuit quasi omnibus in dicto Consilio existentibus et per eos provisum obtentum et firmatum fuit quod suprascripta omnia et singula que in hoc presenti Consilio supra proposita et in prescripto Consilio Centum virorum per ordinem notata et expressa sunt et super quibus per ipsum Consilium Centum virorum et etiam per predictum Consilium Spetiale et Capitudinum ut predictum iam provisum deliberatum et obtentum est presentis Consilii auctoritate et vigore valeant et teneant et plenam obtineant firmitatem et in hiis omnibus et singulis procedatur observetur et fiat in omnibus et per omnia, absolutis correctis et sublatis omnibus et singulis capitulis constitutorum ordinamentis et Consiliorum reformationibus, et ab eisdem absolutis hiis omnibus de quibus in spetie vel genere supra diciur prout et secundum quod supra plenius et expressius in ipsis Consiliis est notatum.
Ego Bonsegnore olim Guecçi, imperiali auctoritate notarius Mutinensis, et nunc Consiliorum domini Capitanei et Comunis Florentie pro ipso Comuni scriba hiis omnibus interfui eaque publice scripsi.

[65v] In Dei nomine amen. Anno Sue salutifere Incarnationis millesimo cc° lxxxxiiii° indictione septima. Die quarto intrante mense augusti. Nobilis vir dominus Pinus de Vernatiis de Cremona, Comunis Florentie seconda vice Potestas Consilium Generale trecentorum et Spetiale nonaginta virorum et Capitudinum xiicim maiorum artium eiusdem civitatis et Comunis Florentie precona convocatione campaneque sonitu in ipsius Comunis pallatio fecit more solito congregari.
In quo quidem Consilio per me B(onsignorem) notarium subscriptum exposita et seriatim lecta fuerunt omnia et singula que in Consilio et per Consilium Centum virorum eiusdem Comunis et subsequenter in Consiliis et per Consilia Spetiale et Generale domini Capitanei et Defensoris et Capitudinum artium predictarum successive et debito modo et ordine celebrata et factra iuxta formam Ordinamentorum canonicçatorum et statutorum dicti Comunis super infrascriptos et circa infrascripta, ac etiam super absolutione inritatione et correctione statutorum, ordinamentorum et reformationum Consiliorum in hiis infrascriptis quomodolinet contradicentium vel obstantium solempniter die tertio eiusdem presentis mensis augusti proposita, provisa, obtenta et firmata fuerunt, prout et secundum quod in actis ipsorum Consiliorum manu mei B(onsignoris) notarii subscripti publice scriptis pleniu sunt expressa (d).

(a) statutis - reformationibus sul margine sinistro, con un segno di richiamo.

(b) Sul margine sinistro, di mano del secolo XV: De satisdatione magnatum

(c) Sul margine sinistro vi è un segno di paragrafo.

(d) Il testo della provvisione s'interrompe a questo punto, per la perdita delle carte successive.

Traduzione

[55r] Nel nome di Dio Amen. Nell'anno della sua Incarnazione 1294. Indizione, settima, 3 agosto. Il nobile cavaliere messer Rinaldo di messer Manente da Spoleto, Difensore delle Arti e degli Artigiani, Capitano del Popolo e del Comune e Conservatore della Pace della città di Firenze, ha fatto radunare il Consiglio dei Cento del detto Comune nel solito modo nella chiesa di San Pier Scheraggio, con la voce degli araldi e il suono delle campane. Nel quale Consiglio, prima di tutto sono state lette da me Bonsignore notaio sottoscritto le infrascritte rubriche dello statuto del messer Difensore e Capitano e anche del Comune di Firenze che sembravano in qualche modo contrastare con le infrascritte proposte di legge. La prima delle suddette rubriche dello statuto del messer Difensore e Capitano che, come detto sopra, sono state lette, reca il titolo: "Sul giuramento del messer Difensore" ecc., e comincia: "Il messer Difensore" ecc.; la seconda reca il titolo: "Il messer Difensore sia tenuto a osservare gli statuti del Comune di Firenze" e inizia: "È stabilito e ordinato" ecc.; la terza reca il titolo: "Sulla facoltà di indagare del messer Difensore e dei suoi giudici" e comincia: "Possa indagare" ecc. La prima delle rubriche dello statuto del Comune di Firenze lette a loro volta, come è detto, reca il titolo: "Sul giuramento del Podestà" e comincia: "Io che sono eletto Podestà" ecc.; la seconda reca il titolo: "Sui beni in pegno da non confiscarsi" e comincia: "Per qualche maleficio" ecc.

Lette le rubriche degli statuti come detto, dopo una debita provvisione e deliberazione fatta in maniera solenne su tali cose dai messeri Priori delle arti e Gonfaloniere di giustizia, il predetto messer Difensore e Capitano, alla presenza e con la volontà dei detti messeri Priori e Gonfaloniere, ha proposto tali cose nel detto presente Consiglio dei Cento, e su tali cose ha chiesto che per il Comune gli venga dato consiglio in questa forma: vale a dire se piaccia e sembri al presente Consiglio dei Cento che tutte le cose sottoscritte che sono proposte ed espresse subito sotto in maniera puntuale, e se sia utile per lo stesso Popolo e Comune che siano convocati e si tengano tutti i Consigli opportuni per tutte le cose infrascritte, e anche circa la sospensione e la correzione delle predette rubriche degli statuti letti come detto, e di qualsiasi altro statuto, ordinamento o delibera dei Consigli che in qualche modo sia in contraddizione con le cose infrascritte, così che dagli stessi statuti ordinamenti e delibere dei Consigli e dalla loro osservanza i messeri Podestà e Difensore e Capitano presenti e futuri, e i loro collaboratori, i Priori delle arti e il Gonfaloniere di giustizia, i consiglieri di entrambi i Consigli, io Bonsignore notaio infrascritto e tutti gli altri che sono in qualche modo coinvolti o sono in qualche modo tenuti all'osservanza delle dette cose siano francamente e totalmente assolti. Nonostante che tali norme, statuti e ordinamenti siano precisi, e che in esse si dichiari che non possono essere sospesi o modificati, e che non si possa stabilire o deliberare circa la loro sospensione o modifica né convocare o tenere dei Consigli a riguardo. Per prima cosa cioè: sulla infrascritta provvisione e delibera fatta e pubblicata sulle infrascritte cose dai signori Priori delle arti e Gonfaloniere di giustizia attualmente in carica, e letta in maniera puntuale nel presente Consiglio da me Bonsignore notaio infrascritto, e sul provvedere, ordinare, approvare e stabilire tutto ciò che in detta provvisione e delibera è contenuto e scritto.

Il tenore della detta provvisione e delibera è il seguente:
Dal momento che molti magnati della città e del contado di Firenze - i quali, in quanto magnati, secondo le disposizioni contenute negli statuti del Comune di Firenze [55v] e negli Ordinamenti di giustizia, sono tenuti e devono prestar sodamento - hanno ottenuto riduzioni, per decisione dei signori Priori delle arti e del Gonfaloniere di giustizia in quel tempo in carica, ed hanno sodato per una cifra così modesta che, in quanto tale, non hanno paura di commettere malefici ed eccessi, dai Priori e dal Gonfaloniere di giustizia attualmente in carica, dopo aver appreso la volontà di numerosi popolani della città, con diligente disamina, deliberazione e consiglio dei più savi uomini e di loro stessi su queste stesse cose, compiuta la votazione, secondo le disposizioni statutarie, con solenne scrutinio a bossoli e pallottole, è provveduto, deliberato e ordinato che, affinché i grandi d'ora in poi siano trattenuti dal compiere eccessi e malefìci e affinché i popolari possano vivere in pace e tranquillità e gli Ordinamenti di giustizia siano fortificati, se un magnate della città o del contado che, come grande, è tenuto e deve prestar sodamento, commettesse maleficio, si macchiasse di una colpa o di un eccesso nei confronti di un popolano della città o del contado, e si scoprisse che ha sodato, o che altri ha sodato per lui, ma per una cifra inferiore a duemila lire di fiorini piccoli, e fosse condannato, i suoi mallevadori siano garanti solo per quella cifra per la quale avranno sodato in favore di quel grande. E se la condanna inflitta a quel grande superasse la somma per la quale i mallevadori hanno sodato, in quel caso a pagare la differenza tra la cifra della condanna e quella del sodamento siano il padre per il figlio, il figlio per il padre, il fratello per il fratello di medesimo padre, lo zio per il nipote, il nipote per lo zio, il nonno paterno per il nipote, il nipote per il nonno paterno, secondo l'ordine, fino ad una cifra di lire tremila di fiorini piccoli solamente, se la condanna ammontasse fino a tale cifra, e se a tanto non ammontasse, siano in effetti tenuti ed obbligati a pagare quanto necessario al raggiungimento della cifra della condanna.

