Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Atti di lite concernenti i protocolli di notaio defunto

1319 luglio 22, Susa, aula abbatis

Enrico abate del monastero di San Giusto di Susa presenta formalmente al miles Einardo de Calcibus castellano di Susa e al notaio Antonio Granateri, appositamente convocati, lettere di Amedeo IV conte di Savoia del 26 maggio <1319>, il cui testo è riportato integralmente e in cui il conte sostiene che, per la questione relativa ai protocolli di Andrea de Melloretto, egli intende mantenere la propria giurisdizione sul defunto notaio e suoi suoi protocolli in quanto, pur essendo stato homo di San Giusto, quegli è stato anche familiaris et nuncius del conte; richiede pertanto che l'abate ritiri la sua pretesa ovvero presenti le proprie controdeduzioni entro il termine del 22 luglio prossimo venturo.
Volendo corrispondere a quanto richiesto nelle lettere sopra descritte, di fronte al castellano di Susa l'abate di San Giusto riafferma i suoi diritti di giurisdizione sui notai homines del monastero.
Successivamente, Bartolomeo Barale monaco del monastero di San Giusto di Susa dà testimonianza, dichiarando di aver dato un parere, al tempo della morte del detto notaio, a Pietro Marescalchi, allora castellano di Susa, in merito alla destinazione degli abreviamenta del notaio defunto Andrea de Melloretto, e di aver consigliato al castellano di trattenere presso di sé omnes libros curie domini comitis mentre alia adbreviamenta comunia spettavano all'abate di San Giusto. A quel parere ora il teste aggiunge ulteriori considerazioni, affermando di avere sempre visto, nel corso degli ultimi quarant'anni, che i protocolli dei notai defunti soggetti alla giurisdizione abbaziale erano affidati dall'abate o dal suo giudice ad altri notai soggetti alla giurisdizione dell'abbazia, con la sola eccezione di quelli che si configuravano come libri della curia comitale.

Originale (A), Archivio di Stato di Torino, Corte, Materie economiche, Insinuatori e notai, m. 1 (da ordinare), doc. 1.

Pergamena di mm. 276 (293) x 303; il supporto presenta tre fori nella zona centrale con danni al testo. sul verso, annotazioni archivistiche del sec. XVII e regesto e inventariazione archivistica del sec. XVIII.

Ed.: P. CANCIAN, Interventi sabaudi su conservazione e trasmissione di protocolli notarili a Susa e Rumilly (secoli XIV e XV), in "Bollettino storico-bibliografico subalpino", LXXXVII (1989), pp. 211-220, edizione a pp. 216-218.

Testo

(ST) Anno Domini millesimo CCC°XIX°, indicione II, die XXII mensis iulii, presentibus testibus infrascriptis vocatis et rogatis. Per hoc presens publicum instrumentum cunctis (a) appareat maniffeste quod venerabilis vir dominus Henricus abbas Secusie nobili viro domino Eynardo de Calcibus militi castellano Secusie et mihi Anthonio Granaterii notario infrascripto, per ipsum dominum abbatem ad hoc convocatis, ostendit litteras infrascripti tenoris:

"Amedeus comes Sabaudie venerabili viro domino Henrico Dei gratia abbati Secusie salutem et sinceram dilectionem. Examinatis informacionibus questionis vertentis inter nos et vos pro facto prothocollorum Andree de Melloretto notarii et aliis iuribus nostris et vestris super questione iamdicta, quia reperimus quod dictus Andreas, licet esset homo vester, erat familiaris noster et nuncius et iurisdicionem tam in ipso nuncio nostro quam in aliis familiaribus nostris et nunciis ad nos intendamus pertinere sive sub vestro sive sub nostro dominio morentur, non potuit dicta questio terminari. Quocirca infor[m]etis vos cum Bartholomeo Barali fratre vestro qui novit super hiis veritatem et qui de hiis nostrum castellanum tunc temporis Secusie informavit; et si iniustum petitis, a dicta peticione cessetis, si vero creditis ius habere, mita[ti]s aliquem ad nos circa proximum festum beate Marie Magdalene cum ipsis informacionibus et nos tunc finem faciemus inponere questioni. Date apud Cambariacum, die XXVI madii."

Propter quarum litterarum tenorem idem dominus abbas prefatum dominum comitem secundum tenorem ipsarum de dicta questione, credens in ipsa ius habere, voluit informare; et quidem ipse dominus abbas in presencia dicti castellani, per proprium iuramentum evuangeliis existentibus, coram ipso dicxit q[uod ips]e et eius predecessores consueverunt concedere prothocolla seu adbreviamenta tabellionum mortuorum existemcium, tempore mortis eorum, homines ipsius domini [abbatis] vel eius monasterii et hoc sine cuiusquam contradicione; et quod dictus Andreas de Melloretto tempore mortis eius erat homo dicti monasterii Sancti Iusti seu ipsius domini abbatis [et] eciam quod quamvis dictus Andreas esset familiaris et nuncius dicti domini comitis, quod nichilominus ipse dominus abbas in ipsum Andream habebat et habere debebat merum et mistum imperium et omnimodam iurisdicionem; et quod numquam vidit quod pers[one] existentes homines dicti monasterii, licet essent familiares seu nuncii dicti domini comitis, subiecte essent ipsi domino comiti quoad iurisdicionem, sed semper quoad [ipsam iurisdicion]em, merum imperium [et] mistum subiecte erant dicto monasterio, nec umquam vidit contrarium.

Dictus vero Bartholomeus in presencia [dicti domini abbatis] et mei notarii inf[rascripti], iuratus super sancta Dei evuangelia corporaliter tacta dicere veritatem super questione predicta, dicxit quod tempore mortis dicti Andree de Melloretto dominus Petrus Marescalci, tunc temporis castellanus Secusie, consulit ipsum Bartholomeum quid deberet facere de adbreviamentis ipsius Andree. Qui Bartholomeus dicxit ei quod debebat redducere ad manus suas omnes libros curie domini comitis et ipsos non dimitere videre alicui persone quousque iudex vidisset eos; et quod alia adbreviamenta comunia pertinebant ad curiam dicti domini abbatis. Aliam autem informacionem dicit se non dedisse dicto Petro super predictis. Item dicxit quod toto tempore vite sue <et> macxime a XL annis citra vidit seu scivit quod quando aliquis notarius de Secusia homo dicte abbacie moriebatur, quod curia ipsius abbacie omnia ipsius notarii adbreviamenta redducebant ad manus suas et hoc facto, iudex ipsius abbacie seu ipse abbas ipsa adbreviamenta tradebat alicui alii notario homini dicte abbacie. Et specialiter vidit adbreviamenta Iacobi Beraudi hominis dicti monasterii per curiam ipsius monasterii tradi Francisco de Namaria; et predicta adbreviamenta cum aliis adbreviamentis ipsius Francisci, mortuo ipso Francisco, vidit vel scivit per curiam ipsius monasterii tradi Petro de Aquablanca. Et adbreviamenta Petri Fornerii vidit vel scivit tradi per ipsam curiam monasterii Iohanni Fornerii filii (b) ipsius Petri et adbreviamenta dicti Iohannis per eandem curiam tradi Bernardo de Alavardo. Et adbreviamenta Roudeti, qui vocabatur clericus de Bertoletto, qui tunc temporis extiterat notarius curie domini comitis in Secusia, tradi per curiam dicti monasterii Petro de Aquablanca, exceptis aliquibus libris quos habebat de curia domini comitis, quos dictus Bartholomeus Baralis, tunc temporis gerens vices mistralis dicti monasteri, tradidit et deliberavit dicto Andree de Melloretto condam de mandato castellani Secusie. Item vidit adbreviamenta Petri de Aquablanca tradi per curiam ipsius monasterii Iohanni eius filio et adbreviamenta Bernardi de Alavardo condam per ipsam curiam monasterii Sancti Iusti tradi Loramdino eius filio.

De predictis autem omnibus dictus dominus abbas precepit mihi iamdicto notario infrascripto de predictis fieri publicum instrumentum.

Actum Secusie, <in> aula (c) dicti domini abbatis, presentibus testibus Philipo Barali mistrali dicti monasterii, magistro Iohanne phisico, Eymoneto de Balma de Monte Varnerio habitatore Secusie, Francisco Bertrandi monaco monasterii Sancti Michaelis de Clusa.
Et ego autem Anthonius Granaterius de Secusia imperiali auctoritate et nunc curie dicti domini comitis in Secusia publicus notarius hiis omnibus interfui et hanc cartam rogatusque scripsi.

(a) A cumptis lacuna di mm 4

(b) A patris per evidente distrazione

(c) A aucla

Traduzione

(ST) Nell'anno del Signore 1319, indizione II, il 22 del mese di luglio, alla presenza dei sotto indicati testi convocati e rogati. Mediante il presente pubblico istrumento a tutti sia manifesto che il venerabile dominus Enrico abate di Susa ha mostrato al nobile dominus Einardo de Calcibus cavaliere e castellano di Susa e a me Antonio Granateri notaio sottoscritto, dall'abate appositamente convocati, le lettere di seguito trascritte:

"Amedeo conte di Savoia invia al venerabile dominus Enrico per grazia di Dio abate di Susa saluti e sincero affetto.
Dopo aver esaminato le informazioni concernenti la disputa tra noi e voi riguardo al fatto dei protocolli del notaio Andrea de Melloretto e ad altri diritti sia nostri sia vostri in rapporto con la questione suddetta, poiché abbiamo appurato che il detto Andrea, benché vostro uomo, era nostro familiare e nunzio, e poiché noi intendiamo che la giurisdizione su di lui così come quella sugli altri nostri familiari e nunzi sia di nostra sola pertinenza, sia che essi siano sottoposti al vostro sia al nostro dominio, non si poté dare conclusione alla disputa. Perciò informatevi presso il vostro confratello Bartolomeo Barale che conosce la verità e che ne diede notizia all'allora nostro castellano di Susa. E se constaterete che chiedete ciò che non è giusto, rinunciate alla petizione; se invece riterrete di averne il diritto, mandate qualcuno presso di noi verso la prossima festa di santa Maria Maddalena (22 luglio) con le informazioni e noi porremo termine alla disputa.
Date presso Chambery, il 26 maggio".

A cagione del contenuto di tali lettere, il detto abate ha voluto informare il predetto conte sulla base di quanto esposto nelle predette lettere relativamente alla loro disputa, convinto di essere nel suo diritto; e propriamente l'abate, in presenza di detto castellano, giurando davanti ai Vangeli, dichiarò che egli e i suoi predecessori erano soliti trasmettere <ad altri> i protocolli dei notai che al momento della loro morte fossero uomini sottoposti alla giurisdizione del monastero, e ciò senza contraddizione di alcuno; e aggiunse che il detto notaio Andrea de Melloretto al tempo della sua morte era uomo del monastero di San Giusto e ancora che, pur essendo il detto Andrea familiare e nunzio di detto conte, nondimeno l'abate sul detto Andrea aveva e doveva avere merum et mistum imperium et omnimodam iurisdicionem; e che non vide mai che uomini di detto monastero, pur essendo anche familiari e nunzi del conte, fossero sottomessi al conte riguardo alla giurisdizione, bensì piuttosto essi erano sempre soggetti al monastero per quanto rigarda la giurisdizione e il mero e misto imperio.

Successivamente il detto Bartolomeo, in presenza dell'abate e di me notaio sottoscritto, dopo aver giurato toccando i Vangeli di dire la verità sulla questione, dichiarò che, al tempo della morte del detto Andrea de Melloretto, il dominus Pietro Marescalchi allora castellano di Susa aveva consultato lo stesso Bartolomeo su che fare dei protocolli dello stesso Andrea. Bartolomeo gli aveva risposto che il castellano avrebbe dovuto prendere in consegna tutti i registri della curia del conte e non permettere ad alcuno di vederli prima che un giudice li esaminasse; e che, invece, tutti i protocolli notarili comuni erano di spettanza della curia dell'abate. Niente altro aveva aggiunto in quell'occasione sulla detta questione. Ora aggiunse che per tutto il corso della sua vita e, dunque, da non meno di quarant'anni ha visto e saputo che quando moriva un notaio soggetto alla giurisdizione abbaziale, la curia dell'abate prendeva in consegna i suoi protocolli e, ciò fatto, il giudice dell'abate o l'abate stesso assegnava i protocolli ad un altro notaio soggetto alla giurisdizione abbaziale. Ed in particolare vide che i protocolli di Giacomo Beraudi uomo del monastero erano stati consegnati a Francesco de Namaria; e che i detti protocolli insieme a quelli di detto Francesco, alla morte di quest'ultimo, erano stati consegnati dalla curia dell'abate a Pietro de Aquablanca. E vide e seppe che i protocolli di Pietro Fornerio dalla curia abbaziale erano stati consegnati al figlio Giovanni Fornerio e i protocolli di detto Giovanni dalla stessa curia erano stati consegnati a Bernardo de Alavardo. E i protocolli di Roudeto detto clericus de Bertoletto, che allora era notaio della curia del conte in Susa, erano stati concessi dalla curia abbaziale a Pietro de Aquablanca, ad eccezione di alcuni registri concernenti la curia comitale, che egli deteneva e che il detto Bartolomeo Barale, allora mistralis del monastero, aveva consegnato e affidato al detto Andrea de Melloretto ora defunto su mandato del castellano di Susa. E ancora egli vide che i protocolli di Pietro de Aquablanca erano stati consegnati dalla curia abbaziale al figlio Giovanni e che i protocolli di Bernardo de Alavardo erano stati consegnati dalla curia abbaziale al figlio Lorandino.

Di tutto quanto sopra detto, poi, il detto abate ordinò a me predetto notaio sottoscritto di fare un publico istrumento.

ACTUM. A Susa, nella sala d'udienza dell'abate, alla presenza dei testimoni Filippo Barale mistrale del monastero, magister Giovanni medico, Eimoneto de Balma de Monte Varnerio abitante di Susa, Francesco Bertrandi monaco del monastero di San Michele della Chiusa.
E io Antonio Granateri notaio pubblico per autorità imperiale e attualmente scriba del conte di Savoia in Susa a tutto ciò sono stato presente e, richiesto, ho scritto questo documento.

Commento

Il documento evidenzia con particolare chiarezza e analiticità i rapporti fra due giurisdizioni a confronto nel momento in cui il controllo locale dei protocolli dei notai defunti si interseca con le necessità cancelleresche come superiore dominio orientato su obiettivi diversi da quelli del dominatus locale. Tanto nei poteri locali quanto nei poteri regionali, i controlli per la gestione della memoria documentaria passano attraverso il medesimo meccanismo, quello della delega ad altro notaio dei protocolli del notaio defunto, tipica della prassi notarile; ma ora, con l'ingresso delle esigenze ideologico-politiche delle cancellerie delle grandi signorie territoriali - che privilegiano un controllo centralizzato e non una semplice mappa/memoria della reperibilità dei protocolli - tale meccanismo, affrontando i problemi connessi con la scadenza periodica degli incarichi, lega la documentazione d'ufficio non tanto alle persone bensì al centro operativo della funzione burocratica: vediamo così privilegiato il concetto di archivio dell'istituzione come prevalente sulla prassi comune del notariato, agente normalmente nella sua doppia veste di professionista e di (più o meno temporaneo) officiale di curia. Nel documento in questione questo modello centralizzato si concreta con grande chiarezza concettuale (indice certo di una precedente elaborazione), con la prevalente caratterizzazione funzionariale dello scriba curie domini comitis in Secusia e con l'identificazione dei prodotti di quella specifica attività notarile con una precisa e distintiva qualificazione dei registri come libri curie domini comitis contrapposti agli alia protocolla communia.

Il quadro dell'intersezione e del reciproco condizionamento imposto dalla doppia faccia dell'attività notarile viene in particolare evidenziato dall'elenco della casistica presentata dal testimone, il monaco di San Giusto Bartolomeo Barale, che ci descrive un'interessante catena di trapassi di protocolli di notai defunti nell'arco temporale di quarant'anni, in cui la scelta dei notai subentranti configura tanto il modello della successione patrimoniale entro la famiglia del defunto quanto scelte ipotizzabili come legate ad opportunità professionali, secondo i consueti comportamenti nell'ambito del notariato professionista, ma in cui torna costante il rinvio ad una distinzione netta fra il professionismo e la produzione documentaria degli uffici sabaudi.

Non è difficile scorgere nella sequenza il dipanarsi di due strategie parallele: da un lato, la curia abbaziale fa confluire i protocolli dei notai defunti su due nomi: i protocoli di Giacomo Beraudi passano a Francesco de Namaria, poi quelli di entrambi finiscono a Pietro de Aquablanca, così come a costui pervengono anche quelli di Roudeto "qui vocabatur clericus de Bertoletto, qui tunc temporis extiterat notarius curie domini comitis in Secusia"; tutti quanti passeranno poi al figlio Giovanni de Aquablanca. Un'altra sequenza vede i protocolli di Pietro Fornerio passano al figlio Giovanni Fornerio per confluire poi in possesso di Bernardo de Alavardo e da questi al figlio Lorandino.

In parallelo, la strategia della burocrazia sabauda, cui si adegua la curia abbaziale, prevede il controllo e la confluenza dei registri notarili dei notai/scribi sabaudi nell'ottica di una gestione unitaria e centralizzata della propria documentazione: Roudeto "qui vocabatur clericus de Bertoletto, qui tunc temporis extiterat notarius curie domini comitis in Secusia", a causa del suo temporaneo servizio come funzionario sabaudo, introduce un'eccezione nelle modalità di acquisizione e concentrazione della documentazione da parte di San Giusto; i suoi adbreviamenta vanno a Pietro de Aquablanca ma "exceptis aliquibus libris quos habebat de curia domini comitis, quos dictus Bartholomeus Baralis, tunc temporis gerens vices mistralis dicti monasteri, tradidit et deliberavit dicto Andree de Melloretto condam de mandato castellani Secusie". Ecco dunque comparire, nelle vesti di notaio destinatario dei libri di curia comitale del predecessore, il notaio Andrea de Melloretto, gestore dunque non solo della documentazione sabauda da lui prodotta ma anche di quella del suo o dei suoi predecessori. La rilevanza della lite, denunciata dal documento in esame e sorta a seguito della sua morte, appare dunque fondata non solo sulla questione istituzionale della definizione delle competenze, ma anche sul concreto e consistente patrimonio di documentazione che il conte di Savoia intende continuare a controllare secondo una catena di trasmissione da lui stabilita (ANDENMATTEN e CASTELNUOVO, Produzione documentaria e conservazione archivistica, p. 299 ss.).

Ben si coglie qui l'importanza del notariato come conservatore di quella che uno studioso, che si è specificamente occupato del notariato valsusino nei suoi collegamenti con l'amministrazione sabauda, ha definito come "la memoria storica" sia dell'amministrazione sabauda del territorio sia della collettività valsusina (GHERNER, Un professionista-funzionario del Duecento, p. 422 ss., a proposito di una testimonianza del notaio Broco fornita nel 1285, affine a quella di cui vediamo gli effetti nel nostro documento).

Bibliografia

B. ANDENMATTEN e G. CASTELNUOVO, Produzione documentaria e conservazione archivistica nel principato sabaudo, XIII-XV secolo, in "Bullettino dell'Istituto Storico Italiano", 110/1 (2008), pp. 279- 348.

G. G. FISSORE, Prassi autenticatoria e prospettive di organizzazione burocratica nella documentazione episcopale torinese alle soglie del Trecento, Udine 2009, pp. 239-266, miscellanea in stampa.

U. GHERNER, Un professionista-funzionario del Duecento: Broco, notaio di Avigliana, in "Bollettino storico-bibliografico subalpino", LXXXV (1987), p. 387-443.

Edizione, traduzione, commento: Gian Giacomo Fissore

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis