Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Provvisione

1295 luglio 6, Firenze

Rubrica degli Ordinamenti di giustizia del 6 luglio 1295 sulle pene imposte ai magnati autori di violenze e offese nei confronti dei popolani.

Biblioteca Nazionale Centrale di Firenze, Fondo Nazionale, II, I, 153.

Codice membranaceo, in lingua latina, di carte II, 34, modernamente numerate, mm. 385x265. Composto di un bifolio con funzioni di guardia e di 5 fascicoli (l'ultimo bifolio con specchio di mm. 250x150). Scritto da più mani della fine del secolo XIII. Tutte le carte, tranne cc. 32v-33r, hanno lettere in rosso, rubriche e ritocchi ai capoversi.
Rilegatura in assi, antica con piatti esterni decorati con una croce rossa in campo bianco (simbolo del "popolo" fiorentino), e costola in pergamena del secolo XVIII. Sul piatto anteriore è scritto in caratteri gotici "Liber ordinamento[rum]", in senso capovolto rispetto al testo; all'interno è scritto: "Bibliothece conventus sancte Marie Novelle de Florentia" di mano del secolo XVI. A c. 1r, di mano del secolo XVI o XVII si legge "Ordinamenta iustitie pro reipublice florentine utilitate".
Contiene nelle carte 1-31 il testo degli Ordinamenti di giustizia del 6 luglio 1295. Il testo è diviso in 62 rubriche. Nelle carte 32-33 contiene alcune aggiunte dell'anno 1297.

Edd.: I. da SAN LUIGI, Delizie degli eruditi toscani, Firenze 1777, t. IX, pp. 353-357 (parziale); Memorie istoriche che possono servire alle vite degli uomini illustri del convento di S. Maria Novella di Firenze dall'anno 1221 al 1320, arricchite di monumenti e illustrate con note del padre F. Vincenzo Fineschi domenicano, Firenze 1790, t. I, pp. 186-253; G. SALVEMINI, Magnati e popolani in Firenze dal 1280 al 1296, Firenze 1899, pp. 384-432.

Testo

/c. 7v/ [VI] DE PENIS IMPOSITIS ET ORDINATIS CONTRA MAGNATES OFFENDENTES POPULARES.
Ordinatum est etiam et provisum quod, si aliquis de magnatibus civitatis vel districtus Florentie quomodocumque, scilicet studiose vel premeditate, interficeret vel interfici faceret seu vulneraret vel vulnerari faceret aliquem popularem (a) /[c.8r]/ civitatis vel comitatus Florentie, ita quod de ipsis vulneribus seu vulnere mors sequeretur, dominus potestas ipsum talem magnatem facientem seu fieri facientem tale mallefitium et quemlibet eorum, scilicet tam facientem quam fieri facientem, condempnet in capite et capud ei et eis faciat amputari ita quod moriatur, si in fortiam comunis Florentie pervenerit; et nichilominus eorum et cuiusque ipsorum bona omnia debeat et teneatur facere devastari et destrui et eis destructis et devastatis publicentur comuni Florentie et ad comune Florentie faciat pervenire. Si vero in fortiam comunis Florentie tales malefactores non pervenerint, nichilominus pena capitis condempnentur ita quod, si aliquo tempore pervenerint in fortiam comunis Florentie, capud amputetur ei vel eis ita quod moriantur; et omnia eorum bona devastentur et destruantur et eis devastatis perveniant in comuni Florentie. Et nicchilominus fideiussores talis magnatis et malefactoris, qui pro ipsis malefactoribus fideiussissent apud comune Florentie, compellantur et compelli debeant per dominum potestatem solvere comuni Florentie illam quantitatem pecunie pro qua fideiussissent pro ipso magnate et malefactore vel altero eorum; et quod talis fideiussor, pro ipsa quantitate pecunie quam solveret, habeat regressum in bonis talis malefactoris devastatis et destructis, facta diligenti extimatione de talibus bonis. Et illud quod superfuerit de talibus bonis perveniat in comuni Florentie. Hoc expresso, intellecto addito et declarato in omnibus supradictis quod ille solummodo qui, ut infra dicetur, fiet capitaneus homicidii penis supradictis puniatur. Reliqui vero magnates, qui dicto homicidio interfuerint et percusserint huiusmodi popularem, in libris duobus milibus f. p. pro quolibet eorum comuni Florentie condempnentur. Alii vero magnates qui aliter de dicto homicidio culpabiles fuerint, in libris mille f. p. pro quolibet eorum comuni Florentie condempnentur. Et procedatur ad exactionem ipsarum condempnationum per compulsionem ipsorum fideiussorum et destructionem bonorum, ut supra dictum est. Et pro dicto homicidio fieri (b) possit unus capitaneus tantum de facientibus et unus capitaneus tantum de fieri facientibus dictum /[c.8v] homicidium, qui pena capitis et in (c) destructione suorum bonorum puniatur, ut supra dictum est. Et fiat ipse capitaneus dicti homicidii a coniuncto vel coniunctis occisi. Et si ipsi coniuncti requisiti per regimen Flor(entie) non facerent dictum capitaneum, tunc potestas vel capitaneus, coram quo fieret dictus processus, faciat et facere teneatur (d) ipsum capitaneum per suam inquisitionem et offitium et ipsum capitaneum punire et condempnare modo predicto.

