Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Trattato

1192 dicembre 17, Genova

Il marchese Bonifacio di Clavesana stipula una convenzione con il comune di Genova.

Originale [A], Archivio di Stato di Genova, Archivio Segreto, n. 346; copia autentica del 1253 [C], Ibidem, Vetustior, c. 143 v., da copia autentica in registro del 1229; copia autentica del 1301 [C'], Ibidem, Duplicatum, mbr. LXXXVI, c. 365 v., dalla stessa fonte; copia autentica del 1267 [D], Ibidem, Settimo, c. 143 v., da C; copia semplice del 1301 [E], Biblioteca Universitaria di Genova, Liber A, ms. B.IX.2, c. 143 v., da D.

Nel verso di A la seguente annotazione: "R(egistratum)"; nel margine esterno di D, di mano di Iacopo Doria: "Infra in cartis quinque sequentibus de eadem materia et in CCLVI".

A è convalidato col sistema della carta partita; nessuna traccia dei sigilli rilevati dall'autentica alla copia in registro del 1233; la plica parrebbe essere stata tagliata.

C è così autenticata: "(S.T.) Ego magister Nicolaus de Sancto Laurentio, sacri palacii notarius, transcripsi omnia exempla prescripta et exemplificavi ab illis que Lantelmus quondam notarius sumpsit ab autenticis et originalibus per diversas manus b notariorum scripta ut supra in subscriptionibus eorum continetur c et per manum eiusdem Lantelmi in registro comunis scripta sunt, nichil addito vel dempto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto plus minusve seu causa abreviationis seu protensionis litterarum, sententia in aliquo non mutata nec viciata, precepto tamen et auctoritate domini Enrici Confalonerii, potestatis Ianue, M°CC°LIII°, indictione XI, die prima octubris, presentibus Rufino de Ast iudice, Oberto de Langasco scriba et Nicolao de Porta notario, in quorum presentia statuit et laudavit quod hec eandem vim et fortiam habeant cum originalibus".
C' è così autenticata: "(S.T.) Ego Rollandinus de Richardo, sacri palacii notarius, hec exempla marchionum de Cravexana extraxi et exemplavi de registro veteri comunis Ianue scripto manu Lantelmi notarii sicut in eo vidi et legi, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto abreviationis causa, sententia non mutata, de mandato tamen domini Danii de Osenaygo, civitatis Ianue potestatis, presentibus testibus Iohanne Bonihominis, Loysio Calvo, cancellariis comunis Ianue, et Iacobo de Albario notario, millesimo trecentesimo primo, indictione XIII, die XX iunii".
D è così autenticata: "(S.T.) Ego Guibertus de Nervio, sacri Imperii notarius, transcripsi et exemplificavi ut supra de registro comunis Ianue, translato et exemplificato manu magistri Nicolai de Sancto Laurentio notarii ab illis videlicet que Lantelmus quondam notarius sumpsit ab autenticis et originalibus per diversas manus notariorum scriptis ut supra in dictis subscriptionibus continetur, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto vel causa abreviationis, et hoc feci de mandato domini Guidoti de Rodobio, potestatis Ianue, presentibus Rubeo de Orto, magistro Alberto de Casali et Ianuino Osbergerio, scribis comunis, M°CC°LXVII°, die VIII novembris".
Per l'indicazione del mese si privilegia quella fornita da A.

Edd.: Liber iurium Reipublicae Genuensis, in Historiae Patriae Monumenta, VII, IX, Torino 1854-1857, VII, n. 404; L. RAINERI, Storia della Liguria, Oneglia 1859, p. 233; Codice diplomatico della Repubblica di Genova, a cura di C. IMPERIALE DI SANT'ANGELO, in Fonti per la storia d'Italia, nn. 77, 79, 89, Roma 1936-1942, III, n. 27; I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/3, a cura di D. PUNCUH, Genova-Roma 1998 (Fonti per la storia della Liguria, X; Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Fonti, XVII), n. 473.
Regesto: A. MELA, Famiglie illustri di Diano Castello, Alba [1974], p. 8.

Testo

(a) + Ego Bonifacius, marchio de Cravexana, per me et heredes meos, promitto et convenio vobis consulibus comunis Ianue, Willelmo Burono, Oglerio Vento, Idoni Picio, Bisatie et Oberto Ususmaris, recipientibus pro comuni Ianue, salvare et defendere universos Ianuenses et de districtu Ianue in personis et rebus, terra et aqua et in toto posse et forcia mea et ubicumque potero bona fide et specialiter per totam marcham (b) Albingane, a Petra videlicet usque aquam Armeani, et ab eis omnem vim et iniuriam propulsare tenebor. Quotiens comune Ianue ostem vel cavalcatam fecerit a portu Monachi usque Portam Bertramem ibo in ostem et cavalcatam in (c) ordinatione consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint cum militibus quatuor et archatoribus quinquaginta meis expensis per totam marcham meam, ultra vero ad expensas comunis viande dumtaxat et restitutionem perditarum. Si aliquis Ianuensis vel de districtu Ianue ante me lamentationem fecerit (d), rationem ei facere tenebor et complere infra proximos XL dies post factam lamentationem (e) nisi quantum licentia reclamantis aut per dilationem legittime datam remanserit. Deveta omnia que consules comunis Ianue fecerint firma et inconcussa observare tenebor et per homines meos illibata faciam inviolabiliter observari. Stratas omnes terre et maris et per eas euntes et redeuntes salvabo et defendam et per homines meos salvari faciam et defendi. Nullum lignum cursale in toto posse et forcia mea armabo vel armari concedam nisi in ordinatione et beneplacito consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint et si quis forte contrafacere presumpserit, faciam inde vindictam in ordinatione consulum comunis Ianue. Universos homines de marcha Albingane et de locis illis qui sunt prope mare per miliaria quinque faciam iurare in ordinatione consulum comunis Ianue de hiis omnibus observandis pro mandato et ordinatione consulum comunis Ianue et (f) de oste et cavalcata facienda et fodro annuatim solvendo et de non facienda iura aut rassa vel conspiratione cum aliquo vel aliquibus habitantibus a Ianua usque portum Monachi et specialiter homines Albingane, Andorie, Servi, Diani, Portusmauricii, Castellarii, Tabie et Dulcedi. Quandocumque fodrum fecero super Albinganenses, medietatem dabo consulibus comunis (g) Ianue de fodro illo bona fide. De aliis vero nominatis locis de marcha terciam partem totius fodri ipsis consulibus vel eorum misso (h) dabo et consignabo ita quod liceat ipsis consulibus nuncium suum habere pro colligenda et retinenda parte comunis Ianue. Si vero discordia fuerit inter nos de colligendo fodro et aliquid inde per me collectum fuerit, partem que comuni Ianue contingerit ipsis consulibus vel eorum certo misso dabo vel dari faciam. Predicta omnia per me et meos heredes vobis consulibus comunis Ianue pro comuni Ianue promitto (i) et iuro, tactis sacrosanctis evangeliis, rata et inconcussa in perpetuum observare et si contrafecerimus (j), penam mille marcharum argenti vobis stipulantibus promitto ita quod pena predicta commissa (k) et exacta nichilominus predicta omnia firma et illibata permaneant, pro qua pena omnia bona mea (l) habita et habenda vobis pignori obligo.

(m) + Nos Ian(ue) (n) consules de comuni Willelmus Buronus, Oglerius Ventus, Ido Pitius, Bisatius et Obertus Ususmaris promittimus et convenimus pro comuni Ianue vobis Bonifacio, marchioni de Cravexana, et heredibus vestris quod comune Ianue conferet et adiuvabit vos bona fide cum fortia sua que ad hoc sufficiens videbitur ad habendas et manutenendas rationes et usantias vestras quas habetis in marcha Albingane, a Petra videlicet usque aquam Armeani et per miliaria quinque longe a mare, et ad fodrum colligendum secundum quod vobiscum fuerint concordati consules qui pro tempore fuerint, quod si forte invicem non poteritis concordare sicut infra scriptum est, videlicet in Albingana libras CC, in Andoria libras quadraginta, in Servo libras quadraginta, in Diano libras centum, in Portumauricio libras ducentum, in Castellario libras XX, in Tabia libras quinquaginta (o) et (p) in Dulcedo libras triginta, si aliquis locus de marcha vobis et nobis forte rebellis esistere voluerit de his predictis observandis et invicem fuerimus concordati de loco illo ad planum mittendo, conferemus vobis cum fortia nostra ad illud negotium sufficiente ad locum illum ad planum mittendum et ad fortiam destruendam nisi in beneplacito nostro forte satisfecerint. Item promittimus vos adiuvare per bonam fidem contra universos homines de marcha ad rat(iones) et usantias vestras habendas et manutenendas. Non concedemus (q) quod aliquis locus de marcha (r) faciat iuram vel rassam aut conspirationem cum aliqua vel aliquibus personis habitantibus a Ianua usque portum Monachi. Predicta omnia per nos et comune Ianue promittimus vobis et iuramus, tactis sacrosanctis evangeliis, rata et inconcussa in perpetuum observare et si contrafactum fuerit, penam mille marcharum argenti vobis stipulantibus promittimus ita quod pena predicta commissa et exacta nichilominus predicta omnia firma et illibata permaneant. Pro qua pena omnia bona comunis habita et habenda vobis pignori obligamus. Acta sunt hec Ianue, in capitulo et iurata per Bonifacium marchionem et (s) predictos consules comunis Ianue, presentibus Bonifacio de Quaranta, Morando de Asta, Willelmo Bocca, Ansaldo Sardena, Iohanne Cintraci et Oglerio Pane, qui hanc conventionem scripsit mandato ipsorum, anno dominice nativitatis millesimo centesimo nonagesimo (t) secundo, indictione X, septimo decimo die decembris (u). Et hec omnia supradicta ut maiorem optineant firmitatem faciemus scribi in brevi consulum comunis et compagne et ita firmiter stabiliri ut numquam possit in contrarium emendari.

(S.T.) Ego Lantelmus, notarius sacri palatii, hoc exemplum ab autentico domini Bonifacii, marchionis de Cravexana, duobus cereis sigillis (v) sigillato, unum quorum erat sigillum Ian(ue) civitatis, alterum vero cuius sit discerni non potest, sicut in eo vidi et legi transcripsi et per omnia exemplavi, nichil addito vel diminuto preter sillabam vel litteram (w), titulum seu punctum et hoc absque ulla mutatione, corruptione seu diminutione dictionum vel sensus, ad quod corroborandum, iussu domini Pegoloti, Ian(uensis) civitatis potestatis, propria manu (x) subscripsi. Erat quoque in eodem autentico medium alphabetum per quod videbatur esse divisum ab alio exemplo licet in eo nulla de alio fiat mentio, tenor cuius alphabeti talis est:

(CP)

(a) Conventio et promissio quam fecit Bonifacius, marchio Cravexane, comuni Ianue in C; Conventio cui Iacopo Doria ha aggiunto marchionum de Cravexana solamente in D

(b) marchiam in C'

(c) cavalcatam illam in in A; hostem et cavalcatam. No(ta) quod marchiones Cravexane tenentur facere hostem et cavalcatam ad mandatum comunis nel margine esterno di C' di mano trecentesca

(d) fecerit: om. C'

(e) reclamationem in C

(f) comunis et in C

(g) comunis: om. C'

(h) misso eorum in C

(i) comuni promitto in C

(j) contrafecero in C

(k) pena commissa in C

(l) mea bona in C

(m) Conventio et promissio facta per comune Ianue Bonifacio, marchioni de Cravexana, de dando sibi auxilium et iuvamen in C; Supra in CXXXXIII nel margine esterno di D annotazione di Iacopo Doria

(n) scioglimento da C'

(o) XL in C

(p) et: om. C'

(q) concedimus in C

(r) marcha: in C corretto su marchia

(s) capitulo per Bonifacium marchionem et iurata et in C

(t) nanagesimo in C

(u) novembris in A

(v) sigillis: in C ripetuto

(w) litteram vel sillabam in C'

(x) manu: om. C

Traduzione

+ Io Bonifacio, marchese di Clavesana, per me e per i miei eredi, concordo e prometto a voi consoli del comune di Genova, Guglielmo Burono, Oglerio Vento, Ido Picio, Bisazio e Oberto Usodimare, riceventi a nome del comune di Genova, di salvare e di difendere tutti i Genovesi e coloro che sono del distretto di Genova in persone e cose, terra e acqua e in tutto il territorio che controllo e ovunque potrò in buona fede e specialmente per tutta la marca di Albenga, cioè da Pietra fino al torrente Armea, e da loro sarò tenuto a respingere qualsiasi violenza e offesa. Tutte le volte che il comune di Genova farà esercito e cavalcata da porto Monaco fino alla Porta Bertrame andrò a fare esercito e cavalcata seguendo l'ordine dei consoli del comune di Genova in carica pro tempore con quattro cavalieri e cinquanta arcieri a mie spese per tutta la mia marca, oltre la marca a spese del comune per quanto riguarda le vettovaglie e con restituzione delle perdite. Se qualche Genovese o persona del distretto di Genova si lamentasse di fronte a me, sarò tenuto a rendergli e a compiere ragione entro i quaranta giorni successivi al reclamo se non quanto rimanesse di licenza del reclamante o per dilazione data legittimamente. Sarò tenuto a osservare tutti i divieti che i consoli del comune di Genova dichiarassero fermi e incontestabili e da parte dei miei uomini li farò osservare immancabilmente senza discuterli. Proteggerò e difenderò tutte le strade di terra e di mare e coloro che andassero e tornassero per esse e le farò proteggere e difendere dai miei uomini. Non armerò né concederò di armare per tutto il territorio che controllo alcun legno da corsa se non per ordine e concessione dei consoli del comune di Genova in carica pro tempore e se qualcuno intendesse per caso contraddire questa intenzione, farò vendetta su ordine del comune di Genova. Farò giurare tutti gli uomini della marca di Albenga e di quei luoghi che sono vicini al mare entro una distanza di cinque miglia eseguendo l'ordine dei consoli del comune di Genova di osservare tutte queste cose su mandato e ordine dei consoli del comune e di fare esercito e cavalcata e di pagare ogni anno il fodro e di non fare patti giurati o rivolte o cospirazione con uno o alcuni abitanti da Genova fino al porto di Monaco e specialmente gli uomini di Albenga, Andora, Cervo, Diano, Porto Maurizio, Castellario, Taggia e Dolcedo. Tutte le volte che riscuoterò il fodro dagli Albenganesi, darò metà di quel fodro ai consoli del comune di Genova in buona fede. Degli altri luoghi nominati della marca di Albenga darò e consegnerò la terza parte di tutto il fodro agli stessi consoli o a un loro inviato così che gli stessi consoli possano avere un loro delegato per raccogliere e trattenere la parte del comune di Genova. Se poi ci fosse discordia tra di noi riguardo la raccolta del fodro e qualcosa fosse perciò raccolto da me, la parte che toccasse al comune di Genova la darò o la farò dare agli stessi consoli o a un loro sicuro delegato. Tutte le cose predette da parte mia e dei miei eredi prometto a voi consoli del comune di Genova sotto pena di mille marche d'argento e giuro, con la mano sui santi vangeli, di osservarle per sempre confermate indiscusse e se le contraddirò prometto una multa di mille marche d'argento a voi contraenti così che comminata e riscossa la pena almeno tutte le cose predette rimangano ferme e intatte, per la quale multa impegno tutti i miei beni che ho avuto e che avrò.

+ Noi consoli del comune di Genova Guglielmo Burono, Oglerio Vento, Ido Pizio, Bisazio e Oberto Usodimare promettiamo e conveniamo a nome del comune di Genova a voi Bonifacio, marchese di Clavesana, e ai vostri eredi che il comune di Genova raccoglierà <uomini> e aiuterà voi in buona fede con le sue truppe che sembreranno a ciò sufficienti per avere e mantenere le vostre ragioni e usi che avete nella marca di Albenga, cioè da Pietra fino al torrente Armea e per cinque miglia all'interno a partire dal mare, e per riscuotere il fodro secondo quanto con voi si fossero accordati i consoli in carica pro tempore, che se per caso l'un con l'altro non poteste concordare come sopra è scritto, cioè in Albenga 200 lire, in Andora 40 lire, in Cervo 40 lire, in Diano 100 lire, in Porto Maurizio 200 lire, in Castellario 20 lire, in Taggia 40 lire e in Dolcedo 30 lire, se qualche luogo della marca per caso volesse ribellarsi a voi e a noi riguardo queste cose predette da osservare e se a vicenda avessimo concordato relativamente a quel luogo fuori di giudizio, noi raccoglieremo per voi con le nostre truppe sufficienti <uomini> per mettere quel luogo fuori di giudizio e a distruggere la sedizione se per caso non si saranno adeguati alla nostra volontà. E poi promettiamo di aiutarvi in buona fede contro tutti gli uomini della marca perché abbiate e manteniate le vostre ragioni e usi. Non concediamo che qualche luogo della marca faccia coalizione e sedizione o cospirazione con qualche persona abitante da Genova fino al porto di Monaco. Per noi e per il comune di Genova vi promettiamo giuriamo, con la mano sui santi vangeli, di osservare in perpetuo stabile e fermo tutte le cose predette salde e stabili e, se ciò venisse contraddetto, promettiamo di pagare una multa di mille marche d'argento a voi contraenti così che, comminata e deliberata la predetta pena, rimangano non di meno ferme e indiscusse le predette cose. Per la qual pena vi obblighiamo in pegno tutti i beni del comune avuti e da avere. Acta a Genova, nel capitolo, da parte di Bonifacio marchese e giurate anche da parte dei predetti consoli del comune di Genova, presenti Bonifacio di Quaranta, Morando di Asti, Guglielmo Bocca, Ansaldo Sardena, Giovanni Cintraco e Oglerio Pane, il quale scrisse questa convenzione su incarico degli stessi, nell'anno della natività del Signore 1192, indizione 10, il 17 dicembre. E faremo scrivere tutte queste cose sopradette, affinchè conseguano maggior vigore, nel breve dei consoli del comune e della compagna e così fermamente stabilire affinché mai possano essere emendate con significato opposto.

(Segno del notaio) Io Lantelmo, notaio del sacro palazzo, ho trascritto ed esemplato integralmente questa copia da un documento autentico del dominus Bonifacio, marchese di Clavesana, sigillato con due sigilli di cera, uno dei quali era il sigillo della città di Genova, l'altro in verità di chi sia non è possibile comprendere, così come ho visto e ho letto, senza aver aggiunto o tolto nulla tranne una sillaba o lettera, titolo o punto e ciò senza alcun cambiamento, corruzione o riduzione delle parole e del senso, per attribuire valore giuridico a ciò, su ordine del dominus Pegoloto, podestà della città di Genova, di mia mano ho sottoscritto. Vi era anche in quello stesso documento autentico mezzo alfabeto attraverso il quale sembrava diviso da un altro esemplare sebbene in esso non si faccia alcuna menzione dell'altro, la forma del quale alfabeto è tale:

(carta partita)

Commento

La convenzione, come numerose altre coeve, è il frutto di quel progetto politico di espansione e consolidamento sul territorio che Genova, impegnata nella definizione di nuovi equilibri esterni ed interni - si ricordi l'introduzione del podestà forestiero nel 1190 che tuttavia non scalza una volta per tutte la precedente magistratura consolare - attua a cavallo dei secoli XII e XIII anche attraverso la stipulazione di accordi con i domini e le comunità locali.

La tradizione del patto è piuttosto articolata: ci è pervenuto attraverso un originale in pergamena sciolta e quattro copie tramandate dai libri iurium genovesi, di cui tre autentiche e una semplice.

Il documento presenta una struttura bipartita: gli obblighi assunti da ciascuna delle parti, infatti, sono enunciati in due membri distinti e ben individuabili, secondo una prassi ampiamente attestata in ambito genovese specie nel secolo XII.
Tale struttura rappresenta una delle molteplici soluzioni sperimentate dalla trattatistica genovese, che non si succedono in un processo evolutivo meccanico e schematico ma sono spesso utilizzate in concomitanza l'una con l'altra e che, nel loro insieme, offrono un ventaglio tipologico ampio: dalle redazioni distinte degli impegni di ciascun contraente in due singoli atti, destinati allo scambio reciproco, più consueto nel secolo XII, al dettato unitario, più elaborato, che congloba le obbligazioni di tutti più usuale nei secoli XIII-XIV.
Numerose sono, poi, le possibili varianti: un unico documento in due membri o perfettamente identici o con impegni diversificati; un'unica formulazione in cui gli oneri di ogni parte sono raggruppati, ma senza una netta separazione - frequentemente collegati da versavice; un'unica formulazione che evidenzia i singoli punti degli accordi, per i quali si specificano gli obblighi di ciascun attore.

La prima sezione è dedicata alla promissio di Bonifacio, marchese di Clavesana.
La parte protocollare si apre con l'invocazione, nella sola forma simbolica del signum crucis. Seguono in rapida successione l'intitulatio (Ego Bonifacius, marchio de Cravexana … ), i verbi del dispositivo (promitto et convenio), i destinatari dell'azione (vobis consulibus comunis Ianue … ) e una generica assicurazione di salvaguardia dei cittadini genovesi e degli abitanti del districtus (salvare et defendere universos Ianuenses … propulsare tenebor), ubicumque ma con particolare riferimento alla propria giurisdizione.
Le successive clausole della convenzione contemplano i consueti obblighi, specie di natura militare (Quotiens comune Ianue ostem … restitutionem perditarum) e fiscale (Quandocumque fodrum fecero super Albinganenses … dabo vel dari faciam) oltre a garanzie riguardo all'amministrazione della giustizia (Si aliquis Ianuensis … remanserit), al mantenimento della sicurezza per terra e per mare (Stratas omnes terre et maris … qui pro tempore fuerint), all'assunzione di simili impegni da parte degli uomini della marca.
La sezione è conclusa dal giuramento di osservanza, reso sulle sacre scritture (tactis sacrosanctis evangeliis). Si introducono, quindi, due elementi di natura tipicamente privatistica: l'indicazione della pena pecuniaria (et si contrafecero … firma et illibata permaneant) e l'obbligazione del pignus (pro qua pena omnia mea bona habita et habenda vobis pignori obligo).

La promissio di parte genovese si configura come un secondo documento, giustapposto al precedente e completo in tutte le sue parti, comprese le publicationes (data topica, cronica ed elenco dei testimoni), assenti invece negli impegni dei Clavesana. Si apre, infatti, con una nuova invocatio, nella semplice forma del signum crucis, per proseguire con l'intitulatio (Nos Ian(ue) consules de comuni … ) e l'inscriptio (vobis Bonifacio, marchioni de Cravexana, et heredibus vestris), collegate dal verbo del dispositivo (promittimus et convenimus). Seguono le singole clausole che scendono nello specifico.
Gli obblighi assunti dalle due parti, pur non perfettamente speculari, configurano tuttavia una trattativa natura pattizia sostanzialmente equilibrata, a differenza di quanto avviene, ad esempio, nel trattato stipulato nell'aprile 1202 dal comune di Genova con il podestà di Savona Ugo del Carretto (cfr. la scheda del doc. in questo Atlante), impegnativo solo per quest'ultimo.
Il testo si conclude, come nella prima sezione, con il giuramento di osservanza, pronunciato sulle sacre scritture, l'indicazione della pena pecuniaria e l'obbligazione del pignus.
La datazione topica indica il luogo ed il sito esatto della stipulazione (Acta sunt hec Ianue, in capitulo), richiamando nuovamente il giuramento delle parti (per Bonifacium marchionem et iurata et predictos consules comunis Ianue); quella cronica esprime il millesimo, secondo lo stile della natività, l'indizione e il giorno del mese.
Presenziano all'azione sei personaggi esplicitamente nominati, tra i quali particolare attenzione merita Ogerio Pane a cui viene affidata la scritturazione della convenzione (qui hanc conventionem scripsit): è solo grazie a questo riferimento che conosciamo l'identità del redattore, dal momento che costui non appone la propria sottoscrizione a convalida del documento, elemento che negli ultimi decenni del secolo XII figura nei trattati in modo ancora saltuario. Ogerio, che conosciamo come scriba dei consoli del comune e annalista genovese, non è qui qualificato in alcun modo, tuttavia il suo legame con l'autorità comunale è sottolineato dal richiamo al mandato consolare in forza del quale egli redige l'atto (mandato ipsorum).
La disposizione finale del trattato sottolinea la particolare rilevanza dell'accordo, prevedendo che il documento, a maggiore garanzia, debba essere inserito nel breve dei consoli e della Compagna (Et hec omnia supradicta ut maiorem optineant firmitatem faciemus scribi in brevi consulum comunis et compagne et ita firmiter stabiliri ut numquam possit in contrarium emendari).

I sistemi di convalidazione messi in atto sono due: lungo il margine verticale destro è ben evidente la parte inferiore del medium alphabetum, caratteristico della "carta partita", la cui ricomposizione con la corrispondente parte superiore sull'altro esemplare, realizzato e consegnato alla controparte, costituiva garanzia di genuinità. Il secondo sistema è costituito dall'apposizione dei sigilli delle due parti, di cui però non rimane traccia sull'originale per il taglio della plica. Tuttavia siamo a conoscenza della loro esistenza grazie all'autentica redatta dal notaio Lantelmo, presente in Vetustior, la più antica raccolta pervenutaci dei libri iurium genovesi, che non esita a riconoscere quello genovese (unum quorum erat sigillum Ian(ue) civitatis) mentre mostra estrema prudenza nei confronti dell'altro (alterum vero cuius sit discerni non potest), che certamente possiamo ritenere della controparte. La convenzione risponde in modo esemplare alla 'norma' in base alla quale tanti sono i sigilli quante le parti che assumono gli impegni: i documenti che riferiscono gli obblighi di entrambi i contraenti presentano due sigilli - ed è il nostro caso -, quelli che specificano gli impegni di uno solo di essi, recano il sigillo di questo. Giova ricordare che sono numerose le eccezioni, per cui patti che conglobano promesse reciproche possono essere convalidati con un solo sigillo, così come impegni unilaterali possono trovare garanzia in due sigilli.

Il testo non fa alcun riferimento, per l'assenza della formula corroborativa, ai due mezzi di convalida come, del resto, non accenna all'esistenza dell'altro originale, non pervenutoci, che plausibilmente doveva essere identico a quello conservato, stando ad altri esempi analoghi e coevi, per i quali disponiamo di entrambi i testimoni. Quest'ultima assenza è sottolineata da Lantelmo con un certo stupore, a conclusione dell'autentica (licet in eodem nulla de alio fiat mentio).

Il documento, quindi, può essere ricondotto a quella tipologia, di cui ci sono giunti numerosi esempi databili alla fine del secolo XII, che prevede la giustapposizione dei due sistemi di convalida più antichi, sigillo e carta partita, mentre parallelamente si assiste al timido affacciarsi della sottoscrizione notarile che possiamo trovare in combinazione sia con uno dei due mezzi certificatori (sottoscrizione-carta partita; sottoscrizione-sigillo), sia con entrambi (sottoscrizione-carta partita-sigillo), come emerge in un buon numero di casi risalenti al primo trentennio del secolo XIII.
Il trattato, mostrando un uso ancora 'arcaico' degli strumenti di convalida, segna una delle prime tappe di quel percorso evolutivo, complesso e variegato, che vedrà il progressivo decadere della carta partita e del sigillo e l'affermarsi della sottoscrizione notarile quale prevalente elemento di garanzia, dopo gli anni Venti del XIII secolo.

Bibliografia

G. COSTAMAGNA, La convalidazione delle convenzioni tra comuni a Genova nel secolo XII, in "Bullettino dell'Archivio Paleografico Italiano", n.s., X (1955), anche in ID., Studi di Paleografia e di Diplomatica, Roma 1972 (Fonti e Studi del Corpus membranarum italicarum, IX), pp. 225-235.

D. PUNCUH, Trattati Genova-Venezia, secc. XII-XIII, in Genova, Venezia, il Levante nei secoli XII-XIV, Atti del convegno internazionale di Studi (Genova-Venezia, 10-14 marzo 2000), a cura di G. Ortalli - D. Puncuh, (="Atti della Società Ligure di Storia Patria", n.s., XLI/I, 2001), pp. 129-158.

A. ROVERE, Comune e documentazione, in Comuni e memoria storica. Alle origini del comune di Genova, Atti del convegno di studi (Genova, 24-26 settembre 2001) (="Atti della Società Ligure di Storia Patria", n.s., XLII/1, 2002), pp. 261-298 [Disponibile anche on line: Scrineum - Biblioteca, http://scrineum.unipv.it/biblioteca/biblioteca-rovere.html].

A. ROVERE, L'organizzazione burocratica: uffici e documentazione, in Genova, Venezia, il Levante nei secoli XII-XIV, Atti del convegno internazionale di Studi (Genova-Venezia, 10-14 marzo 2000), a cura di G. Ortalli - D. Puncuh, (="Atti della Società Ligure di Storia Patria", n.s., XLI/I, 2001), pp.103-128 [Disponibile anche on line: Scrineum - Biblioteca, http://scrineum.unipv.it/biblioteca/rovere2.html].

L. ZAGNI, Carta partita, sigillo, sottoscrizione nelle convenzioni della Repubblica di Genova nei secoli XII-XIII, in "Studi di Storia medioevale e di diplomatica", 5 (1980), pp. 5-15.

Edizione, commento: Francesca Mambrini

Traduzione: Paola Guglielmotti

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis