Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Riformagioni e provvisioni

[dopo il 1343], Firenze, nella chiesa di San Pietro Scheraggio

Rubriche della compilazione degli Ordinamenti di giustizia posteriore al 1343 corrispondenti alla provvisione del 3 agosto 1294 sull'obbligo da parte dei magnati di dare cauzione finanziaria ("sodamento"), attraverso fideiussori, del proprio comportamento

Archivio di Stato di Firenze, Statuti del Comune di Firenze, 3.

Codice membranaceo, in lingua volgare, legato in assi, di carte II, 57, modernamente numerate, mm. 467x325. Composto di un foglio singolo e un bifolio iniziale, aggiunti in epoca moderna, e di 8 fascicoli. Scritto da più mani della prima metà del secolo XIV. La lettera iniziale è decorata con inchiostro rosso e blu, le lettere iniziali delle rubriche sono a colori alterni rosso e blu, il rubricario è in inchiostro rosso. Numerose rubriche presentano note e segni ai margini, di mani e periodi diversi.
Contiene nelle carte 1-51 gli Ordinamenti di giustizia dal nucleo iniziale del 1293 al 1344, scritta un'unica mano. Il testo è suddiviso in 136 rubriche numerate, precedute da un rubricario. Le norme si riferiscono agli anni 1293, 1294, 1295, 1298, 1300, 1301, 1306, 1307, 1308, 1310, 1315, 1320, 1323, 1330, 1331, 1343, e 1344, distribuite non cronologicamente. Nelle carte 52-57 seguono gli ordinamenti degli ufficiali dell'estimo del 1395 e due provvisioni relative agli otto di guardia del 1400.

Testo

/[c. 27v]/ LXXXVII. INCIPIUNT REFORMATIONES ET PROVISIONES CONTRA MAGNATES. <RUBRICA>.
In Dei nomine amen. Anno sue salutifere incarnationis millesimo ducentesimo nonagesimo quarto, indictione septima die tertio intranti mense augusti, in consilio et per consilium centum virorum populi Florentie, mandato nobilis viri domini Raynaldi olim domini Manentis de Spoleto capitanei et defensoris populi et comunis Florentie in ecclesia Sancti Petri Scheradii more solito congregato. Et subsequenter in eisdem millesimo, indictione et die, in consiliis et per consilia spetiale et generale domini defensoris et capitanei et capitudinum duodecim maiorum artium civitatis predicte et mandato eiusdem domini capitanei et defensoris in dicta ecclesia more solito congregata, factis et celebratis predictis consiliis super infrascriptis successive (a) /[c. 28r]/ et solempniter, ac etiam ibidem presentibus et volentibus dominis prioribus artium et vexillifero iustitie per predictum dominum capitaneum et defensorem factis propositione et reformatione debito modo et ordine necnon super hiis infrascritpis factis partitis ad scruptineum cum pissidibus et palloctis, et etiam ad sedendum et levandum, iuxta formam ordinamentorum canonicçatorum et statutorum comunis eiusdem, et demum et ultimo in eisdem millesimo et indictione et die quarto intrante mense augusti predicti in consilio et per consilium generale trecentorum et spetiale nonaginta virorum domini potestatis et comunis Florentie et capitudinum artium predictarum, mandato nobilis viri domini Pini de Vernacciis de Cremona secunda vice iam dicti comunis Florentie potestatis, in ipsius comunis palatio more solito congregatis, super infrascriptis in ipso generali consilio comunis facta propositione per predictum dominum potestatem in presentia et voluntate dictorum dominorum priorum et vexilliferi et ipso consilio reformato et in eo facto et revoluto partito ad sedendum et levandum secundum formam statutorum, absolutis correptis et sublatis statutis ordinamentis et consiliorum reformationibus in hiis quomodolibet contradicentibus vel obstantibus prout et secundum quod in actis consiliorum populi seu domini capitanei et comunis Florentie publice scriptis per Bonsignorem olim Guecçi notarium mutinensem et nunc consiliorum populi et comunis Florentie pro ipso comuni scribam, hec et alia circa predicta et infrascripta plenius ordinatius et distintius notata scripta et expressa sunt. Provisum ordinatum et obtentum et firmatum fuit quod infrascripta provisio et deliberatio super infrascriptis per predictos dominos priores et vexilliferum provisa et facta et omnia et singula in ipsis provisione et deliberatione contenta predictorum consiliorum (b) auctoritate et vigore admissa sint et valeant et teneant et plenam obtineant firmitatem. Et in hiis omnibus et singulis procedatur observetur et fiat in omnibus et per omnia prout et secundum quod in ipsis provisione et deliberatione plenius continetur. Cuius quidem provisionis et deliberationis tenor talis est.

LXXXVIII QUOD CONSORTES MAGNATIS IN CERTO GRADU SOLVANT CONDEMPNATIONEM CERTO TERMINO. RUBRICA.
Cum multi ex magnatibus civitatis et comitatus Florentie, qui secundum formam statutorum comunis Florentie et ordinamenta iustitie satisdare tenentur et debent tamquam magnates, ab ipsis satisdationibus inveniant alleviati per offitium dominorum priorum artium et vexilliferi iustitie pro tempore existentium et satisdederint pro minima (c) quantitate ita quod propter dictam (d) minimam satisdationem mallefitia et excessus commictere et facere non fomidant, per dominos priores artium et vexilliferum iustitie nunc in offitio residentes super infrascriptis intellecta et cognita veritate quam plurium popularium civitatis Florentie et in hiis prehabitis diligenti examinatione et deliberatione et consiliis quam plurium sapientum virorum nec non inter ipsos priores et vexilliferum super hiis secundum formam statutorum solempni scruptineo ad pissides et palloctas celebrato et facto, provisum, deliberatum et ordinatum est ad hoc ut magnates de cetero ab excessibus et malefitiis arceantur et ut populares in tranquillo et pacifico statu vivere possint et etiam ad fortificationem felicium ordinamentorum iustitie quod, si quis ex magnatibus civitatis vel comitatus Florentie, qui tamquam magnas satisdare tenetur vel pro quo satisdari debet, commiserit aliquod mallefitium, delictum vel excessum in personam alicuius popularis civitatis vel comitatus Florentie et reperiatur satisdedisse vel pro eo satisdatum fuisse non tamen de quantitate et usque in quantitatem librarum duorum milium f. p. et talis magnas fuerit condempnatus, fideiussores eius solum teneantur et cogantur pro ea quantitate pro qua reperirentur fideiussisse pro tali magnate. Et si /[c. 28v]/ condempnatio que fieret de tali magnate excederet summam quantitatis pro qua fideiusserint tales fideiussores, in eo casu ad solvendum complementum et summam ipsius condempnationis excedentem summam et quantitatem huiusmodi satisdationis pater pro filio, filius pro patre, et frater pro fratre ex eodem patre, et patruus pro nepote et nepos pro patruo, et avus paternus pro nepote et nepos pro avo paterno secundum ordinem usque in quantitatem librarum trium milium f. p. tantum si usque in dictam quantitatem ascenderet condempnatio, et si tantum non ascenderet condempnatio usque ad complementum ipsius condempnationis, teneantur et effectualiter compellantur.

(a) In calce alla carta et solempniter, rimando di fine quaderno all'incipit del quaderno successivo

(b) consiliorum corr. da consiliariorum, depennando -iar-

(c) minima corr. su altra parola

(d) d(i)c(t)am nell'interlineo superiore

Traduzione

LXXXVII. Qui iniziano le riformagioni e le provvisioni contro i magnati.
Nel nome di Dio Amen. Nell'anno della sua Incarnazione 1294, indizione settima, 3 agosto. Nel consiglio dei Cento uomini del popolo di Firenze, riunito su mandato del nobile uomo messer Rinaldo di messer Manente da Spoleto, capitano e difensore del popolo e del comune di Firenze nel solito modo nella chiesa di San Pier Scheraggio. E, in seguito, nello stesso anno, indizione e giorno, nei consigli speciale e generale del messer difensore e capitano e delle capitudini delle dodici arti maggiori della città di Firenze, riuniti nel solito modo su mandato dello stesso nella detta chiesa. Svolti e celebrati in successione e con solennità i predetti consigli sulle materie infrascritte, alla presenza e con la volontà dei signori priori delle arti e del gonfaloniere di giustizia, fatta la proposta e la riforma dal predetto messer capitano e difensore nel modo e nell'ordine dovuti, e fatti sulle materie infrascritte le votazioni col sistema dei bussolotti e delle pallottole e anche per alzata e seduta secondo il dettato degli Ordinamenti canonizzati e degli statuti del comune circa tali cose. E infine, nello stesso anno e indizione, il 4 agosto nel consiglio generale dei Trecento e speciale dei Novanta del messer podestà e del comune di Firenze e delle capitudini delle arti predette, riunito su mandato del nobile uomo messer Pino dei Vernacci di Cremona, podestà del comune di Firenze per la seconda volta, nel solito modo nel suo palazzo. Sulle materie infrascritte nello stesso consiglio generale del comune fatta la proposta dal predetto messer podestà alla presenza e con la volontà dei predetti signori priori e del gonfaloniere, e deliberato e fatta la votazione per alzata e seduta secondo il dettato degli statuti, e avendo sospeso e corretto gli statuti, gli ordinamenti e le delibere dei consigli in qualsiasi modo contrastanti o in contraddizione, così come è scritto in forma pubblica negli atti dei consigli del popolo e del messer capitano e del comune di Firenze redatti da Bonsignore del fu Guezzo, notaio modenese e ora scriba dei consigli del popolo e del comune di Firenze. Queste e altre cose circa le materie predette e infrascritte sono indicate e scritte in maniera più ampia, ordinata e distinta. È stato approvato e stabilito che l'infrascritta provvisione sulle materie infrascritte deliberata e fatta dai signori priori e dal gonfaloniere, e ogni e singola cosa contenuta nella stessa provvisione siano ammesse e abbiano vigore per autorità dei predetti consigli e valgano e abbiano piena saldezza. E in tutte queste cose sia fatto e si proceda in tutto e per tutto come è indicato e più ampiamente contenuto nella medesima provvisione. Il tenore della detta provvisione e delibera è il seguente.

LXXXVIII Che i consorti di un magnate, entro un determinato grado di parentela, paghino la condanna entro un termine prestabilito. Rubrica.
Dal momento che molti magnati della città e del contado di Firenze - i quali, in quanto magnati, secondo le disposizioni contenute negli statuti del comune e negli ordinamenti di giustizia, sono tenuti e devono prestar sodamento – hanno ottenuto riduzioni, per decisione dei signori priori delle arti e del gonfaloniere di giustizia in quel tempo in carica, ed hanno sodato per una cifra così modesta che, in quanto tale, non hanno paura di commettere malefici ed eccessi, dai priori e dal gonfaloniere di giustizia attualmente in carica e competenti, verificata la veridicità della questione coi più sinceri popolari della città, dopo diligente disamina, deliberazione e consiglio dei più savi uomini e di loro stessi su queste stesse cose, compiuta la votazione, secondo le disposizioni statutarie, con solenne scrutinio a bossoli e pallottole, è provveduto, deliberato e ordinato che, affinché i grandi d'ora in poi siano trattenuti dal compiere eccessi e malefici e affinché i popolari possano vivere in pace e tranquillità e gli ordinamenti di giustizia siano fortificati, se un magnate della città o del contado che, come grande è tenuto e deve prestar sodamento, commettesse maleficio, si macchiasse di una colpa o di un eccesso nei confronti di un popolare della città o del contado, e si scoprisse che ha sodato, o che altri ha sodato per lui, ma per una cifra inferiore a duemila lire di fiorini piccoli, e fosse condannato, i suoi mallevadori siano garanti solo per quella cifra per la quale avranno sodato in favore di quel grande; e se la condanna inflitta a quel grande superasse la somma per la quale i mallevadori hanno sodato, in quel caso a pagare la differenza tra la cifra della condanna e quella del sodamento siano il padre per il figlio, il figlio per il padre, il fratello per il fratello di medesimo padre, lo zio per il nipote, il nipote per lo zio, l'avo paterno per il nipote, il nipote per l'avo paterno, secondo l'ordine, fino ad una cifra di lire tremila di fiorini piccoli solamente, se la condanna ammontasse fino a tale cifra, e se a tanto non ammontasse, siano in effetti tenuti ed obbligati a pagare quanto necessario al raggiungimento della cifra della condanna.

Commento

Sono qui riportate due rubriche raccolte nella compilazione degli Ordinamenti di giustizia promossa dal comune di Firenze alla metà del Trecento. In esse è riscritta la provvisione approvata dai consigli del comune il 3 e il 4 agosto 1294.

A differenza della provvisione del 12 aprile 1323 che disponeva esplicitamente il suo inserimento "in libro Ordinamentorum Iustitie" (cfr. I.2.1), il testo della legge dell'agosto 1294, che rafforzava l'obbligo dei magnati di dare cauzione finanziaria del proprio comportamento, non previde tale destinazione, probabilmente perché la materia era già trattata, e in modo sistematico, nella prima redazione degli Ordinamenti del 18 gennaio 1293 (nella rubrica XVIII, De satisdationibus magnatum civitatis et comitatus Florentie). Negli intenti dei priori delle arti che l'avevano proposta all'approvazione dei consigli, la disposizione doveva semplicemente corroborare l'applicazione dell'obbligo del sodamento magnatizio in un frangente politico in cui il regime di "popolo" intensificò la sua azione contro i magnati sotto la guida della sua componente più radicale, quella del "popolo minuto" (si veda il commento alla scheda I.1.1). La provvisione non comparve, infatti, nella seconda redazione degli Ordinamenti del 6 luglio 1295, dove la materia del sodamento magnatizio venne disciplinata da tre rubriche (XVII-XIX: De satisdationibus magnatum civitatis et comitatus Florentie; De satisdatione magnatum infra certum tempus facienda; e Quod pro magnatibus se excusantibus vel defendentibus a sodamentis vel non satisdantibus cogantur eorum proximiores satisdare.

Fu solo qualche decennio dopo che la provvisione fu inserita nelle successive compilazioni degli Ordinamenti. In occasione della restaurazione alla fine del 1343 degli Ordinamenti di giustizia, che erano stati aboliti dal Duca d'Atene nel settembre 1342, il rinnovato regime di "popolo" fiorentino dispose la redazione di una nuova compilazione, oggi conservata nel registro al numero d'ordine 3 della serie degli Statuti del Comune di Firenze dell'Archivio di Stato di Firenze. La politica antimagnatizia promossa dal ritrovato regime corporativo del "popolo" guidato dalle arti maggiori fu giocata nel segno del rafforzamento delle misure contro i grandi. Ciò spiega perché nella nuova redazione degli Ordinamenti furono inserite una serie di provvisioni caratterizzate dall'inasprimento del quadro normativo che colpiva i magnati.

Tra esse, appunto, quella del 3 agosto 1294, che fu inserita dopo un blocco omogeneo di rubriche che disciplinavano la milizia guidata dal gonfaloniere di giustizia (rubriche 70-86), a inaugurare un altro piccolo blocco di articoli (87-93) dedicati alla materia del sodamento: nel rubricario della compilazione, nel margine sinistro compare infatti un segno di demarcazione in corrispondenza del numero della rubrica 87.

La provvisione fu riscritta distinguendola in due rubriche. Nella prima – la numero LXXXVII, cui fu apposto il titolo Incipiunt reformationes et provisiones contra magnates – il notaio che redasse la nuova raccolta sintetizzò le procedure di presentazione, discussione e approvazione della provvisione nei diversi consigli presieduti dai rettori del comune (i cui nomi sono indicati per esteso). Nella seconda – la numero LXXXVIII, cui fu dato il titolo Quod consortes magnatum in certo gradu solvant condempnationem certo termino, che non era previsto dalle modalità di redazione delle provvisioni, dove i dispositivi normativi erano abitualmente indicati con le parole iniziali e finali (nel registro ove è conservata la provvisione del 3 agosto 1294 solo una mano quattrocentesca segnò in margine "De satisdatione magnatum") – è invece riportato senza alcuna modifica sostanziale il testo corrispondente al dispositivo della provvisione.

Edizione, traduzione: Silvia Diacciati

Commento: Andrea Zorzi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis