Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Trattato

1202 marzo 18 Genova

(a) + Nos Ogerius Burgarus, Abbus Maçalis, Aicardus Mantel et Sicardus Lantelmus, consules, Enricus de Petralata et Balduinus de Plebe, missi hominum iure vallis Arotie et (b) vallis Andorie, vallis Unegie, vallis Petrelate, vallis Reçi et vallis Naesini, pro nobis et universis hominibus et habitatoribus ipsarum (c) vallium et castrorum que in ipsis vallibus sunt, scilicet castri Ortus Veteris, Rivernate, Untii, Aquile, Roche Corvarie, Verraxen, Lothethi, Peornaxi, Allavine, Reçi, Castri Blanchi, Cartam, Andorie, Stalaneli, Unegie, Bestagni, Gaçegi, Mortarosi, Mari, Cunei et Troiole et pertinentiarum ipsorum castrorum, convenimus et promittimus vobis domino Grifreoto Grassello, Dei gratia Ianuensium potestati, pro toto comuni Ianue, quod ab hodie in antea salvabimus et custodiemus omnes Ianuenses et homines de ipsorum districtu, personis et rebus, mari et terra et aqua. Et si aliquis eos offenderet in terra et posse nostro, per bonam fidem defendemus eos ad nostrum posse. § Non faciemus nec fieri permittemus in tota terra et districtu nostro devetum grani, blave seu alicuius viande vel mercationis Ianuensibus et hominibus districtus Ianue quin libere possint ea Ianuam deferre nec aliunde delatam prohibebimus (d) Ianuam deferri ullo modo. § Si comune Ianue fecerit ostem vel cavalcatam, per bonam fidem dabimus ipso (e) exercitui mercatum grani et blave et victualium. § Quotiens per potestatem vel consules comunis Ianue inde commoniti erimus faciemus per comune nostris expensis exercitum et ostem per totum comitatum Vintimilii et marchiam Albingane et episcopatum Saone in mandato et ordinatione ipsorum consulum vel potestatum. § Si comune Ianue faciet ostem a Gavi et Palodo usque Portumveneris per districtum Ianue, comprehensis ipsis locis, habebimus in ipsa oste nostris expensis arcatores centum qui stabunt in ipsa oste tamdiu quod oste Ianue ibi steterit secundum mandatum et ordinationem potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint. § Si aliqua civitas, episcopus vel persona de riveria et comitatu appellabit homines de iura prescriptorum (f) vallium et castrorum vel aliquem ex ipsis de aliquo, nos inde faciemus ei iusticiam in curia (g) Ianue. § Ad custodiam portus Bonifacii (h) dabimus omni anno nostris expensis, in ordinatione potestatis et consulum comunis Ianue, ultra hoc quod ibi dant et soliti sunt dare illi de Andoria et Unegia homines duos. § Si potestas vel consules comunis Ianue pecierint a nobis consilium nostrum, melius consilium per bonam fidem eis dare tenebimur et credentias quas nobis dixerint in credentiis tenebimus secundum suam ordinationem. § Omni anno, in festo beati Iohannis Baptiste (i), in signum devotionis et fidelitatis, mittemus per missum nostrum et dabimus ecclesie Sancti Laurentii cereum unum cere de libris viginti quinque (j). § Non faciemus conventionem vel iuram cum aliquo loco vel terra vel cum aliquibus personis in qua non salvemus et exceptemus conventionem et promissionem prescriptam totam et si fecerimus conventionem vel iuram cum aliquo vel hominibus (k), ipsi erunt simili modo districti erga comune Ianue quemadmodum nos (l) et (b) si fuerit de beneplacito potestatis vel consulum Ianue qui fuerint pro tempore (m). § Predictam conventionem et promissionem iuramus observare et (n) iurari faciemus per omnes homines de prescriptis vallibus et castris et pertinenciis ab annis XV usque in LXXta et de quinque in quinque annis renovari hec iuramenta si inde per potestatem et consules comunis Ianue fuerimus requisiti. § Hec omnia facimus et convenimus, salvis drictis et iusticiis nostrorum dominorum ita tamen quod propterea vel eorum mandato contra conventionem et promissionem prescriptam venire vel (o) in aliquo facere non possimus (p).