Ancora, che nessun magnate, che abbia prestato sodamento - o per cui sia stato prestato sodamento - per una cifra inferiore alle cinquecento lire di fiorini piccoli, possa portare alcuna arma da difesa proibita dagli statuti del Comune, se non avrà presentato una garanzia sufficiente di almeno cinquecento lire di fiorini piccoli circa il porto delle armi da difesa.

Ancora, che tali cose sono utili per il Popolo e il Comune di Firenze, e che è utile per lo stesso Popolo e Comune convocare e tenere su tali cose tutti i Consigli opportuni, e anche circa la sospensione, modifica e correzione degli statuti, ordinamenti e delibere dei Consigli in qualsiasi modo in contrasto o in opposizione a tali cose. [59r] […] E tali predetti ordinamenti e provvisioni, e tutto ciò che in essi è contenuto, abbiano valore e ad essi venga riconosciuta piena saldezza, e vengano osservati concretamente e senza possibilità di alterazione da qualsiasi ufficiale maggiore e dagli altri ufficiali del Comune presenti e futuri e dal Comune di Firenze, e siano mandati ad esecuzione fino alle calende del prossimo mese di gennaio secondo il tenore del loro contenuto. Nonostante eventuali statuti od ordinamenti o delibere dei Consigli in qualsiasi modo in contrasto con le predette cose. Salvo tuttavia, e stabilito espressamente circa tali cose, che se le delibere sopra proposte nel presente Consiglio o le cose che a tale proposito fossero stabilite fossero in qualche modo contrarie agli Ordinamenti di giustizia, esse non abbiano valore e non vengano riconosciute in quanto contraddicano o siano contrarie agli stessi Ordinamenti di giustizia, ma siano di per sé considerate come non proposte alla discussione e non approvate. Ser Uguccione di Ruggerotto notaio, consigliere del predetto Consiglio, si è alzato e parlando dalla ringhiera circa ha espresso il proprio parere secondo il quale tutte e ciascuna delle cose soprascritte proposte nel presente Consiglio sono utili per il Popolo e Comune di Firenze, ed è utile per lo stesso Popolo e Comune che siano convocati e si tengano le sessioni di tutti i Consigli opportuni circa tali cose nel modo e nella forma appena sopra indicati. Sulle quali cose nel detto Consiglio dei Cento poco sopra proposte, richiesto da parte del messer Difensore e Capitano il parere dei consiglieri partecipanti al detto Consiglio secondo il dettato degli Ordinamenti canonizzati, e fatta la votazione col sistema dei bussolotti e delle pallottole, secondo la decisione del Consiglio, 70 consiglieri, ponendo la pallottola nel bussolotto bianco sul quale è scritto 'sì', hanno dato parere favorevole e da essi è stato approvato e stabilito che tutte e ciascuna delle cose sopra proposte [59v] nel detto presente Consiglio, come indicato, sono utili per il Popolo e Comune di Firenze, ed è utile per lo stesso Popolo e Comune che siano convocati e si tengano le sessioni di tutti i Consigli opportuni circa tali cose nel modo e nella forma appena sopra indicati. I consiglieri contrari, che hanno posto al contrario la pallottola nel bussolotto rosso sul quale è scritto 'no', sono stati soltanto 9. Dette pallottole sono state estratte dai bussolotti, controllate e contate alla presenza e davanti al Consiglio stesso. Presenti come testimoni messer Nicola di Francesco da Spoleto, cavaliere del detto messer Capitano e Braccino di Braccio araldo del detto Capitano e altri.

Ancora, negli stessi anno, indizione e giorno. Su mandato del suddetto messer Rinaldo Difensore e Capitano del Popolo e del Comune di Firenze si sono riuniti i Consigli Speciale e Generale dello stesso messer Difensore e Capitano e delle Capitudini delle dodici arti maggiori della città di Firenze, convocati al solito modo, con la voce degli araldi e il suono delle campane.
Nel quale Consiglio, sono state lette ed esposte puntualmente da me Bonsignore notaio sottoscritto tutte e ciascuna delle cose sono state proposte, stabilite, approvate e deliberate nel predetto Consiglio dei Cento celebrato ufficialmente, come sopra indicato precisamente, il tre agosto presente, secondo quanto espresso in maniera più precisa nello stesso Consiglio dei Cento.
Lette quindi ed esposte tali cose, e letti anche nel presente Consiglio le rubriche degli statuti del messer Capitano e del Comune di Firenze di cui si fa menzione specifica e puntuale nel suddetto Consiglio dei Cento, il predetto messer Difensore e Capitano, alla presenza e con la volontà dei Priori delle Arti e del Gonfaloniere di giustizia, nel predetto Consiglio Speciale e delle Capitudini separatamente dal Consiglio Generale riunito in una parte della detta chiesa secondo gli statuti, ha proposto allo stesso modo tutte e ciascuna delle predette cose, chiedendo a riguardo che per il Comune gli venga dato consiglio, vale a dire se piaccia e sembri al detto presente Consiglio Speciale e delle Capitudini che sia utile per il predetto Comune che siano convocati e si tengano tutti i Consigli opportuni per tutte e ciascuna delle predette cose di cui sopra si fa menzione puntuale nel predetto Consiglio dei Cento, nei modi e nelle forme in esso indicate con maggiore ampiezza e precisione. Migliaccio di Salvo pellicciaio, consigliere del predetto Consiglio, si è alzato e parlando dalla ringhiera ha espresso il proprio parere secondo il quale è utile per lo stesso Popolo e Comune che siano convocati e si tengano le sessioni di tutti i Consigli opportuni circa le cose proposte nel detto presente Consiglio nel modo e nella forma di cui si dice in maniera più precisa e ampia nello stesso presente Consiglio e nel suddetto Consiglio dei Cento di cui sopra si fa menzione.
Richiesta dunque la volontà del predetto Consiglio Speciale e delle Capitudini su tutte le predete cose proposte, come detto, nello stesso Consiglio, e per prima cosa dal detto messer Difensore e Capitano condotta in entrambi i sensi la votazione per alzata e seduta, e quindi col sistema dei bussolotti e delle pallottole, secondo la forma degli statuti, secondo la decisione del Consiglio, 54 fra consiglieri e Capitudini presenti nel detto Consiglio, ponendo la pallottola nel bussolotto bianco sul quale è scritto 'sì', hanno dato parere favorevole e da essi è stato approvato e stabilito che tutte e ciascuna delle cose sopra proposte nel detto presente Consiglio, come indicato, sono utili per il Popolo e Comune di Firenze, ed è utile per lo stesso Popolo e Comune che siano convocati e si tengano le sessioni di tutti i Consigli opportuni circa tali cose nel modo e nella forma appena sopra indicati, così come nel soprascritto Consiglio dei Cento. I consiglieri contrari [60r], che hanno posto al contrario la pallottola nel bussolotto rosso sul quale è scritto 'no', sono stati soltanto 7.
Dette pallottole sono state estratte dai bussolotti, controllate e contate alla presenza e davanti al Consiglio stesso.
Presenti come testimoni messer Nicola di Francesco da Spoleto, cavaliere del detto messer Capitano e Leone di Poggio araldo del detto Capitano e altri.

