Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Provvisione

1297 gennaio 17, Firenze, in pallatio comunis

Provvisione del 17 gennaio 1297 sul divieto ai magnati in stato di inimicizia di partecipare senza autorizzazione a funerali e matrimoni organizzati da altri magnati.

Firenze, Archivio di Stato, Provvisioni, Registri, 7.

Membr.; ff. I, 216; bianchi i ff. 11v, 12, 13r, 26v, 33v, 45v, 47r, 49v, 53r, 75r, 91, 114, 116r, 148v, 153v, 215v, 216; numerazione del sec. XIV in cifre arabe (numerazione moderna che si sovrappone; vi sono due ff. numerati 98 - l'errore è coevo -; manca invece nella numerazione il f. 193, sempre per un errore coevo); 1-28 (ff. 1-16), 310, 46, 54, 67, 75, 88, 9-103, 11-138, 146, 153, 168, 17-188, 192, 207, 214, 22-278, 289 (il fascicolo 3 un quaterno con due fogli aggiunti alla fine; il fascicolo 4 è un quaterno privo dei primi tre fogli e con un foglio aggiunto alla fine; il fascicolo 5 è un quaterno mancante dei primi quattro fogli; il fascicolo 6 è un quaterno privo dell'ottavo foglio; il fascicolo 7 è un quaterno privo dei fogli 2-4; il fascicolo 9 è un ternione privo dei primi tre fogli; il fascicolo 10 è un ternione privo dei fogli 2,3 e 6; il fascicolo 15 è un duerno privo del quarto foglio; il fascicolo 16 è un quaterno con un foglio aggiunto all'inizio e privo del secondo foglio; il fascicolo 19 è un duerno privo dei due fogli finali; il fascicolo 20 è un quaterno privo dell'ottavo foglio; il fascicolo 21 è un quaterno privo dei quattro fogli finali; il fascicolo 28 è un quaterno con un foglio aggiunto alla fine); inizio fascicolo lato carne (iniziano col lato pelo i fascicoli 1, 4, 12, 16); 398 × 280; rigatura a secco. Legatura in assi, con costola e rinforzi agli angoli in cuoio (rimangono ancora gli agganci delle cinghie per la chiusura).
Contiene: le provvisioni approvate dai Consigli del Comune di Firenze per il periodo 1296 novembre 6 - 1298 aprile 10.
Scritto dal notaio ser Bonsignore di Guezzo da Modena, notaio delle riformagioni del Comune (tranne i ff. 1-8, 57-67, 122-139 scritti dal coadiutore, ser Antonio di ser Bonsignore).
I fascicoli non sono stati rilegati secondo l'ordine cronologico, così che la distribuzione dei provvedimenti non risulta in tal senso sempre coerente. Il f. 114 riporta soltanto la data della seduta dei Consigli. Vi sono alcuni casi di porzioni di ff. lasciati bianchi tra un provvedimento e l'altro.

Testo

[37r] In Dei nomine amen. Anno sue salutifere incarnationis millesimo CC° LXXXXVI°, indictione decima, die decimo septimo intrante mense ianuarii. Consilium Centum virorum Populi florentini nobilis vir dominus Berardus de Varano honorabilis civis Camerini, Capitaneus Populi et Comunis et Defensor artificum et artium, et Conservator Pacis civitatis Florentie, precona convocatione campaneque sonitu in ecclesia Sancti Petri Scheradii fecit more solito congregari. In quo quidem Consilio ante omnia per me B(onsignorem) notarium subscriptum lecta fuerunt infrascripta capitula constituti domini Capitanei et Populi iamdicti et etiam domini Potestatis et Comunis Florentie in ea parte qua infrascriptis infra propositis seu in aliquo infrascriptorum contradicere videbatur. Quorum capitulorum constituti domini Capitanei et Populi lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De electione et salario, iuramento et sindicatu domini Capitanei Populi et Comunis Florentie" et cetera, et incipit: "Ad statum et defensionem" et cetera; secundum est sub Rubrica: "Quod dominus Capitanus teneatur observare statuta Comunis Florentie" et incipit: "Statutum et ordinatum est" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De arduis negotiis faciendis" et incipit: "Quia magna et ardua" et cetera; quartum est sub Rubrica: "De cognitione domini Capitanei et Defensoris et suorum iudicum" et incipit: " Possit cognoscere" et cetera; quintum est sub Rubrica: "De offitio iudicis super exigendis codempnationibus" et cetera, et incipit: "Firmatum et statutum est" et cetera. Capitulorum vero constituti domini Potestatis et Comunis Florentie etiam lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De non custodiendis hominibus in pallatio Comunis" et incipit: "Desuper ubi moratur Potestas" et cetera; secundum est sub Rubrica: "De non ponendo homines ad tormenta nisi certis de causis" et incipit: "Non debeat aliquis tormentari" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De artbitrio domini Potestatis in mallifitiis" et incipit: "Potestas habeat arbitrium" et cetera; quartum est sub Rubrica: "Quod domus non destrunatur nisi in certis causis" et incipit: "Statutum et ordinatum est" et cetera; quintum est sub Rubrica: "De Consilio congregando" et incipit: "Possit Potestas" et cetera; sextum est sub Rubrica: "De exactore condempnationum et eius offitio" et incipit: "Potestas" et cetera.

