Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Testimonianza giudiziaria di notaio con presentazione di imbreviatura e sua copia

1209 agosto 4 Vercelli, in camera palatii comunis

(ST) Anno dominice incarnationis milleximo ducentesimo nono, indicione duodecima, quarto die mensis augusti. Nicolaus notarius de Ponte Sturie, rogatus et inquisitus atque sub debito sacramenti coniuratus a domino Uberto de Oçola Vercellensi potestate ut diceret ei veritatem si ipse aliquod instrumentum fecerat de aliquo (a) contractu quem cum Anselmo Musso de Paciliano fecisset condam dominus Bonifatius marchio de Munteferrato vel dominus Guilielmus filius eius de loco Arliati et Triville, respondit et dixit ei quod fecerat quoddam instrumentum et eiusdem instrumenti protocollum sive abriviaturam propria manu ipsius Nicolai notarii scriptam predicte potestati exibuit, cuius protocolli sive abriviature hic est tenor:

Anno dominice incarnationis milleximo ducentesimo secundo, indicione quinta, die iovis qui est primo die augusti. In loco Marençana. Presentia bonorum hominum quorum nomina subter leguntur, per lignum quod tenebat in sua manu dominus Bonifatius marchio Montisferrati, filius eius Guilielmus marchio investivit Anselmum de Paciliano filius(b) Oto (b) Mus in rectum feudum nominative de Areglae et de Trivilla et de foro et de bando et de ter- //[167r] tium (b) et de fictum (b) et de omni honore sicuti dominus Bonifatius habebat et possidebat (c) tali modo et pacto ut ipse Anselmus et eius heredes habeant et teneant et possideant tantum quod ipse dominus Bonifatius et heredes eius rediderit libras centum quas confessavit se debere predicto Anselmo de Paciliano. Interfuerunt testes Oto de Grafan, Bonusiohannes de Maluengo, Guido Coloni, Alinerius Vercellensis becar<ius>.

§ Predictam autem exibitionem dictus Nicolaus notarius fecit in camera palatii comunis Vercellensis, in presentia domini Caçuli iudicis et asesoris predicte potestatis atque Petri Curati de Mediolano et Boniiohannis Mangini et Alberti de Tetavegla et Ugutionis fratris eius. Et ibidem in iamscriptorum omnium presentia et coram ipsa potestate idem Nicolaus notarius iuravit ad sancta Dei evua<n>gelia quod tenor iamscripti contractus ita est in omnibus et per omnia ut supra in predicto protocollo sive abriviatura legitur et (d) quod nullum aliud instrumentum ipse scripsit vel fecit de aliquo contractu quem fecissent predicti marchiones vel aliquis eorum de predictis locis vel de aliquo illorum cum predicto Anselmo et quod ipsam abriviaturam sive protocollum predicti contractus quam ipse exhibuit sua propria manu scripsit.

(ST) Ego Ambrosius notarius iussu Rufini notarii hanc cartam scripsi. (ST) Ego predictus Rufinus notarius hanc cartam scribi feci et subscripsi. //

(a) A" così; A' alio

(b) A' e A" così

(c) A' habebant et possidebant; A" habebant et possidebat

(d) A" così; A' manca

(Segno del notaio) Nell'anno dell'incarnazione del Signore 1209, indizione dodicesima, il 4 di agosto. Il notaio Nicola di Pontestura, richiesto in giudizio sotto il dovuto giuramento dal podestà del comune di Vercelli Uberto de Oçola di dirgli la verità, se avesse cioè fatto un istrumento concernente un contratto stipulato da Bonifacio marchese di Monferrato o da suo figlio Guglielmo con Anselmo Musso di Pacilianum riguardo alle località di Arliatum e di Trevilla, rispose dicendogli che egli aveva effettivamente fatto un istrumento in tal senso, e di quell'istrumento esibì al predetto podestà l'imbreviatura scritta di sua propria mano, il cui contenuto è il seguente:

Nell'anno dell'incarnazione del Signore 1202, indizione quinta, giovedì 1° agosto. Nel luogo di Marençana. Alla presenza delle persone eminenti sotto elencate, mediante un legno che teneva in mano Bonifacio marchese di Monferrato, con suo figlio Guglielmo marchese, investì in feudo Anselmo de Paciliano figlio di Ottone Musso dei luoghi di Areglae e Trivilla con tutti i diritti di giurisdizione e il diritto del terzo e del fitto e di ogni altro honor così come lo possedeva in precedenza il marchese Bonifacio, con il patto che Anselmo e i suoi eredi mantengano il feudo fintanto che il detto Bonifacio e i suoi eredi abbiano restituito le cento lire che egli ha dichiarato di dovere al detto Anselmo. Sono intervenuti in qualità di testimoni Ottone de Grafan, Bongiovanni de Maluengo, Guido Coloni, Alinerio macellaio di Vercelli.

§ Il notaio Nicola fece la predetta presentazione in un locale del palazzo del comune di Vercelli, alla presenza di Caçulus giudice e assessore di detto podestà nonché alla presenza di Pietro Curato di Milano e di Bongiovanni Mangino e Alberto de Tetavegla e del di lui fratello Uguzzone. E ivi, alla presenza dei sopraddetti e del podestà il notaio Nicola giurò sui Vangeli che il tenore del suddetto contratto corrispondeva in tutto e per tutto a quanto si leggeva nell'imbreviatura predetta; e, inoltre, che egli non aveva scritto né fatto alcun altro istrumento concernente un contratto che avrebbero fatto con il predetto Anselmo i predetti marchesi ovvero uno di essi riguardo ai detti luoghi o a uno di quelli; e, ancora, che aveva scritto di sua propria mano l'imbreviatura, da lui esibita, del predetto contratto.
(Segno del notaio) Io Ambrogio <Ansisus> notaio su ordine di Ruffino <Oriolius> notaio ho scritto questo documento.