Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Copia autentica del 1364 (di privilegio imperiale del 1327 dicembre 15, Pisa)

1364 -

(S.T.) In nomine Domini amen. Anno Domini millesimo trecenteximo sexagesimo quarto, indicione secunda, die vigexima octava augusti. Hoc exemplum, sumptum ab autentico privilegii imperialis, dati Pissis, XVa die decembris, anno Domini millesimo CCCo vigeximo septimo, regni vero serenissimi principis et domini nostri, domini Ludovici, olim Romanorum regis et semper augusti, quarto decimo, bulato bulla cerea pendenti fillo serico iallo et rubeo, in qua bulla erat ymago maiestatis imperialis sedens in setio regalli et tenens in manu dextra crucem et in sinistra pomum rotundum cum cruce superius et circumquamque scripte erant littere infrascripti tenoris "Ludovicus Dei gratia Romanorum rex senper augustus" manu mei Guillelmi de Noxereto, notarii et canzellarii comunis Saone subscripti, discreto et sapienti viro domino Matheo de Mercatoribus de Sarzana, honorabili vicario domini potestatis et comunis Saone, insinuatum fuit et in eius presencia per me dictum Guillelmum notarium infrascriptum et Bonum Salicetum, notarium et canzellarium comunis Saone, et Dagnanum Reginam notarios infrascriptos diligenter et fideliter cum autentico originali lectum et abscultatum et quia ipse dominus vicarius novit presens exemplum cum auctentico concordari, ut adhibeatur presenti exemplo plena fides de cetero suam et comunis Saone ex parte publica auctoritatem interposuit et decretum.
(S.T.) Ego Dagnanus Regina de Saona, publicus imperiali auctoritate notarius, suprascriptum exemplum, sumptum per dictum Guillelmum ab auctentico imperialis privilegii, in presencia discreti et sapientis viri domini Mathei de Mercatoribus, iudicis et vicarii comunis Saone, unaa cum dicto Guillelmo et infrascripto Bono Saliceto notariis cum dicto auctentico dilligenter et fideliter abscultavi et quia utrumque concordare inveni, ideo de mandato dicti domini vicarii in testimonium premissorum in testem me subscripssi.
(S.T.) Ego Bonus Salicetus, notarius imperiali auctoritate, in presencia dicti domini vicarii, una cum suprascripto Dagnano et infrasubscripto Guillelmo de Noxereto notariis presens exemplum cum dicto auctentico diligenter abscultavi et quia utrumque perfecte concordare inveni, de mandato ipsius domini vicarii me subscripsi et signum meum aposui consuetum in testimonium premissorum. Anno Domini MoCCCoLXIIIIo, indictione IIa, die XXVIIIa augusti.
(S.T.) Ego Guillelmus de Noxereto, notarius sacri Imperii, suprascriptum exemplum, sumptum per me Guillelmum de Noxereto, notarium et canzellarium comunis Saone, ab auctentico predicto unaa cum suprascriptis Dagnano Regina et Bono Saliceto notariis, in presencia dicti domini vicarii, unaa cum dicto auctentico diligenter et fideliter ascultavi et quia utrumque concordare inveni, ideo de ipsius domini vicarii mandato et in testimonium premissorum in testem me subscripsi et signo meo consueto signavi.

M°CCC°LXIIII°, indictione secunda, die IIIa septembris. Similis insinuacio facta fuit coram reverendo in Christo patre et domino, domino Anthonio, Dei et Apostolice Sedis gratia episcopo Saonensi, et ascultacio dicti privilegii et quia hoc exemplum inventum fuit cum originali concordare et ipsum originale non abolitum, non canzellatum nec in aliqua sui parte suspectum, sed omni prorsus vicio et suspicione carere, ideo suam auctoritatem interposuit et decretum et sigili sui inprensione muniri mandavit in testimonium premissorum. Guillelmus de Noxereto, notarius et scriba in hac parte dicti domini episcopi Saonensis.

(S.T.) Anno Domini M°CCCLXIIII, indictione secunda, die XXVI septembris, in castro Cravaxio, presentibus testibus vocatis et rogatis venerabilibus viris dominis A., abbate Fructuariensi, G., abbate Bremetensi, et nobilibus viris dominis Bonifacio <et> Abellono de Cochonato, milittibus et comitibus de Radicate, sapienti viro, domino Thoma de Sotusrippa, vicario infrascripti domini marchionis, et aliis nobilibus, similis insinuacio et ascultacio dicti privilegii facta fuit coram illustribus principibus et dominis, dominis Iohanne, marchione Montisferrati, imperiali vicario etc., et domino Ottone, duce Brunsvicense, et quia hoc exemplum fuit inventum concordare cum originali prout (a) me notarium infrascriptum extitit perquisitum et omni prorsus vicio carere, dicti domini marchio et Otto suas auctoritates interposuerunt et decreta et in testimonium premissorum eorum sigilla apponi iusserunt. Et ego Guillelmus Cicolellus de Virolengo, publicus imperiali auctoritate notarius et canzellarius ipsius domini marchionis, de ipsis mandato me suscripsi et signo meo consuecto signavi.
(S.T.) Ego Iacobinus Capella de Liburno, publicus imperiali auctoritate notarius et scriba prefacti domini marchionis, hoc exemplum unaa cum dicto Guillelmo ascultavi et de mandato ipsius domini marchionis me subscripsi et signum meum apposui consuetum.