Quibus capitulis lectis ut dictum est, predictus dominus Capitaneus et Defensor, presentibus et volentibus iamdictis et conscentientibus dominis Prioribus et Vexillifero iustitie Populi florentini in dicto presenti Consilio Centum virorum infrascripta proposuit et in hiis et super hiis infrascriptis omnibus et singulis sibi pro Comuni consilium dari petiit sub hac forma: videlicet si placet et videtur iamdicto presenti Consilio Centum virorum omnia et singula infrascripta que in hoc presenti Consilio infra proxime et immediate proposita et expressa sunt fore utilia pro Comuni Florentie et utile fore pro ipso Comuni de hiis et super hiis omnibus et singulis infrascriptis teneri et fieri omnia Consilia opportuna, ac etiam procedi, fieri et observari debere in omnibus et per omnia et prout et secundum quod infra proxime et immediate notatum et expressum est. Non obstantibus predictis capitulis constituti domini Capitanei et Populi et etiam Comunis Florentie lectis ut dictum est, nec aliquibus aliis capitulis, statutis, ordinamentis, seu Consiliorum reformationibus, licet non lectis, directe vel indirecte in predictis seu infrascriptis quomodolibet contradicentibus vel obstantibus, sed eis omnibus absolutis, correctis et sublatis ita et taliter quod ab eisdem et eorum observatione domini Potestas, Capitaneus et Defensor eorumque familia, Priores artium et Vexillifer iustitie et ceteri offitiales dicti Comunis Florentie tam presentes quam futuri, Capitudines artium et consiliarii quorumlibet Consiliorum, ego B(onsignore) notarius infrascriptus et omnes alii quos predicta seu infrascripta tangerent vel ad ea quomodolibet tenerentur quo ad ea et eorum occasione et in quantum in hiis contradicerent vel obstarent sint liberaliter absoluti. Non obstante quod ipsa [37v] capitula et ordinamenta sint precisa, et quod in eis dicatur quod absolvi mutari seu corrigi non possint, et quod de eis absolvendis corrigendis seu mutandis non possit provideri et deliberari seu exinde Consilium fieri vel teneri. Et non obstante etiam quod capitula et ordinamenta in hiis contradicentia non specificentur et expressim non legantur in Consilio antedicto. Salvis tamen et in omnibus et singulis suprascriptis et infrascriptis reservatis ordinamentis iustitie. Ita quod predicta seu infrascripta non sit vel intelligatur esse eisdem ordinamentis iustitie et eorum observationi et executioni in aliquo derogatum. Primo videlicet super infrascriptis et de infrascriptis provisionibus et ordinamentis per predictos dominos Priores et Vexilliferum super infrascriptis editis et factis et in presenti Consilio per me B(onsignorem) notarium subscriptum seriatim et de verbo ad verbum lectis. Quorum quidem ordinamentorum et provisionum tenor talis est.

[38r] (…) Item (a) ad evitandum scandala provisum et ordinatum est quod aliqui seu aliquis de magnatibus et potentibus civitatis Florentie habentes seu habens guerram seu inimicitiam patentem non audeant vel presummant de cetero in civitate burgis vel suburgis seu in comitatu Florentie ire ad aliquam invitatam que fieret de ipsis magnatibus vel magnate pro aliquo defuncto vel ad exequias alicuius defuncti vel pro mogliazzo seu sponsalibus vel pro aliquo presbitero monacho vel monacha, seu pro misterio alicui mortui nisi de licentia et parabola dominorum Priorum artium et Vexilliferi iustitie.
Contrafacientes seu faciens puniantur in libris centum florenorum parvorum pro quolibet eorum per dominum Potestatem. Et de hiis que in hoc ordinamento continentur et contra illos qui fecerint contra predicta dominus Potestas possit cognoscere et secrete et palam inquirere cum accusa et sine accusa.
Et ut de magnatibus et potentibus habentibus huiusmodi guerras et inimicitias et in quibus et contra quos locum habeat hoc presens ordinamentum notitia habeatur presens Potestas infra octo dies proximos et etiam unusquisque futurus Potestas deinceps infra octo dies introitus sui regiminis teneatur et debeat prout et sicut sibi placuerit et videbitur inquirere et investigare qui et quot sint [38v] huiusmodi magnates de quibus supra in hoc presenti ordinamento dicitur. Qua quidem inquisitione facta idem dominus Potestas precipiat vel precipi faciat personaliter eisdem magnatibus vel ad domos eorum ut sub pena predicta non vadant veniant vel faciant contra presentis ordinamenti formam.
Si quis igitur ex ipsis magnatibus post tale preceptum contra predicta vel aliquid predictorum fecerit Comuni Florentie per dominum Potestatem puniatur et condempnetur in pena predicta. In hiis statuto vel ordinamento aliquo non obstante. Dominus (b) Gualterius de Gangareto iudex consiliarius predicti Consilii, surrexit et arengando consuluit in omnibus et singulis supra proxime propositis in iamdicto presenti Consilio in omnibus et per omnia secundum propositiones predictas. Et quod in hiis omnibus firmetur, procedatur, observetur et fiat prout et secundum quod in ipsis propositionibus et qualibet eorum plenius est expressum.
Super (c) quibus omnibus supra proxime propositis in hoc presente Consilio Centum virorum scruptatis voluntatibus consiliariorum in ipso Consilio existentium, et per predictum dominum Capitaneum et Defensorem particulariter et divisim super qualibet propositione per se prout infra patet secundum formam Ordinamentorum canonicçatorum et statutorum dicti Comunis, factis partitis ad pissides et balloctas, in ipsius Consilii reformatione.

[39v] (…) Item (d) super prescripta provisione et ordinamento per predictos dominos Priores et Vexilliferum ut supra scriptum est facta, incipiente: "Item ad evitandum scandala provisum et ordinatum est" et cetera, et finitur "vel ordinamento aliquo non obstante"; ac etiam super omnibus et singulis que in hiis et circa ea et eorum occasione in hoc presenti Consilio supra proposita et expressa sunt placuit et visum fuit septuagintaocto ex consiliariis predictis ponentibus balloctas in pissidibus albis in quibus scriptum est sic et per eos concorditer provisum obtentum et firmatum fuit in omnibus et per omnia secundum ipsam propositionem prescriptam ut predicitur super hiis factam. Illi vero ex consiliariis predictis quibus predicta displicuerunt ponentes balloctas in contrarium in pissidibus rubeis in quibus scriptum est non fuere solummodo tres numero computati.

[40r] (…) Extractis de dictis pissidibus visis et numeratis dictis balloctis in ipsius Consilii presentia et conspectu.
Presentibus testibus domino Salimbene Conradi milite predicti domini Capitanei, Leone Poggi eiusdem domini Capitanei et Populi florentini precone, et Bonfigliolo Rustichi eiusdem domini Capitanei nuntio et aliis.

(…) [47v] In Dei nomine amen. Anno sue salutifere incarnationis millesimo CC° LXXXXVI° indictione decima, die decimo octavo intrante mense ianuarii. Consilio Generali trecentorum et Spetiali nonaginta virorum et Capitudinum XII maiorum artium civitatis et Comunis Florentie, mandato nobilis viri domini Simonis de Vicho ageris de Padua eiusdem Comunis Florentie laudabilis Potestatis, precona convocatione campaneque sonitu in ipsius Comunis pallatio more solito congregato. In eodem Consilio per me B(onsignorem) notarium subscriptum seriatim exposita et distincte lecta fuerunt omnia et singula que in Consilio et per Consilium Centum virorum Populi florentini, et subsequenter in Consiliis et per Consilia Spetiale et Generale domini Capitanei et Populi iamdicti et Capitudinum artium predictarum, successive et debito modo et ordine secundum formam ordinamentorum canonicçatorum et statutorum dicti Comunis celebrata et facta super infrascriptis et circa infrascripta, ac etiam super correctione et absolutione statutorum, ordinamentorum et reformationum Consiliorum in hiis infrascriptis quomodolinet contradicentium vel obstantium solempniter die xvii° eiusdem presentis mensis ianuarii proposita, provisa, obtenta et reformata fuerunt, prout et secundum quod in actis ipsorum Consiliorum manu mei B(onsignoris) notarii subscripti distincte et per ordinem publice scriptis pleniu sunt expressa.

(…) Item super quodam ordinamento et provisione per dominos Priores artium et Vexilliferum iustitie Populi florentini nuper edito et facto incipiente: "Item ad evitandum scandala provisum et ordinatum est" et cetera, et finitur: "vel ordinamento aliquo non obstante". Quod quidem ordinamentum et provisio de verbo ad verbum in predicto Consilio Centum virorum de quo supra dicitur notatum et scriptum est. Ac etiam super omnibus et singulis que in hiis et circa ea et eorum occasione per iamdicta Consilia de quibus supra et secundum quod supra dicitur iam provisa, obtenta et reformata sunt modo et forma per ordinem et distinctius in iamdictis Consiliis Populi notatis plenius et expressis. Quibus omnibus seriatim lectis ut dictum est, predictus dominus Potestas, presentibus volentibus et conscentientibus dominis Prioribus artium et Vexillifero iustitie Populi florentini in iamdicto presenti Consilio Generali et nonaginta et Capitudinum artium predictarum, ut scriptum est, in ipsius Comunis pallatio congregato, supradicta omnia et singula proposuit et in hiis et super hiis sibi pro Comuni utile consilium dari et exiberi petit sub hac forma, videlicet quid et quomodo videtur et placet iamdicto presenti Consilio in predictis et super predictis omnibus et singulis providere ordinare et firmare utile pro Comuni predicto.

(…) [48v] (…) Manettus (e) Tiniozzi consiliarius predicti Consilii, surrexit et arengando consuluit quod predicta omnia et singula que in hoc presenti Consilio supra proposita et in aliis predictis Consiliis Populi de quibus supra et secundum quod dicitur pelnius notata et expressa ac etiam iam deliberata et reformata sunt huius presentis Consilii auctoritate et vigore totaliter admissa sint et valeant et teneant et plenam obtineant firmitatem. Et in hiis omnibus et singulis procedatur observetur et fiat in omnibus et per omnia absolutis correctis et sublatis capitulis statutis, ordinamentis et Consiliorum reformationibus in hiis quomodolibet contradicentibus. Et ab eisdem absolutis hiis omnibus qui ad ea quomodolibet tenentur prout et sicut in dicto presenti Consilio, ac etiam in aliis predictis Consiliis plenius est expressum.

(…) In reformatione cuius Consilii, peraudito consilio in premissis exibito et reddito, et demum per predictum dominum Potestatem super predictis omnibus in ipso presenti Consilio supra propositis factis et revolutis partitis ad sedendum et levandum, particulariter et divisim super qualibet propositione pro se, secundum formam statutorum, placuit quasi omnibus in dicto presenti Consilio existentibus, et per eos provisum obtentum et firmatum fuit, quod predicta omnia et singula que in predicto presenti Consilio supra proposita et in aliis predictis Consiliis Populi de quibus supra et secundum quod supra dicitur plenius notata et expressa, ac etiam iam deliberata et reformata sunt huius presentis Consilii auctoritate et vigore totaliter admissa sunt et valeant et tenenant et plenam obtineant firmitatem, et in hiis omnibus et singulis procedatur observetur et fiat in omnibus et per omnia absolutis, correctis et sublatis capitulis statutis ordinamentis et Consiliorum reformationibus in hiis quomodolibet contradicentibus et ab eisdem absolutis hiis omnibus qui ad ea quomodolibet teneantur prout et sicut in hoc presenti Consilio ac etiam in alii predictis Consiliis plenius est expressum.

[49r] (…) Acta fuerunt hec in pallatio Comunis Florentie, presentibus testibus domino Petrobono de Albinea iudice et collaterali assessori predicti domini Potestatis et Tura del Grillo eiusdem Comunis precone et aliis; et ego Bonsegnore olim Guecçi Imperiali auctoritate notarius mutinensis et nunc Consiliorum et instrumentorum sindicatum Populi et Comunis Florentie pro ipso Comuni scriba hiis omnibus interfui eaque publice scripsi.

(a) Sul margine sinistro: Quod magnates guerram habentes non vadant ad certas invitatas

(b) Sul margine sinistro segno di paragrafo

(c) Sul margine sinistro: Reformatio predictorum

(d) Sul margine sinistro: .iii. Re.

(e) Sul margine sinistro segno di paragrafo

Traduzione

Nel nome di Dio Amen. Nell'anno della sua incarnazione apportatrice di salvezza 1297, decima indizione, 17 gennaio. Il nobile uomo messer Berardo da Varano, onorevole cittadino di Camerino, Capitano del Popolo e del Comune e Difensore degli artigiani e delle arti, e Conservatore della pace della città di Firenze, ha fatto radunare il Consiglio dei Cento del Popolo fiorentino nel solito modo nella chiesa di San Pier Scheraggio, con la voce degli araldi e il suono delle campane. Nel quale Consiglio prima di tutto sono stati letti da me Bonsignore notaio sottoscritto le infrascritte rubriche dello statuto del messer Capitano e del Popolo e anche del messer Podestà e del Comune in quella parte che sembrava in contraddizione con le infrascritte proposte di legge o con alcuna parte di esse. La prima di tali rubriche dello statuto del messer Capitano e del Popolo che, come detto sopra, sono state lette reca il titolo: "Sull'elezione e salario, giuramento e sindacato del messer Capitano del Popolo e Comune di Firenze", ecc., e inizia: "Per la difesa e il mantenimento" ecc.; la seconda reca il titolo: "Il messer Capitano sia tenuto a osservare gli statuti del Comune di Firenze" e inizia: "È stabilito e ordinato" ecc.; la terza reca il titolo: "Sullo svolgimento degli affari di governo complessi" e comincia: "Poiché grandi e complesse" ecc.; la quarta reca il titolo: "Sulla facoltà di indagare del messer Difensore e dei suoi giudici" e comincia: "Possa indagare" ecc.; la quinta reca il titolo: "Sull'ufficio del giudice deputato alla riscossione delle condanne" ecc., e inizia: "È ordinato e stabilito" ecc. La prima delle rubriche dello statuto del Comune di Firenze lette a loro volta, come è detto, reca il titolo: "Non si tengano in custodia le persone nel palazzo del Comune" e inizia: "Sopra la dimora del Podestà" ecc.; la seconda reca il titolo: "Non si sottopongano a tortura le persone tranne che in determinate situazioni" e inizia: "Non si sottoponga alcuno a tortura" ecc.; la terza reca il titolo: "Sull'arbitrio del Podestà nel perseguire i malefici" e inizia: "Il Podestà abbia facoltà" ecc.; la quarta reca il titolo: "Non si distruggano le cause tranne che in determinate situazioni" e inizia: "È stabilito e ordinato" ecc.; la quinta reca il titolo: "Sulla convocazione del Consiglio" e inizia: "Il Podestà abbia facoltà di" ecc.; la sesta reca il titolo: "Sull'esattore delle condanne e sul suo incarico" e inizia: "Il Podestà" ecc.

Lette tali rubriche, come detto, il predetto messer Capitano e Difensore, alla presenza e con la volontà e il consenso dei suddetti signori Priori e del Gonfaloniere di giustizia del Popolo fiorentino, ha proposto le infrascritte cose nel detto presente Consiglio dei Cento, e ha chiesto che per il Comune gli venga dato consiglio su tutte e su ciascuna di esse in questa forma: vale a dire se piaccia e sembri al presente Consiglio dei Cento che tutte e ciascuna delle cose sottoscritte che sono proposte ed espresse subito sotto in questo presente Consiglio in maniera puntuale siano utili per il Comune di Firenze, e se sia utile per lo stesso Popolo e Comune che siano convocati e si tengano tutti i Consigli opportuni per tutte le cose infrascritte, e anche se si debba procedere e agire in tutto e per tutto secondo quanto è sotto indicato ed espresso in maniera puntuale. Nonostante le predette rubriche dello statuto del messer Capitano e del Popolo e anche del Comune di Firenze, che sono state lette come detto sopra, e nonostante qualche altra rubrica, statuto, ordinamento, o delibera dei Consigli, anche non lette, che in qualsiasi modo si oppongano o siano in contrasto, direttamente o indirettamente, con le cose predette e sottoscritte; ma anzi esse stesse sospese e corrette così che i messeri Podestà, Capitano e Difensore e i loro seguiti, i Priori delle arti e il Gonfaloniere di giustizia, e gli altri ufficiali del Comune di Firenze, presenti e futuri, le Capitudini delle arti e i consiglieri di qualsiasi Consiglio, io B. notaio infrascritto, e tutti gli altri che sono chiamati in causa da tali norme o che in qualsiasi modo sono tenuti a osservarle, per ciò che le riguarda o che in questo caso vi si oppone o è in contraddizione, non siano affatto tenuti alla loro osservanza. Nonostante che il dettato di tali rubriche e ordinamenti sia preciso, e che in esse si dichiari che non possono essere sospese o modificate, e che non si possa stabilire o deliberare circa la loro sospensione o modifica né convocare o tenere dei Consigli a riguardo. E nonostante anche che le rubriche e gli ordinamenti che sono in contrasto non vengano specificate e non vengano lette espressamente nel detto Consiglio. Salvi, tuttavia, e preservati in tutte e ciascuna delle dette cose gli ordinamenti di giustizia. Così che esse non siano né vengano considerate in nessun punto come derogatorie degli ordinamenti di giustizia né della loro osservanza.
Per prima cosa sulle infrascritte provvisioni e ordinamenti promosse e pubblicate dai predetti signori Priori e Gonfaloniere sulle cose infrascritte, e nel presente Consiglio lette parola per parola da me Bonsignore notaio sottoscritto. Il tenore dei quali ordinamenti e provvisioni è il seguente.

(…) Ancora, per scongiurare i motivi di discordia, è stabilito e ordinato che nessuno dei magnati e potenti della città di Firenze che sia in conflitto o abbia un'inimicizia palese osi o presuma d'ora in poi partecipare, nella città, borghi e sobborghi o nel contado di Firenze, a qualche ricevimento, organizzato dagli stessi magnati, in occasione delle esequie di qualche defunto, o di qualche matrimonio, o dell'ordinazione di qualche sacerdote, monaco o monaca, o della veglia funebre di qualche defunto, senza l'apposita licenza dei signori Priori delle arti e del Gonfaloniere di giustizia.
I contravventori siano puniti dal Podestà con un'ammenda di 100 lire di fiorini piccoli per ciascuno. E il messer Podestà possa occuparsi delle cose che sono contenute in questo ordinamento, e indagare apertamente e segretamente, sia che venga presentata una denuncia formale o meno, contro coloro che non le osservassero.
E affinché si conosca quali sono i magnati e potenti che sono coinvolti in tale tipo di conflitti e di inimicizie, e contro i quali è rivolto il presente ordinamento, il Podestà sia tenuto a ricercare e a informarsi entro i prossimi otto giorni, e allo stesso modo sia tenuto a fare ciascun futuro Podestà entro otto giorni dall'inizio del suo mandato, nel modo che gli sembrerà migliore, di quali e quanti siano quei magnati di cui si parla sopra in tale presente ordinamento. E una volta svolta detta inchiesta, lo stesso messer Podestà ammonisca o faccia ammonire gli stessi magnati personalmente o presso le loro case di non partecipare a tali ricevimenti o di non contravvenire al presente ordinamento.
Se poi qualcuno di tali magnati contravvenisse a dette norme o ad alcuna di esse dopo tale ammonimento venga punito dal messer Podestà per il Comune di Firenze e condannato alla pena predetta. Nonostante qualsiasi rubrica degli statuti od ordinamento. Messer Gualtiero da Ganghereto giudice, consigliere del predetto Consiglio, si è alzato e parlando dalla ringhiera ha espresso il proprio parere favorevole circa tutte e ciascuna delle cose sopra proposte nel detto presente Consiglio, in tutto e per tutto secondo le predette proposte di legge.
Sulle quali proposte di legge appena presentate nel presente Consiglio dei Cento è stato richiesto il parere dei consiglieri presenti nello stesso Consiglio, e si è svolta la votazione col sistema dei bussolotti e delle pallottole, guidata dal predetto messer Capitano e Difensore, in maniera specifica per ciascuna provvisione, così come è riportato sotto secondo il dettato degli ordinamenti canonizzati e degli statuti del detto Comune, nella delibera dello stesso Consiglio.

(…) Ancora, sulla predetta provvisione e ordinamento realizzato, come scritto sopra, dai predetti signori Priori e Gonfaloniere, che inizia: "Ancora, per scongiurare i motivi di discordia, è stabilito e ordinato" ecc., e finisce: "nonostante qualsiasi ordinamento"; e anche su tutte e ciascuna delle cose che in tale occasione nel presente Consiglio sono state proposte ed espresse, sono stati 78 i consiglieri che hanno espresso parere favorevole, ponendo la pallottola nei bussolotti bianchi sui quali è scritto 'sì', e hanno quindi approvato concordemente in tutto e per tutto la predette proposta di legge, come detto sopra. I consiglieri contrari, che hanno posto al contrario le pallottole nei bussolotti rossi sui quali è scritto 'no', sono stati soltanto 3.

(…) Dette pallottole sono state estratte dai bussolotti, controllate e contate alla presenza e davanti al Consiglio stesso. Presenti come testimoni messer Salimbene di Corrado, cavaliere del detto messer Capitano, Leone di Poggio araldo dello stesso messer Capitano e del Popolo fiorentino, e Bonfigliolo di Rustico nunzio dello stesso messer Capitano, e altri.

(…) Nel nome di Dio amen. Nell'anno della sua incarnazione apportatrice di salvezza 1296, indizione, decima, 18 gennaio. Si è riunito il Consiglio Generale dei trecento e Speciale dei Novanta e delle Capitudini delle arti maggiori della città e del Comune di Firenze, su mandato del nobile uomo messer Simone da Vico del campo da Padova, onorevole Podestà dello stesso Comune di Firenze, nel palazzo del Comune con la voce degli araldi e il suono delle campane. Nello stesso Consiglio sono state esposte e lette puntualmente e in maniera distinta da me B. notaio sottoscritto tutte e ciascuna delle cose che nel Consiglio e dal Consiglio dei Cento del Popolo fiorentino e quindi nei Consigli e dai Consigli Speciale e Generale del messer Capitano e del Popolo sopraddetto e delle Capitudini delle arti sono state fatte e deliberate in sequenza, e nel debito modo e ordine, secondo la forma degli ordinamenti canonizzati e degli statuti del Comune circa le cose infrascritte, e anche sulla correzione e sospensione degli statuti, degli ordinamenti e delle delibere dei Consigli che in qualsiasi modo fossero in contraddizione o in contrasto con esse, e che sono state proposte, discusse e approvate solennemente il giorno 17 del presente mese di gennaio, come appare in maniera più ampia e precisa dagli atti degli stessi Consigli scritti da me Bonsignore notaio sottoscritto.

(…) Ancora, su un ordinamento e provvisione fatto e promosso dai signori Priori delle arti e Gonfaloniere di giustizia del Popolo fiorentino, che inizia: "Ancora, per scongiurare i motivi di discordia, è stabilito e ordinato" ecc., e finisce: "nonostante qualsiasi ordinamento". Ordinamento e provvisione che è scritto parola per parola nel verbale del predetto Consiglio dei Cento di cui sopra. E anche su tutte e ciascuna delle cose che in tale occasione sono già state approvate e deliberate dai Consigli di cui sopra, nel modo e nella forma annotata in maniera più ampia e puntuale negli atti dei suddetti Consigli del Popolo.
Lette le dette cose in sequenza, come detto, il predetto Podestà, alla presenza e con la volontà e il consenso dei signori Priori delle arti e del Gonfaloniere di giustizia del Popolo fiorentino, nel detto presente Consiglio Generali e dei Novanta e delle Capitudini delle arti predette riunito, come detto, nello stesso palazzo del Comune, ha proposto tutte e ciascuna delle dette cose, chiedendo a riguardo che per il Comune gli venga dato consiglio, vale a dire cosa e come sembri opportuno e piaccia stabilire ordinare e decretare essere utile per il Comune predetto.

(…) Manetto di Tignozzo, consigliere del predetto Consiglio, si è alzato e parlando dalla ringhiera ha espresso il proprio parere secondo il quale tutte e ciascuna delle cose soprascritte che sono state proposte nel detto presente Consiglio, e che sono espresse in maniera più dettagliata negli altri predetti Consigli del Popolo di cui sopra, e che sono state già approvate e deliberate, abbiano piena validità per l'autorità del presente Consiglio. E in tutte queste cose sia fatto e si proceda in tutto e per tutto, avendo sospeso e corretto le rubriche degli statuti, gli ordinamenti e le delibere dei Consigli. E liberati dall'osservanza delle stesse tutti coloro che erano tenuti a osservarle, come indicato in maniera più ampia nel detto presente Consiglio e anche negli altri.

(…) Nella delibera del Consiglio, dopo aver udito con attenzione il parere espresso circa tali cose, e quindi dopo aver svolto, sotto la guida del detto messer Podestà, in entrambi i sensi la votazione per alzata e seduta in maniera specifica per ciascuna proposta di legge, secondo il dettato degli statuti, quasi tutti i partecipanti al Consiglio hanno espresso parere favorevole, e da essi è stato stabilito, deciso e deliberato con l'autorità del presente Consiglio che tutte e ciascuna delle cose sopra proposte e indicate con ordine e precisione nel predetto Consiglio e negli altri Consigli del Popolo, e già stabilite decise e deliberate, abbiano pieno e totale valore per l'autorità di questo Consiglio, e che circa tali cose si proceda in tutto e per tutto, avendo sospeso e corretto tutte e ciascuna delle rubriche degli statuti, gli ordinamenti e le delibere dei Consigli in qualsiasi modo contrastanti, e liberati dall'osservanza delle stesse tutti coloro che erano tenuti a osservarle, come indicato in maniera più ampia nel detto presente Consiglio e anche negli altri.

(…) Queste cose si sono svolte nel palazzo del Comune di Firenze, alla presenza dei testimoni messer Pietrobono da Albinea, giudice e principale assistente del predetto messer Podestà, e Tura del Grillo, araldo del Comune e altri; e io Bonsignore del fu Guezzo, notaio modenese per autorità imperiale, e ora scriba a nome del Comune dei Consigli ed estensore degli strumenti di sindacato del Popolo e del Comune di Firenze ho partecipato a tutte queste cose e le ho redatte in forma pubblica.

Commento

È qui edita una provvisione approvata dai consigli del comune di Firenze il 17 e il 18 gennaio 1297 che vietava ai magnati "habentes seu habens guerram seu inimicitiam patentem" di partecipare a ricevimenti (inivitatas) in occasioni di funerali, matrimoni e ordinazioni religiose organizzate da altri magnati, senza la licenza dei priori delle arti e del gonfaloniere di giustizia.

La disposizione faceva parte di un pacchetto di norme di emergenza in materia di ordine pubblico approvate lo stesso giorno dai consigli su iniziativa degli organi del regime di "popolo", e valide per un anno (fino al 1° febbraio 1298): per l'esattezza si tratta della terza provvisione dopo un paio di carattere generale (Super ordine edito contra rumorem vel sedictionem facente, con pene contro coloro che avessero aggredito in armi gli ufficiali del comune, e De forasteriis de civitate et comitatu Florentie expellendis, una balìa affidata ai priori e al gonfaloniere per il mantenimento della pace) e prima di un altro paio di carattere straordinario (Super arbitrio in quibusdam malleficis potestati concesso, che affidava pieni poteri fino al 1° aprile 1297 al podestà in carica per indagare sui fatti di sangue da poco accaduti e per perseguirne i colpevoli, e Super arbitrio potestati et capitaneo super condepnationibus exigendis concesso, per esigere effettivamente le condanne per maleficio che sarebbero state emanate fino al successivo 1° luglio).