Si vero aliquis magnas vulneraret seu vulnerari faceret cum aliquo genere ferramenti seu armorum aliquem popularem civitatis vel comitatus Florentie studiose vel premeditate in vultu, ita quod sanguis exiret de ipso vulnere et vulnus esset enorme, vel in aliquo menbro studiose vel premeditate vulneraverit seu vulnerari fecerit, ita quod de ipso menbro debilitatus remaneret, si in fortiam comunis Florentie pervenerit, tam faciens quam fieri faciens per potestatem condempnetur in libris duobus milibus (e) f. p. quam condempnationem, si non solveret, infra decem dies a die condempnationis amputetur ei manus dextra ita quod separetur a bracchio. Si vero non venerit in fortiam comunis per dictum dominum potestatem, in libris duobus milibus condempnetur, et si aliquo tempore in fortiam comunis Florentie pervenerit et infra decem dies condempnationem non solverit, amputetur ei manus ita quod a bracchio separetur omnino. In quo casu, scilicet si non venerit in fortiam comunis, bona omnia ipsius talis magnatis non venientis destruantur et devastentur et devastata deveniant in comuni. Et nicchilominus fideiussores illius, qui non pervenerit in fortiam comunis, compellantur et compelli debeant per dominum potestatem solvere comuni Florentie illam quantitatem pecunie pro qua fideiussissent pro eis apud comune Florentie, habituri regressum in bonis sic devastatis pro quantitate quam solverint, facta tamen extimatione dictorum bonorum, ut dictum est; et residuum bonorum remaneat apud comune Florentie. Salvo quod si fideiussores talis condempnati solverint (f) infra decem dies a die condempnationis integre dictam condempnationem, bona talis condempnati existentia extra civitatem, burgos et suburgos Florentie non devastentur vel publicentur; et regressum habeant (g) /[c.9r]/ dicti fideiussores, ut dictum est solventes, in bonis talis condempnati; et nichil amplius tales fldeiussores ratione sue fideiussionis solvere compellantur ipsa de causa, scilicet si solverint dicto comuni integre quantitatem pro qua fideiussissent, ut dictum est. Hoc expresso, intellecto et declarato et addito quod, pro uno vulnere vultus vel debilitatione menbri, ut dictum est, non possint vel debeant condempnari penis predictis nisi solummodo duo, scilicet faciens et fieri faciens ipsum vulnus. Alii vero, qui reperientur culpabiles de predictis, puniantur penis statuti comunis Florentie.

Si vero aliquis magnas civitatis vel comitatus Florentie studiose vel premeditate vulneraret vel percuteret vel vulnerari vel percuti faceret aliquem popularem civitatis vel comitatus Florentie cum aliquo genere armorum, ita quod sanguis exiret ex vulnere, nec mors fuerit secuta nec etiam vulnus enorme fuerit illatum in vultu, nec menbri debilitatio inde fuerit subsecuta, in hoc casu condempnetur per dominum potestatem in libris mille f. p. pro quolibet vulnere seu percussione, et si sanguis non exiret in libris quingentis f. p. tam faciens quam fieri faciens. Hoc expresso, intellecto, declarato et addito in omnibus supradictis quod pro uno vulnere seu percussione cum effusione seu (h) sine effusione sanguinis non possint vel debeant condempnari penis predictis nisi duo, scilicet faciens et fieri faciens ipsum (i) vulnus seu percussionem. Alii vero, qui reperientur culpabiles de predictis, puniantur penis statuti comunis Florentie. Et si vacuis manibus studiose vel premeditate percuteret vel percuti faceret ipsum popularem, condempnetur in libris (j) trecentis f. p., si in fortiam comunis Florentie pervenerit; et si non pervenerit in fortiam comunis, condempnari debeat in dictis quantitatibus, ut dictum est, et eorum bona debeant devastari et eis devastatis perveniant in comune; et nichilominus eorum fideiussores, qui pro eis vel aliquo eorum fideiussissent comuni Florentie, compellantur solvere comuni Florentie usque in dictas quantitates si pro tanta quantitate fideiussores extitissent; et si non /[c.9v]/ fideiussissent pro tanta, pro ea quantitate pro qua fideiussissent, solvere compellantur, habituri regressum in bonis eius pro quo solverint (k) usque in illa quantitate quam solverint (l). Salvo quod si fideiussores talis condempnati condempnationem factam solverint infra decem dies, bona talis condempnati non devastentur vel publicentur, sed regressum habeant tales (m) fideiussores adversus talem condempnatum et bona eius usque in quantitatem quam solverint (n) pro eodem.

