Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Concessione

1303 maggio 6 Mantova, super platea ecclesie Sancte Marie Matris Domini

In Christi nomine amen. Nobilis et magnificus dominus Guido de Bonacolsis comunis et populi Mantue capitaneus generalis et perennis, ex sui capitaneatus arbitrio et plenaria potestate, de certa scientia per omnem modum et formam per quem plenius et perfectius valet et effectum potest suscipere pleniorem, concessit et irretractabilem licentiam contulit discreto viro domino Antonio de Mapheis de Bononia in eius presentia constituto, sindico, nuncio et procuratori venerabilis et reverendi patris domini Timbaldi divina providentia episcopi Veronensis et episcopatus Verone, recipienti sindicario et procuratorio nomine prefatorum domini episcopi et episcopatus Verone et successorum domini episcopi prelibati, quod ipsedominus Antonius nomine predicto et omnes et singuli alii sindici, nuncii et procuratores ipsius domini episcopi et episcopatus Verone et successorum eiusdem qui nunc sunt sindici eorum vel erunt in futurumseu qui substituentur ab ipsis vel eorum aliquo, et dominus Bernardinus de Nuvolono iurisperitus et quilibet alii iurisperiti civitatis Mantue tribunal .. iudicis ad maleficiorum examensedentes vel sessuri vel aliorum officialium comunis eiusdem instantium et venturorum, possint adire terras, possessiones, res mobiles et immobiles, iura et iurisditiones et bona cuiuscumque generis ad dictum dominum episcopum, successores eius et episcopatum prelibatum spectantia et pertinentia sita in civitate et districtu Mantue a quacumque persona, personis, collegiis, corporibus vel universitatibus ecclesiasticis vel secularibus petituri et recuperaturi cum effectu et singula facturi et executuri in iudiciis et extra que litium merita exigunt et requirunt, qui iudex ad dictum examen maleficiorum consistens vel consessurus et reliqui officiales memorati comunis ut predictum est procuratores et sindicos atque advocatos prefati domini episcopi successorum (a) eius et episcopatus Verone agentes et advocantes pro ipsis domino episcopo et successoribus suis et episcopatu predicto preceptione domini capitanei prefati teneantur et debeantexaudire eis et cuilibet eorum exhibituri expedite plenitudinem rationis quemadmodum si prefatus dominus episcopus successores eius et episcopatus Verone cum comuni et hominibus Mantue subeuntibusonera et factiones et iurisditioni (b) comuni Mantue forent conexi. Ipse quoque dominus capitaneus ex dicto suo arbitrio et plenitudine potestatis de certa scientia dixit voluit sententiavitet diffiniendo pronunciavit hanc concessionem et singula presenti serie annotata ipsius domini capitanei constitutionem et constitutum speciale nullis temporibus dirimendumsed eisdem sindicis et procuratoribus sindicario nomine supradicto et ipsi domino episcopo et eius successoribus et episcopatui Verone per potestates eius, iudices, ancianos et reliquos officiales et ministrosmemorati comunis perpetue observandum. Premissis et alicui premissorum non repugnante quod dictus dominus episcopus et episcopatus Verone cum comuni et hominibus Mantue non subeant gravamina vel non faciant factiones nec stent posite sub rubrica de alienationibus prohibitis nec aliquo statuto, reformatione, decreto, iure, mandato et consuetudine nec alioquod obstaret vel obstare valeret nunc vel in posterum. Quibus obstantibus et obstaturis ipsius domini capitanei auctoritate et plenaria potestate sit abrogatum et totaliter derogatum. Et hec omnia et singula ad requisitionem et instantiam dicti domini Antonii sindicario nomine supradicto etc.
Actum est hoc die lune sexto intrante mense maii, anno dominice Nativitatis millesimo trecentesimo tercio prime indictionis, presentibus dominis Passarino de Bonacolsis, Mapheo de la Villa, Anfelisio de Anfelisiis notariis et Amadeo de Maraliis adhibitis testibus et rogatis. Mantue in civitate veteri, super platea ecclesie Sancte Marie Matris Domini.
(SN) Et ego Rolandinus de Bertholono civis Mantuanus, imperiali auctoritate notarius publicus dictique domini capitanei scriba eius iussu his omnibus presens scripsi signumque meum apposui consuetum.

(a) La prima c sopra il rigo

(b) Nel testo iurisditoni

Anche il terzo documento bonacolsiano redatto da Rolandino de Bertholono il 6 maggio 1303 è un instrumentum notarile, e resta dunque al di qua dello spartiacque che distingue (come specificato nella premessa a questa sezione dell'Atlante) il documento cancelleresco.

Alla presenza tra gli altri di Passerino Bonacolsi e di un altro notaio importante che fa parte come lui dell'entourage bonacolsiano (Anfelisio Anfelisi), Rolandino de Bertholono è chiamato ancora una volta a dar veste formale a un atto di piena volontà del "nobilis et magnificus dominus Guido de Bonacolsis, comunis et populi Mantue capitaneus generalis et perennis", che agisce "ex sui capitaneatus arbitrio et plenaria potestate, de certa scientia per omnem modum et formam per quem plenius et perfectius valet et effectum potest suscipere pleniorem". I fondamenti giuridici e politici che sottostanno a questa manifestazione della volontà del governante sono quelli consueti: la perennità del capitaniato - carica che riguarda il "comune" e il "popolo" di Mantova, distintamente menzionati; l'arbitrium ovvero la discrezionalità connessa a tale capitaniato e la plenaria potestas, formula scelta in questo caso come variatio della consueta plenitudo potestatis, utilizzata invece nel 1300 e nel 1301.

La particolare accuratezza nel sottolineare che l'atto potrà/potrebbe avvantaggiarsi di perfezionamenti formali e sostanziali, che differenzia il formulario adottato in questa occasione, è probabilmente dovuta al fatto che il destinatario non è, in questa occasione, un mantovano. Si tratta infatti del procuratore del vescovo di Verona Tebaldo, nella persona di Antonio Maffei di Bologna: il capostipite della famiglia alla quale appartenne, quattro secoli dopo, uno dei fondatori della diplomatica moderna, il marchese Al Maffei Guido Bonacolsi concede, con l'avallo del giurisperito mantovano Bernardino de Nuvolono, l'assoggettamento dei beni dell'episcopio veronese ubicati nella città e nel distretto di Mantova allo stesso regime giurisdizionale e fiscale dei cittadini mantovani ("quemadmodum si prefatus dominus episcopus, successores eius et episcopatus Verone cum comuni et hominibus Mantue subeuntibus onera et factiones et iurisditioni comuni Mantue forent conexi").

Rispetto ai documenti degli anni precedenti, identiche sono le scelte per quello che riguarda il lessico della sovranità: la plenitudo potestatis, l'arbitrium. Pari è lo scrupolo nell'assicurare - rispetto ad una normativa comunale ancora fortemente sentita come cogente - l'efficacia del provvedimento, menzionando con precisione la deroga che la volontà signorile introduce: si tratta di fare in modo che il vescovo di Verona ottenga di fronte ai giudici del comune mantovano piena giustizia ("plenitudo rationis") come se fosse cittadino di Mantova ("quemadmodum si prefatus dominus episcopus successores eius et episcopatus Verone cum comuni et hominibus Mantue subeuntibusonera et factiones et iurisditioni comuni Mantue forent conexi"). Solo lievissimamente diverse - eppure anche questo è significativo perché come si vedrà nel documento del 1303 Rolandino de Bertholono si mostra più sensibile alle "radici" comunali (e dunque menziona "comune et populus", così come fa pure nel 1301, laddove nel 1300 aveva sbrigativamente fatto riferimento alla città nel suo insieme) - le locuzioni usate per definire l'auctor del documento:

1300: Nobilis et magnificus dominus Guido de Bonacolsis generalis et perpetuus Mantue capitaneus.
1301: Nobilis et magnificus vir dominus Guido de Bonacolsis comunis et populi Mantue capitaneus generalis et perennis.
1303: Nobilis et magnificus dominus Guido de Bonacolsis comunis et populi Mantue capitaneus generalis et perennis.

Vi sono tuttavia alcuni particolari significativi, che provano come il notaio Rolandino de Bertholono abbia usato, in questa circostanza, una maggiore cautela e un maggior rispetto delle forme documentarie comunali. Intanto, egli evita di definire decretum questa decisione signorile e usa l'espressione "domini capitanei constitucio et constitutum speciale". Inoltre si sottoscrive in maniera lievemente diversa, come prova il confronto tra questo documento e i documenti ai quali sono dedicate le schede precedenti, aggiungendo in questa occasione la dizione "civis Mantuanus" alla propria qualificazione di notaio "imperiali auctoritate" e di "scriba domini capitanei".

1300: (SN) Et ego Rolandinus de Bertholono imperiali auctoritate notarius publicus dictique domini capitanei scriba eius iussu hiis presens scripsi signumque meum apposui consuetum.
1301: (SN) ET EGO Rolandinus de Bertholono imperiali auctoritate notarius publicus dictique capitanei scriba his omnibus presens scripsiiussu domini capitanei signumque meum apposui consuetum.
1303: (SN) Et ego Rolandinus de Bertholono civis Mantuanus, imperiali auctoritate notarius publicus dictique domini capitanei scriba eius iussu his omnibus presens scripsi signumque meum apposui consuetum.

La tensione verso la dimensione cancelleresca resta dunque consapevolmente disciplinata e raffrenata entro la gabbia concettuale e formulare del documento notarile.

Bibliografia

G. GARDONI, L'esempio di Mantova, par. 3 di G. M. VARANINI, G. GARDONI, Notai vescovili del Duecento tra curia e città (Italia centro-settentrionale), in Il notaio e la città, a cura di V. Piergiovanni, Atti del convegno (Genova, 8-9 novembre 2007), Milano 2009, pp. 251-267.

P. TORELLI, Introduzione, in L'archivio Gonzaga di Mantova, I, Ostiglia-Verona 1920 (ristampa anastatica Bologna 1988), specie pp. XXIII-XXVII.

P. TORELLI, Capitanato del popolo e vicariato imperiale come elementi costitutivi della Signoria Bonacolsiana, in "Atti e memorie dell'Accademia virgiliana di Mantova", n.s., 14-16 (1921-23), pp. 73-221 (di cui le pp. 167-221 costituiscono una Appendice. Per un codice diplomatico mantovano).

G. M. VARANINI, I notai e la signoria cittadina. Appunti sulla documentazione dei Bonacolsi di Mantova fra Duecento e Trecento (rileggendo Pietro Torelli), in Scritture e potere. Pratiche documentarie e forme di governo nell’Italia tardomedievale (XIV-XV secolo), a cura di I. Lazzarini, sezione monografica di "Reti medievali - Rivista", IX (2008), http://www.storia.unifi.it/_RM/rivista/2008-1.htm#S_monografica.