Come le precedenti, la disposizione che qui illustriamo è indicata con il titolo Quod magnates guerram habentes non vadant ad certas invitatas in margine al testo redatto nel registro delle provvisioni (la nota in margine è di mano successiva per utilità d'ufficio nel rintracciare le norme, e non aveva alcun valore giuridico, come mostra il fatto che la provvisione è richiamata nelle disposizioni di approvazione con le parole iniziali e finali: "Item ad evitandum scandala provisum et ordinatum est et cetera, et finitur vel ordinamento aliquo non obstante"). Delle cinque approvate il 17-18 gennaio 1297 essa era l'unica che riguardasse esplicitamente i magnati. In apparenza potrebbe sembrare curiosa, e anche un po' eccentrica rispetto alle altre provvisioni, anche la materia disciplinata: il divieto ai magnati che avessero un'inimicizia o una faida in atto di partecipare a funerali, matrimoni e ordinazioni religiose organizzati da altri magnati.

Altre fonti coeve, e principalmente le cronache di Dino Compagni e Paolino Pieri, aiutano a comprendere il contesto in cui maturò l'iniziativa delle autorità del comune. Un mese prima, il 16 dicembre 1296, in occasione di una cerimonia funebre in casa Frescobaldi era scoppiata una zuffa tra due famiglie nemiche, i Gherardini e i Manieri ("i quali aveano guerra colla casa di Gherardini" nota un'altra cronaca anonima, perché tre mesi prima avevano ucciso un loro membro, Pievano Gherardini), che aveva provocato uno scontro violentissimo in città tra le opposte fazioni che facevano capo ai Cerchi (tra i cui amici si annoveravano i Gherardini) e ai Donati (di cui erano seguaci i Manieri). Non a caso i primi - narra il Pieri - "misero la terra tutta a romore, et serraronsi le botteghe, et i Cavalcanti corsero alle case de' Donati con loro amistà, Cerchi, Gherardini et altri", dove a guidare la difesa si distinse il figlio del grande capo fazione, Corso Donati: "s'aviaro et corsero infino presso a San Piero Maggiore, là dove e' trovarono Simone di messer Corso con sua compagnia bene acconci". Proprio il Pieri riconduce a questo conflitto armato la genesi delle parti che avrebbero preso il nome di Bianchi e Neri: "Et allora si discoperse il veleno, ch'e' fiorentini avean nel cuore, et l'odiora pessime che si portavano a la celata, et incominciossi a Firenze un gran distruggimento".

Lo scontro fu effettivamente violentissimo (con "più lance lanciando et con balestra saettando"), costrinse gli artigiani a chiudere le botteghe, e dovette determinare nei reggitori di "popolo" la volontà di punire i colpevoli dei disordini e di provare a mettere un freno alle occasioni di conflitto: così si spiega, per esempio, anche la balìa ai priori per allontanare dalla città e dal contado i forestieri, per evitare pericolose collusioni e alleanze con le fazioni fiorentine.

Del novero di provvisioni approvate il 17-18 gennaio 1297 editiamo il complesso della registrazione delle sedute provvista dal notaio delle riformagioni, il modenese Bonsignore del fu Guezzo, secondo le procedure formali consuete - già analizzate, peraltro, nell'introduzione generale alla sezione fiorentina dell'Atlante - che egli vidima con la formula finale "pro ipso Comuni scriba hiis omnibus interfui eaque publice scripsi". Viceversa ci limitiamo a riportare il testo della sola disposizione riguardante i magnati (da qui le frequenti parentesi di omissione).

La provvisione fu approvata il 17 gennaio dal consiglio dei Cento, "factis partitis ad pissides et balloctas", con 78 voti a favore e soli 3 contrari, e successivamente dal consiglio speciale e generale del capitano e delle capitudini delle dodici arti maggiori (in questo caso la registrazione notarile è sintetica: "prout et secundum quod in actis ipsorum Consiliorum manu mei Bonsignoris notarii subscripti distincte et per ordinem publice scriptis pleniu sunt expressa"); il giorno dopo fu ottenuta anche l'approvazione da parte del consiglio generale e speciale del podestà, "factis et revolutis partitis ad sedendum et levandum", a quasi totale maggioranza: "placuit quasi omnibus in dicto presenti Consilio existentibus". Per un'analisi più approfondita del contenuto della provvisione si veda invece la scheda II.1.2.

Edizione, traduzione: Piero Gualtieri

Commento: Andrea Zorzi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis