Visualizzazione: predefinita | testo - traduzione | testo - commento | testo - facsimile | solo facsimile 

Conferma di privilegi

1351 agosto 11, Verona

Cangrande <II> della Scala, signore di Verona e Vicenza, conferma a venticinque tra medici fisici e chirurghi residenti nella città e nel distretto di Verona, nominativamente elencati, le esenzioni fiscali e i privilegi già concessi ai medici fisici e chirurghi di Verona dal consiglio dei gastaldioni di Verona al tempo di Bartolomeo della Scala, e successivamente confermati da Alboino della Scala prima e da Cangrande <I> della Scala poi.

Originale (A), Archivio di Stato di Verona, Archivio antico del comune, perg. 39.

Nel recto, sul margine sinistro, una manicula all'altezza di r.18 corrisponde a un segno che evidenzia, nel testo, le parole "Et quod infrascripti medici" etc., a segnalare la possibilità per il collegio di "statuta compilare et facere"; e infatti in corrispondenza di r. 22 si legge, di mano del XV sec., "facere statuta". Nel verso, nel senso opposto a quello della scrittura del recto quattro scritte raggruppate in alto a sinistra, dovute a quattro mani diverse. Nell'ordine, dall'alto in basso: "1351. In libro Privilegiorum a c.te 1", attribuibile al sec. XV; sotto, una "A" maiuscola e a fianco "n° 290", in inchiostro più chiaro; infine, "possit <seguono due parole illeggibili> idcirco sibi condere statuta", per l'appunto con riferimento alla prerogativa, concessa ai medici collegiati, di elaborare una propria normativa statutaria. Queste tre scritte sono attribuibili al XVII-XVIII sec.

Pergamena rettangolare (mm 395x295); le misure attuali scontano il taglio della parte inferiore, immediatamente sotto la sottoscrizione notarile; manca di conseguenza la plica e il sigillo, al quale si fa menzione nel testo.

Testo

Nos Canisgrandis de la Scala civitatum Verone et Vincentie dominus generalis. Quoniam ad bonum societatis humane conservacio corporee sanitatis et supervenientis langoris curacio est plurimum opportuna, dignum duximus ut hii qui execucioni predictorum curam impendunt a ceteris honeribus eximantur, et eo sive pro fructuosis huiusmodi exerciciis promptiores quo fuerint a plubicis angariis et perangarii absoluti. Eapropter predecessorum nostrorum volentes vestigia immitari inmunitatem et privilegium olim magistris phisicis et cirurgicis approbatis civitatis Verone concessum in conscilio gastaldionum dicte civitatis de consensu et beneplacito magnifici domini Bartholomei de la Scala capitanei generalis comunis et populi Verone, confirmatum postmodum eciam per bone memorie dominos Albuinum avum nostrum paternum et Canemgrandem de la Scala patruum nostrum tunc civitatis Verone et Vincentie sacri imperii vicarium generalem ut publicis instrumentis apparet, in omnibus et per omnia confirmamus et approbamus ac de nostre plenitudine potestatis ex certa sciencia de novo concedimus, largimur et impertimur omnibus et singulis magistris phisicis et cirurgicis infrascriptis, commorantibus in civitate et districtu Verone, volentes quod ipsi et descendentes ab eis et famuli cum ipsis commorantes sint et esse inteligantur immunes et exempti ab omnibus daciis, scufis, factionibus et oneribus cuiuscumque condicionis et generis impositis et de cetero imponendis per nos seu per comune Verone vel guaitas civitatis vel burgorum Verone vel villas eiusdem districtus, sive mixtis et aliis quibuscumque et quocumque nomine censeantur, sanctientes predicta hac editali lege in civitate Verone ad nostrum beneplacitum valitura taliter quod presens concessio sive privilegium obtineat plenum robur. Propter quam quidem concessionem sive privilegium dictos magistros ideo nolumus nec intendimus esse privatos ab aliis iuribus, honoribus ac iurisdicionibus aliquibus quibus alii cives Veronenses gaudent, nec quod ipsa concessio sive privilegium dictis iuribus, honoribus ac iurisdicionibus in aliquo deroget, et volumus quod ipsi et quilibet eorum ita possint agere contrahere et quoslibet contractus inire quodammodo alii cives Veronenses facere possunt nonobstante quod sint medici phisici vel exempti, et quod possint acquirere res immobiles illi videlicet qui sunt cives Veronenses vel qui secundum formam statutorum dicte civitatis cives esse intelliguntur sicut alii cives quicumque iurisdicionis comunis Verone possunt et non obstantibus aliquibus legibus statutis reformacionibus consuetudinibus seu iure aliquo factis vel fiendis in contrarium loquentibus seu quesitis vel querendis per comune Verone, que omnia et singula in contrarium facientia ex certa scientia et de nostre plenitudine potestatis cassamus, irritamus et nullius valoris esse pronunciamus, in quantum huic presenti concessioni et sanctioni contradicent seu aliqualiter obstarent. Et quod infrascripti medici qui nunc sunt in presenti concessione notati et de collegio dictorum medicorum vel qui pro tempore erunt possint inter se pro collegio suo statuta compilare et facere et ordinamenta que tamen non preiudicent statutis comunis Verone, et ut expensas quas substinuerint pro cavalcatis fiendis per aliquem ipsorum vel aliquos ad exercitus vel alibi de mandato nostri potestatis Verone presentis vel in futurum existentis tunc valeant tollerare eisdem licentiam presentibus exhibem[us] inter se (a) extimum faciendi et ponendi collectas pro expensis et oneribus antedictis supportandis, ad quas expensas quilibet eciam non existens de colegio antedicto medicus artem medicine tam phisice quam cirugie exercens et comorans in civitate Verone vel eius districtu teneri volumus, et astringi, ac cavalcatas antedictas mandantes domino .. potestati nostro Verone et ceteris aliis officialibus nostris civitatis Verone et eius districtus qui nunc sunt vel pro tempore fuerint ac omnibus sindicis, iuratis, massariis, incollis et habitatoribus civitatis et districtus predicti quatenus hanc concessione et sanctionem quam statuti expressi volumus obtinere vigorem observent inviolabiliter et ab omnibus observari plenarie faciant pena et banno a singulis contrafacientibus nostro arbitrio auferendis. Si autem preter infrascriptos magistros aliqui alii magistri cives vel facientes in civitate et districtu Verone reperirentur suficientes iuxta examinacionem et approbacionem contentam in statutis comunis Verone in phisica vel cirugia intendimus volumus et mandamus eos sicut et infrascripti medici huiusmodi privilegio et concessione gaudere. In cuius rey testimonium presentes exinde conscribi et sigilli nostri iussimus appensione muniri. Nomina autem magistrorum sunt hec. Phisicorum, magister Aretinus de Sancta Cecillia, magister Lucas de dicta contrata, magister Avantinus de Sancto Firmo, magister Iacobus de Padua de Sancto Marcho, magister Iohannes a Levata de Sancto Vitalli, magister Petrus de Parma de Insulo inferiori, magister Bonaventura magistri Artini de Pigna. Nomina magistrorum cirugicorum sunt hec: magister Manuellus de Parma de Sancto Paulo, magister Bonomus de Lavagnolis de Insulo superiori, magister Alzomus de Insulo inferiori, magister Zilbertus de Spicianis de Sancto Toma, magister Iacobus a Revolto de Sancto Zilio, magister Parmexanus de Sancto Benedicto, magister Nicolaus de Sancto Martino Aquario, magister Antonius de Sancto Zenone oratorio, magister Girardus de Santo Silvestro (b), magister Bonzagninus de Sancto Matheo, magister Ventura de Sancto Matheo, magister Riçardus de Sancto Sebastiano, magister Alexander de Sancto Quirico. Habitatores rurium, magister Iohaninus phisicus habitator Lazixii, magister Baldus habitator Lazixii, magister Iacobus de Cavaiono, magister Nascinus de Pischeria, magister Petrus de Minerbio.
Actum et datum Verone per Gubertum de Nichexola notarium nos[trum] die iovis undecimo augusti anno Domini millesimo trecentesimo quinquagesimo [primo].