Nos Guifreotus Grasellus, Dei gratia Ianuensium potestas, pro comuni Ianue, promittimus vobis consulibus et missis prescriptis, pro vobis et omnibus habitatoribus prescriptarum vallium et castrorum, quod ab hodie in antea salvabimus vos et custodiemus in personis et rebus, terra et mari et aqua in posse et districtu nostro. § Concedimus vobis et damus ad kalendas augusti nundinam unam ad Andoriam et alteram in festo Omnium Sanctorum ad Unegiam ita quod si discordia emergeret inter aliquos, ad ipsas nundinas iusticia inde cognoscatur et diffiniatur per eos qui a civitate Ianue in eis fuerint constituti, in quibus nundinis mensure et pondera civitatis esse debeant et currere sicut in aliis nundinis comitatus et riverie. § Si aliquis de comitatu Vintimilii, de marchia Albingane et episcopatu Saone vellet vos vel aliquem de prescriptis vallibus et castris fortiorare (q) de aliquo contra ius, debetis appellare ad curiam Ianue de iusticia inde in curia Ianue facienda. Nos vero eos qui voluerint vos fortiorare (r), ut dictum est, commonebimus ut Ianuam veniant ad suam iusticiam consequendam et si vitaverint consequi inde iusticiam in curia (g) Ianuensi, defendemus vos per bonam fidem et manutenebimus in iusticia vestra. § Concedimus quoque vobis ut deinceps possitis comperare Ianue et inde (s) extrahere ad vestrum usum mercationes vobis necessarias, salvis drictis civitatis et civium. § Hec omnia vobis promittimus et concedimus, salvis conventionibus et iuramentis quibus tenemur alicui vel aliquibus. Acta sunt hec Ianue, feliciter, in publico parlamento ubi prefati consules et missi iuraverunt ut supra et cintracus Ianue similiter in anima populi Ianue hic observanda iuravit, in quo parlamento receperunt insignam comunis Ianue qua appareat (t) eos gratiam civitatis plenarie meruisse. Testes Nicola Leccanoce et Çacharias de Castro, consules placitorum, Rubaldus Detesalve, Oberto Bolleto, Rogerio de Maraboto, Willelmo Pecia, Marino Ceba et Oberto Ceba (u) et ceteri de contione. Anno dominice nativitatis M°CC° secundo, indictione IIIIa, decimo octavo die (v) marcii.

(S.T.) Ego Bertolotus Alberti, notarius sacri Imperii, mandato potestatis et rogatu iam dictorum consulum, hanc conventionem et promissionem scripsi.

(a) Conventio hominum vallis Arotie, vallis Unegie (vallis Unegie in C, C', D, E precede; in sopralinea in C; in D aggiunto da Iacopo Doria; om. C') et vallis Andorie et quorundam aliorum castrorum et villarum facta comuni Ianue (facta - Ianue: om. C

(b) et: om. C'

(c) ipsorum in C, C', D, E

(d) prohibemus in C, C', D, E

(e) ipso: così A, C, C'

(f) prescriptarum in C, C', D, E

(g) curiam in C

(h) nel margine esterno di C e D No(ta)

(i) nel margine esterno di D No(ta)

(j) viginti et quinque in C'

(k) vel aliquibus hominibus in C, C', D, E

(l) quemadmodum et nos in C, C', D, E

(m) qui pro tempore fuerint in C, D, E

(n) observare et: ripetuto in C'

(o) vel: om. C, C', D, E; nel margine esterno di D Supra in CXXXIIII, CXXXVI

(p) + : om. C'

(q) fortiare in C, C', D, E

(r) voluerint fortiare in C, D, E; voluerint fortiorare in C'

(s) exinde in C, C', D, E

(t) apparet in C'

(u) et Oberto Ceba: om. C, C', D, E

(v) die XVIII in C, D, E.

Il documento rientra in quella serie di convenzioni, di natura talvolta pattizia, spesso coercitiva, che tra il XII e il XIII secolo il comune di Genova, in una fase di fluidità istituzionale, ancora oscillante tra la sperimentazione del nuovo regime podestarile e il ritorno alla forma consolare, stipula con i domini e le località delle Riviere e dell'Oltregiogo allo scopo di estendere la propria presenza sul territorio e di imporre la propria autorità accentratrice sul districtus anche attraverso una fitta trama di relazioni 'diplomatiche'.

La documentazione pattizia comunale genovese si qualifica attraverso due tipizzazioni: la più antica, caratteristica sostanzialmente del XII secolo, prevede l'organizzazione del testo in due sezioni parallele, ben distinte, nelle quali ogni parte enuncia i rispettivi impegni, che assumono caratteristiche diverse, collegabili non a scelte redazionali, ma ai rapporti più o meno equilibrati che la convenzione deve formalizzare; la seconda, che si sviluppa nel XIII secolo, raccoglie gli impegni delle due parti in un dettato unitario, vincolante per tutti i contraenti, frutto di uno sforzo elaborativo più impegnativo, in cui gli obblighi di ogni parte possono presentarsi sia separati, pur senza una marcata divisione (spesso collegati da versavice), sia organizzati per singoli punti, per ognuno dei quali si specificano successivamente quelli di ciascun attore).

La convenzione è pervenuta attraverso varie redazioni: un originale in pergamena sciolta e quattro copie tramandate dai libri iurium genovesi, di cui tre autentiche e una semplice. Il testimone di cui si fornisce l'edizione e il commento è la copia autentica tramandata da Vetustior, il più antico liber iurium genovese pervenutoci.

La prima sezione contiene gli obblighi assunti dai rappresentanti delle comunità rivierasche.
Il tenore appare scarno ed essenziale, privo di elementi tesi a conferire solennità quali arenga e narratio: si apre con la sola invocazione simbolica nella forma del signum crucis, seguita dall'intitulatio (Nos Ogerius Burgarus, Abbus Maçalis, Aicardus Mantel et Sicardus Lantelmus, consules, Enricus de Petralata et Balduinus de Plebe, missi hominum iure vallis Arotie et vallis Andorie, vallis Unegie, vallis Petrelate, vallis Reçi et vallis Naesini), dai verbi del dispositivo, in forma soggettiva (convenimus et promittimus), dal destinatario dell'azione (Grifreoto Grassello, Dei gratia Ianuensium potestati, pro toto comuni Ianue) e dal testo della promessa, che non si discosta dal formulario di analoghi documenti coevi. Una generica dichiarazione di protezione nei confronti dei cittadini genovesi e degli abitanti del districtus (quod ab hodie in antea salvabimus et custodiemus omnes Ianuenses et homines de ipsorum districtu, personis et rebus, mari et terra et aqua. Et si aliquis eos offenderet in terra et posse nostro, per bonam fidem defendemus eos ad nostrum posse) introduce i singoli punti della convenzione, che contemplano i consueti obblighi, specie di natura militare: oltre a garanzie riguardo all'approvvigionamento; si assicura la partecipazione a guerre terrestri e marittime, la stipulazione di accordi non nocivi per il Comune e la condivisione delle alleanze genovesi. Non generico, ma sollecitato da eventi contingenti - e comune a trattati coevi - è l'impegno a collaborare attivamente alla custodia del caposaldo di Bonifacio (Ad custodiam portus Bonifacii dabimus omni anno nostris expensis, in ordinatione potestatis et consulum comunis Ianue, ultra hoc quod ibi dant et soliti sunt dare illi de Andoria et Unegia homines duos), acquisito recentemente dal Comune a scapito di Pisa e considerato di importanza strategica quale base nelle rotte tirreniche e avamposto per la penetrazione in Corsica e in Sardegna.
Il dispositivo si conclude con il giuramento degli inviati delle comunità, che assicurano analogo giuramento da parte di tutti gli uomini da loro rappresentati, di età compresa dai 15 ai 70 anni, prevedendo eventualmente il rinnovo quinquennale dei patti.

A questa prima parte fa seguito la stesura degli impegni di parte genovese.
L'enunciazione si configura quasi come un secondo documento, giustapposto al precedente e completo in tutte le sue parti. Si apre, infatti, con una nuova invocatio, sempre nella sola forma del signum crucis, per proseguire, con l'intitulatio (Nos Guifreotus Grasellus, Dei gratia Ianuensium potestas, pro comuni Ianue) e l'inscriptio (vobis consulibus et missis prescriptis, pro vobis et omnibus habitatoribus prescriptarum vallium et castrorum), collegate dal verbo del dispositivo (promittimus).
Anche in questa sezione, una generica dichiarazione di protezione nei confronti degli abitanti delle valli e dei castelli, pressoché identica a quella precedente, introduce i punti specifici in cui si articolano gli impegni del Comune. Questi, tuttavia, sono speculari a quelli appena enunciati solo nella forma, presentandosi piuttosto come concessioni accordate da un soggetto preminente e lo stesso verbo che li esprime non lascia spazio a dubbi: concedimus.

L'apparente equilibrio della formalizzazione scritta del trattato, così come è sottolineata dalla netta distinzione dei reciproci impegni, non risulta del tutto corrispondente alla sostanza, che configura, invece, una decisa posizione preminente di Genova.
I due testi sono unificati da un giuramento di osservanza di quanto concesso che segue gli impegni genovesi (promittimus et concedimus), a cui fanno seguito la datazione topica, introdotta da actum, che, non a caso, indica come luogo dell'azione Genova, e l'ambito in cui questa si è svolta (in publico parlamento), che segue immediatamente l'apprecatio (feliciter); si ricorda, poi, il giuramento di osservanza prestato dai consoli, dagli inviati e dal cintraco genovese e, infine, si accenna al trasferimento delle insegne del Comune ai rappresentanti delle comunità a suggello dell'alleanza. La funzione testimoniale è svolta dai due consoli dei placiti, da cinque personaggi esplicitamente nominati e da ceteri de contione. Conclude il documento la data cronica.
Si deve, infine, rimarcare l'assenza, nel testo, di qualsiasi riferimento sia ad una iussio relativa alla redazione, sia alle modalità di convalidazione, frequenti in analoghe tipologie pattizie.

Nella sottoscrizione dell'originale, il rogatario Bertoloto Alberti, notarius sacri Imperii, notoriamente legato all'apparato burocratico comunale genovese, dichiara di aver redatto la promissio su mandato del podestà (mandato potestatis) e su richiesta dei consoli (rogatu iam doctorum consulum), forse intendendo così distinguere la natura del rapporto che lo vincola alle diverse autorità e che sembra connotarsi in senso funzionariale solo nei confronti della figura podestarile.
L'autentica apposta dal notaio Lantelmo alla copia da cui deriva Vetustior ci informa che l'autenticum et originale - qui identificato attraverso la figura del rogatario (manu Bertoloti Alberti notarii scripto) - era munito del sigillo genovese, della cui presenza l'unico indizio tuttora apprezzabile sull'originale, privo della plica, è un foro. L'apposizione di un solo sigillo, di norma caratteristica dei documenti unilaterali, appare piuttosto inconsueta in una convenzione che contiene gli obblighi di entrambe le parti, tipologia che, generalmente, è convalidata con i sigilli di ambedue le autorità emamanti, pur non mancando le eccezioni. Curioso, poi, che l'originale conservato a Genova rechi il sigillo dello stesso comune, mentre solitamente, nel caso di apposizione di un unico sigillo, ciascuna delle parti consegna il proprio esemplare sigillato alla controparte. Possiamo quindi supporre, con un alto grado di probabilità, che anche l'originale destinato alle comunità rivierasche, non pervenutoci, fosse convalidato con lo stesso sigillo genovese. Non si può, tuttavia, del tutto escludere che queste comunità non fossero dotate di un analogo mezzo di convalidazione.
Si aggiunge, come ulteriore elemento di convalidazione, la cosiddetta "carta partita": lungo il margine verticale sinistro è infatti ben evidente il medium alphabetum, ripartito tra i due esemplari, al quale, tuttavia, diversamente da quanto solitamente accade, non si fa alcun riferimento nel testo, così come non si accenna all'esistenza di un altro esemplare, come non manca di rimarcare Lantelmo, con un certo stupore, a conclusione dell'autentica (licet in eodem nulla de alio fiat mentio).

Il documento, quindi, presenta un sistema di convalida composito: sottoscrizione notarile, sigillo e carta partita si affiancano, secondo una consuetudine diffusa nei primi decenni del XIII secolo, che in alcuni casi prevede l'uso alternato di solo due di questi mezzi certificatori, variamente combinati (carta partita e sottoscrizione; carta partita e sigillo; sottoscrizione e sigillo), quasi a corroborarsi e rafforzarsi l'un l'altro.
La convenzione, mostrando un uso ancora 'sperimentale' dei diversi strumenti di convalida, esemplifica una delle modalità autenticatorie che precedono il progressivo abbandono della carta partita e del sigillo e l'affermazione, dopo gli anni Venti del XIII secolo, della sottoscrizione notarile.

Bibliografia

G. COSTAMAGNA, La convalidazione delle convenzioni tra comuni a Genova nel secolo XII, in "Bullettino dell'Archivio Paleografico Italiano", n.s., X (1955), anche in ID., Studi di Paleografia e di Diplomatica, Roma 1972 (Fonti e Studi del Corpus membranarum italicarum, IX), pp. 225-235.

D. PUNCUH, Trattati Genova-Venezia, secc. XII-XIII, in Genova, Venezia, il Levante nei secoli XII-XIV, Atti del convegno internazionale di Studi (Genova-Venezia, 10-14 marzo 2000), a cura di G. Ortalli - D. Puncuh, (="Atti della Società Ligure di Storia Patria", n.s., XLI/I, 2001), pp. 129-158.

L. ZAGNI, Carta partita, sigillo, sottoscrizione nelle convenzioni della Repubblica di Genova nei secoli XII-XIII, in "Studi di Storia medioevale e di diplomatica", 5 (1980), pp. 5-15.