Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Trattato

1202 aprile, Genova

Ugo del Carretto, podestà del comune di Savona, si impegna a osservare la convenzione imposta da Goffredo Grassello, podestà del comune di Genova.

Originale [A], Archivio di Stato di Genova, Archivio Segreto, n. 2722/6; altro originale [A'], Archivio di Stato di Savona, Pergamene, n. III/6; copia autentica del 1253 [C], Archivio di Stato di Genova, Vetustior, c. 140 r., da copia autentica in registro del 1233; copia autentica del 1301 [C'], Ibidem, Duplicatum, mbr. LXXXVI, c. 335 v., dalla stessa fonte; copia autentica del 1267 [D], Ibidem, Settimo, c. 140 r., da C; copia semplice del 1301 [E], Biblioteca Universitaria di Genova, Liber A, ms. B.IX.2, c. 140 r., da D.

Nel verso di A la seguente annotazione del secolo XIII: "R(egistratum)"; nel margine esterno di D, di mano di Iacopo Doria: "Supra in XXVa, infra in CXXXXIa.

A e A' sono convalidati anche col sistema della "carta partita"; nella plica di entrambe le pergamene restano i fori, con nastri di seta rosa, per due sigilli pendenti deperditi.
C è così autenticata: "(S.T.) Ego magister Nicolaus de Sancto Laurentio, sacri palacii notarius, transcripsi omnia exempla prescripta et exemplificavi ab illis que Lantelmus quondam notarius sumpsit ab autenticis et originalibus per diversas manus b notariorum scripta ut supra in subscriptionibus eorum continetur c et per manum eiusdem Lantelmi in registro comunis scripta sunt, nichil addito vel dempto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto plus minusve seu causa abreviationis seu protensionis litterarum, sententia in aliquo non mutata nec viciata, precepto tamen et auctoritate domini Enrici Confalonerii, potestatis Ianue, M°CC°LIII°, indictione XI, die prima octubris, presentibus Rufino de Ast iudice, Oberto de Langasco scriba et Nicolao de Porta notario, in quorum presentia statuit et laudavit quod hec eandem vim et fortiam habeant cum originalibus".
C' è così autenticata: "(S.T.) Ego Rollandinus de Richardo, sacri palacii notarius, has conventiones Saone extraxi et exemplavi de registro veteri comunis Ianue sicut in eo vidi et legi, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto abreviationis causa, sententia non mutata, de mandato tamen domini Danii de Osenaygo, civitatis Ianue potestatis, presentibus testibus Iohanne Bonihominis, Loysio Calvo, cancellariis comunis Ianue, et Iacobo de Albario notario, millesimo ducentesimo (così) CCC°I°, indictione tercia decima, die XX iunii".
D è così autenticata: "(S.T.) Ego Guibertus de Nervio, sacri Imperii notarius, transcripsi et exemplificavi ut supra de registro comunis Ianue, translato et exemplificato manu magistri Nicolai de Sancto Laurentio notarii ab illis videlicet que Lantelmus quondam notarius sumpsit ab autenticis et originalibus per diversas manus notariorum scriptis ut supra in dictis subscriptionibus continetur, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo seu puncto vel causa abreviationis, et hoc feci de mandato domini Guidoti de Rodobio, potestatis Ianue, presentibus Rubeo de Orto, magistro Alberto de Casali et Ianuino Osbergerio, scribis comunis, M°CC°LXVII°, die VIII novembris".

Edd.: R. DELLA TORRE, Controversiae Finarienses adversus senatorem Lagunam, Cyrologia, Genova [1642], p. 39; Liber iurium Reipublicae Genuensis, in Historiae Patriae Monumenta, VII, IX, Torino 1854-1857, I, n. 446; Codice diplomatico della Repubblica di Genova, a cura di C. IMPERIALE DI SANT'ANGELO, Fonti per la storia d'Italia, nn. 77, 79, 89, Roma 1936-1942, III, n. 82; Pergamene medievali savonesi (998-1313), a cura di A. ROCCATAGLIATA, in "Atti e Memorie della Società Savonese di Storia Patria ", n.s., XVI-XVII (1982-1983), n. 63; I Libri Iurium della Repubblica di Genova, I/3, a cura di D. PUNCUH, Genova-Roma 1998 (Fonti per la storia della Liguria, X; Pubblicazioni degli Archivi di Stato, Fonti, XVII), n. 466.
Regesto: F. NOBERASCO, Le pergamene dell'Archivio Comunale di Savona, parte seconda, vol. III, in "Atti della R. Deputazione di Storia Patria per la Liguria. Sezione di Savona", XXII (1940), p. 226; P. LISCIANDRELLI, Trattati e negoziazioni politiche della Repubblica di Genova (958-1797), Regesti, in "Atti della Società Ligure di Storia Patria", n.s., I (1960), n. 180; Mostra storica del notariato medievale ligure, a cura di G. Costamagna e D. Puncuh, in "Atti della Società Ligure di Storia Patria", n.s., IV/1 (1964), p. 267 (con facsimile dell'originale genovese).

Testo

+ (a) In nomine Domini amen. Nos Hugo de Carreto, filius domini Ottonis, marchionis de Carreto, Saonensium potestas, pro comuni Saone et nomine ipsius comunis, convenimus et promittimus vobis domino Guifreoto Grassello, Dei gratia Ianuensium potestati, pro comuni Ianue et vice ipsius comunis stipulanti, quod nos et potestas Saone et consules qui pro tempore fuerint in regimine civitatis Saone et populus Saone ab hac die in antea faciemus ostem et cavalcatam per mare et terram et collectas pro posse nostro et specialiter pro guardia portus Bonifacii in ordinatione potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint in regimine civitatis. § Deveta omnia que potestas vel consules comunis Ianue qui pro tempore fuerint fecerint faciemus et nos potestas vel (b) consules seu (c) pot(estates) (d) Saone qui pro tempore fuerint ea et tenebimus firma (e) et inconcussa sicut ipsa potestas vel consules comunis Ianue propriis (f) litteris suis vel nuncio nobis mandaverint. Si vero (g) aliquis de districtu nostro in ipsum devetum (h) ceciderit, nos vel pot(estates) (i) seu consules Saone qui pro tempore fuerint capiemus (j) pecuniam illius et in virtute potestatis vel consulum comunis Ianue tantum ex ea mittemus quantum (k) fuerit devetum ipsum, id est pena ipsius deveti, et insuper vindictam in eum faciemus nos vel (l) pot(estates) (m) seu consules Saone qui pro tempore fuerint sicut potestas vel consules comunis Ianue in cives suos facere tenebuntur. § Lignum de Saona non ibit in pelagus ultra Sardiniam aut ultra Barchinoniam a kalendis aprilis usque kalendas octubris nisi prius venerit in portum Ianue et ex eo portu non exibit (n) quin primo nauclerii, participes, marinarii et omnes qui in lignum ipsum ire debebunt in ordinatione potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint expediantur et in eundem portum ad discaricandum redibit nisi potestatis seu (o) consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint licentia remanserit. § Si forte (p) aliquis Saonensis lignum nisi ut supra dictum est, quod absit, duxerit, nos et (q) potestas seu consules Saone qui pro tempore fuerint stabimus inde in ordinatione et precepto potestatis vel (r) consulum comunis Ianue (s) qui pro tempore fuerint. § In legationibus quas potestas vel consules comunis Ianue de (t) cetero fecerint (u) pro comuni utilitate nos et potestas et (v) consules Saone (w) qui pro tempore fuerint et populus Saone pro libris nostris (x) sicut Ianuenses in predictis legationibus expenderint expendemus (y). Pactum aliquod cum aliqua persona de cetero non faciemus nos vel (l) potestas seu (o) consules Saone qui pro tempore fuerint (z) sive (aa) populus Saone in quo predicta conventio per omnia non salvetur et exceptetur (bb) et si contrafecerimus vel factum fuerit, nos de pacto illo quam cito poterimus bona fide exiemus. § Ianuensibus et hominibus eorum districtus de hominibus nostris conquerentibus (cc) nos vel (l) potestas seu (o) consules Saone qui pro tempore fuerint faciemus (dd) iusticiam secundum leges et bonos usus infra XL dies (ee) continuos post factam reclamationem nisi quantum licentia conquerentis aut testium seu legittima dilatione remanserit. Si bona alicuius Saonensis vel aliquorum laudata fuerint et in solutum data per potestatem vel (ff) consules Saone qui pro tempore fuerint (z) alicui Ianuensi vel aliquibus seu de districtu Ianue, potestas vel consules Saone qui pro tempore fuerint et populus Saone per bonam fidem adiuvabunt ipsum Ianuensem vel ipsos (gg) seu de districtu Ianue bona ipsa tenere et manutenere et inde facere prout de suo proprio quicquid voluerit contra ipsum vel ipsos quorum predicta bona extiterint. § Litteras (hh), nuncios et precepta potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint bona fide et (ii) sine fraude suscipiemus, audiemus et exaudiemus atque executioni mandabimus nec ipsorum litteras, nuncios et precepta sub aliqua fraude suscipere et videre differemus vel vitabimus nos vel (l) potestas seu consules Saone qui pro tempore fuerint. § Si (jj) de contractibus (hh) et conventionibus factis extra Ianuam inter Ianuensem et Saonensem discordia emerserit et specialiter dictum fuerit quod Ianue debeat inde cognosci et iudicari, Ianue cognoscatur et iudicetur, alioquin actor forum rei sequatur, excepto de eo quod acciderit postquam de terra mota fuerit navis que si Ianuam venerit, Ianue et si Saonam iverit, Saone cognoscatur. Universos euntes et redeuntes per partes nostras, terra vel mari, qui Ianuam iverint vel de Ianua redierint aut venerint et specialiter illos qui cartam securitatis vel fidutiam potestatis vel (l) consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint habebunt salvabimus et non offendemus in personis et (v) rebus nisi in ordinatione (kk) et mandato potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint. § Galeam (hh) vel aliquod lignum cursale armari infra fines nostros vel de partibus nostris et districtu exire non permittemus nos vel consules seu potestas Saone qui (ll) pro tempore fuerint quin (mm) primo comitus vel comiti, nauclerii et ceteri qui in ipsis lignis potestatem habebunt iurent et securitatem prestent de nulla offensione facienda in Ianuensem aliquem vel homines de districtu (nn) Ianue aut in aliquem de amiciciis Ianue qui nobis de pace observanda teneatur per conventionem vel pacem cum ipsis Ianuensibus factam aut in aliquem vel aliquos qui Ianuam vadant vel inde exeant, excepto in armis, vianda et sartia prout moris est cursalium et tunc moderate et sine fraude eis necessaria. Lignum cursale non recipiemus nos vel potestas seu consules Saone qui pro tempore fuerint nisi mandato (oo) potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint. § Rassam vel iuram cum aliqua persona de riveria vel aliquo loco (pp) factam cassabimus (qq) et inde prorsus eos absolvemus qui nobis exinde tenentur et ab eis absolutionem adinvicem accipiemus nec postea in ipsam vel similem intrabimus. § Nullum forestatum (rr) vel bandiçatum per potestatem vel (l) consules comunis Ianue (s) qui pro tempore fuerint in tota nostra iurisdictione recipiemus pro stallo facto, id est ad habitandum, immo (ss) si contingeret (tt) aliquem eorum apud nos seu districtum nostrum venire et morari, si per potestatem vel consules comunis Ianue inde (uu) commoniti erimus litteris vel nuncio, infra triduum ipsum vel ipsos bona fide de districtu nostro expellemus nec postea nos consules seu potestas Saone qui (ll) pro tempore fuerint ipsum (vv) vel ipsos recipiemus. § Guerram vivam contra omnes homines faciemus nos potestas (ww) vel consules Saone (xx) qui pro tempore fuerint et totus populus in (yy) ordinatione et mandato (zz) potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint. § Hanc totam conventionem iurabit potestas vel consules Saone qui pro tempore fuerint in unoquoque anno et cintracus in parlamento super animam populi Saone firmam et inconcussam tenere et observare et nullo modo contravenire. De quinque vero in quinque annis renovabuntur per omnia huius conventionis sacramenta per potestatem seu consules comunis Saone ab qui tunc fuerint (ac), consiliatores et totum populum Saon(e) (ad) ab annis XV usque in (ae) LXX si tamen per potestatem vel consules comunis Ianue fuerit requisitum et nisi (af) eorum licentia remanserit. Si vero aliquis Saonensis contra pactum istud venerit vel fecerit, nos vel potestas seu consules Saone (ag) qui pro tempore fuerint faciemus inde vindictam in ordinatione et mandato potestatis vel consulum comunis Ianue qui pro tempore fuerint. Iuravit insuper prenominata Saon(ensis) (ad) potestas hanc totam conventionem et quod bona fide per (ah) consiliarios suos atque universum populum Saon(e) ad ab annis XV usque in LXX <eam iurare faciet>. Iurarunt etiam predictam conventionem Raimundus de Alba, iudex predicte potestatis, Arditio Natalengus, Bonavita de Rustico, Rubaldus Buccaordei, Ansaldus Caracapa, Willelmus Formica et Willelmus Guercius Saonensis. Actum Ianue, in capitulo, in consilio, presentia (ai) potestatis domini Guifreoti Grasselli (aj) et consulum placitorum Oberti (ak) Porci, Iohannis Stralerie, Nicole Lecanuptias, Phylippi Cavarunchi et Symonis Pignoli atque testibus Idone de Carmadino, Enrico de Nigro, Belmusto Lercario, Nicola Mallono, Rogerio Elye, Nicola Barbavaria et ceteri de consilio, anno dominice nativitatis millesimo ducentesimo secundo, indictione quarta, mense aprilis.
(S.T.) Ego Bertolotus Alberti, notarius sacri Imperii, hanc conventionem scripsi.
(S.T.) Ego Lantelmus, notarius sacri palatii, hoc exemplum ab autentico et originali instrumento Hugonis de Carreto, filii domini Ottonis, marchionis de Carreto, Saonensium potestatis, manu Bertoloti Alberti notarii scripto, duobus cereis sigillis sigillato, unum quorum videbatur esse Ianuense sigillum, alterum discerni non poterat quod sigillum esset propter nimiam vetustatem consumptum, tamen in eo videbatur quedam aquile forma intus sculpta nec eius circumscriptio legi poterat, sicut in eo vidi et legi transcripsi et per omnia exemplavi, nichil addito vel diminuto nisi forte littera vel sillaba, titulo vel (al) puncto et hoc absque ulla mutatione, corruptione seu diminutione dictionum vel sensus, ad quod corroborandum, precepto domini Pegoloti Ugueçonis de Girard(inis), propria manu subscripsi.
Erat quoque in eodem autentico medium alphabetum per quod videbatur esse divisum ab alio exemplo, licet in eodem nulla de alio fiat mentio, forma cuius alphabeti talis est:

(C.P.)

(a) In C precede la rubrica Conventio facta inter comune Ianue et comune Saone tempore domini Guifreoti Grasselli, potestatis Ianue; Conventio Saonensium in C'

(b) vel in A' et

(c) seu om. A'

(d) potestas scioglimento da A; om. A', C'

(e) fuerint et tenebimus ea firma in A'

(f) Ianue qui pro tempore fuerint propriis in A'

(g) No(ta) mandaverit nel margine interno di C' di mano trecentesca

(h) devetum ipsum in A, A', C'

(i) potestas scioglimento da A; A'

(j) capiemus om. A'

(k) Ianue qui pro tempore fuerint tantum ex ea mittemus nos potestas seu consules Saone qui pro tempore fuerint quantum in A'

(l) vel om. A'

(m) scioglimento da A; potestas in A', C'

(n) exierit in A'

(o) vel in A'

(p) forte in A' vero; No(ta) precepta nel margine interno di C' di mano trecentesca

(q) et om. A'

(r) potestatis Ianue vel in A'

(s) Ianue om. A'

(t) Ianue qui pro tempore fuerint de in A'

(u) fecerint de cetero in C'

(v) et in A' vel

(w) Saone om. A'

(x) nostris ripetuto in C

(y) expendemus om. A'

(z) qui - fuerint om. A'

(aa) seu in A'

(bb) et non exceptetur in A'

(cc) nostris seu de districtu nostro conquerentibus in A'

(dd) faciemus om. A'

(ee) dies XL in A, A', C'

(ff) seu in C'

(gg) ipsos vel Ianuensem in A'

(hh) No(ta) nel margine esterno di C' di mano trecentesca

(ii) et in sopralinea in C

(jj) potestas Saone vel qui pro tempore fuerint consules Saone si in A'

(kk) rebus nos vel consules qui pro tempore fuerint et populus Saone nisi ordinatione in A'

(ll) nos vel potestas seu consules qui in A'

(mm) fuerint in Saona quin in A'

(nn) districtus in A'

(oo) No(ta) mandato nel margine esterno di C' di mano trecentesca

(pp) loco aliquo in A'

(qq) factam et cassabimus in C'

(rr) aliter est provisum per sequentem conventionem nel margine esterno di C' di mano trecentesca

(ss) habitandum nos vel potestas vel consules Saone qui pro tempore fuerint immo in A'

(tt) contigerit in A, A'

(uu) Ianue qui pro tempore fuerint inde in A'

(vv) fuerint in Saona ipsum in A'

(ww) nos et potestas in A, C'

(xx) nos potestas et consules seu potestates Saone in A'

(yy) populus Saone in in A

(zz) et mandato nel margine esterno di C' la seguente annotazione trecentesca

(ab) comunis Saone om. A

(ac) tunc in A, C' (om. C') pro tempore fuerint

(ad) scioglimento da A, A'

(ae) in om. C'

(af) Ianue qui pro tempore fuerint requisitum fuerit nisi in A'

(ag) vel consules seu potestas Saone in A'

(ah) per om. C'

(ai) consilio in presentia in A'

(aj) Grasselli om. A'

(ak) placitorum Ottonis Peçulli, Oberti in A'

(al) seu in C'

Traduzione

+ Nel nome di Dio amen. Noi Ugo del Carretto, figlio di Ottone marchese del Carretto, podestà di Savona, per il comune di Savona e a nome dello stesso comune, conveniamo e ci impegnamo con voi Goffredo Grassello, per volere di Dio podestà di Genova, stipulante per il comune di Genova e in vece dello stesso comune, che noi e il podestà di Savona e i consoli che allora saranno al governo della città di Savona e il popolo di Savona da questo giorno in avanti faremo guerra e cavalcata per mare e per terra e collette nel nostro territorio e specialmente nella custodia del porto di Bonifacio, secondo le disposizioni del podestà o dei consoli del comune di Genova che saranno allora al governo della città. Osserveremo tutti i divieti che il podestà o i consoli del comune di Genova che allora saranno in carica avranno fatto e noi podestà o consoli o podestà di Savona che allora saranno in carica li terremo fermi e irremovibili come lo stesso podestà o i consoli del comune di Genova ci intimeranno con proprie lettere o tramite un inviato. Se poi qualcuno del nostro distretto sarà incorso nello stesso divieto, noi o il podestà o i consoli di Savona allora in carica prenderemo il denaro di costui e lo metteremo a disposizione del podestà o dei consoli del comune di Genova per tanto quanto sarà stato l'ammontare dello stesso divieto, cioè la pena pecuniaria prevista per lo stesso divieto, e inoltre noi o il podestà o i consoli di Savona che allora saranno in carica, faremo vendetta contro di lui come il podestà o i consoli del comune di Genova saranno tenuti a fare nei confronti dei propri cittadini. Un'imbarcazione di Savona non andrà in mare oltre la Sardegna o oltre Barcellona dal primo di aprile fino all'inizio di ottobre se prima non sarà venuta nel porto di Genova e non uscirà da questo porto prima che i nocchieri, i partecipi, i marinai e tutti coloro che dovranno salire sull'imbarcazione non vengano svincolati secondo le disposizioni del podestà o dei consoli del comune di Genova che saranno allora in carica, e non ritornerà nello stesso porto a scaricare se non vi sarà licenza del podestà o dei consoli del comune di Genova che saranno allora in carica. Se per caso qualche savonese avrà condotto un'imbarcazione, diversamente da quanto detto sopra, il che non avvenga, noi e il podestà o i consoli di Savona che allora saranno in carica seguiremo le disposizoni e gli ordini del podestà o dei consoli del comune di Genova che saranno allora in carica. Nelle legazioni che il podestà o i consoli del comune di Genova in seguito faranno per l'utilità comune, noi e il podestà e i consoli di Savona che saranno allora in carica e il popolo di Savona spenderemo delle nostre lire tante quante ne spenderanno i genovesi nelle suddette legazioni. Noi o il podestà o i consoli di Savona che saranno allora in carica o il popolo di Savona non faremo inoltre con qualche persona alcun patto in cui non sia salvata e accolta in tutto la suddetta convenzione; e se contravverremo o sarà contravvenuto, noi usciremo quanto più rapidamente potremo da quell'accordo con buona fede. Ai genovesi e agli uomini del loro distretto che si lamenteranno dei nostri uomini noi o il podestà o i consoli di Savona che saranno allora in carica renderemo giustizia secondo le leggi e i buoni usi entro quaranta giorni consecutivi dal reclamo, solo di quanto sarà rimasto grazie al permesso del reclamante e dei testimoni o per legittima dilazione. Se i beni di qualche savonese o di altri saranno confiscati e dati in soluzione di pagamento dal podestà o dai consoli di Savona che saranno allora in carica a qualche genovese o ad altri o del distretto di Genova, il podestà o i consoli di Savona che saranno allora in carica e il popolo di Savona con buona fede aiuteranno lo stesso genovese o gli stessi o del distretto di Genova a tenere e ritenere gli stessi beni e farne, come di un bene proprio, qualsiasi cosa vorrà contro lo stesso o gli stessi di cui siano i suddetti beni. Accoglieremo, ascolteremo ed esaudiremo lettere, nunzi e precetti del podestà o dei consoli del comune di Genova che saranno allora in carica e daremo esecuzione con buona fede e senza inganno e noi o il podestà o i consoli di Savona che saranno allora in carica non ritarderemo o eviteremo di accogliere e vedere come frode le lettere, i nunzi e gli ordini degli stessi. Se emergerà discordia su contratti o convenzioni fatte fuori Genova tra un genovese e un savonese e se specialmente sarà stato detto ciò che a Genova si deve poi esaminare e giudicare, lo si esamini e si giudichi a Genova, altrimenti l'attore segua il foro della città del reato, eccetto su ciò che sarà accaduto dopo che si sarà allontanata da terra la nave che, se verrà a Genova, si esamini a Genova e, se andrà a Savona, si esamini a Savona. Salveremo e non offenderemo nelle persone e nelle cose tutti coloro che vanno e vengono per le nostre parti, per terra e per mare, che andranno a Genova o ritorneranno e verranno da Genova e specialmente coloro che verranno con un salvacondotto o con uno scritto che attesti la fiducia del podestà o dei consoli del comune di Genova che allora saranno in carica, solo su disposizione e mandato del podestà o dei consoli del comune di Genova che allora saranno in carica. Noi o i consoli o il podestà di Savona che allora saranno in carica non permetteremo che sia armata entro le nostre terre o esca dal distretto e dalle parti nostre una galea o qualche imbarcazione corsara senza che in primo luogo il socio o i soci, i nocchieri e tutti coloro che hanno potere in quelle stesse imbarcazioni non avranno giurato e prestato garanzia di non fare alcuna offesa contro qualche genovese o contro uomini del distretto di Genova o contro qualcuno tra gli amici di Genova che sia tenuto a osservare la pace in virtù della convenzione e della pace stipulata con gli stessi genovesi o contro qualcuno o alcuni che vadano e poi escano da Genova, se non armati, <con> vettovaglie e sartie a loro necessarie come è costume dei corsari e in quel caso moderatamente e senza frode. Noi o il podestà o i consoli di Savona che saranno allora in carica non accoglieremo imbarcazione corsara se non per ordine del podestà o dei consoli del comune di Genova che allora saranno in carica. Annulleremo ogni patto sedizioso o alleanza fatta con qualche persona della riviera o di altro luogo e inoltre assolveremo pienamente quelli che hanno obblighi nei nostri confronti e accetteremo da loro assoluzione né in seguito entreremo nella stessa o in una simile alleanza. Non accoglieremo nella nostra giurisdizione per residenza, cioè per abitare, nessun forestato o bandito dal podestà o dai consoli del comune di Genova che saranno allora in carica; anzi se accadrà che qualcuno di loro venga e si fermi presso di noi o nel distretto nostro, se saremo ammoniti dal podestà o dai consoli del comune di Genova per lettere o attraverso nunzio, noi podestà o i consoli di Savona che allora saranno in carica espelleremo entro tre giorni quello o quelli dal nostro distretto con buona fede né successivamente accoglieremo quello stesso oquelli stessi. Noi podestà o i consoli di Savona che allora saranno in carica e tutto il popolo faremo guerra attiva contro tutti gli uomini seguendo le disposizoni e il mandato del podestà o dei consoli del comune di Genova che allora saranno in carica. Tutta questa convenzione giureranno ogni anno il podestà o i consoli di Savona che allora saranno in carica e il cintraco giurerà in assemblea sull'anima del popolo di Savona di osservarla e di tenerla ferma e di non contraddirla in nessun modo. Ogni cinque anni saranno rinnovati in tutto e per tutto i giuramenti di questa convenzione dal podestà o dai consoli del comune di Savona che allora saranno in carica, dai consiglieri e da tutti i membri del popolo di Savona di età compresa tra i 15 e i 70 anni, solo tuttavia se sarà richiesto dal podestà o dai consoli del comune di Genova e se rimarrà grazie al loro consenso. Se qualche savonese sarà o agirà contro questo patto, noi o il podestà o i consoli di Savona che allora saranno in carica faremo vendetta secondo le disposizioni e il mandato del podestà o dei consoli del comune di Genova che allora saranno in carica. Giurò inoltre il podestà di Savona tutta questa convenzione e che farà giurarla in buona fede dai suoi consiglieri e da tutti membri del popolo di Savona da 15 a 70 anni. Giurarono inoltre la predetta convenzione Raimondo di Alba, giudice del predetto podestà, Ardizzo Natalengo, Bonavita da Rustico, Rubaldo Boccadorzo, Ansaldo Caracapa, Guglielmo Formica e Guglielmo Guercio Savonese. Actum a Genova, nel capitolo, in consiglio, alla presenza del podestà Goffredo Grassello e dei consoli dei placiti Oberto Porco, Giovanni Stralleria, Nicola Leccanozze, Filippo Cavarunco e Simone Pignolo e con i testimoni Ido di Carmadino, Enrico di Negro, Belmosto Lercari, Nicola Mallono, Rogerio Elia, Nicola Barbavaria e altri consiglieri, nell'anno della natività del Signore 1202, indizione quarta, mese di aprile.
(Segno del notaio) Io Bertolotto di Alberto, notaio del sacro palazzo, questa convenzione ho scritto.
(Segno del notaio) Io Lantelmo, notaio del sacro palazzo, ho trascritto ed esemplato in tutto e per tutto questa copia da un instrumentum autentico e originale di Ugo del Carretto, figlio di Ottone marchese del Carretto, podestà di Savona, scritto per mano del notaio Bertolotto di Alberto, sigillato con due sigilli di cera, uno dei quali sembrava essere il sigillo genovese, l'altro non si poteva individuare perché il sigillo era consunto per la troppa vetustà, tuttavia in esso si vedeva una qualche forma scolpita di aquila e la sua legenda non si poteva leggere, così come ho visto e ho letto, senza aver aggiunto o tolto nulla tranne qualche lettera o sillaba, titolo o punto e ciò senza alcun cambiamento, corruzione o riduzione del contenuto e del senso, per attribuire valore giuridico a ciò, su preceptum di Pegolotto di Uguccione de Girardini, di mia mano ho sottoscritto. Vi era anche in quello stesso documento autentico mezzo alfabeto attraverso il quale sembrava diviso da un altro esemplare sebbene in esso non si faccia alcuna menzione dell'altro, la forma del quale alfabeto è la seguente:

(Carta partita)

Commento

Il documento si può ricondurre alla tipologia dei trattati "punitivi" che nel corso del processo di comitatinanza Genova impone alle comunità soggette. Qui si tratta di Savona, la città più importante della Riviera di Ponente, sempre recalcitrante alla sottomissione, forte anche del costante sostegno dell'autorità imperiale. La situazione istituzionale si presenta ancora fluida, contemplando per le due città sia la forma monocratica podestarile, sia il possibile ritorno al regime consolare. La conflittualità tra i due comuni è evidenziata anche dalla scelta del podestà di Savona, Ugo figlio di Ottone, marchese del Carretto, appartenente alla potente famiglia signorile che in quest'area oppone una strenua resistenza alla conquista genovese.

L'atto ci è pervenuto attraverso varie redazioni: due originali in pergamena sciolta, confezionati per entrambe le parti dallo stesso notaio genovese, e quattro copie tradite dai libri iurium genovesi, di cui tre autentiche e una semplice.

La parte protocollare si apre con la duplice invocazione, simbolica nella forma del signum crucis e verbale (In nomine Domini). Sono del tutto assenti arenga e narratio che in altri trattati sono particolarmente elaborati, con l'intento anche di conferire maggiore solennità: all'intitulatio (Nos Hugo de Carreto, filius domini Ottonis, marchionis de Carreto, Saonensium potestas) seguono immediatamente i verbi del dispositivo, in forma soggettiva (convenimus et promittimus), il destinatario dell'azione (Guifreoto Grassello, Dei gratia Ianuensium potestati, pro comuni Ianue) e il testo della promessa, che ricalca pressoché alla lettera analoghi documenti coevi.
La parte dispositiva contempla esclusivamente gli impegni assunti dai savonesi, costituiti dai soliti obblighi in materia militare e fiscale quali partecipare alle guerre per terra e per mare, non fare lega con altre cittadine rivierasche ribelli, condividere le scelte e le alleanze genovesi. Originale è l'obbligo di provvedere alla custodia del caposaldo di Bonifacio in Corsica, che da poco la civitas mater aveva sottratto a Pisa e riteneva posizione strategica lungo la rotta tirrenica. Numerose sono anche le clausole relative al campo marittimo-commerciale che tendono a limitare la libertà di movimento e l'autonomia del naviglio savonese, insistendo soprattutto sul divieto di allestire o di dare ricetto a imbarcazioni corsare. A tali impegni non corrispondono analoghe promesse da parte del comune di Genova: l'atto non si configura infatti come una trattativa bilaterale di natura pattizia tra autorità equipollenti, ma come un'imposizione unilaterale. La garanzia di osservanza del patto prevede, coerentemente con gli impegni, il giuramento prestato solo da parte del podestà, dei consoli pro tempore e del populus di Savona, secondo un formulario che, pur con lievi varianti, compare con frequenza nei trattati intercomunali o internazionali genovesi dei secoli XII e XIII, prevedendo una reiterazione annuale del giuramento e un rinnovo quinquennale degli impegni. Anche la minatio è vincolante solo per la parte savonese, che renderà giustizia delle trasgressioni dei propri cittadini su mandato delle autorità genovesi. Il dispositivo si conclude con il giuramento del podestà di Savona che si impegna a richiedere analogo giuramento ai suoi consiglieri e a tutto il populus di Savona di età compresa dai 15 ai 70 anni; si uniscono anche il giudice del podestà e altri personaggi senza alcuna qualifica. La datazione topica, introdotta da actum, indica come luogo dell'azione Genova, nel capitolo, in sede di consiglio alla presenza del podestà e dei consoli dei placiti e di alcuni testimoni e membri del consiglio. Segue la datazione che esprime il millesimo, secondo lo stile della natività, l'indizione e il mese, tralasciando il giorno del mese e della settimana e l'ora. Manca qualunque riferimento ad un ordine di redazione, così come alle modalità di convalidazione.
Nell'essenziale sottoscrizione, il rogatario Bertoloto Alberti, notarius sacri Imperii, ben noto per la sua attività nell'ambito burocratico e amministrativo del comune genovese, sembra voler mantenere un ruolo "subalterno", presentandosi solo come scrittore e non come responsabile del documento (hanc conventionem scripsi). L'impressione è confermata dalle parole del notaio Lantelmo che, nell'autentica della copia tramandata dal Vetustior, la più antica raccolta pervenutaci dei libri iurium genovesi, riconduce il patto all'autorità emanante - ab autentico et originali Hugonis de Carreto -, mentre il ruolo del notaio - manu Bertoloti Alberti - pare limitato alla semplice scritturazione. Alla sottoscrizione si affiancano due sigilli cerei, ora deperditi - sulle pliche degli originali restano i fori, con nastri di seta rosa - descritti nell'autentica di Vetustior: uno viene riconosciuto dal notaio Lantelmo come certamente genovese, l'altro che, pur consunto dal tempo, reca ancora visibile l'immagine di un'aquila, è probabilmente il sigillo savonese. Il documento si può quindi ricondurre a quella tipologia che prevede la redazione di due esemplari, ognuno dei quali convalidato attraverso l'apposizione dei sigilli di entrambi i contraenti, tipica, di norma, dei documenti che raccolgono in un unico dettato gli impegni reciproci, mentre, nei casi di redazioni distinte degli obblighi in due singoli atti, ciascuno di questi viene convalidato con il sigillo dell'autorità emanante e consegnato alla controparte.
Lungo il margine verticale (sinistro per la pergamena savonese, destro per quella genovese) è ben evidente il medium alphabetum ripartito tra i due esemplari, di cui però, contrariamente a quanto di solito avviene, non si fa menzione nel testo, così come non si avverte dell'esistenza di un altro esemplare, assenza per la quale Lantelmo, a conclusione dell'autentica, manifesta un certo stupore (licet in eodem nulla de alio fiat mentio). Il documento presenta pertanto un sistema di convalida composito: sottoscrizione notarile, sigilli e carta partita sono giustapposti secondo un uso diffuso nel primo trentennio del XIII secolo, pur in concomitanza con la sperimentazione che prevede solo due dei mezzi certificatori, utilizzati in tutte le possibili combinazioni (carta partita - sottoscrizione; carta partita - sigillo; sottoscrizione - sigillo), rivelando così un'incerta percezione del valore e dell'efficacia certificatoria di ciascuno di essi considerato singolarmente. La convenzione sembra ben esemplificare una delle espressioni documentarie di un periodo di transizione che a Genova vede il progressivo decadimento della carta partita e del sigillo come esclusivi sistemi di convalida e l'affacciarsi della sottoscrizione notarile, destinata ad affermarsi solo dopo gli anni Venti del XIII secolo.

Edizione, commento: Francesca Mambrini

Traduzione: Giovanna Petti Balbi

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis