Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento

Verbale di presentazione di lettere di vicario vescovile inserte

1283 novembre 19 CavagliÓ, apud ecclesiam Sancti Petri

(ST) Anno nativitatis Domini milleximo ducentesimo octuagessimo tercio, indicione XI, die veneris XVIIII mensis novembris. Dominus frater Iacobus de Blanšate canonicus ecclesie Sancti Andree Vercellensis a parte et nomine domini abbatis Sancti Andree iamscripti presentavit literas sigillatas sigillo cereo per dominum Eusebium de Bondonnis vicarium ecclesie Vercellensis, quarum literarum tenor talis est:

Eusebius de Bondonnis maior ecclesie Sancte Marie Vercellarum vicarius domini Aymonis Dei gracia episcopi Vercellensis et comitis domino Uberto de Fraxeneto clerico ecclesie Sancti Petri de Cabaliaca salutem in Domino. Conquestus est nobis dominus abbas Sancti Andree Vercellarum quod fratres Sancti Antonii de monte Perosso, qui quidem fratres subiecti sunt ipsi domino abbati, inquietatis indebite et turbatis. Quapropter vobis mandamus monendo atque sub pena excomunicacionis districte precipiendo quatinus cum dicto domino abbate debeatis vos amicabiliter concordare de iniuria vel turbacione illa quam intulistis fratribus memoratis vel coram nobis tercia die post harum presentacionem coram nobis comparere curetis dicto domino abbati de iusticia responssuri super predictis. Quem terminum unum pro tribus et perhentorie vobis duximus assignandum.

Actum in Cabaliaca apud ecclesiam Sancti Petri. Interfuerunt testes Thomas murator qui stat in Cabaliaca et Boyacius famulus predicti domini Uberti.
(ST) Ego Vercellinus notarius de Cabaliacha interfui, scribi feci et me subscripsi.

(Segno del notaio) Anno della nativitÓ del Signore 1283, indizione undicesima, venerdý 19 novembre. Il dominus frate Giacomo da BianzŔ canonico della chiesa di Sant'Andrea di Vercelli agente in nome dell'abate del detto Sant'Andrea present˛ lettere sigillate con sigillo cereo da Eusebio de Bondonnis vicario della chiesa di Vercelli, lettere il cui tenore segue inserto:

Eusebio de Bondonnis, maior della chiesa di Santa Maria di Vercelli e vicario del dominus Aimone per grazia di Dio vescovo di Vercelli e conte, al dominus Uberto da Frassineto chierico della chiesa di San Pietro di CavagliÓ augura salute nel Signore. Il dominus abate di Sant'Andrea di Vercelli si Ŕ lamentato presso di noi del fatto che turbate in modo indebito la quiete dei frati di Sant'Antonio de monte Perosso, che sono soggetti al detto dominus abbate. Per questa ragione vi ordiniamo sotto pena di scomunica che vi dobbiate accordare amichevolmente con il detto dominus abate riguardo all'ingiuria e al turbamento che apportaste ai frati ricordati oppure che facciate in modo di comparire di fronte a noi il terzo giorno dopo la presentazione di queste lettere per rispondere in giudizio al detto abate sopra le cose predette. Abbiamo ritenuto di assegnarvi il detto termine una sola volta in luogo di tre e in modo perentorio.

ACTUM. In CavagliÓ presso la chiesa di San Pietro. Intervennero i testimoni Tommaso muratore che risiede in CavagliÓ e Boiacius famulo del predetto dominus Uberto.
(Segno del notaio) Io Vercellino notaio di CavagliÓ intervenni, feci scrivere e sottoscrissi.