Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Lodo consolare

1127 agosto <Genova>, in palatio Ianuensis episcopi quod est situm iuxta ecclesiam Sancti Laurentii

De decima montane Cete (a).

+ In palatio Ianuensis episcopi quod est situm iuxta ecclesiam Sancti Laurentii, in presentia bonorum hominum quorum nomina su[bter leguntur], convenerunt Ianuenses consules, scilicet Iterius Pedicula et Ottone vicecomes atque Marchio de Caphara, insimul cum Mascaro et Aimerico de Plumbeto pro discordia quam habebant cum comuni Ianue de decima montane Cete, quam discordiam hoc modo finierunt quod si fuit discordia pro tenimento de Runcho in dictis duorum bonorum hominum (b) legittimorum de Vultabio et duorum Flacone (c), quos Ianuenses consules elegerunt, credatur et debent totam aliam decimam dividere per medium de Ceta. Pro hac diffinitione et concordia dederunt consules libras decem denariorum brunitorum Mascaro et Aimerico et dederunt libras octo eiusdem monete Petro, Terdonensi episcopo. Mascarus vero et Aimericus obligaverunt se per se et per fratres suos et per episcopum Terdonensem ut amodo non debent agere nec causare tam ipsi quam heredes eorum adversus (d) comune Ianue aut cui ipse comune dederit medietatem totius decime de Ceta neque comune adversus eos sicut superius dictum est (e). Quod si fecerint, posuerunt penam in duplum. Factum est hoc in anno dominice incarnationis millesimo centesimo vigesimo septimo, mensis augusti, indictione IIIIa. Testes Lanfrancus Roša, Lambertus Guešo, Girardus Scotus, Ingo Galeta, Bellamutus, Martinus de Auria, Lanfrancus Guercius, Obertus Malusaucellus, Iohannes Barcha, Rainaldus Gauxum (f), Willelmus Porcus, Bonusvassallus Bocca, Obertus de Movacha, Willelmus iudex, Martinus (g) de Porta, Otto Gontardus, Oglerius Capra, Arnaldus Batigaldus et reliqui plures.
(S.N.) Ego Bonusinfans notarius interfui et per preceptum suprascriptorum consulum scripsi.
(S.N.) Ego Lantelmus, notarius sacri palacii, hoc exemplum, de mandato domini Pegoloti, Ian(ue) (h) potestatis, extraxi et exemplavi ab autentico et originali instrumento manu Boniinfantis notarii scripto secundum quod in eo vidi et legi per omnia contineri, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto, absque ulla mutatione, corruptione seu diminutione dictionum vel sensus et ad ipsum corroborandum, iussu dicte potestatis, propria manu subscripsi.

(a) de Ceta in C'

(b) hominum bonorum in C con segno d'inversione

(c) de Flacono in C'

(d) adversum in C'

(e) sicut - est om. C'

(f) Gauxon in C'

(g) Marinus in C'

(h) scioglimento da C'.

Sulla decima del monte Ceta.

Nel palazzo del vescovo di Genova che Ŕ sito presso la chiesa di San Lorenzo, alla presenza dei boni homines di cui nel seguito si leggono sotto i nomi, si sono riuniti i consoli genovesi, vale a dire Iterius Pedicula e Ottone vicecomes e Marchio de Caphara, insieme con Mascaro e Aimerico de Plumbeto in merito alla controversia che opponeva questi ultimi al comune di Genova riguardo alla decima del monte Ceta. Alla quale controversia hanno posto fine in questo modo, che, se vi Ŕ stata una disputa sulla conduzione di Ronco, si presti fede alle dichiarazioni di due boni homines legittimi di Voltaggio e due di Fiaccone, che i consoli di Genova hanno eletto, e devono dividere per metÓ tutta l'altra decima di Ceta. Sulla base di questa indicazione e di questo accordo i consoli hanno dato dieci lire di denari bruniti a Mascaro e ad Aimerico e parimenti otto lire della stessa moneta a Pietro, vescovo di Tortona. Mascaro e Aimerico hanno impegnato se stessi e i loro fratelli e il vescovo di Tortona, a partire da quel momento, a non agire nÚ a intentare causa sia loro stessi, sia i loro eredi contro il comune di Genova o contro colui al quale lo stesso comune avrÓ dato la metÓ di tutta la decima di Ceta, nÚ il comune contro di loro, come Ŕ stato detto in precedenza. Hanno stabilito una pena del doppio nel caso si comportassero in questo modo. Ci˛ Ŕ stato sentenziato nell'anno dell'incarnazione 1127, nel mese di agosto, indizione terza. Testimoni: Lanfranco Roza, Lamberto Guezo, Girardo Scotto, Ingone Galeta, Bellamuto, Martino Doria, Lanfranco Guercio, Oberto Malocello, Giovanni Barca, Rinaldo Gauxo, Guglielmo Porco, Bonvassallo Bocca, Oberto de Movacha, Guglielmo giudice, Martino de Porta, Ottone Gontardo, Ogerio Capra, Arnaldo Batigaldo e molti altri.
(Segno del notaio) Io Bonfante notaio sono stato presente e su incarico dei suddetti consoli ho scritto.
(Segno del notaio) Io Lantelmo, notaio del sacro palazzo, ho estratto ed esemplificato questa copia su mandato di Pegoloto, podestÓ di Genova, da un autentico e originale documento (instrumentum) scritto per mano del notaio Bonfante secondo quanto in esso ho visto e letto essere contenuto nella sua totalitÓ, senza aver aggiunto o eliminato, se non casualmente una lettera o una sillaba, un titolo o un punto, senza alcun cambiamento, corruzione e sottrazione di parole o di contenuto e per convalidarla, per ordine del detto podestÓ, ho sottoscritto di mio pugno.