Ancora, immediatamente dopo, il detto tre agosto, alla presenza dei medesimi testimoni sopra indicati. Nel predetto Consiglio Generale e Speciale del messer Difensore e Capitano e delle predette Capitudini riunito, come scritto sopra, nella detta chiesa, alla presenza e con la volontà dei predetti Priori delle arti e del Gonfaloniere, il predetto messer Difensore e Capitano, presentando tutte le cose infrascritte ha chiesto a riguardo che per il Comune gli venga dato consiglio in questa forma: vale a dire cosa e come sembri opportuno e piaccia stabilire ordinare e decretare al detto presente Consiglio in merito a tutte e a ciascuna delle cose sopra espresse nel predetto Consiglio dei Cento tenutosi, come detto sopra, il 3 agosto presente. Sulle quali cose è già stato stabilito ordinato e decretato da parte dello stesso Consiglio dei Cento e anche dal detto Consiglio Speciale e delle Capitudini, secondo quanto espresso sopra in maniera puntuale e più ampia. Ser Matteo di Biliotto notaio, consigliere del predetto Consiglio, si è alzato e parlando dalla ringhiera ha espresso il proprio parere secondo il quale tutte e ciascuna delle cose soprascritte che sono state proposte nel detto presente Consiglio, e che sono espresse in maniera più dettagliata nel detto Consiglio dei Cento di cui si è detto sopra, e sulle quali è già stato stabilito ordinato e decretato da parte dello stesso Consiglio dei Cento e anche dal detto Consiglio Speciale e delle Capitudini, abbiano piena validità per l'autorità del presente Consiglio. E in tutte queste cose sia fatto e si proceda in tutto e per tutto come è indicato sopra in maniera più ampia e puntuale negli stessi Consigli, avendo sospeso e corretto le rubriche degli statuti, gli ordinamenti e le delibere dei Consigli, e in particolare tutte le norme, speciali e generali, di cui si è fatto sopra menzione.
Nella delibera del Consiglio, dopo aver udito con attenzione il parere espresso circa tali cose, e quindi dopo aver svolto, sotto la guida del detto messer Difensore e Capitano, secondo gli statuti, in entrambi i sensi la votazione per alzata e seduta circa tali cose, quasi tutti i partecipanti al Consiglio hanno espresso parere favorevole, e da essi è stato stabilito, deciso e deliberato con l'autorità del presente Consiglio che tutte e ciascuna delle cose sopra proposte e indicate con ordine e precisione nel predetto Consiglio dei Cento, e da detto Consiglio dei Cento e anche dal predetto Consiglio Speciale e delle Capitudini, come già indicato, già stabilite decise e deliberate, abbiano pieno e totale valore, e che circa tali cose si proceda in tutto e per tutto come è indicato sopra in maniera più ampia e puntuale negli stessi Consigli, avendo sospeso e corretto tutte e ciascuna delle rubriche degli statuti, gli ordinamenti e le delibere dei Consigli, e in particolare tutte le norme, speciali e generali, di cui si è fatto sopra menzione.

Io Bonsignore del fu Guezzo, notaio modenese per autorità imperiale, e ora scriba a nome del Comune dei Consigli del messer Capitano e del Comune di Firenze ho partecipato a tutte queste cose e le ho redatte in forma pubblica. [65v] Nel nome di Dio Amen. Nell'anno della sua incarnazione apportatrice di salvezza 1294, settima indizione, 4 agosto. Il nobile uomo messer Pino dei Vernacci da Cremona, per la seconda volta Podestà del Comune di Firenze, ha fatto riunire il Consiglio Generale dei trecento e Speciale dei novanta e delle Capitudini delle dodici arti maggiori della città e del Comune di Firenze nel palazzo dello stesso Comune, nel modo solito con la voce degli araldi e il suono delle campane. Nel quale Consiglio sono state lette in maniera puntuale e completa tutte e ciascuna delle delibere che sono state successivamente approvate nel debito modo, secondo il dettato degli Ordinamenti canonizzati e degli statuti del Comune circa tali cose, nel Consiglio e dal Consiglio dei Cento del Comune e quindi nei Consigli e dai Consigli Speciale e Generale del messer Capitano e Difensore e delle Capitudini predette, e che sono state stabilite, decise e deliberate circa la sospensione, annullamento e correzione degli statuti, ordinamenti, e delibere dei Consigli in qualsiasi modo contrastanti o in contraddizione con tali cose, così come espresso in maniera più particolareggiata negli atti degli stessi Consigli scritti in forma pubblica da me Bonsignore notaio sottoscritto.

Commento

Viene edita la provvisione approvata dai consigli del comune di Firenze il 3 e il 4 agosto 1294, nel periodo di piena prevalenza della componente più radicale del "popolo" - il "popolo minuto" - in seguito all'emanazione degli Ordinamenti di giustizia nel gennaio 1293 e sotto la guida di Giano della Bella. Durante quei mesi furono inasprite le pene e data applicazione più rigorosa alle leggi contro i magnati.

L'oggetto della disposizione del 3 agosto 1294 è appunto il rafforzamento delle misure di cauzione finanziaria (satisdatio, in volgare "sodamento") cui i magnati fiorentini erano stati costretti sin dal 1280. Una provvisione di quell'anno aveva stabilito che i magnati ritenuti pericolosi dovessero promettere di non offendere alcuno e prestare una garanzia di 2.000 lire di fiorini piccoli da perdersi in caso di delitto: lo scopo era quello di impedire che il magnate delinquente andasse esente dalla pena, dandosi contumace o sottraendosi alla giurisdizione del comune; tale garanzia esentava il magnate dalla malleveria per il porto d'armi difensive. Dal 1286 l'obbligo di cauzione - che fino ad allora riguardava gli individui a ciò costretti, anno per anno, su indicazione dei rettori e dei collegi di governo - fu esteso a tutti i maschi dai quindici ai settant'anni delle famiglie indicate in un apposito elenco: ciascuno di essi doveva dare cauzione di 2.000 lire per sé e per i propri figli e fratelli (la responsabilità familiare si estendeva cioè al primo grado di parentela) attraverso fideiussori; la disposizione fu inserita nello statuto del podestà in vigore dal 1287 (e tràdita come rubrica 15 del IV libro della redazione del 1325). Ma sin da subito molti magnati riuscirono ad aggirare la norma: abbiamo infatti notizia nel 1288 di un "liber defensionum et excusationum magnatum civitatis et comitatus Florentie, qui se excusare volunt a satisdationibus magnatum non prestandis".

Nel corpo degli Ordinamenti di giustizia approvati nel gennaio 1293 fu inserita una rubrica (la XVIII, De satisdationibus magnatum civitatis et comitatus Florentie) che si proponeva esplicitamente "pro multis fraudibus evitandis que per quamplures magnates et nobiles civitatis et comitatus Florentie commictuntur cotidie circa satisdationes et sodamenta que per eos fiunt et fieri debent per formam et secundum formam capituli constituti communis Florentie". La rubrica impose l'osservanza stretta della norma statutaria, estendendola ai figli "bastardi" dei magnati e anche a coloro che fossero iscritti alle arti o esercitassero la mercanzia: dunque anche ai magnati banchieri, giudici, cambiatori e mercanti. Il rafforzamento delle misure accentuò lo scontento dei magnati, anche perché non era sempre agevole trovare dei fideiussori disposti a farsi carico della cauzione, dato anche l'altissimo numero degli individui tenuti a sodare e le condanne non infrequenti in quei mesi. Molte delle richieste di esenzione e di sgravio dall'obbligo di sodare erano dovute alle difficoltà economiche in cui si dibattevano molti lignaggi in declino. La rubrica degli Ordinamenti prevedeva infatti sia l'esenzione totale per quei casati che da cinque anni non avessero pagato alcuna cauzione, disponendone anche la cancellazione dalla lista dei magnati e la riammissione alla condizione di "popolani", sia la facoltà ai priori delle arti - la massima magistratura del regime popolare - di concedere sgravi qualora un magnate non fosse in grado di trovare un mallevadore per povertà.

In un clima politico così avvelenato va inquadrata la provvisione approvata il 3 agosto 1294, che accusava i priori in carica nei mesi precedenti di avere concesso troppi sgravi ed esenzioni ai magnati che in questo modo non avevano timore di commettere eccessi e malefici ("Cum multi ex magnatibus civitatis et comitatus Florentie qui secundum formam statutorum Comunis Florentie et Ordinamentorum iustitie satisdare tenentur et debent tamquam magnates ab ipsis satisdationibus inveniantur alleviati per offitium dominorum Priorum artium et Vexilliferi iustitie pro tempore existentium et satisdederint pro minima quantitate ita quod propter dictam minimam satisdationem mallificia et excessus committere et facere non formidant"). I nuovi priori in carica - "super infrascriptis intellecta et cognita voluntate quamplurium popularium civitatis Florentie, et in hiis prehabitis diligenti examinatione, deliberatione et consiliis quamplurium sapientum virorum" - deliberarono e sottoposero all'approvazione dei consigli comunali un ulteriore inasprimento delle misure, motivato propagandisticamente "ad hoc ut magnates de cetero ab excessibus et mallifitiis attenantur et ut populares in tranquillo et pacifico statu vivere possint et etiam ad fortificationem felitium Ordinamentorum iustitie".

La provvisione disponeva che i fideiussori di un magnate condannato per offese a un popolano fossero garanti solo per la cifra assicurata, anche se inferiore a 2.000 lire, e che a colmare la differenza fossero tenuti "pater pro filio, et filius pro patre, et frater pro fratre ex eodem patre, et patruus pro nepote et nepos pro patruus, et avus paternus pro nepote et nepos pro avo paterno", fino alla cifra di 3.000 lire: la responsabilità familiare era estesa così al secondo grado di parentela. Inoltre, ai magnati che avessero sodato, direttamente o mediante mallevadore, per una cifra inferiore a 500 lire era vietato portare armi da difesa.

La registrazione notarile delle votazioni di approvazione della provvisione del 3 agosto 1294 non si è conservata nei registri dei cosiddetti Libri fabarum. Nondimeno, nelle formule giuridiche di autenticità riportare nel registro "in mundum" delle provvisioni redatto da Bonsignore di Guezzo da Modena, notaio delle riformagioni del Comune, sono annotati gli esiti quantitativi di alcuni scrutini, che indicano la maggioranza schiacciante con cui la legge fu approvata nei vari consigli del comune. Il 3 agosto la provvisione fu licenziata a scrutinio segreto dal consiglio dei Cento: i consiglieri che deposero "balloctas in pisside alba in qua scriptum est sic" furono 70, contro i soli 9 che deposero "balloctas in contrarium in pisside rubea in qua scriptum est non". Lo stesso giorno, nel consiglio speciale del capitano e delle capitudini delle dodici arti maggiori, il rapporto fu di 54 favorevoli contro 7, mentre nel consiglio generale del capitano la votazione fu palese, "ad sedendum et levandum" (cioè con l'alzata in piedi o meno dei consiglieri), e "placuit quasi omnibus in dicto consilio existentibus". Il giorno successivo la provvisione fu approvata anche dal consiglio generale e speciale del podestà, ma in questo caso ser Bonsignore non annotò l'esito quantitativo degli scrutini.

Edizione, traduzione: Piero Gualtieri

Commento: Andrea Zorzi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis