Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Lodo consolare

1109 settembre 30 <Genova>, in ecclesia Sancti Laurencii

Die (a) k<a>lendarum octubris, in ecclesia Sancti Laurencii. Nostri electi consules, videlicet Guilielmus Malabitus et Iterius Pedegola itidenque Oto Fornarius, laudaverunt omnibusque modis afirmaverunt quod abbas Sancti Stephani et eius successores ab illo die in antea abeat et quiete sine lite omni te(m)pore possideat molendinum quod est constructum in loco ubi dicitur Molinellus, de quo suprascriptus abbas abebat litem cum Baldone clerico de Murteto et cum filiis Boniiohannis Caponis atque cum filiis Magnii et cum aliis illorum consortibus eiusdem molendini, sub tali condicione: si suprascripti letigatores infra hanc nostram conpagnam requixicionem fecerint suprascripto abbati quod Guilielmus eius frater sit in Ianua, debet abbas habere Guilielmum et alium testem qui iurent sicuti predicti consules laudem factam habent. Sin autem suprascripti letigatores infra hanc conpagnam peticionem testium non fecerint, estra hanc conpagnam potestatem faciendi querelam predicti molendini non habeant. Uius laudacionis testium dificile est nomina scribere, tamen de melioribus nominatim dicamus: Ugo de Ture et Anselmus iudex itidenque Gisulfus iudex et Adolus Porcus, Anselmus de Iterio, Lanfrancus avocatus et Opizo de Conrado clerico, Obertus Turclus et Conradus, filius Anselmi de Salvatore, et Oto Arpagus, Anricus, filius Oberti Cavalerii, et Iohannis (b) Blancus de presbitero Silverado. Anni ab incarnacione domini nostri Iesu Christi milleximo centeximo nono, pridie kalendarum octubris, indic(tione) tercia.
(S.T.) Ego Guinigisus iudex per laudem suprascriptorum consulum hanc laudacionem scripsi.

(a) È probabile che il notaio abbia omesso pri davanti a die: v. data nell'escatocollo.

(b) Iohannis: così A

Primo ottobre, nella chiesa di San Lorenzo. I nostri consoli eletti, vale a dire Guglielmo Malabito e Iterio Pedegola e parimenti Ottone Fornario, hanno sentenziato e sotto ogni aspetto ribadito che l'abate di Santo Stefano e i suoi successori da quel giorno in poi detengano e pacificamente senza mai alcuna lite possiedano il mulino che è costruito nel luogo denominato Molinello, sul quale verteva una controversia tra il soprascritto abate, <da una parte>, e Baldone chierico de Murteto e i figli di Bongiovanni Capone e i figli di Magno e altri consorti del medesimo mulino, <dall'altra>, alla seguente condizione: se i soprammenzionati litiganti all'interno della nostra compagna richiederanno al suddetto abate che Gugliemo suo fratello sia presente a Genova, l'abate deve proporre Guglielmo e un altro testimone che giurino come i predetti consoli hanno deliberato. Se invece i suddetti litiganti all'interno di questa nostra compagna non ricorressero ai testimoni, non abbiano facoltà di intentare causa per il predetto mulino al di fuori di questa compagna. È difficoltoso scrivere i nomi dei testimoni di questa sentenza, tuttavia elenchiamo i più autorevoli: Ugo di Torre e Anselmo giudice e anche Gisolfo giudice e Adolo Porco, Anselmo de Iterio, Lanfranco Avvocato e Opizo di Corrado chierico, Oberto Turco e Corrado, figlio di Anselmo di Salvatore, e Ottone Arpago, Anrico, figlio di Oberto Cavalerio, e Giovanni Bianco di prete Silverado. Anno dell'incarnazione di nostro signore Gesù Cristo 1109, 30 settembre, indizione terza.
(Segno del notaio) Io Guinigiso giudice per laudem dei suddetti i consoli questa sentenza ho scritto.