(a) segue exsti depennato

(b) scritto in fondo al testo, con segno di richiamo in questo punto

Traduzione

Noi Cangrande della Scala, signore generale delle città di Verona e di Vicenza. Poiché conservare la salute del corpo e curare i mali che sopravvengono è cosa estremamente opportuna per il bene della società, abbiamo reputato opportuno che coloro che si dedicano a mettere in pratica tali cose siano esentiati dagli altri oneri, e in tanto siano più solerti a questa proficua attività in quanto siano stati prosciolti dai carichi fiscali pubblici, diretti e indiretti. Pertanto, desiderosi di seguire le orme dei nostri predecessori, confermiamo e approviamo in tutto e per tutto l'immunità e il privilegio concesso tempo da ai medici fisici e ai chirurghi approvati della città di Verona concessi nel consiglio dei gastaldioni della città di Verona (per consenso e approvazione del magnifico signore Bartolomeo della Scala capitano generale del comune e del popolo di Verona), poco dopo confermato dai signori di venerata memoria Alboino della Scala nostro avo paterno e Cangrande della Scala nostro zio paterno (allora vicario generale per l'impero nelle città di Verona e Vicenza), così come appare in documenti pubblici; e tale immunità, in piena consapevolezza, sulla base della nostra piena autorità di nuovo la concediamo, la doniamo e la assegniamo ai medici fisici e ai chirurghi sotto menzionati, tutti e ciascuno, abitanti nella città e nel distretto di Verona, deliberando che essi e i loro discendenti e i loro servi coabitanti con loro siano e siano considerati immuni ed esenti da ogni dazia, scuffa, onere reale, personale (di qualsiasi natura e genere imposte o da imporsi in futuro da noi o dal comune di Verona o dalle contrade della città o dei borghi di Verona o dai comuni rurali del medesimo distretto) o misto o comunque e in qualunque modo sia chiamato, stabilendo le cose predette con con questa legge di valore perentorio, che avrà vigenza in Verona a nostra discrezione, in modo tale che questa concessione e privilegio ottengano un pieno vigore. E invero, noi non vogliamo e non intendiamo che in forza di questa concessione e privilegio i detti medici e chirurghi siano privati di taluni diritti, onori e prerogative delle quali gli altri cittadini di Verona godono, né vogliamo che questa concessione e privilegio deroghi in alcunché a tali diritti, onori e prerogative; e vogliamo che essi e ciascuno di loro possano agire legalmente, stipulare patti e attivare contratti allo stesso modo degli altri cittadini, nonostante siano medici fisici ovvero esenti, e vogliamo che possano acquistare beni immobili (quelli tra di loro, beninteso, che sono cittadini di Verona o secondo gli statuti s'intendono esser cittadini) così come può farlo qualunque altro cittadino della giurisdizione del comune di Verona. E tutto ciò nonostante alcune leggi, statuti, riformagioni, consuetudini, o diritti esistenti e futuri che parlino in contrario ovvero che siano o saranno richiesti dal comune di Verona: le quali norme in contrario - tutte e ciascuna - in piena consapevolezza e sulla base della nostra piena autorità le cassiamo, le annulliamo e le definiamo di nessun valore nella misura in cui contraddicessero o fossero ostative di questa concessione e di questa normativa. E vogliano che i medici che qui sotto sono elencati come beneficiari di questa concessione, e quelli che appartengono al collegio dei medici o che ne faranno temporaneamente parte possano all'interno del collegio compilare statuti e redigere ordinamenti, tali tuttavia da non far ombra agli statuti del comuen di Verona; e affinché siano in grado di sopportare le spese che sosterranno per i sopralluoghi a cavallo da effettuarsi da uno o più di loro presso gli eserciti o altrove per ordine del podestà di Verona presente o futuro, con la presente lettera concediamo loro l'autorizzazione di redigere un estimo all'interno del collegio, e di imporre collette, per sostenere le spese e gli oneri sopra detti; e a queste spese e alle suddette cavalcate vogliamo che sia obbligato e costretto qualsiasi medico, anche non collegiato, purché eserciti l'arte medica o chirurgica e risieda nella città di Verona e nel suo distretto, ordinando al signor .. nostro podestà di Verona e agli altri nostri officiali della città di Verona e del distretto presenti e futuri e a tutti i sindaci, giurati, massari, residenti e abitanti della città e del distretto che osservino inviolabilmente e facciano pienamente osservare questa concessione e questi provvedimenti, come se si trattasse di un espresso statuto, con pena e bando stabilita, per i singoli contravventori, a nostra discrezione. Se poi in aggiunta ai medici e chirurghi sotto elencati se ne trovasse in città o nel distretto qualche altro (cittadino di Verona o fiscalmente soggetto al comune di Verona) che sia di sufficiente competenza in base all'esame e all'approvazione prevista dagli statuti di Verona tanto per la medicina fisica quanto per la chirurgia, è nostro intendimento e volontà e ordiniamo che essi godano di questo privilegio e di questa concessione allo stesso modo dei medici sottoscritti. A comprova di quanto sopra abbiamo ordinato che la presente lettera fosse scritta, e convalidata dal nostro sigillo pendente. I nomi dei medici e chirurghi sono questi. Medici fisici: il maestro Aretino da S. Cecilia, il maestro Luca della stessa contrada, il maestro Aventino da S. Fermo, il maestro Iacopo di Padova da S. Marco, il maestro Giovanni della Levata di S. Vitale, il maestro Pietro da Parma dell'Isolo di sotto, il maestro Bonaventura figlio del maestro Artino della Pigna. I nomi dei chirurghi sono questi: il maestro Manuello da Parma di S. Paolo, il maestro Bonomo Lavagnoli dell'Isolo di sopra, il maestro Alzomo dell'Isolo di sotto, il maestro Gilberto Spiciani di S. Tomìo, il maestro Iacopo da Revolto di S. Zilio, il maestro Parmesano di S. Benedetto, il maestro Nicola di S. Martino Aquaro, il maestro Antonio di S. Zeno in Oratorio, il maestro Gerardo da S. Silvestro, il maestro Bonzagnino di S. Matteo, il maestro Ventura di S. Matteo, il maestro Rizzardo di S. Sebastiano, il maestro Alessandro di S. Quirico. Abitatori nelle campagne: il maestro Giovannino medico fisico abitatore di Lazise, il maestro Baldo abitatore di Lazise, il maestro Iacopo da Cavaion, il maestro Nascino da Peschiera, il maestro Pietro di Minerbe.
Fatto e compilato a Verona, da Guberto Nichesola notaio nostro, il giovedì 11 agosto 1351.

Commento

Oltre al privilegio qui sopra pubblicato e tradotto, si presenta di seguito, in parallelo, la scheda precedente: due documenti promulgati a distanza di un mese dallo stesso notaio, Guberto Nichesola, un cancelliere scaligero attivo negli anni Cinquanta, durante la signoria di Cangrande II, Canfrancesco (poi detto Cansignorio) e Paolo Alboino della Scala, i tre figli di Mastino II (formalmente co-reggenti, anche se il potere era di fatto in mano a Cangrande II, il maggiore dei tre fratelli). Sostanzialmente omogenei (e non potrebbe essere diversamente) quanto alle caratteristiche estrinseche, i due documenti presentano significative difformità nella redazione: che è utile sottolineare, a comprova del consapevole adattamento della produzione cancelleresca alle diverse esigenze del governo.

Col primo dei due provvedimenti, è cancellato il bando che aveva colpito, per sentenza del podestà di Verona Nicola da Lozzo, Giramonte del fu Iacopo Dal Verme, esponente di una prestigiosa famiglia veronese. Il secondo documento conferma invece a venticinque medici fisici e chirurghi veronesi, nominativamente elencati, le esenzioni fiscali e i privilegi già concessi ai medici veronesi da precedenti signori scaligeri (Bartolomeo, Alboino e Cangrande I della Scala), e autorizza il collegio a imporre ed esigere imposte e a redigere statuti.

Non sarà da prestare un particolare significato alla diversa dichiarazione del compito redazionale assolto da Guberto Nichesola, che in ambedue i casi è menzionato come "notarius noster": un'aggettivazione significativa, perché tende a eliminare la 'responsabilità' autonoma del notaio, la sua dimensione professionale, e a ridurlo a puro strumento, a mero esecutore della volontà signorile. Il privilegio per Giramonte Dal Verme è infatti "datum in canzelaria nostra per Gubertum de Nichexola notarium nostrum", mentre il privilegio per i medici risulta "Actum et datum Verone per Gubertum de Nichexola notarium nostrum". Quanto alla differente intitulatio, essa risponde al diverso significato politico dei due provvedimenti. La remissione del bando a Giramonte Dal Verme coinvolge, come soggetto politico, la casata scaligera nella sua globalità (e il comune di Verona): pertanto, il soggetto agente sono i tre fratelli, "capitanei et domini generales civitatum Verone et Vincencie". La conferma delle esenzioni ai medici si configura invece come un atto di ordinaria amministrazione, che compete soltanto a Cangrande II della Scala, che esercitava effettivamente l'autorità in Verona e Vicenza.
Per altri versi, tuttavia, il rilevante significato sociale della concessione per i medici giustifica l'introduzione di un'arenga di volenteroso impegno, che cerca di sviluppare (con risultati certo non originali) il rapporto tra medicina e società. Il privilegio per Ziramonte Dal Verme è viceversa del tutto privo di motivazioni esplicitate.

Un tratto comune, e di rilevante significato politico, è invece l'articolata attenzione che in ambedue i testi viene prestata dai signori, e da chi in loro nome redige, al comune cittadino, come realtà politicamente significativa. Giramonte Dal Verme è restituito "ad nostram graciam et comunis Verone", annullando una condanna che si ritiene importante collocare temporalmente con precisione ("quedam sentencia sive condemnacio lata et pronunciata in concione comunis Verone, videlicet in octava concione tercii regiminis domini Nicolay de Lucio tunc potestatis Verone"); il graziato è riammesso ovviamente "ad omne beneficium civitatis et citadancie civitatis Verone". Analogamente, ricostruendo nella narratio i precedenti delle concessioni che i predecessori di Cangrande II avevano fatto ai medici, Guberto da Nichesola ritiene opportuno ricordare che esso - confermato successivamente dall'avo Alboino e dallo zio Cangrande - era stato in prima battuta concesso "in conscilio gastaldionum dicte civitatis, de consensu et beneplacito magnifici domini Bartholomei de la Scala capitanei generali comunis et populi Verone". La memoria della capacità legislativa degli organi collegiali del comune cittadino, a distanza di mezzo secolo, non è dunque spenta.

Edizione, traduzione, commento: Gian Maria Varanini

Revisione redazionale e codifica: Gianmarco De Angelis