Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Provvisione

1296 gennaio 17, Firenze

Provvisione del 17 gennaio 1296 sul divieto di portare o tenere in casa armi o insegne di altri casati.

Firenze, Archivio di Stato, Provvisioni, Registri, 5.

Membr.; ff. I, 193, I; bianchi i ff. 16v, 45v, 48r, 71v, 72r, 84r, 101v, 112v, 113r, 121r, 123v, 124r, 132r, 133v, 138v, 140r, 142v, 147v, 149r, 150v, 156r, 159v, 160r, 161v, 176v, 177v, 178r, 189r, 191v, 193; numerazione del sec. XIV in cifre arabe per i ff. 1-151, del sec. XIX per i restanti ff.; 14 (ff. 1-4), 22, 3-46, 55, 68, 74, 87, 9-118, 124, 136, 1410, 157, 162, 177, 186, 195, 204, 216, 235, 24-254, 265, 279, 283 (il fascicolo 5 è un ternione privo del sesto foglio; il fascicolo 8 è un ternione con un foglio aggiunto all'inizio; il fascicolo 15 è un ternione con un foglio aggiunto all'inizio; il fascicolo 17 è un ternione con un foglio aggiunto alla fine; il fascicolo 19 è un ternione privo del sesto foglio; il fascicolo 23 è un duerno con un foglio aggiunto all'inizio; il fascicolo 26 è un duerno con un foglio aggiunto alla fine; il fascicolo 28 è un bifolio con un foglio aggiunto alla fine); inizio fascicolo lato pelo (iniziano col lato carne i fascicoli 6-7, 10-14, 20, 26-27); 380 × 280; rigatura a secco.
Legatura in assi, con costola e rinforzi agli angoli in cuoio.
Contiene: le provvisioni approvate dai Consigli del Comune di Firenze per il periodo 1295 marzo 24 - 1296 aprile 13.
Scritto per intero dal notaio ser Bonsignore di Guezzo da Modena, notaio delle riformagioni del Comune.
I fascicoli di cui si compone il registro riportano generalmente in alto a sinistra del recto del primo foglio la data del primo provvedimento contenuto. I ff. 1-67 contengono le provvisioni dal 7 gennaio al 13 aprile 1296, mentre dal f. 69 in poi seguono i provvedimenti dal 24 marzo all'8 dicembre 1295; si è quindi verificata un'inversione dell'ordine dei fascicoli all'altezza del f. 68, che è mancante. Sono numerosi i casi di porzioni di ff. lasciati bianchi.

Testo

[12v] In Dei nomine amen. Anno sue salutifere incarnationis millesimo CC° LXXXXV°, indictione nona, die decimo septimo intrante mense ianuarii. Consilium Centum virorum Populi et Comunis Florentie nobilis vir dominus Guelfus de filiis Oddonibus de Placentia, Capitaneus Populi et Comunis et Defensor artium et artificum, et Conservator pacis civitatis Florentie, precona convocatione campaneque sonitu in ecclesia Sancti Petri Scheradii fecit more solito congregari. In quo quidem Consilio ante omnia per me B(onsignorem) notarium subscriptum lecta fuerunt infrascripta capitula constituti domini Capitanei et etiam Comunis Florentie in ea parte qua infrascriptis infra propositis seu in aliquo infrascriptorum contradicere videbantur. Quorum capitulorum constituti domini Capitanei lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De electione et salario, iuramento et sindicatu domini Capitanei Populi et Comunis Florentie" et cetera, et incipit: "Ad statum et defensionem" et cetera; secundum est sub Rubrica: "De cognitione domini Capitanei et Defensoris et suorum iudicum" et incipit: "Possit cognoscere" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De offitio alterius iudicis domini Capitanei" et incipit: "Et alius iudex" et cetera; quartum est sub Rubrica: "Quod dominus Capitaneus teneatur observare statuta Comunis Florentie" et incipit: "Statutum et ordinatum est" et cetera. Capitulorum vero constituti Comunis Florentie etiam lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De non custodiendis hominibus in pallatio Comunis" et incipit: "Desuper ubi moratur Potestas" et cetera; secundum est sub Rubrica: "De non ponendo homines ad tormenta nisi certis de causis" et incipit: "Non debeat aliquis tormentari" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De arbitrio domini Potestatis in mallifitiis" et incipit: "Potestas habeat arbitrium" et cetera.

Quibus capitulis lectis ut dictum est, predictus dominus Capitaneus et Defensor, post debitam et solempnem provisionem et deliberationem per dominos Priores artium et Vexilliferum iustitie super infrascriptis solempniter factam, presentibus et volentibus ipsis dominis Prioribus et Vexillifero, in dicto presenti Consilio Centum virorum infrascripta proposuit et in hiis et super hiis infrascriptis sibi pro Comuni consilium dari petiit sub hac forma: videlicet si placet et videtur iamdicto presenti Consilio Centum virorum omnia et singula infrascripta, que in hoc presenti Consilio infra proxime et immediate proposita et expressa sunt, fore utilia pro Comuni Florentie et utile fore pro ipso Comuni de hiis et super hiis omnibus et singulis infrascriptis teneri et fieri omnia Consilia opportuna, et in hiis omnibus procedi, fieri et observari debere in omnibus et per omnia et prout et secundum quod infra proxime et immediate notatum et expressum est. Non obstantibus supradictis capitulis constituti domini Capitanei et Comunis Florentie lectis ut dictum est, nec aliquibus aliis capitulis, statutis, ordinamentis, seu Consiliorum reformationibus directe vel indirecte in predictis seu infrascriptis quomodolibet contradicentibus, sed eis omnibus absolutis, mutatis et correctis ita et taliter quod ab eisdem et eorum observatione domini Potestas, Capitaneus et Defensor eorumque familie, Priores artium et Vexillifer iustitie et ceteri offitiales dicti Comunis presentes et futuri, Capitudines artium et consiliarii quorumlibet Consiliorum, ego B(onsingnore) notarius infrascriptus et omnes alii quos predicta seu infrascripta tangerent vel ad ea quomodolibet tenerentur quo ad ea et eorum occasione et in quantum in hiis contradicerent vel obstarent sint liberaliter et totaliter absoluti.

Non obstante quod ipsa capitula et ordinamenta sint precisa, vel quod in eis dicatur quod absolvi mutari seu corrigi non possint, et quod de eis absolvendis corrigendis seu mutandis non possit provideri et deliberari seu exinde Consilium fieri vel teneri. Salvis semper et in omnibus reservatis ordinamentis iustitie. Ita quod predicta seu infrascripta non sit nec intelligatur esse eisdem ordinamentis iustitie in aliquo derogatum. Primo videlicet: super infrascriptis et de infrascriptis provisionibus et ordinamentis per dominos Priores artium [13r] et Vexilliferum iustitie super infrascriptis noviter editis et in presenti Consilio per me B(onsignorem) notarium subscriptum seriatim et de verbo ad verbum lectis. Et super ordinando, providendo et firmando omnia et singula que in ipsis infrascriptis ordinamentis et provisionibus continentur et scripta sunt.

Quorum quidem ordinamentorum et provisionum tenor talis est.

[13v] (…) Item (a), ordinatum et provisum est quod nullus de civitate vel comictatu Florentie cuiuscumque condictionis sit audeat vel presummat in tabullatio, targia, scuto, pavese, elmo, suprasbergha, banderia seu vexillo, vel copertis equi seu equorum portare vel deferre seu in sua domo tenere arma picta vel insignia alicuius vel aliquorum seu alicuius domus vel casati civitatis vel districtus Florentie ad penam et sub pena librarum ducentarum pro quolibet magante et librarum centarum pro quolibet popolari contrafaciente. Salvo tamen quod predicta non intelligantur nec locum habeant in armis et de armis et insignis Populi et Comunis Florentie, nec etiam in exercitibus et cavalcatis pro Comuni Florentie faciendis.

In hiis etiam proviso et addito quod predicti domini Priores et Vexillifer in predictis omnibus et singulis possint eisque liceat providere et declarare, diminuere, detrahere at addere, et de novo ordinare prout et secundum quod eisdem videbitur convenire. Benci (b) Amati consiliarius predicti Consilii, surrexit et arengando consuluit omnia et singula que in dicto presenti Consilio ut scriptum est supra proposita sunt fore utilia pro Comuni Florentie et utile fore pro ipso Comunis de hiis et super hiis omnibus et singulis teneri et fieri omnia Consilia opportuna et in hiis procedi fieri et observari debere in omnibus et per omnia modo et forma in hoc presenti Consilio supra propositis et expressis. Super quibus omnibus supra propositis in hoc presenti Consilio Centum virorum per predictum dominum Capitaneum et Defensorem scruptatis voluntatibus consiliariorum in ipso Consilio existentium, et particulariter et divisim super qualibet propositione per se prout infra patet secundum formam Ordinamentorum canonicçatorum et statutorum [14r] dicti Comunis, factis partitis ad pissides et balloctas, in ipsius Consilii reformatione.

(…) Item super predicto ordinamento et provisione per predictos dominos Priores et Vexilliferum ut prescriptum est facto incipiente [14v]: "Item ordinatum et provisum est quod nullus de civitate vel comictatus Florentie" et cetera, et finitur: "videbitur convenire" et cetera. Ac etiam de omnibus et super omnibus et singulis que in ipso ordinamento et provisione continentur et suprascripta et expressa sunt, nec non de omnibus et super omnibus et singulis que in hiis et circa ea et eorum occasione in hoc presenti Consilio supra proposita sunt placuit et visum fuit sexagintaocto ex consiliariis predictis ponentes balloctas in pissidibibus albis in quibus scriptum est sic, et per eos provisum obtentum et firmatum fuit in omnibus et per omnia prout et secundum quod in ipsa prescripta provisione et ordinamento et in propositione prescripta plenius continetur. Illi vero ex consiliariis predictis quibus predicta displicuerunt ponentes balloctas in contrarium in pissidibus rubeis in quibus scriptum est non fuere solummodo quatuor numero computati.

Extractis de dictis pissidibus, visis et numeratis dictis balloctis in ipsius Consilii presentia et conspectu.
Presentibus testibus ser Bellenciono ser Dati Cacciafuori notario ipsorum dominorum Priorum et Vexilliferi scriba et Leone Poggi eiusdem domini Capitanei precone et aliis.

(a) Sul margine sinistro, di mano del sec. XV: Nullus portet arma in tabulatio vel pavese alicuius

(b) Sul margine sinistro segno di paragrafo

Traduzione

Nel nome di Dio Amen. Nell'anno della sua incarnazione apportatrice di salvezza 1296, nona indizione, 17 gennaio. Il nobile uomo messer Guelfo dei figli di Oddone da Piacenza, Capitano del Popolo e del Comune e Difensore degli artigiani e delle arti, e Conservatore della pace della città di Firenze, ha fatto radunare il Consiglio dei Cento del Popolo e del Comune di Firenze nel solito modo nella chiesa di San Pier Scheraggio, con la voce degli araldi e il suono delle campane. Nel quale Consiglio prima di tutto sono stati letti da me Bonsignore notaio sottoscritto le infrascritte rubriche dello statuto del messer Capitano e anche del Comune di Firenze in quella parte che sembrava in contraddizione con le infrascritte proposte di legge o con alcuna parte di esse. La prima di tali rubriche dello statuto del messer Capitano e del Popolo che, come detto sopra, sono state lette reca il titolo: "Sull'elezione e salario, giuramento e sindacato del messer Capitano del Popolo e Comune di Firenze" ecc., e inizia: "Per la difesa e il mantenimento" ecc.; la seconda reca il titolo: "Sulla facoltà di indagare del messer Difensore e dei suoi giudici" e comincia: "Possa indagare" ecc.; la terza reca il titolo: "Sull'incarico dell'altro giudice del messer Capitano" e inizia: "E l'altro giudice" ecc.; la quarta reca il titolo: "Il messer Capitano sia tenuto a osservare gli statuti del Comune di Firenze" e inizia: "È stabilito e ordinato" ecc. La prima delle rubriche dello statuto del Comune di Firenze lette a loro volta, come è detto, reca il titolo: "Non si tengano in custodia le persone nel palazzo del Comune" e inizia: "Sopra la dimora del Podestà" ecc.; la seconda reca il titolo: "Non si sottopongano a tortura le persone tranne che in determinate situazioni" e inizia: "Non si sottoponga alcuno a tortura" ecc.; la terza reca il titolo: "Sull'arbitrio del Podestà nel perseguire i malefici" e inizia: "Il Podestà abbia facoltà" ecc.

Lette tali rubriche, come detto, il predetto messer Capitano e Difensore, in seguito a una solenne provvisione e delibera fatta a riguardo dai signori Priori delle arti e Gonfaloniere di giustizia, alla presenza e con la volontà degli stessi signori Priori e Gonfaloniere, ha proposto le infrascritte cose nel detto presente Consiglio dei Cento, e ha chiesto che per il Comune gli venga dato consiglio su tali cose in questa forma: vale a dire se piaccia e sembri al presente Consiglio dei Cento che tutte e ciascuna delle cose sottoscritte che sono proposte ed espresse subito sotto in questo presente Consiglio in maniera puntuale siano utili per il Comune di Firenze, e se sia utile per lo stesso Comune che siano convocati e si tengano tutti i Consigli opportuni per tutte le cose infrascritte, e anche se si debba procedere e agire in tutto e per tutto secondo quanto è sotto indicato ed espresso in maniera puntuale. Nonostante le predette rubriche dello statuto del messer Capitano e del Comune di Firenze, che sono state lette come detto sopra, e nonostante qualche altra rubrica, statuto, ordinamento, o delibera dei Consigli che in qualsiasi modo si oppongano o siano in contrasto, direttamente o indirettamente, con le cose predette e sottoscritte; ma anzi esse stesse sospese e corrette così che i messeri Podestà, Capitano e Difensore e i loro seguiti, i Priori delle arti e il Gonfaloniere di giustizia, e gli altri ufficiali del Comune di Firenze, presenti e futuri, le Capitudini delle arti e i consiglieri di qualsiasi Consiglio, io Bonsignore notaio infrascritto, e tutti gli altri che sono chiamati in causa da tali norme o che in qualsiasi modo sono tenuti a osservarle, per ciò che le riguarda o che in questo caso vi si oppone o è in contraddizione, non siano affatto tenuti alla loro osservanza.

Nonostante che il dettato di tali rubriche e ordinamenti sia preciso, e che in esse si dichiari che non possono essere sospese o modificate, e che non si possa stabilire o deliberare circa la loro sospensione o modifica né convocare o tenere dei Consigli a riguardo. Salvi sempre, e preservati in tutto, gli Ordinamenti di giustizia. Così che esse non siano né vengano considerate in nessun punto come derogatorie degli Ordinamenti di giustizia né della loro osservanza. Per prima cosa sulle infrascritte provvisioni e ordinamenti promosse e pubblicate dai predetti signori Priori delle arti e Gonfaloniere di giustizia sulle cose infrascritte, e nel presente Consiglio lette parola per parola da me Bonsignore notaio sottoscritto. E sul deliberare e approvare tutte e ciascuna delle singole cose che sono contenute e scritte negli infrascritti ordinamenti e provvisioni.
Il tenore dei quali ordinamenti e provvisioni è il seguente.

(…) Ancora, è ordinato e stabilito che nessuno della città o del contado di Firenze, di qualsiasi condizione sociale, osi o presuma portare l'arme araldica dipinta o l'insegna di alcuna famiglia o casato della città e distretto di Firenze sullo scudo, targa, tavolaccio, pavese, elmo, suprasbergo, bandiera o vessillo, o tenerla in casa propria, sotto pena di 200 lire per qualsiasi magnate e i 100 lire per qualsiasi popolano che contravvenga. Tale norma non abbia tuttavia luogo nei confronti delle armi araldiche e delle insegne del Popolo e del Comune di Firenze, e neppure per l'esercito e le cavalcate che verranno condotte per il Comune di Firenze.

Si stabilisce in aggiunta a tali cose che i predetti signori Priori e gonfaloniere possano a riguardo provvedere, chiarificare, diminuire e aggiungere, e stabilire di nuovo secondo quanto sembrerà a loro conveniente.

Bencio di Amato, consigliere del predetto Consiglio, si è alzato e parlando dalla ringhiera ha espresso il proprio parere secondo il quale tutte e ciascuna delle cose sopra proposte nel detto presente Consiglio sono utili per il Comune di Firenze, ed è utile per lo stesso Comune che su tali cose siano convocati e si svolgano tutti i Consigli opportuni, che devono approvare e deliberare in tutto e per tutto secondo quanto stabilito nel presente Consiglio. Sulle quali proposte di legge appena presentate nel presente Consiglio dei Cento è stato richiesto il parere dei consiglieri presenti nello stesso Consiglio, e si è svolta la votazione col sistema dei bussolotti e delle pallottole, guidata dal predetto messer Capitano e Difensore, in maniera specifica per ciascuna provvisione, così come è riportato sotto secondo il dettato degli ordinamenti canonizzati e degli statuti del detto Comune, nella delibera dello stesso Consiglio.

(…) Ancora sul predetto ordinamento e provvisione fatto, come detto, dai predetti signori Priori e Gonfaloniere, che inizia: "Ancora, è ordinato e stabilito che nessuno della città o del contado di Firenze" ecc.; e finisce: "sembrerà a loro conveniente" ecc. E anche su tutte e ciascuna delle cose che sono contenute nello stesso ordinamento e provvisione, e su tutte e ciascuna delle cose che in tale occasione sono state proposte nel presente Consiglio. I consiglieri favorevoli, che hanno posto le pallottole nei bussolotti bianchi sui quali è scritto 'sì', sono stati 68, e hanno approvato e deliberato in tutto e per tutto quanto è indicato in maniera più puntuale nella stessa provvisione e ordinamento. I consiglieri contrari, che hanno posto le pallottole nei bussolotti rossi sui quali è scritto 'no', sono stati soltanto 4.

Dette pallottole sono state estratte dai bussolotti, controllate e contate alla presenza e davanti al Consiglio stesso.
Presenti come testimoni ser Bellincione di ser Dato di Cacciafuori, notaio, scriba degli stessi signori Priori e Gonfaloniere, e Leone di Poggio araldo dello stesso messer Capitano, e altri.

Commento

È qui edita una provvisione approvata dai consigli del comune di Firenze il 17 gennaio 1296 (il documento segue il calendario fiorentino che, all'epoca, faceva cominciare l'anno il 25 marzo), che vietava a chiunque, magnate o popolano, della città o del contado di portare o tenere in casa, armi o insegne di altri casati dipinti "in tabullatio, targia, scuto, pavese, elmo, suprasbergha, banderia seu vexillo, vel copertis equi seu equorum", e dava mandato ai priori delle arti e al gonfaloniere di giustizia di disporre norme più dettagliate al riguardo.

La disposizione faceva parte di una serie di provvisioni in materia giudiziaria e di ordine pubblico sottoposte ai consigli dal priorato in seguito al perpetuarsi in città di scontri e disordini alimentati dai magnati, non paghi dell'addolcimento degli Ordinamenti di giustizia che avevano ottenuto nel luglio dell'anno precedente dopo avere minacciato una sedizione armata (cfr. l'Introduzione generale e le schede V.1.2 e V.2.2). Il governo popolare aveva rivisto le liste dei lignaggi magnatizzati e riammesso a "popolo" alcune famiglie "che nonn erano tiranni e di non grande podere", come scrisse il cronista Giovanni Villani, lasciando però inalterato il malcontento degli altri casati magnatizi, che continuarono ad alimentare violenze in città nel tentativo di rovesciarne l'assetto politico. Gli stessi priori che avevano promosso la revisione degli Ordinamenti di giustizia furono oggetto di pesanti contestazioni dai popolani più radicali; sempre il Villani racconta come "quando i detti priori uscirono dell'uficio, fu loro picchiate le caviglie dietro, e gittati de' sassi, perch'erano stati consenzienti a favorare i grandi". Le divisioni interne al "popolo" fecero emergere nuove famiglie tre le più facoltose per attività mercantili e finanziarie ("per questo romore e novitadi si mutò nuovo stato di popolo in Firenze, onde furono capo Mancini, e Magalotti, Altoviti, Peruzzi, Acciaiuoli, e Cerretani, e più altri", sempre nelle parole del Villani). Ma i disordini urbani non dovettero cessare se il 17 gennaio 1296 i consigli approvarono alcune misure d'urgenza.

In primo luogo furono conferiti pieni poteri al podestà in carica, messer Gigliolo de' Macheruffi da Padova, per investigare e procedere su tutti gli episodi di violenza armata e sui fatti di sangue accaduti di recente; tra essi, il potere di fare detenere e custodire nel proprio palazzo chiunque avesse ritenuto opportuno, per il tempo necessario, e potendo ricorrere alla tortura contro gli accusati di ferimenti. Inoltre furono rafforzate le pene, nella persona e nei beni, per tutti coloro che avessero scatenato tumulti e disordini ricorrendo alle armi per turbare l'assetto politico del regime. Ai rettori, il podestà e il capitano del popolo, fu data anche balìa di espellere dalla città e dal contado quei forestieri che a loro giudizio potessero turbare "il pacifico e quieto stato".

Le disposizioni dei consigli appaiono delle misure d'emergenza adottate a immediato ridosso di un'ennesima insurrezione armata, della quale però non abbiamo riscontri documentari o cronachistici diretti. Sembrerebbe confermarlo proprio la provvisione che vietava di portare o di tenere in casa armi o insegne di altri casati, che fissò subito le pene ma rinviò a una successiva disposizione dei priori una normativa più dettagliata, che fu infatti approvata dopo soli 15 giorni (cfr. la scheda III.1.3).

La provvisione previde la pena di 200 lire per i magnati e di 100 lire per i popolani che contravvenissero al divieto, e definì subito l'ovvia eccezione che esso non valesse per le armi e le insegne del comune: "Salvo tamen quod predicta non intelligantur nec locum habeant in armis et de armis et insignis Populi et Comunis Florentie, nec etiam in exercitibus et cavalcatis pro Comuni Florentie faciendis".

Nella logica iperpenale della legislazione antimagnatizia, la misura colpiva i magnati a una pena doppia rispetto ai popolani. Significativamente, però, i casati di cui si vietava di portare le insegne non erano solo quelli magnatizi: a provocare disordini e a partecipare agli scontri armati urbani erano spesso infatti anche le grandi famiglie fiorentine non magnatizzate, ma che pure erano dotate di palazzi, armi araldiche e stili di vita non dissimili.

Edizione, traduzione: Piero Gualtieri

Commento: Andrea Zorzi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis