Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Provvisione

1310 dicembre 7 Firenze

[73r] In Dei nomine Amen. Anno sue salutifere incarnationis millesimo trecentesimo decimo, indictione nona, die septimo intrante mense decembris. Consilium Centum virorum ac etiam Consilium Spetiale et Generale domini Capitanei et Populi et Capitudinum xiicim maiorum artium civitatis Florentie, nobilis vir dominus Rolandinus de Galucçiis de Bononia, Capitaneus Populi et Comunis et Defensor artium et artificum et Conservator pacis civitatis Florentie, precona convocatione campaneque sonitu in ecclesia Sancti Petri Scheradii fecit more solito congregari. In quo quidem Consilio seu Consiliis, per me B(onsignorem) notarium infrascriptum lecta fuerunt infrascripta capitula constituti domini Capitanei et Populi et etiam domini Potestatis et Comunis Florentie in ea parte qua infrascriptis infra propositis seu in aliquo infrascriptorum contradicere videbantur.

Quorum capitulorum constituti domini Capitanei et Populi lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De electione et salario et iuramento et sindicatu domini Capitanei Populi et Comunis Florentie", et incipit: "Ad statum et defensionem" et cetera; secundum est sub Rubrica: "Quod dominus Capitanus teneatur observare statuta Comunis Florentie" et incipit: "Statutum et ordinatum est" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De arduis negotiis faciendis" et incipit: "Quia magna et ardua" et cetera. Capitulorum vero constituti domini Potestatis et Comunis Florentie etiam lectorum ut dictum est primum positum est sub Rubrica: "De electione domini Potestatis" et incipit: "Statutum et ordinatum est" et cetera; secundum est sub Rubrica: "De Consilio congregando" et incipit: "Possit Potestas" et cetera; tertium est sub Rubrica: "De expensis que non sunt determinate per constitutum" et incipit: "Si contingat" et cetera; quartum est sub Rubrica: "De electione notarii qui debet scribere reformationes Consiliorum" et incipit: "Potestas infra tertium diem" et cetera; quintum est sub Rubrica: De Represaliis" et incipit: "Regimen et Potestas Florentie" et cetera.

Post hec etiam infrascripta petitio dominis Prioribus artium et Vexillifero iustitie Populi et Comunis Florentie super infrascriptis porrecta et facta, et etiam infrascripta provisio super ipsa petitione, et contentis in ea, per ipsos Priores et Vexilliferum eorum offitii auctoritate et vigore edita et facta et infra in fine ipsius petitionis notate et scripta, et que in ipsis petitione et provisione continentur et scripta sunt distincte et per ordinem in predictis Consiliis, ut supra dicitur, congregatis lecte et lecta fuerunt, modo forma et sub tenoribus inferius declaratis plenius et expressis. Quarum quidem petitionis et provisionis tenor talis est.

Vobis (a) dominis Prioribus artium et Vexillifero iustitie civitatis Florentie reverenter exponunt dominus Giacchinoctus de Pacçis et Clericus eius filius quod, propter vulnus in fatie Richoverini domini Richoveri de Circhulis sub annis domini Millesimo CCC° die kallendarum maii, dictus Clericus insons dicti mallefitii indebite et iniuste per Potestatem qui tunc erat in civitate Florentie preteritum, tunc agentibus dominantibus veros guelfos et Guelfam Partem et Sanctam Romanam Ecclesiam hodientibus, condepmnatus fuit ob dictum mallefitium in libris quinque milibus ducentis, et per Capitaneum tunc existentem in libris duobus milibus, solvendibus et dandis Comuni Florentie. Que libre quinquemila ducente, et dicte alie duomilia, solute fuerunt per dictum Clericum et dictum dominum Giachinoctum solventem pro eo camerariis Camere Comunis Florentie pro Comuni recipientibus. Et quod postea sub annis domini millesimo CCC° III° die octavo mensis februarii tempore prioratus Mecti Beliocti, ser Bindi Vernacie, Neri Aldobrandini, Cardinalis quondam domini Alberti, Nisi Dietisalvi, Uberti Landi, tunc Priorum artium et Cionis Maghalocti Vexilliferi iustitie, per dictos dominos Priores et Vexilliferum habentes de infrascriptis sufficientem et plenam bailiam solempniter et legitime ex vigore et arbitrio eorum balie, et omni modo et iura quibus melius potuerunt, condempnantes quod dictus Clericus indebite fuerat condempnatus et dicte pecuniarum quantitates ad dictum Comune Florentie indebite devenerunt, [73v] ex eo quia dictus Clericus indebite condempnatus fuit, providerunt, ordinaverunt, stantiaverunt et firmaverunt quod pro emendatione, seu parte emendationis, dictorum dampnorum receptorum indebite, ut dictum est, per dictos dominum Giacchinoctum et Clericum eius filium in solutionem dictarum condempnationum camerarii camere Comunis Florentie tunc presentes et futuri licite et impune, absque eorum preiuditio et gravamine, de quacumque ipsius Comunis pecunia ad eos quacumque occasione perventa seu pervenienda, dent et solvant, et dare et solvere possint teneantur et debeant, eidem domino Giacchinotto, pro se et dicto Clerico eius filio recipienti, libras triamilia florenorum parvorum. Et quod postea de dictis libris tribus milibus eis stantiatis ipsi habuerunt undecim cintenaria et libras sexagintaocto florenorum parvorum, quare supplicant vobis quatenus consideratis quod ipse Clericus indebite fuit condempnatus, et quod dicta pecunia in Camera Comunis Florentie pervenerat, et quod ipsi dominus Giachinoctus et Clericus et alii de domo eorum semper et continuo fuerant et sunt, et in futurum erunt, Populi et Partis Guelfe et Sancte Romane Ecclesie çelatores servientes et subditi, et etiam quod ipsis in servitium, conservationem et augmentum dicti Populi et Partis Guelfe multa honera et labores substinuerunt et sumptas et expensas fecerunt, et parati et contenti sunt in futurum substinere et facere, placeat vobis per vos et solempnia et opportuna Consilia Populi et Comunis Florentie solepmniter et legittime providere ordinare stantiare et firmare, et provideri ordinari stantiari et firmari facere quod pro residuo dictarum librarum trium milium apropentur et dentur et data et propriata intelligantur et sint dicto domino Giacchinocto pro se et dicto Clericho eius filio recipienti infrascripta bona, res et possessiones, videlicet: bona et res Comunis Florentie vel ad dictum Comune spectantia aut pertinentia, silicet Cerbaria cum bonis positis in Comuni de Vinci, Musignani et Cerreti in dicto loco de la Cerbaria; que bona in totum reddunt Comuni Florentie nomine afficti annuatim vigintiquatuor modios grani, et pro illo tempore et termino quo vel quibus vobis videbitur convenire.

Super qua quidem petitione per predictos dominum Giacchinoctum et Clericum super predictis, ut supra scriptum est, porrecta et facta et super omnibus et singulis in ea contentis, supradicti domini Priores artium et Vexillifer iustitie, habentes respectum ad predictos predicta petentes, et ad ea que per eos petuntur, prius considerato et examinato tenore predicti stantiamenti et provisionis alias per preteritos Priores artium et Vexilliferum iusititie editi et facti in eorum favorem, et dampnorum suorum satisfactionem ut superius est expressum, et super predictis et etiam iinfrascriptis omnibus examinatione et deliberatione perhabita diligenti, et dictum inter eos secundum formam statutorum premisso facto et obtento partito et secreto scruptinio ad pissides et palloctas, eorum offitii auctoritate et vigore, et omni modo et iure quibus meluis potuerunt, providerunt ordinaverunt et stantiaverunt omnia et singula suprascripta, et quod ipsa iamdicta petitio et omnia et singula que in ea continentur et scripta sunt in tempore et pro tempore et termino et cum tenore et sub tenore provisionibus, additionibus, modis et condictionibus infrascriptis, et ipsis infrascriptis tenore provisionibus, additionibus, modis et condictionibus, ut infra dicetur, salvis et totaliter reservatis acceptentur et admittantur, et acceptata et admissa aprobata et firma sunt et valeant et teneant, et plenam et inrevocabilem habeant et obtineant firmitatem et inviolabiliter observentur et executioni mandentur et observari et exequi debeant cum effectu.

Salvo tamen et in predictis omnibus et singulis reservato, declarato, addito, aposito et proviso quod fructus redditus et proventus dictarum terrarum possessionum et bonorum de quibus supra dicitur [74r] et mentio habetur in petitione predicta pro Comuni Florentie iamdicto domino Giacchinocto, pro se ipso et dicto Clerico eius filio recipienti, concedantur assignentur et dentur et assignati concessi et dati ex nunc intelligantur esse et sint, in termino et pro termino et tempore sex futurorum annorum, initiandorum in kallendis mensis aprelis proxime venturi, et ad ipsum dominum Giacchinoctum, pro se et dicto eius filio, pleno iure pertineant spectent et perveniant, et pertinere spectare et pervenire debeant, per totum tempus dictorum sex annorum.

Ita tamen quod huiusmodi fructus redditus et proventus sex annorum, seu sex recollectarum, idem dominus Giacchinoctus, ut dictum est, integraliter et totaliter precipiat et habeat, et precipere et habere possit et debeat cum effectu. Et quod in fine dictorum sex annorum, seu dictarum sex recollectarum, et dicto tempore completo, predicti dominus Giacchinoctus et Clericus dictas terras possessiones et bona, et earum possessionem, teneantur et debeant pacifice et quiete relinquere reddere et restituere dicto Comuni Florentie, seu offitialibus dominis gabellarum tunc in dicto offitio pro dicto Comuni presidentibus, aut aliis offitialibus qui tunc temporis deputati essent pro Comuni Florentie super bonis et iuribus eiusdem Comunis recuperandis, manutenendis et conservandis, recipientibus pro Comuni iamdicto. Et quod a dicto tempore in antea ipsi vel aliquis eorum pro se vel aliis in exactione et super exactione et preceptione dictorum fructuum reddituum et proventuum se non intromittantur nec ipsos fructus redditus et proventus petantur exigantur vel habentur aut petere exigere vel habere possint vel debeant aliquo modo vel iure.

Ac etiam teneantur et debeant pro dicto Comuni Florentie se predictis offitialibus eiusdem Comunis, vel alicui seu aliquibus eorum recipientibus pro ipso Comunis, facere finem refutationem et pactum de ulterius non petendo de predicto stantiamento et provisione, ut supra dictum est, hactenus per predictos preteritos Priores artium et Vexilliferum iustitie in eorum favorem et pro dictorum suorum dampnorum satisfactione edito vel facto. Et de omnibus et singulis que in ipso preterito stantiamento, ac etiam in supradicta petitione et presenti provisione continentur et scripta sunt, et de omni iure et actione propterea sibi quesitus ne non de omni eo et toto quod predictis rationibus et causis petere aut exigere possent a dicto Comuni seu contra ipsum Comune, aut de pecunia et bonis dicti Comunis sicut plenius fieri poterit pro Comuni iamdicto sub pena librarum duorum milium florenorum parvorum pro quolibet eorum et quolibet casu et articulo predictorum non observato, seu in quo et de quo quomodolibet contrafecerat Comuni Florentie applicando. Et nichilominus predicti omnia facere et observare teneantur et debeant cum effectu. Et insuper quod illi qui a dicto Comuni seu ab aliquibus offitialibus eiusdem Comunis ad affictum seu ad pensionem, vel alio quocumque titulo seu modo, dictas terras possessiones et bona et earum fructus redditus et proventus emerunt aut conduxerunt, et habent licite et impune sine aliquo eorum preiuditio et gravamine toto tempore et per totum tempus quo durat et durare debet ipsa conductio seu locatio de predictis, ut dictum est, eis facta, etiam in prima et de prima solutione et in aliis et de aliis solutionibus et satisfactionibus quas dicta de causa facere tenentur et debent Comuni iamdicto, possant teneantur et debeant totaliter respondere, dare, solvere et satisfacere predicto domino Giacchinocto, recipienti pro se et dicto Clericho in quantitate tempore modo et forma quibus dicto Comuni seu offitialibus dicti Comunis pro ipso Comuni recipientibus respondere dare solvere et satisfacere tenentur et debent seu tenebuntur et debebunt in futurum. Et quod ipsi qui predicta emerunt seu conduxerunt et habent a dicto Comuni, ut dictum est ,et quilibet eorum de quantitate et pro quantitate et de tempore et pro tempore qua et quo dicto domino Giacchinocto, ut predicitur, respondere dare solvere [74v] et satisfacere tenentur et debent totaliter et perpetuo, intelligantur esse et sint liberi et absoluti a dicto et pro dicto Comuni Florentie, et quibuslibet rectoribus et offitialibus eiusdem Comunis ac si integraliter de predictis et pro predictis solvissent et satisfecissent Comuni iamdicto. Et quod propterea, seu de predictis et pro predictis et eorum occasione, per Comune Florentie, vel per aliquem rectorem seu rectores, aut quoscunque alios offtiales Populi et Comunis Florentie, presentes vel futuros, aliquo tempore ipsi vel aliquis eorum non possint nec debeant, realiter vel personaliter, capi, detineri cogi, gravari, molestari aut impediri, seu quomodolibet conveniri, aliquo modo iure vel causa, de iure vel de facto. Et quod ipsi vel aliquis eorum per ipsos dominos Giacchinoctum et Clericum, vel aliquem eorum, ultra solutiones et satisfactiones predictas que fieri debent, ut dictum est, aut aliter vel alio modo quam supra dictum sit, rationibus vel occasionibus antedictis, non possint nec debeant gravari, molestari, impediri, cogi vel compelli, aut contra eos vel aliquem eorum aliqua alia novitas seu iniuria fieri, de iure vel de facto, sub pena predicta pro quolibet eorum contrafaciente pro qualibet vice qua contrafactum fuerit Comuni Florentie applicanda.

Ad que quidem omnia et singula rata et firma habenda tenenda et inviolabiliter observanda et executioni mandanda domini Potestas, Capitaneus, eorumque iudices, et offitiales domini gabellarum, et offitiales deputati seu deputandi super iuribus et bonis dicti Comunis recuperandis et conservandis, et ceteri alii offitiales dicti Populi et Comunis, tam presentes quam futuri, et quilibet eorum, et quelibet alia persona ad quam predictorum observatio et executio spectaret seu quomodolibet pertinet, iuramenti vinculo astricti sint et omnimode teneantur.

Non obstantibus aliquibus capitulis, statutis, ordinamentis, provisionibus aut reformationibus Consiliorum Populi et Comunis Florentie, vendictionibus seu locationibus, pactis, convectionibus, promissionibus aut obbligationibus, seu quibuscumque scripturis in registro aut actis Comunis predicti, quomodocumque scriptis et positis, quomodolibet contradicentibus vel repugnantibus in predictis vel aliquo predictorum.

(a) Sul margine sinistro , di mano del sec. XV: domini Giachinotti et Cherici eius filii de Paçis restitutio condennationis indebite solute ut sibi detur Cerbaria.

È qui edita una deliberazione approvata dai consigli del comune di Firenze il 7 dicembre 1310, che accoglieva la petizione presentata ai priori delle arti e al gonfaloniere di giustizia dai magnati Giachinotto e Chierico dei Pazzi in cui si chiedeva l'assegnazione in usufrutto di beni del comune come pagamento di una parte di un risarcimento giudiziario non ancora riscosso.

La compensazione economica chiudeva un'annosa vicenda cominciata nel 1300 (con antefatti risalenti agli anni precedenti), quando Chierico dei Pazzi era stato condannato dai rettori del comune in seguito allo scontro armato tra le brigate giovanili delle avverse fazioni dei Cerchi e dei Donati che era avvenuto la sera della festa primaverile del Calendimaggio di quell'anno, e durante il quale Ricoverino dei Cerchi era stato deturpato nel volto. L'episodio fu immortalato dalla memorialistica fiorentina del Trecento come causa della profonda divisione tra le parti dei guelfi bianchi e dei guelfi neri. Basti ricordare il giudizio del maggiore cronista, Giovanni Villani, nella rubrica XXXIX del libro IX, Come la città di Firenze si partì e si sconciò per le dette parti bianca e nera:

"Questo fue il cominciamento dello scandalo e partimento della nostra città di Firenze e di parte guelfa, onde molti mali e pericoli ne seguiro appresso (…), l'origine di questo cominciamento de le maladette parti bianca e nera, per le grandi e male sequele che ne seguiro a parte guelfa e a' Ghibellini, e a tutta la città di Firenze, eziandio a tutta Italia".

In realtà le due fazioni avevano cominciato a scontrarsi già negli anni precedenti, per esempio durante un funerale a casa dei Frescobaldi nel dicembre 1296: episodio che diede luogo a misure restrittive (analizzate nella scheda II.1.1). Proprio il giovane Chierico dei Pazzi aveva assalito con la sua masnada Carbone dei Cerchi e alcuni suoi consorti a Remole, nella campagna a est di Firenze, nel dicembre 1298, provocando forti tensioni in città: entrambe le famiglie erano state condannate dai rettori del comune a pene pecuniarie. La faida era aperta da tempo, dunque, e lo scontro del Calendimaggio 1300 rappresentò solo l'episodio che fece deflagrare nella cittadinanza la divisione fazionaria. Il cronista Dino Compagni raccolse la voce che a ferire al naso Ricoverino dei Cerchi fosse stato "uno masnadiere de' Donati, il quale si disse fu Piero Spini", e non Chierico dei Pazzi. Gli stessi Cerchi non sporsero denuncia alle autorità giudiziarie: "I Cerchi non palesoron mai chi si fusse, aspettando farne gran vendetta", scrive sempre Compagni.

Il regime di "popolo" attivò comunque la giustizia pubblica, probabilmente nell'illusione che la comminazione di severe pene pecuniarie servisse a inibire ulteriori comportamenti violenti da parte dei magnati. I rettori condannarono un Adimari, un Donati e uno Spini. Chierico dei Pazzi fu ritenuto l'esecutore materiale del ferimento di Ricoverino dei Cerchi e fu condannato a 5.200 lire di ammenda dal podestà e a 2.000 lire dal capitano del popolo. La pressione della parte di più radicale del "popolo" appare evidente dal fatto che in sede di sindacato della sua attività il podestà fu a sua volta sanzionato da una forte ammenda perché accusato di non avere inflitto al Pazzi la pena di 8.000 lire, vista l'esistenza di alcune aggravanti.

La cifra finale di 7.200 lire era comunque consistente. Chierico dei Pazzi decise di pagarla, in parte col denaro del padre, per evitare di doversi dare contumace e probabilmente confidando anche nella possibilità di poter negoziare nel tempo un rimborso, come era abituale nelle pratiche giudiziarie dell'epoca. L'opportunità si offrì infatti dopo meno di tre anni quando, bandita la parte bianca da Firenze nel 1302, le condizioni politiche girarono a favore anche dei Pazzi. Il priorato in carica nel febbraio 1303 - i cui membri sono elencati nella petizione qui di seguito - riconobbe "quod dictus Clericus indebite fuerat condempnatus et dicte pecuniarum quantitates ad dictum Comune Florentie indebite devenerunt, ex eo quia dictus Clericus indebite condempnatus fuit", e dispose che sia lui sia il padre ricevessero come parziale risarcimento del danno ricevuto un rimborso di 3.000 lire da parte del comune.

La petizione presentata nel 1310 da Giachinotto e da Chierico ai nuovi priori delle arti lamentava che, a distanza di 7 anni, solo una parte del rimborso (1.168 lire) era stata effettivamente erogata, e chiedeva - nell'evidente impossibilità di ricevere dalle casse del comune il rimanente in contanti - la concessione in usufrutto, per un lasso di tempo da definire, di alcuni beni del comune situati "in comuni de Vinci, Musignani et Cerreti in dicto loco de la Cerbaria", che rendevano "nomine afficti annuatim vigintiquatuor modios grani". La richiesta fu accolta, riconoscendo ai Pazzi il diritto di usufrutto per sei anni.

Il documento è interessante sotto vari punti di vista. In assoluto, esso mostra in concreto la natura eminentemente negoziale della giustizia penale nei comuni italiani del XIII e XIV secolo. Lo scopo dell'azione giudiziaria infatti non era quello di punire ma di colpire gli avversari politici (le fonti, in realtà, usano più francamente il termine di "nemici"), costringendoli a negoziare con le autorità sconti e remissioni di pena. Condannare significava costringere il condannato a riconoscere la legittimità dell'interlocutore politico cui egli doveva rivolgersi per negoziare la reintegrazione dei propri diritti.

È possibile infatti che Chierico dei Pazzi fosse stato individuato dalle autorità del "popolo" come uno tra i più facoltosi tra i magnati coinvolti nell'episodio del Calendimaggio del 1300, e che per questo motivo, aggravato oltretutto dalla recidività, gli fosse stato imputato il ferimento di Ricoverino dei Cerchi. Il fatto che il podestà, pur condannandolo, non avesse applicato tutte le aggravanti, potrebbe indicare che il rettore adattò il proprio arbitrium alla consapevolezza di operare in un contesto negoziale. I Pazzi, infatti, per restare in gioco sulla scena politica cittadina furono costretti a pagare, come probabilmente era stato previsto dal governo di "popolo" (la condanna, al suo posto, di un Donati, per esempio, avrebbe potuto portare ad esiti diversi, data la carenza di ricchezze mobili della casata in quegli anni). Non solo, essi furono anche costretti a trattare più volte con i priori delle arti per cercare di rientrare almeno in parte del danno patrimoniale patito, così legittimando il ruolo centrale del priorato nei processi politici decisionali.

La petizione presentata da Giachinotto e Chierico dei Pazzi ai priori nel 1310 è appunto un tassello di questo duro gioco politico, come traspare dal tenore di alcuni passaggi della petizione. I Pazzi si rivolsero ai priori nei modi di consueta umiltà previsti dalle formule retoriche del discorso pubblico, ma l'espressione più stridente, per degli esponenti di una delle maggiori casate magnatizie, è quella che li vide sottomettersi esplicitamente all'autorità del regime di "popolo" fiorentino, là dove essi dichiararono di essere stati, e promisero di essere sempre in futuro, "zelanti servitori e sudditi del popolo": "quod ipsi dominus Giachinoctus et Clericus et alii de domo eorum semper et continuo fuerant et sunt, et in futurum erunt, Populi et Partis Guelfe et Sancte Romane Ecclesie çelatores servientes et subditi, et etiam quod ipsis in servitium, conservationem et augmentum dicti Populi et Partis Guelfe multa honera et labores substinuerunt et sumptas et expensas fecerunt, et parati et contenti sunt in futurum substinere et facere".

Il testo della petizione è incorporato nel dispositivo dalla provvisione, come sua parte integrante. Le fasi della procedura di approvazione della petizione sono registrate dal notaio delle riformagioni Bonsignore di Guezzo nel corpo della delibera. La petizione fu dapprima esaminata dal collegio dei priori delle arti e del gonfaloniere di giustizia, che la approvò a scrutinio segreto "ad pissides et palloctas" e la presentò successivamente ai consigli. Nei consigli, a cominciare come al solito da quello dei Cento e poi del capitano del popolo, sia la petizione sia la provvisione furono esaminate con attenzione e lette per esteso, prima di procedere alla votazione (per la quale cfr. la scheda IV.2.2).