(a) Così per ut per

(Segno del notaio) In nome del Signore, amen. Nell'anno del Signore 1364, indizione seconda, 28 agosto. Questa copia - tratta dal privilegio imperiale autentico, emanato a Pisa il giorno 25 dicembre, nell'anno del Signore 1327, quattordicesimo anno del regno invero del serenissimo principe e nostro signore, Ludovico, già re dei Romani e sempre augusto, recante un sigillo di cera pendente appeso con un filo di seta giallo e rosso, nel qual sigillo si vedeva l'immagine della maestà imperiale che siede sul trono regio e tiene nella mano destra la croce e nella sinistra un pomo rotondo con sopra una croce e all'intorno erano scritte lettere dell'infrascritto tenore: "Ludovico, per grazia di Dio re sempre augusto", <redatta> per mano di me Guglielmo de Noxereto, sottoscritto notaio e cancelliere dell'infrascritto comune di Savona - , è stata presentata al distinto e sapiente, signor Matteo de Mercatoribus di Sarzana, onorevole vicario del signor podestà e del comune di Sarzana, e in sua presenza è stato letta e ascoltata diligentemente e fedelmente con l'originale autentico da me detto Guglielmo notaio infrascritto e da Bono Saliceto, notaio e cancelliere del comune di Savona e da Dagnano Regina, notai infrascritti, e perché lo stesso signor vicario ha constatato la corrispondenza della presente copia all'originale autentico, affinché alla presente copia sia attribuita pieno valore giuridico ha interposto l'autorità propria e del comune di Savona per parte pubblica.
(Segno del notaio) Io Dagnano Regina di Savona, notaio pubblico per autorità imperiale, ho ascoltato diligentemente e fedelmente la lettura della soprascritta copia, esemplata dal detto Guglielmo dall'autentico di un privilegio imperiale, in presenza dell'esperto e sapiente signor Matteo de Mercatoribus, giudice e vicario del comune di Savona, insieme al detto Guglielmo e all'infrascritto Bono Saliceto notai e poiché ho constatato che concordano l'un con l'altro, perciò su mandato del detto signor vicario mi sono sottoscritto quale testimone di quanto sopra.
(Segno del notaio) Io Bono Saliceto, notaio per autorità imperiale, in presenza del detto signor vicario, insieme con il soprascritto Dagnano e l'infrascritto Guglielmo de Noxereto notai, ho ascoltato con diligenza il confronto della soprascritta copia con il detto autentico e dal momento che ho constatato che concordano perfettamente l'una con l'altro, su mandato dello stesso signor vicario mi sono sottoscritto e ho apposto il mio segno consueto a testimonianza di quanto sopra, nell'anno del Signore 1363, indizione seconda, 28 agosto.
(Segno del notaio) Io Guglielmo de Noxereto, notaio del sacro impero, ho ascoltato con diligenza e fedelmente la la lettura della sopradetta copia, tratta da me Guglielmo de Noxereto, notaio e cancelliere del comune di Savona, dall'esemplare autentico insieme con i soprascritti Dagnano Regina e Bono di Saliceto notai, in presenza del detto signor vicario, insieme con il detto esemplare autentico e dal momento che ho constatato che concordano l'una con l'altro, così su mandato dello stesso signor vicario mi sono sottoscritto come testimone di quanto sopra e ho apposto il mio segno consueto.

Nel 1364, indizione seconda, 3 settembre. Eguale insinuazione fu fatta di fronte al reverendo in Cristo padre e signore, signor Antonio, per grazia di Dio e della sede apostolica vescovo di Savona, e il riscontro di detto privilegio e siccome si trovò che questa copia concordava con l'originale e <giudicò> lo stesso originale non abolito, non cancellato né in alcuna parte sospetto, ma <valutò> che certamente mancava di ogni vizio e sospetto, perciò interpose la propria autorità e precetto e dispose di munire del sigillo da lui impresso a testimonianza delle cose premesse.
Guglielmo de Noxereto, notaio e scriba in questa parte del detto signor vescovo di Savona.

(Segno del notaio) Nell'anno del Signore 1364, indizione seconda, 26 settembre, nel castello di Chivasso, presenti i testimoni convocati e interrogati, i venerabili A., abate di Fruttuaria, G. abate di Breme, e i nobili uomini Bonifacio <e> Abellonio di Cocconato, cavalieri e conti di Radicata, e il sapiente signore Tommaso di Sottoripa, vicario dell'infrascritto signor marchese, e altri nobili, un'analoga presentazione e l'ascolto della lettura del detto privilegio è stata fatta di fronte agli illustri principi e signori Giovanni, marchese di Monferrato, vicario imperiale ecc., e il signor Ottone, duca di Brunswick, e poiché si è constatata la concordanza di questa copia con l'originale e l'assenza di ogni vizio di forma come è stato appurato attraverso di me, il detto signor marchese e Otto hanno interposto la loro autorità e la loro decisione e hanno ordinato di apporre il loro sigilli a testimonianza di quanto premesso. E io Guglielmo Cicolello de Virolengo, notaio pubblico per l'autorità conferitami da parte imperiale e cancelliere dello stesso marchese, su incarico dello stesso mi sottoscrissi e firmai con il mio segno consueto.
(Segno del notaio) Io Giacomino Capella di Livorno, pubblico notaio per autorità imperiale e scriba del predetto signor marchese, ho ascoltato la lettura di questa copia insieme con il detto Guglielmo e su mandato dello stesso signor marchese mi sono sottoscritto e ho apposto il mio segno consueto.