Et in omnibus predictis casibus non prosit aliqua pax que redderetur ab aliquo dicto tali offendenti vel offendi facienti vel condempnato vel alteri pro eo recipienti quandocumque; et sufficiat probatio in predictis omnibus et quolibet predictorum contra ipsos magnates (o) facientes et fieri facientes et quemlibet eorum mallefitia supradicta vel aliquod eorum, saltem per tres testes probantes de publica fama, et per sacramentum offensi si viveret; et si non viveret per sacramentum filii vel filiorum suorum, si filium vel filios haberet; et si filium vel filios non haberet vel si haberet filium vel filios et essent minores quattuordecim annis, per sacramentum patris vel fratris offensi, vel alterius proximioris in gradu, si patrem vel fratrem non haberet; dummodo ad probandum dictam famam non admittantur vel recipiantur aliqui de domo passi iniuriam nec inimici illius qui diceretur offendisse, quorum testimonium de iure non admittitur. Et quod talis magnas etiam si solveret condempnationem de eo factam, nichilominus infra quinquennium non habeat aliquod offitium vel benefitium vel honorem a comuni vel pro comuni Florentie. Et in predictis omnibus et singulis dominus potestas habeat liberum arbitrium inquirendi et investigandi et cognoscendi; et teneatur et debeat ipsa mallefitia et quodlibet eorum investigare et codempnare contra facientes, ut dictum est, infra quintam diem post commissum mallefitium et postquam denuntiatum ei fuerit vel ad eius notitiam pervenerit, scilicet mallefitia mortis et vulneris enormis in vultu et debilitationis menbri; quod si non faceret, cadat et privatus sit a regimine sue potestarie. Alia vero mallefitia supra specificata teneatur inquirere /[c.10r]/ et punire infra octo dies postquam ei denuntiatum esset vel ad eius notitiam pervenisset; quod si non faceret, perdat de suo salario libras quingentas f. p. Et si infra dicta tempora dominus potestas predicta executioni non mandaverit, ut dictum est, post ipsos terminos dominus defensor et capitaneus ipsa mallefitia teneatur inquirere et punire, postquam ei denuntiatum esset vel ad eius notitiam pervenisset modo predicto, infra alios quinque dies scilicet mallefitia mortis et vulnerum enormium vultus et debilitationis menbri, alia vero mallefitia predicta infra octo dies, ut dictum est; quod si non faceret et negligens fuerit, in predictis tribus casibus, scilicet mortis, vulneris enormis vultus et debilitationis menbri, sit privatus sua iurisdictione et offitio capitanie, et in aliis casibus perdat de suo salario libras quingentas f. p.

Hoc declarato, intellecto et addito quod, si contigerit (p) aliquod predictorum mallefitiorum per aliquem magnatem vel magnates committi extra civitatem et comitatum seu districtum Florentie, potestas vel capitaneus, coram quo de ipso mallefitio cognoscetur, possit, teneatur et debeat inquirere et punire ipsum mallefitium infra terminum et dilationem competentem, qui et que per ipsum potestatem vel capitaneum cum consilio (q) priorum artium et vexilliferi iustitie assignatus fuerit secundum loci distantiam in quo diceretur mallefitium commissum fuisse. Et <si> dicta mallefitia punita non fuerint per dominum potestatem, ut dictum est, apothece omnes artificium civitatis Florentie stare et teneri debeant clause et firmate per omnes artifices civitatis Florentie. Et quod interim nullum laborerium fiat, sed ipsi artifices armati et muniti stent et permaneant donec predicta omnia effectui demandentur, ut supra dictum est, sub pena librarum vigintiquinque f. p. auferenda per dominum capitaneum contra facient(i). Et contra omnes et singulos artifices predicta non servantes dominus capitaneus habeat merum et purum arbitrium in inquirendo, cognoscendo et puniendo. Et vexillifer iustitie teneatur et debeat cum effectu facere et procurare quod predicta et quodlibet predictorum effectui demandentur infra tempus et tempora suprascripta; sub pena /[c.10v]/ librarum ducentarum f. p. eidem vexillifero auferenda per dominum capitaneum. Hoc declarato, intellecto et addito quod post absolutionem factam de aliquo magnate occasione alicuius mallefitii, quod diceretur commissum fuisse in persona vel possessionibus alicuius popularis, de quo mallefitio cognosci poterat secundum ordinamenta iustitie, amplius de ipso mallefitio inquiri vel procedi non possit contra ipsum magnatem nisi constiterit per acta primi processus ipsum imdebite (v) seu contra ordinamenta iustitie absolutum fuisse (r). Et ut temeraria audacia illorum qui talia committere non formidant, sicut expedit, refrenetur et pro honore regiminis domini potestatis et pro libertate et bono statu popularium conservando, provisum et ordinatum est quod, si contigerit (s) aliquem ex magnatibus civitatis vel comitatus Florentie committere vel committi facere aliquod mallefitium in personam alicuius popularis civitatis vel (t) comitatus Florentie, ex quo mallefitio mors sequatur vel faciei vituperatio ex enormi vulnere seu menbri abscisio, ita quod ipsum menbrum a reliquo corpore separetur, dominus potestas civitatis Florentie teneatur et debeat proprio sacramento incontinenti sine dilatione aliqua, cum ad ipsius (u) notitiam pervenerit dictum mallefitium fore commissum, de conscientia vexilliferi iustitie facere pulsari (v) ad martellum campanam suam et banniri facere publice per civitatem quod dicti mille pedites electi armati concurrant et ire sine mora /[c.11r]/ festinent ad domum dicti vexilliferi; et incontinenti ipse vexillifer iustitie, una cum predictis peditibus armatis et cum vexillo iustitie, ad domum sive palatium domini potestatis vadant. Et tunc dictus (w) dominus potestas mittat et mictere teneatur et debeat, omni occasione et dilatione remotis, unum vel plures ex iudicibus seu militibus suis cum illis ex suis familiaribus, quos voluerit, cum dictis vexillifero et peditibus viriliter et potenter ad domos et bona talis magnatis committentis vel committi facientis mallefitium aliquod ex proxime predictis, et ipsas domos et bona in civitate burgis et suburgis Florentie existentia funditus et radicitus destruere et devastare et destrui et devastari totaliter facere ante quam a loco discedant ubi erunt posita dicta bona.

In aliis vero ceteris malefitiis suprascriptis per magnates in populares ut predictur commissis, ex quibus mors seu menbri a reliquo corpore separatio vel faciei ex enormi vulnere vituperatio non sequeretur, pro quibus bona dictorum magnatum iam dicta mallefitia committentium vel committi facientium destrui et devastari deberent secundum modum prescriptum. Illud idem observetur et fiat per dictos (x) dominum potestatem et vexilliferum et pedites et familiam potestatis post decem dies elapsos a die condempnationis facte (y) de tali malefactore magnate ipsa mallefitia vel eorum aliquod committente vel committi faciente, nisi infra decem dies predictos dicta condempnatio fuerit comuni Florentie integraliter exsoluta. Et semper cum dictus vexillifer ibit cum dictis familia potestatis et peditibus ad dicta bona destruenda, ut dictum est, vexilliferi omnium suprascriptarum artium cum hominibus suarum artium esse et stare debeant armati et parati ad accedendum ad dominum capitaneum viriliter et potenter ad ipsius mandata in omnibus obediendum (z) sicut de ipsius domini capitanei voluntate ac mandato processerit.

(a) Segue i depennato

(b) S feri

(c) in nel margine sup.

(d) Ms. tenantur

(e) milibus corretto su miabus

(f) S fideiussor talis condempnati solverit

(g) In calce alla carta dicti fidesiussores, rimando di fine quaderno all'incipit del quaderno successivo

(h) Scritto su rasura

(i) Segue i, depennato

(j) Ms. lbris

(k) Ms. solverit

(l) Ms. solverit

(m) tales corretto su tals

(n) Ms. solverit

(o) S ipsos tales magnates

(p) contigerit corr. da contingerit depennando la seconda n

(q) Segue i depennato

(r) Segue Hoc tamen salvo et specialiter addito quod domino Tebaldo de Brixia potestati Florentie, si predicta mallefitia investigare et inquirere non potuerit et magnates ea committentes seu committi facientes non punierit infra predictos terminos, ut dictum est, liceat toto tempore sui regiminis et post dictos terminos de predictis inquirere investigare et punire, ut dictum est, dummodo predicta effectui mandet infra tempora sibi per constitutum comunis assignata, ita quod idem (segue i depennato) dominus Tebaldus presens potestas in aliquam penam non incidat predictis occasionibus, si predicta faceret infra terminum in statuto contentum depennato; nel margine sinistro vacat quia superfluum. S mette a testo.

(s) contigerit corr. da contingerit depennando la seconda n

(t) Segue i depennato

(u) Segue i depennato

(v) pulsari corr. su pulsare

(w) S. om. dictus

(x) S per predictos

(y) Ms. facere

(z) Ms. obediendiendum

Traduzione

[VI] DELLE PENE IMPOSTE E STABILITE CONTRO I MAGNATI CHE OFFENDANO I POPOLARI. RUBRICA.
È ordinato e stabilito che, se un magnate della città o del distretto di Firenze in qualsivoglia modo, vale a dire intenzionalmente o con premeditazione, uccidesse o facesse uccidere, ferisse o facesse ferire un popolare della città o del contado in modo da provocarne la morte, messer podestà condanni tale magnate, sia che abbia commesso il maleficio di persona sia che lo abbia commissionato ad altri, alla pena capitale e gli faccia mozzare il capo, nel caso in cui sia stato fermato dalle autorità comunali. E nondimeno debba e sia tenuto a far devastare e distruggere tutti i beni del reo e questi beni, una volta distrutti e devastati, siano considerati proprietà del comune. Se invero tali malfattori non saranno catturati, siano nondimeno condannati alla pena capitale di modo che, se mai saranno presi, sia loro tagliata la testa; e tutti i loro beni siano devastati e distrutti e, così devastati divengano proprietà del comune. Inoltre, i mallevadori di tale magnate malfattore - i quali avessero prestato garanzia per quello stesso malfattore presso il comune - siano costretti e debbano essere obbligati dal podestà a pagare al comune quella quantità di denaro per la quale avevano prestato garanzia; e tale mallevadore, per la cifra che avrà pagato, abbia diritto di rifarsi sui beni devastati e distrutti del malfattore, fatta accurata stima di tali beni, e ciò che di tali beni avanzasse, divenga proprietà del comune. A quanto appena detto, tuttavia, si aggiunga che solo colui che, come sarà detto oltre, sarà individuato quale capitano dell'omicidio sia condannato alle pene suddette. Gli altri magnati che, invece, presero parte e colpirono il popolare, siano condannati a pagare al comune di Firenze 2.000 lire di fiorini piccoli ciascuno. Ma gli altri magnati che fossero colpevoli in altro modo del detto omicidio siano condannati a pagare al comune di Firenze 1.000 lire di fiorini piccoli ciascuno. E nell'esazione delle condanne si proceda obbligando i mallevadori dei condannati e distruggendo i beni di quest'ultimi, come si è detto. Per ogni omicidio, inoltre, possa essere individuato un solo capitano tra coloro che avranno commesso quel crimine ed uno solo tra coloro che l'avranno commissionato, i quali siano puniti con la pena capitale e la distruzione dei beni. Questo capitano del delitto sia individuato dal congiunto o dai congiunti della vittima; e se questi congiunti, richiesti dal regime fiorentino, non nominassero il detto capitano, allora sia il podestà o il capitano, a seconda che il processo sia intentato davanti all'uno o all'altro, a individuare il capitano tramite propria inchiesta e lo punisca e condanni secondo i modi previsti.

Se invero un magnate ferisse o facesse ferire intenzionalmente o con premeditazione, con qualsiasi genere di arnese o di arma, un popolare della città o del contado in volto, così da provocarne perdita di sangue o ferita enorme, o in una parte del corpo, così da causare una mutilazione, se sarà fermato dalle autorità comunali, sia colui che avrà agito di persona che colui che avrà commissionato il maleficio, sia dal podestà condannato in 2.000 lire di fiorini piccioli; e se egli non pagherà tale cifra entro dieci giorni dalla condanna, abbia amputata la mano destra. Se invero non sarà catturato, dal podestà sia condannato in duemila lire e, se mai sarà fermato dalle autorità comunali e non avrà pagato quella cifra entro dieci giorni, abbia amputata la mano. In quest'ultimo caso, i beni di tale grande siano distrutti e devastati e così devastati divengano proprietà del comune.

E nondimeno i mallevadori di colui che non sarà stato catturato, siano obbligati e debbano essere obbligati dal podestà a pagare al comune quella cifra per la quale avevano prestato garanzia presso lo stesso comune, avendo diritto di rifarsi sui beni devastati per quella cifra che avevano pagato, fatta tuttavia adeguata stima di quei beni, com'è detto; e che quanto avanzerà divenga proprietà del comune. Se, tuttavia, i mallevadori del condannato pagheranno entro dieci giorni a partire dalla data della condanna l'intera cifra, allora i beni del condannato al di fuori della città, dei suoi borghi e dei suoi sobborghi non siano devastati né divengano proprietà pubblica; tali mallevadori abbiano diritto di rifarsi sui beni del condannato e non siano obbligati a pagare niente di più di quanto avranno garantito. A ciò, tuttavia, si aggiunga che per una ferita al volto o una mutilazione non possano né debbano essere condannati alle pene suddette che due, vale a dire colui che avrà fatto o colui che avrà ordinato di fare la detta ferita. Gli altri invece, che saranno riconosciuti colpevoli dei delitti suddetti, siano puniti secondo quanto previsto dagli statuti del comune di Firenze. Se invero un magnate della città o del contado di Firenze, intenzionalmente o con premeditazione, ferisse o colpisse, facesse ferire o colpire un popolare della città o del contado con una qualsivoglia arma in modo tale da provocare perdita di sangue ma senza causare morte o ferita enorme al volto o mutilazione di qualche parte del corpo, allora sia egli condannato dal podestà al pagamento di 1.000 lire di fiorini piccoli per ciascuna ferita o colpo inferto; e se invece non causasse perdita di sangue, colui che avrà agito in prima persona sia condannato - come colui che avrà commissionato il delitto a terzi - in 500 lire di fiorini piccoli per ciascuna ferita o colpo. A ciò, tuttavia, si aggiunga che per una ferita o colpo con o senza perdita di sangue non possano né debbano essere condannati alle pene previste che due, vale a dire colui che avrà inflitto o colui che avrà ordinato di infliggere la detta ferita o percossa. Gli altri invero, che saranno riconosciuti colpevoli, siano puniti secondo quanto previsto dagli statuti del comune. E se, intenzionalmente o con premeditazione, il magnate avrà colpito o fatto colpire un popolare a mani nude, sia condannato in 300 lire di fiorini piccoli se sarà catturato dalle autorità comunali; se invece non sarà catturato, debba essere condannato al pagamento delle dette cifre e i suoi beni siano devastati e così distrutti divengano proprietà comunale. E i mallevadori, che avranno prestato garanzia per lui al comune di Firenze, siano obbligati a pagare al comune dette cifre, se per tali cifre avranno garantito; se invece non avessero garantito per cifre tanto elevate, siano obbligati a pagare solo la cifra per la quale avranno prestato garanzia, avendo diritto di rifarsi sui beni di colui per il quale furono mallevadori e per quella quantità di denaro per la quale garantirono e che pagarono. Se, tuttavia, i mallevadori del condannato pagheranno la pena pecuniaria inflittagli entro dieci giorni, allora i beni del condannato non siano devastati né divengano beni pubblici, ed i mallevadori abbiano diritto di rifarsi nei confronti del condannato e dei suoi beni per quella cifra che pagarono per lui. In ogni caso, a colui che avrà compiuto l'offesa o l'avrà ordinata o al condannato non giovi alcuna pace che possa essere resa a lui o ad altri ricevente in suo nome. E in ciascuno dei predetti casi, contro i magnati che avranno agito in prima persona o che avranno commissionato il maleficio a terzi, siano sufficienti le dichiarazioni di almeno tre testimoni che attestino la pubblica fama sul fatto e il giuramento della vittima, se sarà sopravvissuta, o se non lo fosse, del figlio o dei figli o, se non avesse figli o fossero d'età inferiore ai quattordici anni, del padre o del fratello o del parente più prossimo, se non avesse padre e fratelli, purché a testimoniare detta fama non siano ammessi membri del casato della vittima né nemici del presunto colpevole; le loro dichiarazioni non siano accolte di diritto. E anche se il magnate avrà pagato la cifra cui sarà stato condannato, nondimeno non abbia alcun ufficio, beneficio o onore dal comune o per il comune di Firenze per i successivi cinque anni.

Ed in ciascuno dei suddetti casi, messere podestà abbia libero arbitrio di indagare e di informarsi, e sia tenuto e debba indagare su ogni maleficio e far condannare i colpevoli entro cinque giorni dal momento in cui, commesso il maleficio, ossia morte o ferita enorme in volto o mutilazione, ne avesse ricevuto denuncia o notizia; e se non lo farà, sia dichiarato decaduto dal suo officio di podestà. Sia invece tenuto a indagare e punire gli altri crimini sopra rammentati entro otto giorni dal momento in cui ne avesse ricevuto denuncia o notizia e, se non lo facesse, perda 500 lire di fiorini piccoli dal suo salario. Nel caso in cui il podestà non compiesse quanto previsto entro i termini stabiliti, sia tenuto ad indagare e punire i medesimi delitti messere difensore e capitano, dopo che ne avesse ricevuto denuncia o notizia, entro altri cinque giorni nel caso di omicidi, ferite enormi nel volto e mutilazione, entro otto giorni per gli altri crimini; e se non lo facesse, nel caso di omicidio, ferita enorme in volto e mutilazione, sarà privato della giurisdizione e del suo stesso ufficio di capitano, mentre negli altri casi perderà 500 lire di fiorini piccoli del suo salario. A ciò si aggiunga, tuttavia, che, se capitasse che uno dei suddetti crimini fosse commesso da uno o più magnati al di fuori della città, del contado e del distretto di Firenze, allora il podestà o il capitano, a seconda di chi ne venisse a conoscenza, possa, sia tenuto e debba indagare e punire il detto crimine entro il termine o la proroga stabiliti dallo stesso podestà o capitano col consiglio dei priori delle arti e del gonfaloniere di giustizia sulla base della distanza del luogo in cui si dirà esser stato commesso il delitto.

Se detti crimini non fossero puniti dal podestà, tutte le botteghe degli artigiani di Firenze debbano essere chiuse e rimanere serrate; frattanto, non si lavori, e gli artigiani si armino e rimangano armati fin tanto che quanto previsto, come sopra è stato detto, sia portato a compimento, sotto pena di 25 lire di fiorini piccoli che il capitano sarà tenuto a esigere dai trasgressori, contro i quali egli avrà anche piena libertà di indagine e di castigo. E il gonfaloniere di giustizia sia tenuto e debba agire in modo tale che le suddette cose siano correttamente compiute entro i tempi previsti, sotto una pena di 200 lire di fiorini piccoli che gli sarà imposta dal capitano in caso di negligenza. A ciò si aggiunga che, se un magnate sarà stato assolto dall'accusa di aver commesso un crimine contro la persona o le proprietà di un popolare - sul quale crimine si poteva investigare secondo quanto sancito dagli ordinamenti di giustizia -, allora non si possa indagare oltre su quel delitto né si possa procedere contro quel magnate, a meno che non risultasse dagli atti del primo processo che egli fosse stato prosciolto illegittimamente o contro quanto previsto dagli ordinamenti di giustizia.

E affinché la temeraria audacia di coloro che non temono di commettere tali crimini sia, come conviene, frenata, e per conservare l'onore del regime di messer podestà, la libertà e il buono stato dei popolari, è deciso ed ordinato che, nel caso in cui un magnate della città o del contado di Firenze commettesse o facesse commettere un crimine nei confronti di un popolare della città o del contado, causa di morte, di deturpazione del volto per ferita enorme o di mutilazione, messer podestà sia tenuto e debba, sulla base del suo giuramento, immediatamente e senza indugio dal momento in cui gli sarà giunta notizia del delitto commesso, far sì che il gonfaloniere di giustizia faccia suonare a martello la sua campana e che per la città i banditori convochino i mille fanti eletti affinché, armati, corrano senza indugio alla dimora dello stesso gonfaloniere e, insieme, si rechino immediatamente alla casa o al palazzo del podestà. Allora il podestà, accantonato ogni impedimento e rinvio, mandi, e sia tenuto a inviare uno o più dei suoi giudici o cavalieri, con quei membri della sua famiglia che egli avrà voluto mandare, insieme col gonfaloniere e i fanti presso le case e le proprietà di quel magnate che avrà commesso o fatto commettere uno dei crimini sopra descritti e quelle stesse case e beni, sia che fossero in città che nei borghi e nei sobborghi di Firenze, faccia distruggere e devastare dalle fondamenta e, solo dopo che li avranno distrutti e devastati completamente, possano il gonfaloniere e i fanti, insieme a coloro che erano con loro, allontanarsi dal luogo in cui quelle proprietà si trovavano. Nel caso in cui, invece, il magnate abbia commesso o fatto commettere contro un popolare uno degli altri crimini sopra descritti, dal quale, cioè, non sia conseguita morte o mutilazione o sfregio nel volto a causa di una ferita enorme e per il quale è previsto che i beni del magnate siano devastati e distrutti secondo quanto stabilito, tale devastazione avvenga e sia fatta dal podestà, dal gonfaloniere, dai fanti e dalla famiglia del podestà trascorsi dieci giorni dal giorno della condanna di quel magnate che avrà commesso o commissionato il misfatto, se entro i suddetti dieci giorni egli non avesse pagato per intero al comune la pena impostagli. E ogni volta che il gonfaloniere andrà a distruggere i detti beni con la famiglia del podestà e i fanti, i gonfalonieri di tutte le suddette arti coi loro uomini armati dovranno essere pronti a presentarsi davanti al capitano e ad obbedire ad ogni suo ordine, così come egli deciderà.

Commento

È qui riportata la rubrica De penis impositis et ordinatis contra magnates offendentes populares, così come riscritta nella nuova versione degli Ordinamenti di giustizia approvati dai consigli del comune il 6 luglio 1295.

Il giorno precedente i magnati avevano minacciato un colpo di mano contro il governo del priorato, perché esasperati dal rigore con cui le norme erano state applicate inizialmente. Il ricordo di un protagonista politico di quei mesi, il popolano Dino Compagni, testimonia il crescente risentimento dei grandi:

"Molto montò il rigoglio de' rei uomini, però che i grandi, cadendo nelle pene, erano puniti; però che i rettori temeano le leggi, le quali voleano che con effetto punissono. Questo effetto si distendea tanto, che dubitavano se l'uomo accusato non fusse punito, che il rettore non avesse difensione né scusa: il perché niuno accusato rimanea impunito. Onde i grandi fortemente si doleano delle leggi, e alli essecutori d'esse diceano: "Uno caval corre, e dà della coda nel viso a uno popolano; o in una calca uno darà di petto sanza malizia a uno altro; o più fanciulli di piccola età verranno a quistione; gli uomini gli accuseranno: debbano però costoro per sì piccola cosa esser disfatti?" (Cronica, I, 12).

L'insurrezione magnatizia del 5 luglio 1295, sedata dall'intervento dei domenicani, costrinse comunque i consigli del comune a emanare una nuova scrittura degli Ordinamenti che ne addolciva alcuni contenuti. In ambito penale fu introdotta la distinzione tra delitti premeditati e non volontari, tra lesioni gravi e leggere, fra mandanti ed esecutori, portando a un relativo alleggerimento della condizione penale del magnate che avesse commesso un maleficio.

Rispetto al testo della rubrica V approvato nel 1293 quello del 1295 (slittato a rubrica VI per l'anticipazione al suo posto della rubrica XX del 1293, De pena tractantium seu preces porrigentium super electionem Potestatis, Capitanei, Priorum seu Vexiliferi iustitie) mostra infatti alcune significative variazioni. In primo luogo è introdotta la specificazione aggravante "studiose vel premeditate", come formula giuridicamente qualificativa delle figure di reato, che costringeva il giudice a tener conto della premeditazione dell'atto e apriva margini ai magnati per dimostrare l'accidentalità della violenza.

Soprattutto, la norma tese ora a individuare un solo mandante ("capitaneus homicidii") per ogni omicidio - "Et pro dicto homicidio fieri possit unus capitaneus tantum de facientibus et unus capitaneus tantum de fieri facientibus dictum homicidium" -, graduando le pene: la morte per il mandante, 2.000 lire di fiorini piccoli per gli altri magnati che avessero colpito il popolano e 1.000 lire per i magnati che fossero stati coinvolti in altro modo nell'omicidio. Di rilievo è il fatto che a indicare il mandante fossero tenuti i parenti della vittima ("Et fiat ipse capitaneus dicti homicidii a coniuncto vel coniunctis occisi") o, in vece loro, il rettore "per suam inquisitionem et offitium". Era sollecitato, cioè, il comportamento virtuoso dei popolani e la loro collaborazione con la giustizia pubblica.

Nei casi di ferita fu disposto che potessero essere puniti al massimo solo due individui, "scilicet faciens et fieri faciens ipsum vulnus", mentre gli altri colpevoli dovevano essere puniti come previsto negli statuti ordinari ("puniantur penis statuti comunis Florentie"). A garanzia del magnate assolto dall'accusa di aver commesso violenza ai danni di un popolano fu stabilito che non potesse essere indagato nuovamente per tale reato, salvo che dagli atti del primo processo non apparisse che egli era stato prosciolto illegittimamente o contro la forma degli Ordinamenti di giustizia.

Bibliografia

G. VILLANI, Nuova Cronica, a cura di G. PORTA, 3 voll., Parma, 1991.

Edizione, traduzione: Silvia Diacciati

Commento: Andrea Zorzi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis