Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Riformagioni e provvisioni

[dopo il 1343], Firenze, in palatio populi

Rubrica della compilazione degli Ordinamenti di giustizia posteriore al 1343 che integra il testo della provvisione del 12 aprile 1323 sulla responsabilizzazione penale dei consorti dei magnati che commettessero violenze.

Archivio di Stato di Firenze, Statuti del Comune di Firenze, 3.

Codice membranaceo, in lingua volgare, legato in assi, di carte II, 57, modernamente numerate, mm. 467x325. Composto di un foglio singolo e un bifolio iniziale, aggiunti in epoca moderna, e di 8 fascicoli. Scritto da più mani della prima metà del secolo XIV. La lettera iniziale è decorata con inchiostro rosso e blu, le lettere iniziali delle rubriche sono a colori alterni rosso e blu, il rubricario è in inchiostro rosso. Numerose rubriche presentano note e segni ai margini, di mani e periodi diversi.
Contiene nelle carte 1-51 gli Ordinamenti di giustizia dal nucleo iniziale del 1293 al 1344, scritta un'unica mano. Il testo è suddiviso in 136 rubriche numerate, precedute da un rubricario. Le norme si riferiscono agli anni 1293, 1294, 1295, 1298, 1300, 1301, 1306, 1307, 1308, 1310, 1315, 1320, 1323, 1330, 1331, 1343, e 1344, distribuite non cronologicamente. Nelle carte 52-57 seguono gli ordinamenti degli ufficiali dell'estimo del 1395 e due provvisioni relative agli otto di guardia del 1400.

Testo

/40r/ In Dei nomine amen. Anno sue salutifere incarnationis millesimo trecentesimo vigesimo tertio, indictione sexta, die duodecimo, mensis aprilis. Primo in consilio Centum virorum et subsequenter in aliis consiliis domini capitanei et populi Florentie et capitudinum duodecim maiorum artium civitatis Florentie, mandato nobilis militis domini Cionis de Tedaldis de Civitate Castelli, comunis et populi Florentie honorabilis capitanei et defensoris, precona convocatione campaneque sonitu in palatio populi Florentie more solito congregatis /40v/ et die tertio decimo eiusdem mensis aprilis in consilio generali Trecentorum et spetiali nonaginta virorum domini potestatis et comunis Florentie et capitudinum artium predictarum, mandato nobilis militis domini Rodulfi domini Guilielmi de Grassonibus eiusdem civitatis et comunis Florentie honorabilis potestatis precona convocatione campaneque sonitu in ipsius comunis palatio more solito congregatis, et per ipsa iam dicta consilia ut supra dicitur congregata presentibus volentibus et consentientibus dominis prioribus artium et vexillifero iustitie populi [et] comunis Florentie totaliter approbata acceptata admissa et firmata fuit provisio infrascripta per predictos dominos priores et vexilliferum cum diligenti examinatione et deliberatione eorum offitii auctoritate et vigore super infrascriptis edita et facta et omnia et singula que in ipsa infrascripta provisione continentur et scripta sunt prout et secundum quod infra proxime et immediate plenius et latius legitur et habetur. Cuius quidem provisionis tenor talis est:

.CXXV. Qualiter procedatur contra consortes magnatum declinantium iurisdictionem comunis Florentie. Rubrica.

Quoniam (a) magnates civitatis comitatus et districtus Florentie non solum non (b) corrigunt nec emendant nec corrigi nec emendari procurant consortes eorum ne mallefitia commictant, verum etiam mandant offendi et mallefitia commicti per eorum consortes et maxime per eos quos credunt aliquo benefitio iuvari posse ne contra eos procedatur per regimina civitatis Florentie, ideo ut ipsi (c) magnates materiam habeant alter alterius monitionibus et correctionibus insistendi, et ad emendationem propinquorum suorum diligentiam invicem intendi, et ut illos, quos ex eorum domibus aptos ad mallefitia noverint, non negligant ab illicitis actibus cohercere maxime cum per statuta comunis Florentie inter cetera remedia prodita illis sint ut cum noverint tales declinare possint illos facere carceribus mancipare et modis aliis talium iniquitatibus obviare, cumque non sit novum etiam secundum sacram legem quod qui suorum excessus non corripiunt in se pariter et in ipsos vindictam recipiant animadversionis divine, per dominos priores artium et vexilliferum iustitie et offitium duodecim bonorum virorum, primo super hiis deliberatione prehabita diligenti et demum inter eosdem dominos priores et vexilliferum et offitium dictorum duodecim bonorum virorum secundum formam statutorum premisso facto et obtento partito et secreto scruptineo ad fabas nigras et albas eorum auctoritate et vigore et omni modo et iure quibus melius fieri potuit, provisum et deliberatum et pro tranquillo statu comunis et populi civitatis Florentie ordinatum est quod omnes et singuli magnates de qualibet domo et casato infrascriptis et maxime seniores et maiores, teneantur emendare et corrigere et emendari et corrigi procurare quemlibet de ipsorum domo, et curare et facere quod aliquem non offendant vel offendi faciant in personis vel rebus.

Et quod si per dominos potestatem capitaneum executorem (d) ordinamentorum iustitie vel alium quemcumque offitialem comunis Florentie presentem vel qui pro tempore fuerit vel aliquem eorumdem fiat aliquis processus vel aliqua condempnatio vel sententia feratur contra aliquem vel aliquos cuiuscumque status preheminentie, dignitatis vel condictionis existant de aliqua vel aliquibus domo vel domibus seu casatis magnatum scriptis in statuto comunis Florentie quod incipit «ut ineffrenata etcetera» (e) pro aliquo excessu vel mallefitio quod in antea commicti contingerit vel (f) in antea commissum diceretur contra aliquam personam alicuius popularis civitatis, comitatus vel districtus /41r/ Florentie in persona vel rebus, et per talem vel tales contra quem vel quos procederetur vel processum esset (g) vel aliquem alium seu alios proponatur aliqua exceptio fori declinatoria seu nullitatis vel aliquod aliud obstaculum adhibeatur vel interponatur tacite vel expresse, directe vel per obliquum vel principaliter de nullitate per eum vel eos seu pro parte vel in favorem ipsorum intenderetur vel ageretur contra (h) aliquem processum, condempnationem vel sententiam seu sententie vel processus executionem, aut contra huiusmodi rectores vel offitiales vel eorum iudices aut familias vel eorum aliquem, aut etiam contra civitatem vel populum Florentie, propter quem vel quorum aliquod quoquo modo intenderetur vel videretur intendi ad impediendum annullandum vel removendum aut revocandum vel retractandum aliquem de huiusmodi processibus, sententiis vel processuum aut sententiarum executionibus, aut per quem vel quorum aliquod huiusmodi offitiales vel rectores vel aliquis eorum vel comune Florentie directe vel indirecte cogerentur vel cogi viderentur a talibus processibus, sententiis et sententiarum executionibus astinere vel eorum aliquod retractare vel per quem vel quorum aliquod eis vel alicui eorum daretur vel dari videretur causa vel materia astinendi vel retractandi vel retardandi vel annullandi aliquid de predictis vel aliquid aliud faciendi, teneatur executor ordinamentorum iustitie qui modo est et qui pro tempore fuerit, sub pena librarum duorum milium florenorum parvorum, in quibus sindici qui sindicabunt omni exceptione remota teneantur et debeant ipsum condempnare si omnia hec non observaverit ad licteram sicut iacent, ad requisitionem cuiuscumque clam vel palam aut etiam nullo denuntiante mox quod ad eius notitiam pervenerit suo motu, etiam omni iure et statuto solempniter obmissa, procedere contra consortes de domibus et casatis predictis talis vel talium in cuius vel quorum favorem predicta vel aliquod predictorum fierent, tamquam eos qui non correxerint seu corrigi non procuraverint et non emendaverint et qui in eorum correctione et emendatione negligentes fuerint et tamquam eos qui mallefitiis talium non obviaverint, de quibus omnibus et singulis tales consortes fictione iuris et de iure, que non recipiat probatio in contrarium, intelligantur fuisse remissi et negligentes et intelligantur et habeantur mandasse et quod mandaverint tali vel talibus eorum consortibus contra quem vel quos procederetur quod huiusmodi excessus vel mallefitium commicteretur vel commicterent et quod commicti fecerint, et de remissione et negligentia et mandato pro convictis habeantur, et etiam proponentem petentem vel allegantem talia in eius vel eorum favorem vel aliquod aliud obstaculum ut dictum est opponentem vel adhibentem cuiuscumque status preheminentie dignitatis vel conditionis existant, condemnare in libris tribus milibus florenorum parvorum camerariis comunis Florentie persolvendis, quas teneatur et debeat executor qui pro tempore fuerit exigere cum effectu.

