Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Registrazioni delle votazioni delle sedute dei consigli del comune

1323 aprile 12 e 13 Firenze, in palatio populi

[c. 51r]
Die XII° mensis aprelis
In Consilio Centum virorum in palatio populi congregato. Dictus dominus Cione Capitaneus, presentibus Prioribus et Vexillifero, proposuit infrascriptas propositiones, videlicet:
Primo propositionem factam contra magnates civitatis, comitatus et districtus Florentie, non solum non corrigunt nec emendant nec corrigi nec emendari procurant consortes eorum ne mallificia committant. [...] Presentibus testibus Loyno Nardi de Montealcino et Duccio Salamonis precone dicti Comunis Florentie et aliis.
Dominus Rainerius del Forese consuluit secundum propositiones predictas.
Factum partitum ad fabas nigras et albas per dictum dominum Capitaneum particulariter super qualibet propositione per se.
Primo super provisione facta contra magnates civitatis comitatus et districtus Florentie. Placuit LXXV; noluerunt VI.

[52r]
[...] Eodem die, loco et testibus.
In Consilio spetiali domini Capitanei et populi florentini et capitudinum xiicim maiorum artium civitatis Florentie dictus dominus Capitaneus proposuit suprascriptas propositas.
Scholaius domini Palamidex consuluit secundum propositionem predictas.
Factum partitum ad fabas nigras et albas per dictum dominum Capitaneum particulariter super qualibet propositione per se.
Primo super propositionem facta contra magnates civitatis comitatus et districtus Florentie. Placuit LXIIII; noluerunt II.

[...] Eodem die, loco et testibus.
In Consilio generali et spetiali domini Capitanei et populi florentini et capitudinum artium predictarum dictus dominus Capitaneus proposuit suprascriptas duas propositas.
Ser Michele Boschi consuluit secundum propositas predictas.
Factum et revolutum partitum ad sedendum et levandum per dictum dominum Capitaneum super qualibet dictarum propositionum per se placuit quasi omnibus secundum dictum consulentem.

[52v]
Die XIII° mensis aprelis.
In Consilio generali ccctorum virorum et spetiali lxxxxta virorum Comunis Florentie et capitudinum xiicim maiorum artium civitatis Florentie in ipsius Comunis palatio more solito congregato, predictus dominus Rodulfinus Potestas, presentibus Prioribus et Vexillifero, proposuit infrascriptam propositionem, videlicet:
Propositionem factam contra magnates civitatis, comitatus et districtus Florentie, et in favorem popularium dicte civitatis comitatus et districtus.
Presentibus testibus ser Laurentio ser Cionis notario, Loyno Nardi de Montealcino et Lolo Jacobi precone dicti Comunis Florentie et aliis.
Ser Tanus Arrighi notarius consuluit secundum propositionem predictam.
Monte spetiarius consuluit idem.
Factum partitum ad sedendum et levandum per dictum dominum Potestatem super dicta propositione placuit quasi omnibus in dicto consilio astantibus secundum dictum consulentem.

Eodem die, loco et testibus.
In dicto Consilio generali Comunis ser Taddeus Lapi notarius introitus camere, presentibus Prioribus et Vexillifero, proposuit infrascriptas propositiones, videlicet:
Primo provisionem factam contra magnates civitatis comitatus et districtus Florentie.
[...] Ser Guido de Ceparello notarius consuluit secundum propositiones predictas.
Factum partitum ad fabas nigras et albas per dictum notarium super qualibet propositione per se.
Primo super facto magnatum. Placuit CCLXVII; noluerunt XX.

Le scritture qui edite appartengono a un registro di una delle serie prodotte dall'ufficio del notaio delle riformagioni del comune di Firenze, quella dei cosiddetti Libri fabarum.

A redigerlo fu ser Folco di ser Antonio, uno dei coadiutori del notaio delle riformagioni del Comune di Firenze, ser Graziolo del fu Corrado, che invece sottoscriveva di sua mano le provvisioni in extenso raccolte in appositi libri (come illustrato nella scheda del documento precedente). Le date sono quelle delle votazioni tenutesi nei consigli del comune il 12 e il 13 aprile 1323, in occasione dell'approvazione della "propositionem factam contra magnates civitatis, comitatus et districtus Florentie" dal priorato delle arti, dal gonfaloniere di giustizia e dal collegio dei Dodici buonuomini, e il cui contenuto è qui succintamente riassunto nell'espressione "[magnates qui] non solum non corrigunt nec emendant nec corrigi nec emendari procurant consortes eorum ne mallificia committant".

Il registro è cartaceo, a indizio della natura pratica delle scritture appostevi rispetto alla solennità dei registri membranacei delle provvisioni. Il notaio vi trascriveva in forma essenziale gli esiti delle sedute dei consigli cui assisteva prendendo appunti, che solo in un secondo momento riportava nel registro, e teneva separate le verbalizzazioni delle riunioni dei diversi consigli, seguendo l'ordine cronologico delle loro adunanze. E dunque, dapprima, la registrazione relativa al consiglio dei Cento, il 12 aprile 1323, poi quelle del consiglio speciale del capitano e del popolo e del consiglio generale e speciale del capitano e del popolo, sempre lo stesso giorno, e, di seguto, quelle del consiglio generale dei Trecento e speciale dei Novanta del podestà, il giorno successivo.

La scrittura di questa tipologia documentaria consente, nello specifico, di apprezzare le maggioranze schiaccianti con cui fu approvata la provvisione nei vari consigli, sia per scrutinio palese - cioè ad alzata di consigliere - sia a scrutinio segreto, con l'utilizzo, appunto, delle fave: 75 favorevoli e 6 soli contrari nel consiglio dei Cento; 64 favorevoli e 2 contrari nel consiglio speciale del capitano e del popolo; 267 favorevoli e soli 20 contrari nel consiglio generale dei Trecento del podestà e del comune. Là dove si votò in maniera palese "ad sedendum et levandum", nel consiglio generale del capitano e in quello speciale dei Novanta del podestà, la registrazione attesta che la proposta "placuit quasi omnibus". Chi si alzò in piedi esprimendo il proprio voto a favore, cioè, non fu conteggiato. Era sufficiente, evidentemente, il colpo d'occhio.

I pochissimi voti contrari testimoniano dell'ampio consenso con cui fu adottato il provvedimento, e spiegano anche perché esso fu accolto con grave malcontento dai magnati, come ricorda Giovanni Villani: "parea loro esser gravati degli ordini della giustizia, che non voleano essere tenuti l'uno per lo malificio dell'altro" (X, 214).

Bibliografia

G. VILLANI, Nuova Cronica, a cura di G. PORTA, 3 voll., Parma, 1991.