Et predicta locum habeant in magnatibus legiptimis et naturalibus et legiptimis tantum et naturalibus tantum et spureiis sive bastardis de domibus sive de casatis predictis. Et ad talem condempnationem solvendam possint et debeant quilibet de consortibus talis magnatis vel talium magnatum etiam per condempnationem exbannimentum et mulctam, destructionem bonorum et personarum capturas /c. 41v/ et aliis remediis opportunis cogi in solidum cum effectu; ita tamen quod huiusmodi solventes habeant ipso iure regressum, facta solutione, contra alios consortes in dicta solutione cessantes, contra quos per comune Florentie concedi seu dari potest regressus et eorum et cuiusque eorum heredum et bona, que bona in hoc casu intelligantur esse et sint huiusmodi solventibus tacite obligata.

Et quod huius executor ordinamentorum iustitie qui pro tempore fuerit in predictis vel circa predicta vel aliquod predictorum sive de iure sive de facto processerit et etiam quilibet rector et offitialis comunis Florentie qui contra proponentes, adhibentes, petentes, allegantes, procurantes vel facientes predicta vel aliquod predictorum contra dicti executoris vel cuiuscumque rectoris vel offitialis comunis Florentie processum vel sententiam vel processus aut sententie executionem aut comune vel civitatem Florentie sententialiter processerint aut de facto, aut contra eos vel aliquem eorum processus condempnationes vel sententias tulerint quoquo modo sive de iure sive de facto ut dictum est, [per] comune Florentie ab omni processu, sententia, condempnatione qui et que a quocumque vel quibuscumque fierent quomodolibet contra eos vel aliquem eorum et ab omnibus dampnis sumptibus et expensis quas et que propterea subirent ab homine vel a iure penitus conserventur indempnes et ipso iure intelligantur sine aliis promissionibus eis vel alicui eorum fienda debere conservari et conserventur indempnes a comuni et per comune Florentie supra dictum.

Et quod predicta omnia et singula scribi debeant et pro scriptis habeantur in libro ordinamentorum iustitie et inter ordinamenta iustitie et sint ordinamenta iustitie et pro ordinamentis iustitie inviolabiliter observentur et debeant observari, et prevaleant omnibus statutis et ordinamentis comunis et populi Florentie que in predictis vel aliquo predictorum quomodolibet cotradicerent vel obstarent.

(a) Nel margine sinistro è annotato: «vide hoc statutum quod punit consortes declenatis forensi».

(b) non aggiunto nell'interlineo

(c) La seconda i di ipsi è sovrascritta ad una a

(d) Nel margine sinistro è disegnata una mano che indica la parola executorem

(e) Nel margine sinistro è annotato: «nota domos magnatum».

(f) Segue quod depennato nel testo

(g) Nel margine destro è disegnata una mano che indica il rigo terminante con esset; al di sotto della mano è annotato: «nota exceptio non posse opponi in processibus contra magnates factis».

(h) Nel margine sinistro è disegnata una mano che indica il rigo terminante con contra.

Traduzione

Nel nome di Dio Amen. Nell'anno della sua Incarnazione apportatrice di Salvezza 1323. Indizione, sesta, 12 di aprile. Per primo nel Consiglio dei Cento e quindi negli altri Consigli del messer Capitano e del Popolo fiorentino e delle Capitudini delle dodici Arti Maggiori della città di Firenze, su mandato del nobile cavaliere messer Cione dei Tedaldi da Città di Castello, onorevole Capitano del Comune e del Popolo Fiorentino e Difensore, riunito nel solito modo nel Palazzo del Popolo, con la voce degli araldi e il suono delle campane. E il giorno 13 dello stesso mese di aprile nel Consiglio Generale dei Trecento e Speciale dei Novanta del messer Podestà e Comune di Firenze e delle Capitudini delle predette Arti, su mandato del nobile cavaliere messer Rodolfo di messer Guglielmo dei Grassoni onorevole Podestà della stessa città e del Comune di Firenze, riunito nel solito modo nel Palazzo del Comune, con la voce degli araldi e il suono delle campane. E dagli stessi detti Consigli riuniti, come detto sopra, alla presenza e con la volontà e il consenso dei Priori delle Arti e del Gonfaloniere di Giustizia del Popolo e Comune di Firenze è stata approvata nella totalità e accettata, ammessa e decisa la provvisione infrascritta, edita e licenziata dai detti signori Priori e Gonfalonieri con diligente esame e delibera in vigore dell'autorità del loro ufficio sulle cose che in essa sono contenute e scritte, come sotto si legge in maniera più ampia e precisa.

Il tenore della quale è:

125: Come si proceda contro i consorti dei magnati che rifiutano il diritto e l'azione del Comune di Firenze. Rubrica.

Poiché i magnati della città, contado e distretto di Firenze non solo non correggono né riprendono né si adoperano affinché siano corretti e ripresi i loro consorti, ma anzi fanno sì che siano commessi malefici e ingiurie da parte dei loro consorti, e particolarmente da coloro che credono possano essere aiutati con qualche beneficio affinché non si proceda contro di loro da parte delle autorità fiorentine, per questo, affinché gli stessi magnati abbiano motivo di perseverare l'uno con l'altro con le ammonizioni e le correzioni e di impegnarsi con maggiore diligenza in una vicendevole correzione dei propri parenti prossimi, e affinché non trascurino di costringere coloro che, delle proprie casate, abbiano conosciuto come propensi a compiere azioni malvagie, e soprattutto perché sia loro noto tra gli altri rimedi previsti dagli statuti del Comune di Firenze che quando siano a conoscenza che tali malvagi sono su una strada pericolosa possano farli detenere in carcere e ovviare in altro modo alle loro iniquità, dal momento che è cosa usuale secondo la Legge Divina che colui che non accusa i propri eccessi riceva a un tempo in sé e in quegli stessi eccessi la vendetta della punizione Divina; dai signori Priori delle Arti e Gonfaloniere di Giustizia predetti e dall'ufficio dei Dodici buonuomini, dopo aver in precedenza deliberato in maniera attenta su tali cose e quindi aver votato con segreto scrutinio con le fave nere e bianche tra gli stessi Priori e Gonfaloniere e l'ufficio dei Dodici secondo la forma degli statuti, è stato stabilito ordinato e deciso, per il tranquillo stato del Comune e del Popolo della città di Firenze che tutti e ciascuno dei magnati di qualsiasi famiglia e casato infrascritto, e soprattutto i maggiori e più esperti, siano tenuti a riprendere e correggere e a impegnarsi a che siano ripresi e corretti tutti i membri della loro famiglia, e a curare e a far sì che non offendano o facciano offendere nessuno nella persona o nelle cose.

E che se dai messeri Podestà, Capitano, Esecutore degli Ordinamenti di Giustizia o qualsiasi altro ufficiale del Comune di Firenze attualmente in carica, o che lo sarà in futuro, o qualcuno di loro, verrà condotto un qualche processo o promossa una condanna o sentenza contro qualcuno di qualsiasi condizione di preminenza o di dignità di alcuna o alcune delle famiglie o casati dei magnati scritti nella rubrica dello statuto del Comune di Firenze che comincia: "Affinché la sfrenata” ecc., per qualche atto violento o maleficio che d'ora in poi capiterà di commettere o che si dirà sarà stato commesso contro la persona di qualche popolano della città, contado o distretto di Firenze nella persona o nelle cose; e da colui o coloro contro il quale o i quali si procedesse o si facesse il processo, o da alcuno altro, si proponesse una qualche eccezione tale da far cadere lo stesso o di nullità, o si interponesse qualche altro ostacolo in maniera palese o implicita, diretta o indiretta, o si puntasse soprattutto alla nullità da parte loro o in loro favore o per essa si agisse contro qualche condanna processuale o sentenza o esecuzione di esse; o contro i rettori e gli ufficiali o i loro giudici o i loro collaboratori o alcuno di loro, o anche contro la città o il popolo fiorentino si cercasse di impedire o di rimuovere o annullare o revocare o ritrattare o ritardare alcuno di tali processi, sentenze, o loro esecuzioni; o se si cercasse di costringere alcuno di questi ufficiali o rettori o anche il Comune di Firenze in maniera diretta o indiretta, o così sembrasse, ad astenersi da tali processi, sentenze, o loro esecuzioni o a ritrattarle, o si cercasse di dare motivo di astensione, ritardo, ritrattazione o annullamento per alcuna di tali cose, sia tenuto l'Esecutore degli Ordinamenti di Giustizia attualmente in carica, o che lo sarà a suo tempo, sotto pena di duemila fiorini piccoli che dovranno togliergli i sindaci revisori che dovranno sindacarlo, messa da parte ogni eccezione, dovranno condannarlo, se non verranno osservate tutte queste cose alla lettera, su richiesta di chiunque aperta o segreta.

O anche senza alcuna denuncia subito, non appena gli giungerà notizia, dovrà procedere di sua iniziativa senza alcuna solennità prevista dalla legge o dagli statuti, e i consorti delle famiglie e casati predetti del tale o dei tali a favore del quale fossero fatte le cose predette come coloro che, commettendo tali malefici o eccessi alcuno della loro famiglia o casata, non abbiano corretto o non abbiano procurato che fosse corretto e che nella loro correzione siano stati negligenti e come coloro che non si siano opposti alle loro malvagità, delle quali cose che non ricevessero alcuna confutazione con prove, siano tali consorti considerati deboli e negligenti e siano considerati come complici dei loro consorti accusati di aver commesso atti di violenza o malefici, e siano accusati di negligenza e complicità coi loro congiunti. E anche [sia tenuto l'Esecutore] a condannare colui che avrà proposto tali cose in favore o di ostacolo come indicato, e di qualsiasi condizione di preminenza o di dignità esso sia farlo in tremila lire di fiorini piccoli, da pagarsi ai camerari del Comune di Firenze; cose che l'Esecutore in carica dovrà esigere con effetto. E tali cose abbiano luogo nei confronti dei magnati legittimi e nella discendenza naturale, e legittima o naturale soltanto, e nella progenie illegittima o bastarda, delle famiglie e casati predetti. E a pagare tale condanna sia costretto ciascuno dei consorti di tale magnate, per condanna, bando e multa, distruzione di beni, cattura e altri sistemi opportuni, con effetto.

Tuttavia coloro che avranno pagato in tal modo abbiano diritto a rivalersi contro gli altri consorti che non avranno pagato tale condanna, contro i quali appunto il Comune di Firenze potrà dare il diritto di rivalsa, loro e i loro eredi e i loro beni, che in questo caso verranno intesti come tacitamente obbligati in tal senso. E che l'Esecutore degli Ordinamenti di Giustizia allora in carica che avrà proceduto contro tali cose, su denuncia o per proprio conto, e anche ciascun rettore e ufficiale del Comune di Firenze che contro chi abbia proposto, si sia dato da fare, abbia fatto ricorso in tali cose contro l'Esecutore o qualsiasi rettore o ufficiale del Comune al processo, sentenza, o loro esecuzione, sia mantenuto indenne dal Comune di Firenze da ogni processo o condanna o da ogni spesa o danno relativo a quanto detto, e di diritto, senza necessità da parte loro di fare alcuna promessa a riguardo, sia conservati indenni dal Comune e per il Comune suddetto.

E tali cose, tutte e ciascuna di esse, debbano essere scritte, e siano tenute come scritte, nella raccolta degli Ordinamenti di Giustizia, e siano Ordinamenti di Giustizia e come Ordinamenti di Giustizia siano inviolabilmente osservati e debbano essere osservati e prevalgano su tutti gli statuti e Ordinamenti del Comune e del Popolo fiorentino che in qualsiasi parte o in qualsiasi modo siano con essi in contraddizione o conflitto.

Commento

È qui riportata la rubrica Qualiter procedatur contra consortes magnatum declinantium iurisdictionem comunis Florentie, raccolta nella compilazione degli Ordinamenti di giustizia promossa dal comune di Firenze alla metà del Trecento. Si tratta della nuova scrittura della provvisione approvata dai consigli del comune il 12 e 13 aprile 1323, nella quale era esplicitamente previsto il suo inserimento "in libro Ordinamentorum Iustitie" (cfr. I.2.1).

Come abbiamo già scritto nei commenti introduttivi precedenti, non tutti i provvedimenti antimagnatizi approvati dai consigli del comune erano destinati a essere riportati nel corpo normativo principale. Anzi, si trattava più di un'eccezione che di una prassi consolidata.

Nondimeno, per l'importanza attribuita alle misure che cercavano di coinvolgere i parenti dei magnati nel controllo dei comportamenti penalmente rilevanti dei propri consorti, in primo luogo le eccezioni di giurisdizione nei confronti dei tribunali del comune, la provvisione dell'aprile 1323 fu inserita nel corpus degli Ordinamenti di giustizia. Il codice più risalente che lo attesta è quello, membranaceo – oggi conservato nella serie degli Statuti del Comune di Firenze dell'Archivio di Stato di Firenze (al numero d'ordine 3) –, redatto con ogni probabilità dopo che alla fine del 1343 il rinnovato regime di "popolo" aveva disposto la restaurazione degli Ordinamenti di giustizia che erano stati aboliti dal Duca d'Atene nel settembre 1342.

La provvisione del 1323 non compare invece nella compilazione in lingua volgare degli Ordinamenti – che si conserva nella medesima serie degli Statuti del Comune di Firenze dell'Archivio di Stato di Firenze (al numero d'ordine 2) – databile al terzo o quarto decennio del secolo XIV, e comunque contenente norme non posteriori al 1324.

Appare comunque significativo che la provvisione in questione sia stata inserita nella compilazione posteriore al 1343. Quest'ultima fu disposta, come detto, nel quadro di una rinnovata politica antimagnatizia promossa dal ritrovato regime corporativo del "popolo" guidato dalle arti maggiori dopo il breve ma intenso regime del Duca d'Atene, che aveva fondato il proprio consenso proprio sul rapporto privilegiato con il ceto magnatizio. Non può sorprendere, dunque, che un provvedimento già fortemente contestato dai magnati al momento della sua approvazione nel 1323, e causa di laceranti conflitti all'interno del gruppo dirigente fiorentino – come illustrato nella scheda del documento corrispondente –, fu ribadito vent'anni dopo in un contesto politico di rilanciata offensiva antimagnatizia, e nuovamente riscritto nella compilazione normativa appositamente disposta.

Il testo degli Ordinamenti contiene 136 rubriche, delle quali le prime 118 corrispondono grosso modo a quelle inserite nel volgarizzamento descritto, e altri 18 capitoli, in buona parte datati, che raccolgono norme approvate tra il 1310 e il 1344. Tra questi è appunto riportata la legge del 1323, sotto il numero di rubrica CXXV, e con un titolo (Qualiter procedatur contra consortes magnatum declinantium iurisdictionem comunis Florentie) che non era previsto dal formulario delle scritture disposte nei registri delle provvisioni, dove i dispositivi normativi erano abitualmente indicati con le parole iniziali e finali: nel caso specifico con le locuzioni "provisione que sic incipit: Quoniam magnates et cetera, et finitur: vel obstarent".

Ed è proprio il testo compreso tra quelle parole (trascritte alla lettera) a costituire il corpo della rubrica CXXV degli Ordinamenti di giustizia, cui il notaio che lo stese antepose solo le formule di invocazione e la memoria dei diversi consigli presieduti dai rettori del comune (i cui nomi sono indicati per esteso) in cui fu approvata la provvisione del 1323. Per il resto, il dettato degli Ordinamenti posteriori al 1343 è ovviamente sfrondato di tutte le registrazioni delle procedure di proposta, illustrazione e approvazione da parte dei consigli, con una consistente riduzione della lunghezza del testo (scorciato da 3.200 a 1.300 parole circa).

Edizione, traduzione: Piero Gualtieri

Commento: Andrea Zorzi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis